Bonus 2021 in scadenza a settembre: tra le tante agevolazioni previste dal Governo per l’anno corrente, moltissime sono purtroppo in scadenza.

Tra i vari bonus che sono attualmente ancora attivi, infatti, sono veramente molte le agevolazioni previste per sostenere le famiglie italiane durante la pandemia di Covid-19 che, purtroppo, sono ormai giunte al capolinea.

Analizzeremo in questo articolo sei tra i bonus 2021 che vanno assolutamente richiesti entro la fine di questo mese, per non rischiare di venir tagliati fuori dalle agevolazioni che, di certo, saranno utili a tantissime famiglie per fronteggiare la crisi economica ancora in atto.

Bonus in scadenza a settembre: bonus lavoratori stagionali

Il primo bonus che andremo ad analizzare è il bonus lavoratori stagionali, la cui scadenza è fissata a breve.

Confermato dal Decreto Sostegni Bis, il bonus andrà ad agevolare tutte le categorie di lavoratori che sono risultate maggiormente colpite dalle chiusure dettate dall’emergenza sanitaria: nello specifico, i lavoratori stagionali del turismo e dello spettacolo, i venditori domiciliari, gli intermittenti e gli occasionali.

L’indennità per gli stagionali ha raggiunto delle cifre abbastanza importanti: si tratta di un bonus pari a ben 1.600 euro.

Bisogna prestare comunque attenzione ad un dettaglio: il bonus lavoratori stagionali ha già subito una proroga; chi ha già provveduto ad inviare la propria richiesta nei mesi precedenti, non dovrà inviare alcuna richiesta ulteriore. Per questa proroga del bonus stagionali, infatti, è previsto un accredito automatico per i beneficiari che hanno già ricevuto l’indennità in precedenza.

Diversa è invece la situazione di coloro i quali sono alla loro prima richiesta: in questo caso, il termine ultimo per poter inviare la richiesta è fissato al 30 settembre 2021.

Per poter accedere al bonus lavoratori stagionali per la prima volta, va quindi inviata domanda formale tramite la sezione dedicata del sito ufficiale INPS

Bonus lavoratori agricoli: ecco il termine ultimo per presentare le richieste

Il secondo bonus in scadenza a settembre è il bonus lavoratori agricoli, anche questo confermato dal decreto Sostegni bis.

Come stabilito dal Sostegni Bis, infatti, i lavoratori agricoli a tempo determinato avranno diritto ad accedere ad un bonus da 800 euro in un’unica erogazione.

Sono però stati stabiliti dei rigidi requisiti, che vanno rispettati dai lavoratori agricoli che avranno intenzione di accedere all’agevolazione.

Nello specifico, il bonus lavoratori agricoli è riservato a chi ha registrato nel 2020 un numero di almeno cinquanta giornate lavorative; in mancanza di questo requisito, il bonus non potrà essere richiesto.

Altro requisito riguarda la tipologia di collaborazione di cui il lavoratore agricolo vanta: possono infatti accedere solamente i lavoratori a tempo determinato.

Contratti a tempo indeterminato, così come la percezione di altre indennità, di Reddito di Cittadinanza o Reddito di Emergenza, causeranno l’esclusione dal diritto alla percezione del bonus lavoratori agricoli.

Le richieste per accedere all’agevolazione possono essere inviate, tramite domanda telematica, direttamente al sito ufficiale INPS.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato al 30 di settembre 2021.

Bonus edicole 2021 in scadenza a settembre

Tra i bonus in scadenza a settembre, non possiamo non citare il bonus edicole, introdotto già in precedenza col Decreto Rilancio; questo bonus prevede la possibilità, per determinate categorie di lavoratori, di ricevere un bonus che può raggiungere la cifra di 4.000 euro.

Il contributo, facente parte delle cosiddette “Misure a sostegno dell’editoria”, mira ad agevolare delle specifiche categorie:

  • gli edicolanti, purché si occupino solamente della vendita di giornali (di qualsiasi tipo)
  • i distributori che riforniscano comuni con popolazione di 5.000 abitanti massimo
  • i distributori che si occupino di rifornire comuni con un'unica edicola.

Si tratta, insomma, di rivenditori e distributori che, nonostante non siano stati interessati direttamente dalle varie chiusure obbligatorie imposte in tempo di lockdown, hanno comunque risentito della crisi economica, registrando delle perdite economiche.

Il bonus edicole 2021 può essere ottenuto dagli interessati in forma di credito di impostaverranno infatti concesse delle agevolazioni alla categoria, agevolazioni relative agli importi di:

  • Canone COSAP
  • TARI
  • TASI
  • IMU
  • affitto
  • energia elettrica
  • internet e linea telefonica
  • acquisto/noleggio di POS e/o registratori di cassa

Per presentare domanda per il bonus edicole 2021, queste spese andranno registrate in apposito elenco spesa, che andrà poi consegnato telematicamente al Dipartimento per l’informazione e l’editoria.

Si avrà tempo fino alla data del 30 settembre 2021 per inviare la propria domanda: la richiesta potrà essere inoltrata sia dal proprietario dell’esercizio commerciale, sia dal suo legale rappresentante.

Per informazioni aggiuntive, si invitano i lettori alla consultazione del comunicato ufficiale pubblicato dal Dipartimento stesso, in cui si indicano scrupolosamente i dettagli per il corretto accesso al bonus edicole.

Bonus affitti: termine ultimo prorogato, ma attualmente in scadenza

Uno dei bonus attualmente in scadenza, nonostante il termine per l’invio delle domande sia stato prorogato, è il bonus affitti 2021.

Con questo bonus intendiamo un sostegno, a fondo perduto, riservato a tutti i proprietari che, a seguito della pandemia, abbiano deciso di ridurre il canone di affitto ai propri locatari, riduzione che deve verificarsi (o essersi verificata) tra il 25 dicembre 2020 ed il 31 dicembre 2021.

Il bonus affitti può raggiungere delle cifre abbastanza elevate, fino ad un massimo di 1.200 euro, che comunque verranno calcolate in base all’entità dello sconto che il proprietario ha deciso di concedere al proprio affittuario.

Attenzione, però: potranno accedere al bonus affitti soltanto i proprietari di immobili localizzati in aree definite “ad alta tensione abitativa” e solamente se l’immobile in questione risulti come regolare residenza dell’affittuario.

Per avere informazioni più dettagliate, invitiamo i lettori a consultare il nostro articolo interamente dedicato al bonus affitti 2021.

In ogni caso, possiamo confermare questo bonus tra quelli in scadenza; anzi, il termine ultimo per la consegna delle domande era stato fissato al 6 settembre 2021.

Ma l’Agenzia delle Entrate ha concesso una proroga ai potenziali beneficiari, fissando adesso come nuovo termine il 6 ottobre di quest’anno.

Anche se la scadenza del contributo non è dunque fine settembre, il bonus affitti 2021 è comunque perfettamente inseribile tra le agevolazioni che scadranno a breve.

Richiesta Assegno Unico Temporaneo: domande fino a settembre

Occupiamoci adesso del tanto discusso Assegno Unico Temporaneo, ossia la misura “ponte” che apre la strada al cosiddetto Assegno Unico, il quale sarà disponibile dal prossimo anno.

Al momento, all’Assegno temporaneo potranno accedere solamente alcune categorie, ossia i percettori di ANF (che riceveranno in automatico un incremento economico), i lavoratori autonomi, i titolari di pensione, i disoccupati, i coltivatori ed i mezzadri.

Ovviamente, l’Assegno Unico Temporaneo prevede, per la percezione, la presenza di almeno un minore all’interno del nucleo familiare richiedente.

Anche la domanda per ottenere questo bonus potrà essere inviata direttamente online, collegandosi alla sezione dedicata del sito ufficiale INPS.

Sarà l’Istituto, infatti, a calcolare gli importi dell’Assegno, a verificare il rispetto dei requisiti, e successivamente ad accreditare l’importo mensile al nucleo familiare beneficiario. Accredito che avverrà direttamente sull’IBAN indicato in sede di domanda (o, in alternativa, su conto corrente o su Carta RdC, se il richiedente ne possiede una).

Circa la scadenza di questa agevolazione, occorre fare una considerazione: l’Assegno Temporaneo è inserito in maniera impropria tra i bonus in scadenza: vediamo perché.

Sebbene in realtà sia possibile inviare la propria domanda per ottenere l’Assegno Temporaneo fino al 31 dicembre 2021, è importante ricordare la data del 30 settembre 2021.

Chi, infatti, non ha ancora provveduto ad inviare la propria domanda, potrà accedere anche alle mensilità estive arretrate, ossia i mesi da luglio a settembre 2021, a patto però di inviare la propria richiesta entro il 30 settembre.

Superata questa data, le mensilità arretrate verranno perdute (anche se, di fatto, le richieste per ottenere il bonus resteranno aperte fino a fine anno). Sarà quindi opportuno cercare di inviare la propria domanda prima della fine di settembre.

Bonus PC e tablet, attenzione alla scadenza

Analizziamo, infine, il bonus PC e tablet, denominato anche voucher connettività, che risulta tra quelli in scadenza a breve.

Si tratta di quel bonus, che consentirà alle famiglie italiane di ricevere fino a 500 euro, il quale servirà per sostenere non solo le spese legata all’acquisto di un nuovo computer o tablet, ma anche per il mantenimento di una connessione ad Internet.

Il bonus PC e tablet, infatti, si suddivide in due contributi: una parte del voucher dovrà essere spesa per l’attivazione di una connessione ad Internet, o per il potenziamento del contratto già stipulato, al fine di raggiungere una velocità di almeno 30 Mbit al secondo in download; la seconda parte del voucher da 500 euro andrà invece destinata all’acquisto di un nuovo dispositivo.

Il tutto al fine di favorire la fruizione della didattica a distanza e dello smart working.

Purtroppo, per poter accedere a quest’agevolazione, è previsto un limite: il richiedente dovrà presentare un ISEE familiare non superiore ai 20.000 euro annui.

I potenziali beneficiari avranno fino alla fine di settembre per richiedere il voucher connettività: la scadenza per le domande di accesso al bonus è infatti fissata alla data del primo ottobre 2021.

Dato che al momento non sono previste proroghe, anche il bonus pc e tablet è inseribile nell’elenco dei bonus in scadenza a settembre.