Con la pubblicazione della Legge di Bilancio 2022 sono state ufficialmente confermate, tra i bonus 2022, moltissime misure pensate appositamente per aiutare gli italiani a ristrutturare casa.

Si tratta, per la maggior parte, di agevolazioni che sono state introdotte e potenziate sia come sostegno agli italiani, sia per dare un ausilio al settore dell’edilizia e delle ristrutturazioni.

A causa dell’emergenza sanitaria, in effetti, questo settore ha subito ingenti perdite e, al fine di sostenere economicamente il settore in questione, il Governo ha pensato bene di incrementare dei sostegni di tal sorta.

Alcuni di questi bonus per ristrutturare casa, addirittura, consentiranno di ristrutturare la propria abitazione a costo zero, recuperando quanto speso per gli interventi, che di fatto avverranno gratis.

Altri bonus, invece, permettono di recuperare non la cifra spesa in toto, ma una buona percentuale di essa.

Ecco, dunque, quali sono i bonus 2022 per ristrutturare casa gratis o quasi.

Bonus per ristrutturare casa gratis: il Superbonus 110%

Tra i bonus 2022 legati alle ristrutturazioni, il Superbonus 110% è quello che consente di ottenere un ritorno del 110% delle spese sostenute per gli interventi, come il nome stesso dell’agevolazione lascia intendere.

Gli interventi ammessi per la richiesta del Superbonus 110% sono molto specifici, e devono prevedere la riqualificazione energetica dell’immobile in ristrutturazione.

Possono accedere al Superbonus 110% sia i proprietari di immobili in condominio, sia i possessori di abitazioni unifamiliari.

Per completezza di informazioni, aggiungiamo che a questo particolare bonus 2022 per ristrutturare casa si potrà accedere fino per tutto il periodo 2022-2025.

Tuttavia, è previsto che nei prossimi anni la misura venga ridotta, in quanto l’aliquota passerà al 70% nel 2025 ed al 65% nel 2025.

Se si ha intenzione di ristrutturare casa sfruttando il bonus al 110% e ottenendo il rimborso totale delle spese sostenute per la riqualificazione energetica, dunque, bisognerà pensarci per tempo ed approfittarne prima che l’aliquota si riduca.

Bonus 2022 ristrutturazione casa: la riduzione del bonus facciate

Altra agevolazione per ristrutturare casa recuperando la maggior parte di quanto speso è il bonus facciate.

Anche per l’anno corrente, grazie alla Manovra 2022, il bonus è stato infatti confermato, e può essere richiesto da coloro che ammoderneranno la facciata esterna di un edificio ovviamente preesistente, purché tale facciata sia visibile dalle strade.

Tuttavia, la nuova Legge di Bilancio ha modificato questo bonus 2022 legato alle ristrutturazioni: se fino al 31 dicembre scorso la legge prevedeva di ottenere indietro  il 90% di quanto speso, in forma di sconto diretto o, in alternativa, cessione del credito e credito d’imposta, ad oggi la situazione è cambiata.

A partire dal 1° gennaio, infatti, l’aliquota del bonus facciate è stata ridotta al 60%.

Anche in questo caso, dunque, l’accesso a questo bonus legato alla ristrutturazione permette di recuperare la maggior parte della cifra spesa per rimettere a nuovo la propria abitazione.

Potranno accedere al bonus facciate 2022, come già accaduto lo scorso anno, solamente coloro i quali ristruttureranno un immobile la cui facciata sporga su strade situate in zone centrali (definite zone A) e zone residenziali (ossia le zone B).

Ecobonus ristrutturazione, fino all’85% di risparmio sugli interventi

Il prossimo bonus 2022 legato all’edilizia ed alle ristrutturazioni è ben noto a molti: stiamo parlando dell’Ecobonus, che consente di ottenere dal 50% all’85% di quanto speso.

Il tutto al fine di ottenere il cosiddetto efficientamento energetico, ossia un miglioramento della resa per quanto riguarda le risorse energetiche dell’immobile stesso.

Grazie all’Ecobonus, tramite la ristrutturazione e la messa a nuovo dell’abitazione, si potrà ottenere dal 50% al 65% delle spese che si sosterranno per gli interventi volti a potenziare l’efficienza energetica.

Per i condomini e le loro aree comuni, invece, la percentuale di Ecobonus ricevuta è anche più alta: si può richiedere indietro l’85% della cifra spesa per migliorare l’efficienza delle aree condominiali.

Il bonus ristrutturazione propriamente detto è ancora attivo!

Quarto bonus 2022 pensato appositamente per chi vuole ristrutturare la propria abitazione è il bonus ristrutturazione.

Si tratta di un’agevolazione che consentirà ai richiedenti di ottenere indietro il 50% di quanto speso per la ristrutturazione del proprio appartamento (o immobile). La spesa massima del bonus ristrutturazione, anche per il 2022, è fissata a 96.000 euro.

Non possiamo negare che questa ulteriore misura sia leggermente meno conveniente rispetto ai precedenti bonus legati alle ristrutturazioni, soprattutto se paragonata al Superbonus 110%.

Eppure, potrebbe anche accadere che, ristrutturando la propria casa, non si riescano a rispettare i numerosi e limitanti requisiti relativi al Superbonus.

In questo caso, è quasi sempre possibile ripiegare sul bonus ristrutturazione, che prevede dei requisiti più accessibili.

Per ulteriori informazioni sul bonus ristrutturazione, ma anche sugli altri bonus 2022 di cui ci stiamo occupando, consigliamo ai lettori interessati la visione del seguente video, a cura di Giuseppe Manicone, dove si troverà una esaustiva panoramica sulle agevolazioni attualmente attive:

Bonus mobili, fino a 5.000 euro con ristrutturazione 

Altro bonus 2022 che non possiamo non citare quando ci occupiamo delle agevolazioni pensate per ristrutturare casa durante l’anno corrente è il bonus mobili ed elettrodomestici.

Anche quest’agevolazione, così come il Superbonus 110% ed il bonus facciate al 90%, è stata una delle più amate dagli italiani, in quanto fino al 31 dicembre 2021 ha permesso di ottenere un rimborso massimo di 8.000 euro sull’acquisto di prodotti destinati ad arredare una casa appena ristrutturata.

Purtroppo, per quest’anno l’agevolazione ha subito un taglio: così come quello per le facciate, anche quest’altro bonus legato alla ristrutturazione ha dovuto fronteggiare importanti modifiche.

In questo caso, però, a cambiare non è la percentuale concessa (che è rimasta fissa al 50%), ma il tetto massimo che potrà essere speso per acquistare gli elettrodomestici ed i mobili nuovi.

Nel 2022, il tetto previsto dal bonus è infatti pari ad un massimo di 10.000 euro, che di conseguenza daranno diritto ad un’agevolazione di massimo 5.000 euro.

Informazioni più dettagliate in merito a questo bonus per ristrutturare casa possono essere reperite nel seguente approfondimento, dedicato interamente a questa misura: Bonus elettrodomestici 2022, confermati 10.000€! Come averli

Bonus da 1.800 euro per ristrutturare il giardino

Concludiamo questo elenco di bonus 2022 per ristrutturare casa con il bonus verde, un sostegno abbastanza particolare, perché consente di ottenere fino a 1.800 euro per poter sostenere le spese di ristrutturazione di aree esterne e giardini.

La cifra esatta concessa ai richiedenti è stabilita calcolando il 36% della spesa, che non potrà superare il totale di 5.000 euro per tutti gli interventi destinati alla ristrutturazione delle aree verdi.

Per poter fruire dell’agevolazione, e questo è un dettaglio che vale per tutti i bonus fino ad ora analizzati, sarà necessario aver cura di effettuare il saldo di quanto dovuto in modalità tracciabile. Pagamenti in contanti non sono assolutamente ammessi.

La proroga di questo bonus per ristrutturare la propria casa è abbastanza lunga: il bonus verde è stato infatti ufficialmente prorogato fino alla fine del 2024.