Bonus, Bonus fortissimamente Bonus. Questi anni passeranno alla storia anche come gli anni dei Bonus. In questi due anni ne sono stati inventati di ogni tipo. Prima il governo capitanato da Giuseppe Conte e successivamente quello guidato dall'ex numero 1 della Banca Centrale Europea Mario Draghi hanno dato vita a serie infinite di Bonus.

Per cercare di alleviare le situazioni di diversi settori economici in difficoltà e per essere più vicini alle famiglie dando contributi al momento di svariati acquisti.

In questo articolo focalizzeremo la nostra attenzione su nove bonus attualmente attivi.

Nove bonus a disposizione. Vediamo questa guida alle agevolazioni. Si spazia dal Bonus Verde, al Bonus Tv fino ad arrivare al Bonus Rubinetti fino ad un Bonus Terme che consente una giornata gratis in uno stabilimento termale.

Bonus, Bonus tantissimi Bonus: ecco tutte le agevolazioni presenti in questo periodo

In questo articolo non parliamo dei Bonus Inps per la famiglia (ad esempio Bonus Asilo Nido, bonus Bebè e Bonus Mamma domani già trattati nell'articolo consultabile a questo link) ma facciamo riferimento a nove Bonus di altra natura che sono attualmente attivi. Ecco i nove Bonus di cui ci occuperemo in questo articolo.

  • 1 Bonus Risparmio Idrico (anche definito Bonus Bagno o Bonus Rubinetti)
  • 2 Bonus Acqua Potabile
  • 3 Bonus Rottamazione tv
  • 4 Bonus Tv e decoder (con coefficiente Isee)
  • 5 Bonus Verde
  • 6 Bonus Terme
  • 7 Bonus Mobili ed Elettrodomestici
  • 8 Bonus Facciate
  • 9 SuperBonus 110%

Bonus Risparmio Idrico: un contributo fino a 1.000 euro

Iniziamo parlando del Bonus Idrico. Una misura molto attesa che ha avuto solo nei giorni scorsi pubblicato il Decreto Attuativo dopo che era stata prevista nella Legge di Bilancio per il 2021.

Il Bonus risparmio idrico o anche noto come Bonus Bagno, Bonus Rubinetti o Bonus Idrico punta a ridurre gli sprechi d'acqua nel noistro paese.

Questo intervento va a premiare con un contributo massimo di mille euro ogni persona che decide nel periodo dal 1 gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 di effettuare interventi che portino ad un minore consumo di acqua.

Un risparmio di risorse idriche che può essere ottenuto ad esempio sostituendo in casa vasi sanitari in ceramica mettendo nuovi sanitari con uno scarico ridotto.

Vale anche se si sostituiscono rubinetti, colonne doccia, soffioni. Il tutto deve portare ad una riduzione del consumo di acqua

Bonus Acqua Potabile: ecco le cifre per razionalizzare l'uso dell'acqua

Parente stretto del Bonus Risparmio Idrico c'è il Bonus Acqua Potabile. Siamo sempre in tema acqua e il principio che ispira questo Bonus è la razionalizzazione dell'uso dell'acqua potabile.

Questo Bonus si sostanzia in un credito d'imposta per le spese sostenute tra il 1 gennaio 2021 e il 31 dicembre 2022. Il credito d'imposta è pari al 50% delle spese effettuate per acquistare e installare sistemi di filtraggio e mineralizzazione.

La misura promuove interventi di miglioramento qualitativo delle acque erogate dagli acquedotti. L'importo massimo su cui si calcola l'agevolazione è fissato in 1.000 euro per ogni immobile con agevolazione da 500 euro massima per le persone fisiche.

Invece per le attività commerciali e per stabili istituzionali la cifra massima è stata fissata in 5.000 euro. Quindi il contributo massimo di agevolazione è di 2.500 euro. 

Bonus Rottamazione Tv: un bonus che dà un contributo di 100 euro a famiglia

Passiamo ora a parlare del Bonus rottamazione tv. Si tratta di un Bonus da 100 euro senza nessun coefficiente Isee. Come si sa anche nel nostro paese è in corso il passaggio al nuovo digitale terrestre. Quindi ocorrerà cambiare il parco televisioni e adeguarsi per ricevere i nuovi canali. L'incentivo da 100 euro va ad aiutare le persone ad acquistare televisioni che siano in grado di ricevere il nuovo standard DVB-T2. 

Il Bonus è strutturato in questa maniera: non ci sono limitazioni legate all'Isee.

E' una misura accessibile a tutti e universale che consente quindi di rottamare una vecchia televisione ottenendo uno sconto pari al 20% del prezzo di acquisto della nuova tv.

Il contributo massimo erogabile è di 100 euro. Occorre essere in regola col pagamento del canone Rai oppure avere l'esonero del pagamento del canone Rai. Il Bonus è in vigore fino al 31 dicembre 2022 ma ovviamente termina prima in caso di esaurimento dei 250 milioni di euro stanziati per la misura.

Bonus Tv da 30 euro con coefficiente Isee

Il Governo guidato da Giuseppe Conte aveva avviato, prima di questo ultimo incentivo da 100 euro avviato dal governo Draghi, un primo Bonus Tv. Un bonus con più limiti rispetto a quello attuale e con meno possibilità di accesso da parte di tutti.

Era stato inserito infatti un incentivo basato sull'Isee. Questo Bonus che è ancora in vigore e per chi ne ha i requisiti è pure cumulabile con il precedente, ora fissa un contributo di 30 euro per acquistare una nuova televisione o un decoder.

Questo Bonus in precedenza prevedeva un incentivo di 50 euro. Questa misura come detto ha una limitazione importante: è accessibile solo per le persone che hanno un Isee sotto ai 20.000 euro.

Chi ha diritto a questo Bonus può arrivare ad avere, contando anche i 100 euro della misura descritta in precedenza, un sconto complessivo per l'acquisto della televisione nuova di 130 euro. 

Bonus Verde da 1.800 euro per rifare terrazzi, giardini e aree verdi 

E' attivo un Bonus definito verde che consente di arrivare ad avere agevolazioni per sistemare aree verdi, creare novità nei propri giardini, installare impianti di irrigazione. Il Bonus consiste in una detrazione Irpef per la persona che decide di avviare in una unità immobiliare già esistente lavori di creazione di giardini pensili, di aree verdi, la realizzazione di pozzi o impianti di irrigazione.

Si può avere l'agevolazione anche se si hanno spese di progettazione e manutenzione legata alla creazione di questi nuovi spazi verdi.

La detrazione massima è fissata nel 36% di 5000 euro che è il limite massimo di spesa consentito. Quindi la detrazione massima per ogni immobile è di 1800 euro.

Una detrazione che viene ripartita in dieci quote annuali tutte dello stesso importo. Si possono effettuare lavori anche su parti comuni degli edifici condominiali.

La detrazione non viene concessa per interventi di manutenzione ordinaria del giardino come ad esempio il taglio dell'erba nel prato oppure la potatura periodica di alberi e piante. Per avere l'agevolazione correlata al Bonus Verde occorre effettuare un intervento di profonda modifica rispetto alla situazione attuale. 

Bonus Terme: 200 euro per potere passare una giornata gratis alle terme

E' un bonus nuovo di zecca che deve ancora prendere il via. Lo start ufficiale avverrà nel mese di novembre. Questo Bonus è stato pensato per dare la possibilità ai cittadini di usufruire di una giornata di servizi termali gratuiti pagati dallo stato e allo stesso tempo aiutare il settore degli stabilmenti termali che è stato interessato in maniera grave dalle misure di limitazione del contagio legate alla pandemia.

Il Bonus si sostanzia in un contributo di 200 euro per acquistare da parte dei cittadini servizi presso gli stabilimenti termali. Il Bonus copre tutto il servizio se non si supera quella cifra, se si va oltre, la cifra eccedente la deve pagare il cittadino.

Il Bonus Terme 2021 non ha nessuna limitazione Isee. Ogni persona può usufruire del ticket una sola volta e il buono sconto non è cedibile. Dal 28 ottobre saranno noti gli stabilimenti termali che aderiranno al progetto e dall'8 novembre sono erogabili i Bonus. I cittadini non dovranno affrontare nessun click day.

Coloro che sono interessati dovranno rivolgersi direttamente allo stabilimento termale nel quale poi vorranno trascorrere la giornata e saranno i responsabili del servizio termale ad occuparsi della conquista del voucher per il cittadino. 

Bonus Mobili ed Elettrodomestici: il contributo del governo per arredare casa

Un altro bonus che sta riscuotendo grande successo e grande interesse è il Bonus Mobili ed Elettrodomestici. Questo Bonus consente di usufruire di una detrazione Irpef del 50% per le persone che acquistano grandi elettrodomestici e mobili da inserire nella propria abitazione.

Ma occhio perchè c'è una condizione che deve essere soddisfatta. Si deve trattare di un immobile nel quale è in corso un intervento di ristrutturazione.

L'agevolazione vale per acquisti effettuati per tutto il 2021 ma deve essere richiesta solo da chi ha avviato in precedenza un intervento di ristrutturazione edilizia su quell'immobile.

La detrazione per quel che riguarda il 2021 ha un tetto di spesa di 16.000 euro dopo che per il 2020 la cifra era stata fissata in 10.000 euro. Quindi la detrazione massima è di 8.000 euro visto che si parla di una detrazione Irpef al massimo al 50% della spesa effettuata. 

Bonus Facciate: c'è una detrazione del 90% delle spese

Il Bonus Facciate è una agevolazione che viene concessa sotto forma di detrazione d'imposta per le persone che effettuano interventi di recupero o restauro della facciata esterna di edifici che devono essere esistenti. Sono ammessi anche interventi di semplice tinteggiatura.

La detrazione viene riconosciuta al 90% dellle spese documentate che devono essere effettuate entro il 31 dicembre 2021. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali.

Non sono stati fissati limiti massimi di spesa e quindi di conseguenza non esiste nemmeno un limite massimo di detrazione. 

Superbonus 110%: ecco gli interventi che sono concessi

Infine ma non da ultimo per importanza c'è il Superbonus che è una agevolazione che eleva al 110% l'aliquota di detrazione delle spese sostenute per chi effettua interventi che portano a miglioramenti dal punto di vista dell'efficienza energetica dello stabile.

E ancora che portano alla realizzazione di interventi antisismici, installazione di impianti fotovoltaici e sostituzione di impianti di climatizzazione.

Si deve trattare di interventi di efficientamento energetico e anche sono consentiti interventi che portano all'eliminazione di barriere architettoniche.