Bonus animali domestici ancora richiedibile nell’anno. Tutti i proprietari di cani e gatti potranno ottenere un contributo di 550 euro entro il 30 settembre 2022, a prescindere dall’ISEE. Ecco come funziona e a chi spetta. 

I nostri amici a quattro zampe sono stati premiati. Nonostante la volontà espressa del premier Draghi di voler eliminare quota parte delle agevolazioni indirizzate alle famiglie, ai lavoratori e alle imprese, la Legge di Bilancio 2022 ha tradito le aspettative. 

Molti Bonus sono stati riconfermati per l’anno corrente, seppur con qualche modifica che ne limita la convenienza (Bonus Facciate, Superbonus 110%, Bonus mobili ed elettrodomestici, Bonus zanzariere), mentre altri hanno chiuso definitivamente i battenti, come il Bonus mamma domani, il Bonus bebè, l’ANF, perché assorbiti dall’Assegno Unico e Universale.

Si tratta di misure ampiamente conosciute e che hanno riscosso un gradito successo tra i cittadini italiani. Alcuni contributi, pur sempre di grande importanza, sono però lasciati nell’ombra.

E’ il caso del Bonus animali domestici rivolto ai proprietari di cani e gatti che annualmente si trovano a sostenere una serie di spese per garantire al proprio amico fidato tutte le cure mediche e non necessarie per il loro benessere. 

E l’aiuto economico non è assolutamente da sottovalutare. Rispettando le condizioni fissate per l’accesso al Bonus animali domestici, si avrà diritto ad un’agevolazione di 550 euro. Ma come bisogna fare per usufruirne?

Nel corso dei paragrafi cercheremo di dare una risposta a questa domanda. Scopriremo in cosa consiste il Bonus animali domestici 2022, quali sono i requisiti da rispettare per poterne beneficiare, a chi spetta e come richiederlo.

Bonus animali domestici, 550 euro per cani e gatti: in cosa consiste?

Il tuo amico fidato è un cane o un gatto? Bene, potrai usufruire di un’agevolazione a lui interamente dedicata. L’esecutivo Draghi ha infatti riconfermato nel 2022 un’agevolazione pensata per i nostri animali di compagnia.

Difficile da pensare, ma è così. Sono due le motivazioni che hanno portato al rinnovo della misura anche nell’anno in corso. 

Innanzitutto, si vuole offrire un sostegno economico ai proprietari degli animali troppo spesso costretti a sostenere importanti spese per garantire al proprio amico il benessere fisico necessario. 

Spese veterinarie, controlli specializzati, visite mediche (il più delle volte molto salate): tutti i costi per preservare la salute degli animali sono coperti dal Bonus. In secundis, si mira a contenere il fenomeno del randagismo e dell’abbandono degli animali molto accentuato in prossimità delle vacanze.

Se disponi quindi di un cane o un gatto puoi tranquillamente richiedere e fruire del Bonus animali 2022.

Bonus animali domestici, 550 euro per cani e gatti: ecco i requisiti

Visto in cosa consiste il Bonus animali da 550 euro andiamo ad occuparci dei requisiti da rispettare per poterne usufruire. 

Fortunatamente, i vincoli sono pochi e per nulla stringenti. Come prima cosa, ai proprietari di cani e gatti non è richiesta la presentazione della certificazione ISEE, invece necessaria per accedere ad altri Bonus 2022.

Per questo motivo, il Bonus animali domestici rientra a pieno titolo nel pacchetto delle agevolazioni senza ISEE attivi e richiedibili nell’anno in corso. L’unico requisito da rispettare riguarda il proprietario.

Per godere del beneficio è necessario dimostrare che le spese sono state sostenute per un animale detenuto legalmente, cosa che può essere fatto solo registrando il cane o il gatto legalmente.

In altre parole, se il tuo animale a quattro zampe è un cane potrai accedere alla misura solo se il fidato amico risulta regolarmente iscritto all’anagrafe canina, oltre ad essere dotato di microchip. Rispettato quest’unico requisito si può tranquillamente richiedere il Bonus animali domestici da 550 euro senza particolari problemi.

Bonus animali domestici 2022, 550 euro senza ISEE: come funziona?

Veniamo ora al funzionamento del Bonus animali domestici senza ISEE. Prima ancora di dedicarci agli importi occorre chiarire una serie di punti, i più importanti riguardano l’erogazione dei 550 euro.

Sciogliamo il primo dubbio: i beneficiari del Bonus senza ISEE non riceveranno una somma di denaro come per molto altri contributi introdotti dal Governo. 

I 550 euro, insomma, non verranno accreditati sul conto corrente del potenziale beneficiario in possesso dei requisiti previsti per accedere alla misura, ma saranno erogati sotto tutt’altra forma. Quale?

Il Bonus animali domestici potrà essere ottenuto soltanto come detrazione fiscale. Ciò significa che le spese sostenute per cani e gatti vanno inserite nella Dichiarazione dei Redditi. In pratica, si potrà ottenere uno “sconto” sulle tasse da versare allo Stato.

La richiesta del Bonus animali domestici 2022 è quindi vincolata al sostenimento preventivo delle spese. Proprio su queste si calcolerà il 19% della detrazione fiscale. 

L’ammontare massimo di spese da portare in detrazione è di 550 euro, mentre un importo inferiore a 129,11 euro non darà diritto al Bonus cani e gatti 2022.

Bonus animali domestici 2022, 550 euro senza ISEE: quali sono le spese ammesse

Visti i requisiti previsti per accedere al Bonus animali domestico da 550 euro, passiamo ad analizzare le spese ammesse a beneficio. Il sussidio rivolto ai proprietari di cani e gatti non verrà riconosciuto soltanto per il semplice possesso di un animale di compagnia iscritto alle anagrafi regionali o dotati di microchip. Altre condizioni da rispettare si ravvisano nelle spese. 

Non tutte sono infatti agevolabili. Soltanto quelle sostenute per garantire il benessere del proprio animale di compagnia sono ammesse alla detrazione fiscale del 19%. Ma di quali si tratta?

Se hai sottoposto il tuo cane o gatto a visite mediche, interventi, analisi cliniche mirate, oppure hai acquistato medicinali per curare qualsiasi disturbo, potrai ottenere il rimborso delle somme pagate grazie alla detrazione fiscale del 19%.

L’unico accorgimento riguarda la modalità di pagamento dei costi supportati. Se hai utilizzato un mezzo tracciabile (bancomat, carta di credito, carta di debito, bonifici postali o bancari) puoi accedere tranquillamente al Bonus animali fino a 550 euro. 

Se le spese sono state saldate tramite denaro contante non potrai richiedere il contributo senza ISEE. 

Bonus animali domestici senza ISEE, 550 euro per cani e gatti: come ottenerlO

Concludiamo la nostra disamina sul Bonus animali domestici 2022 occupandoci della modalità di richiesta del contributo. L’ente gestore della misura è l’AgenzIa delle Entrate, mentre la domanda andrà fatta esclusivamente online, per mezzo della Dichiarazione dei Redditi.

Insomma, fruire del Bonus animali domestici da 550 euro senza Isee occorre compilare il modello 730, inserendo le spese sostenute ai righi E8-E10. Naturalmente, le spese potranno essere caricate soltanto se l’animale è di proprietà.

Cogliamo l’occasione per ricordare che il modello dovrà essere compilato entro il 30 settembre 2022