Niente ISEE? Ecco tutti i bonus per te da richiedere ora!

Si parla spesso di bonus e agevolazioni introdotti dal Governo Draghi per sostenere quelle fasce di popolazione meno abbienti. Ma quali sono i bonus senza ISEE attualmente attivi? In questo articolo ci occuperemo dei bonus senza ISEE attivi adesso, che si possono già richiedere e che non prevedono la presentazione della situazione reddituale della famiglia (o della persona) richiedente.

Image

Si parla spesso di bonus e agevolazioni introdotti dal Governo Draghi per sostenere quelle fasce di popolazione meno abbienti. Ma quali sono i bonus senza ISEE attualmente attivi?

A causa della pandemia di Covid-19, infatti, quasi tutti gli italiani hanno dovuto fare i conti con un peggioramento delle proprie condizioni reddituali.

Chiaro, quindi, che poter contare su alcune agevolazioni statati fa comodo a tutti, anche a chi non presenta ISEE.

In questo articolo ci occuperemo dei bonus senza ISEE attivi adesso, che si possono già richiedere e che non prevedono la presentazione della situazione reddituale della famiglia (o della persona) richiedente.

Bonus idrico senza ISEE: fino a 1.000 euro!

Il primo bonus senza ISEE di cui ci occuperemo si chiama bonus idrico (o anche bonus risparmio idrico), ma è conosciuto anche con altri nomi.

In molti, ad esempio lo chiamano bonus bagno o bonus rubinetti. La ragione è presto spiegata: si tratta di un’agevolazione da richiedere qualora si decida di sostituire la rubinetteria della propria casa.

Ovviamente, per poter avere diritto all’agevolazione, i nuovi rubinetti dovranno possedere delle caratteristiche specifiche, che permettano di risparmiare acqua. In caso contrario, il bonus senza ISEE in questione non si potrà richiedere.

L’agevolazione consente ai beneficiari di ottenere fino a 1.000 euro per la sostituzione della vecchia rubinetteria, come premio per il risparmio di risorse idriche del nostro Paese.

Per poterla richiedere, è stata messa a disposizione una piattaforma, al sito www.bonusidricomite.it. Tale piattaforma è gestita dal Ministero della Transizione Ecologica e sarà accessibile a tutti coloro che, nel 2021, hanno effettuato una sostituzione della propria rubinetteria.

Lo ribadiamo: la sostituzione dovrà garantire un risparmio d’acqua per poter avere diritto a questo bonus senza ISEE.

Bonus senza ISEE in scadenza il 28 febbraio

Ma il bonus risparmio idrico non è l’unico bonus senza ISEE attualmente attivo legato all’acqua ed alla sostenibilità.

C’è infatti un secondo bonus che attualmente si può richiedere indipendentemente dal reddito familiare: si tratta del bonus acqua potabile.

L’agevolazione, che permette di ottenere fino a 500 euro per i privati e fino a 2.500 euro per le aziende, è legata all’acquisto di impianti di depurazione.

Coloro che decideranno di dotarsi di un depuratore che renda l’acqua corrente potabile, in altre parole, potranno richiedere il 50% delle spese indietro, seguendo i limiti indicati sopra, che variano a seconda del soggetto richiedente.

Per la richiesta di quest’agevolazione è rimasto poco tempo: le domande chiuderanno ufficialmente giorno 28 febbraio 2022.

Fino a quella data, però, è possibile richiedere l’agevolazione al sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate, a patto di aver acquistato il depuratore nel 2021.

Bonus TV con rottamazione: 100 euro senza ISEE

Altra agevolazione da richiedere immediatamente senza ISEE è il bonus rottamazione TV da 100 euro.

Si tratta del bonus senza ISEE introdotto per agevolare il passaggio al digitale terrestre, che diventerà obbligatorio in tutta Europa.

Dal momento che moltissime famiglie italiane sono attualmente sprovviste di TV in grado di ricevere il nuovo segnale, il Governo ha deciso di concedere una nuova agevolazione che servisse proprio per cambiare il televisore obsoleto con uno idoneo.

Si potrà ottenere uno sconto massimo di 100 euro, direttamente sul prezzo del nuovo televisore ed al momento dell’acquisto, ma solamente a fronte della rottamazione della vecchia TV.

Rottamazione che può avvenire sia in negozio, consegnando al rivenditore il dispositivo che ormai non serve più, o presso isola ecologica.

Per coloro che decideranno di optare per questo secondo metodo di rottamazione, ricordiamo che si potrà richiedere questo bonus senza ISEE, e dunque ottenere lo sconto al momento del nuovo acquisto, solo presentando la ricevuta di avvenuta rottamazione, rilasciata dall’isola ecologica stessa.

Bonus casa 2022: sono tutti senza ISEE!

Tra i bonus senza ISEE 2022 che si possono attualmente richiedere anche senza presentare alcun documento che attesti la propria situazione reddituale, abbiamo anche i cosiddetti bonus casa.

Si tratta dei bonus edilizi, che possono essere richiesti a fronte di una ristrutturazione edilizia: non solo il celebre Superbonus 110%, il bonus facciate, l’Ecobonus ed il bonus ristrutturazioni, ma anche tutti gli eventuali bonus minori.

Ci riferiamo ai bonus mobili ed elettrodomestici e verde, da richiedere rispettivamente per arredare un immobile oggetto di ristrutturazione e per rimettere a nuovo giardini ed aree esterne all’immobile.

I due bonus in questione consentono, se richiesti insieme, di ottenere fino ad un massimo di 6.800 euro totali. Ma a queste agevolazioni abbiamo dedicato un intero articolo, di cui consigliamo la lettura al seguente link:

Bonus da 6.800€ per casa ed esterni: come averli senza ISEE.

Per altre informazioni sui bonus senza ISEE legati alle ristrutturazioni, invece, consigliamo ai lettori la visione del seguente video, realizzato a cura del Geometra Torresi.

Bonus senza ISEE asilo nido 2022

Ancora attivo il bonus senza ISEE legato alle spese della retta d’asilo per minori di età inferiore ai tre anni e regolarmente a carico.

Si chiama bonus asilo nido e fa parte dei bonus famiglia gestiti dall’INPS. L’agevolazione in questione, in realtà, assume entità differenti a seconda della presentazione o meno dell’ISEE. Dallo scorso anno, comunque, può essere richiesta indipendentemente dalla situazione reddituale del nucleo familiare.

Dato che ci stiamo occupando in particolare di bonus senza ISEE, sottolineiamo che l’importo previsto senza la presentazione della situazione economica della famiglia è pari a 1.500 euro in undici rate.

Tuttavia, al diminuire del reddito, l’agevolazione sale e può arrivare a ben 3.000 euro totali.

Ricordiamo ai lettori che questo bonus senza ISEE può essere richiesto anche nel caso in cui si abbia in carico un figlio che abbia bisogno di assistenza a domicilio. In questo caso, non viene richiesto il limite di tre anni di età, ma è obbligatorio un certificato medico. 

Tale certificato deve attestare la patologia di cui il figlio è affetto e per la quale si necessita l’assistenza a domicilio.

Bonus mobilità senza ISEE confermato per il 2022

Infine, tra i bonus senza ISEE attivi per l’anno corrente possiamo elencare anche il bonus mobilità, che è stato confermato anche per l’anno 2022.

Il bonus mobilità consente di ottenere una detrazione in dichiarazione dei redditi, detrazione che sarà pari a 750 euro, nel caso in cui si siano acquistati mezzi sostenibili tra i seguenti:

  • biciclette
  • bici elettriche
  • monopattini elettrici.

Viene inoltre conferito anche a coloro che hanno deciso di optare per il trasporto pubblico, ovviamente acquistando un abbonamento sia per servizi quali autobus o mezzi pubblici, sia per servizi di sharing di mezzi.

Tuttavia, si tratta di un bonus senza ISEE retroattivo, nel senso che le spese per gli acquisti sostenibili devono essere stati effettuati nel  2020, dal 31 agosto al 31 dicembre dell’anno.

Per poter richiedere il bonus mobilità relativo alle spese 2022 si dovrà necessariamente comunicare all’Agenzia delle Entrate la spesa sostenuta nel periodo oggetto di bonus, a mezzo di apposito modello.

Le comunicazioni e l’invio del modello andranno inviate in un periodo prefissato, che va dal 13 aprire 2022 al 13 maggio 2022.

Dunque, tra i bonus senza ISEE fino ad ora analizzati, il bonus mobilità è l’unico per il quale le richieste non sono ancora attive. Bisognerà aspettare aprile per poterlo richiedere.