Un nuovo aiuto per le famiglie con figli si aggiunge all’elenco dei sostegni attivi: scopriamo insieme questo bonus da 300 euro attivo fino al prossimo 22 settembre 2022.

Possiamo dirlo con certezza: si tratta di un periodo storico in cui la maggior parte dei nuclei familiari italiani sta affrontando problemi economici non indifferenti.

Con l’aumento dei prezzi, arrivare a fine mese è diventato molto difficile, soprattutto per le famiglie con reddito basso, ma non solo.

Ecco perché, all’elenco di aiuti statali, si aggiungono spesso anche interventi promossi dalle giunte regionali. Il loro scopo? Quello di sostenere economicamente gli italiani, soprattutto con figli piccoli e, di conseguenza, con molte spese da affrontare.

Scopriamo insieme questo nuovo bonus da 300 euro che è stato confermato di recente. Analizzeremo modalità di richiesta, quali sono le spese ammesse e, soprattutto, l’esatta platea dei beneficiari.

Se hai figli minorenni puoi richiedere subito il nuovo bonus da 300€ attivo fino al 22/09

Iniziamo subito con l’analisi delle caratteristiche di questa agevolazione appena confermata, che si configurerà come un bonus da 300 euro.

La misura, per la quale sono stati stanziati 5,5 milioni di euro, è stata confermata da una Regione italiana molto specifica: la Toscana.

Questo però non significa che il bonus in questione sia attivo solamente in Toscana: tutte le Regioni italiane si occupano di questo genere di agevolazione.

Si tratta infatti del beneficio economico riservato agli studenti, di qualunque sesso, appartenenti alle famiglie più svantaggiante economicamente.

Una sorta di agevolazione per garantire il diritto allo studio a tutti gli studenti, insomma. Non sorprende, dunque, che più o meno dovunque in Italia esista un bonus del genere.

In effetti, dei 5,5 milioni stanziati, 1,5 milioni verranno sostenuti direttamente tramite fondi regionali. La restante somma, invece, proviene dal Ministero dell’Istruzione, che conferisce alle Regioni fondi per iniziative del genere. Ciò significa che anche le altre Regioni hanno a disposizione fondi per attivare queste misure.

Prima di proseguire, dunque, si consiglia ai lettori residenti in altre regioni di verificare se, nella propria area di residenza, il bando per gli studenti è attualmente attivo.

Ma torniamo al nostro bonus da 300 euro per famiglie disagiate che hanno necessità di sostenere le spese di istruzione dei propri figli.

In Toscana, quest’agevolazione viene chiamata “Pacchetto scuola, ed è volta a sostenere determinate spese in particolare, tra cui:

  • libri scolastici;
  • materiale utile agli studenti;
  • altri servizi legati all’istruzione.

Si tratta, in altre parole, di tutte le spese che, necessariamente, tutti i nuclei familiari devono affrontare ogni anno per mandare i propri figli a scuola.

Il bonus, che non è alla sua prima introduzione, ma è stato confermato e dunque, per l’anno corrente, lo possiamo considerare come nuovo, è stato attivato di recente. La Giunta della Regione Toscana ha emesso ufficiale delibera lo scorso 27 giugno.

Chi sono i beneficiari del bonus da 300 euro

Passiamo adesso all’analisi esatta dei potenziali beneficiari del bonus da 300 euro denominato “Pacchetto scuola”.

Nel caso specifico, trattandosi di una misura locale, potranno richiederla solo i residenti all’interno dei confini della Regione Toscana.

La misura, volta a garantire il diritto allo studio anche ai giovani provenienti da famiglie poco abbienti, ha ovviamente un limite ISEE.

Sono infatti ammesse alla partecipazione al bando solamente le famiglie in grado di presentare un ISEE non superiore ai 15.748,78 euro annui.

C’è però un’eccezione: i residenti in due particolari Comuni potranno presentare un ISEE più elevato.

Infatti, i residenti nei comuni di Capraia Isola e Isola del Giglio potranno richiedere il Pacchetto scuola con un ISEE massimo pari a 36.000 euro annui.

Le famiglie di questi Comuni, per via delle condizioni particolarmente sfavorevoli, dato che si tratta di isole dislocate lontano dai centri maggiori, hanno anche un altro vantaggio.

Solo per Capraia Isola e Isola del Giglio, infatti, il bonus da 300 euro viene aumentato a ben 5.000 euro massimi.

Leggi anche: Bonus Libri, un contributo fino a 2000 euro a studente per le famiglie a basso reddito.

Come si richiede la misura

Concludiamo con le modalità di richiesta del bonus da 300 euro Pacchetto scuola.

In realtà, le modalità di richiesta ma anche quelle di assegnazione non sono state modificate rispetto agli anni precedenti.

Le domande da parte delle famiglie interessate e rispettanti i requisiti previsti dovranno essere inviate direttamente tramite il proprio Comune di residenza.

Si avrà tempo fino al 21 settembre 2022 prossimo per l’invio della propria istanza. 

Per quanto riguarda, invece, l’avvio delle domande, questo dipende dal singolo Comune. Ogni amministrazione comunale prevede infatti regole diverse, ed è necessario consultare gli appositi bandi per conoscere l’esatta data di inizio di raccolta delle richieste.

Ad ogni modo, la maggior parte dei Comuni prevede di dare avvio alle procedure dal corrente mese di agosto.

Leggi anche: Ecco come richiedere immediatamente il nuovo bonus da 2.000€ per chi ha figli piccoli.