Il mercato dell'automobile versa in una forte crisi, l'economia sempre più claudicante, con tanti cittadini che non possono permettersi un'auto nuova, e la pandemia da Covid19 che ha bloccato la produzione delle fabbriche e di conseguenza le vendite.

Il periodo è nero, complice anche i cambiamenti che stanno travolgendo il mondo intero, perciò bisogna prestare una maggiore attenzione ambientale, in modo tale da contrastare l'inquinamento dell'aria. Per fare ciò, molte case automobilistiche hanno accettato di buon grado le decisioni del Governo in  erito agli incentivi dedicati al settore.

L'Ecobonus Auto arriva in aiuto dell'ambiente, spingendo tanti automobilisti ad acquistare un nuovo veicolo, più sicuro, tecnologico ed ecologico, e a dare loro una maggiore consapevolezza riguardo all'inquinamento dell'aria. Il Bonus può raggiungere i 6 mila euro di sconto e non è legato al reddito ISEE, perciò è destinato a tutti.

Studiato dal Governo Conte nel 2018, gli incentivi statali sono stati confermati per un triennio, quindi fino al 2021, con un finanziamento di ben 350 milioni di euro utili allo svecchiamento del parco circolante. Automobile.it e IlSole24Ore forniscono interessanti spunti per capire in cosa consiste il bonus, chi lo può ottenere ed entro quando richiederlo.

Ecobonus Auto 2021. In cosa consiste

Inseriti all'interno del Decreto Bis gli incentivi auto sono stati rinnovati a luglio e per il valore di 60 milioni di euro come Extrabonus, che vanno ad aggiungersi ai 350 milioni di euro già stanziati nei precedenti anni. Un efficace sostegno a tutta l'industria dell'automobile e un aiuto concreto per gli automobilisti, i quali possono risparmiare una bella somma acquistando un nuovo veicolo.

"L'Ecobonus Auto arriva in aiuto per evitare il tracollo del mercato automobilistico, spingendo tanti automobilisti non solo ad acquistare un nuovo veicolo, più sicuro, tecnologico ed ecologico, ma anche a dare loro una maggiore consapevolezza riguardo all'inquinamento ambientale."

Come scrive il sito Automobile.it ci sono alcune novità in merito al Bonus Auto 2021, sfruttabili, almeno a quanto sappiamo, fino al 31 dicembre di quest'anno. Dei 350 milioni di euro disponibili per la manovra, 60 sono destinati all'acquisto di auto elettriche o ibride, quindi con emissioni di CO2 inferiori ai 60g/km.

I fondi destinati alla fascia seguente, che copre veicoli con emissioni CO2 superiori ai 60g/km e fino ai 350g/km, consiste invece in 200 milioni di euro. Altri 50 milioni sono stanziati per la compravendita di auto commerciali e 40 milioni per l'acquisto di auto usate, sia benzina che diesel, Euro6.

Ecobonus Auto 2021. Incentivi e rottamazione di un vecchio veicolo

Esistono ovviamente delle regole da rispettare per usufruire del Bonus Auto, al momento valido fino al 31 dicembre 2021, e la prima consiste nella rottamazione di un veicolo usato, immatricolato prima del 2011, quindi con almeno dieci anni di vita.

"Inseriti all'interno del Decreto Bis gli incentivi auto sono stati rinnovati a luglio e per il valore di 60 milioni di euro come Extrabonus, che vanno ad aggiungersi ai 350 milioni di euro già stanziati nei precedenti anni."

L'auto da rottamare deve essere intestata allo stesso proprietario che intenda acquistare una nuova auto, o almeno a un familiare convivente da almeno un anno. Il portale Automobile.it ci viene ancora in aiuto per inquadrare la tabella degli incentivi previsti dal bonus, i quali variano in base al veicolo scelto:

  • veicolo nuovo con emissioni fino a 20g/km e senza rottamazione - 4000 euro di ecobonus + 1000 euro extrabonus + 1000 euro del concessionario
  • veicolo nuovo con emissioni inferiori ai 20g/km e con rottamazione - 6000 euro ecobonus + 2000 euro extrabonus + 2000 del concessionario
  • veicolo nuovo con emissioni CO2 tra 20 e 60g/km e senza rottamazione - 1500 euro ecobonus + 1000 euro extrabonus + 1000 del concessionario
  • veicolo nuovo con emissioni tra 20 e 60g/km e con rottamazione - 2500 euro ecobonus + 2000 euro extrabonus + 2000 euro del concessionario
  • veicolo nuovo con emissioni superiori ai 60g/km e con rottamazione - 1500 euro ecobonus + 2000 del concessionario

Gli incentivi invece per le automobili usate sono questi qui:

  • veicolo usato con emissioni CO2 inferiori ai 60g/km e con rottamazione - 2000 euro di bonus
  • veicolo usato con emissioni comprese tra 60 e 90g/km e con rottamazione - 1000 euro
  • veicolo usato con emissioni superiori ai 90g/km e con rottamazione - 750 euro

Va ricordato che anche nel caso in cui non si dovesse rottamare alcuna automobile gli incentivi sono attivi, con diverse metodologie e sconti che arrivano fino a 4000 euro, per l'acquisto di auto meno inquinanti, perciò ibride o elettriche. Ogni regione adotta i suoi incentivi, perciò non tutti gli sconti sono uguali.

Ecobonus Auto 2021 ed Ecotassa

Il Governo cerca di sostenere le industrie automobilistiche, l'ambiente e ovviamente cerca in tutti i modi di sollecitare il cittadino a non inquinare e a migliorare le condizione dell'aria che respiriamo. Senza contare l'esigenza di smaltire i veicoli più inquinanti.

In questo senso subentra l'Ecotassa, attiva fino al 31 dicembre prossimo, che consiste in una tassa che tutti i possessori di veicoli inquinanti sono obbligati a pagare una tantum in base al proprio modello di auto:

  • veicolo inquinante con emissioni CO2 comprese tra 191 e 2010g/km - tassa di 1100 euro
  • veicolo inquinante con emissioni comprese tra 211 e 240g/km - tassa di 1600 euro
  • veicolo inquinante con emissioni comprese tra 241 e 290g/km - tassa di 2000 euro
  • veicolo inquinante con emissioni superiori a 290g/km - tassa di 2500 euro

Gli incentivi previsti nel Bonus Auto 2021

Abbiamo detto che gli incentivi previsti dal Governo coprono anche l'acquisto di auto benzina e diesel, che siano Euro6, perciò con emissioni CO2 non superiori ai 135g/km e che abbiano un prezzo di listino inferiore ai 40 mila euro.

"Il Governo cerca di sostenere le industrie automobilistiche, l'ambiente e ovviamente cerca in tutti i modi di sollecitare il cittadino a non inquinare e a migliorare le condizione dell'aria che respiriamo. Senza contare l'esigenza di smaltire i veicoli più inquinanti."

Rottamando un vecchio veicolo, il Bonus Auto 2021 può addirittura arrivare alla cifra di 10 mila euro, cifra che varia a seconda della regione, visto che ognuna adotta i suoi sconti in base ai fondi posseduti.

Bonus Auto. Le stime del Bonus e dell'Extrabonus

Secondo le stime fornite da IlSole24Ore, in quasi tre anni dall'introduzione del Bonus Auto, i fondi stanziati dal Governo sono quasi esauriti, sintomo di una fortissima fruizione da parte degli automobilisti italiani. I bonus elargiti per l'acquisto di auto elettriche o ibride sono praticamente terminati, metre restano ancora per le auto benzia e diesel.

Un incentivo che ha avuto grande successo, soprattutto perché veicolo elettrici o ibridi costano parecchio. Grazie a questo bonus i cittadini hanno avuto la possibilità di comprare auto non proprio economiche e a un prezzo decisamente inferiore rispetto a quello di listino. Una buona strategia.

IlSole24Ore, prendendo i dati dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico, informa che ben 116 milioni di finanziamenti sono stati esauriti la scorsa primavera.

Ma il Governo, a partire da luglio, per coprire gli ultimi sei mesi di questo 2021, si è attrezzato stanziando ulteriore denaro, circa 60 milioni di euro, chiamato Extrabonus, ovvero un contributo supplementare di 1000 euro senza rottamazione e di 2000 euro con rottamazione del vecchio veicolo. Nel giro di tre mesi anche l'Extrabonus è quasi terminato, perciò finanziariamente in questi ultimi mesi del 2021 siamo agli sgoccioli.

I concessionari devono richiedere gli incentivi dell'Ecobonus Auto

La data da tenere a mente è il 31 dicembre 2021, quando il Bonus Auto scadrà. Al momento non si sa se sarà rinnovato. Tuttavia, qualora si volesse sfruttare il rimborso degli incentivi, un concessionario deve registrarsi sul portale del MISE e prenotare i contributi per ogni singolo veicolo.

"Un incentivo che ha avuto grande successo, soprattutto perché veicolo elettrici o ibridi costano parecchio. Grazie a questo bonus i cittadini hanno avuto la possibilità di comprare auto non proprio economiche e a un prezzo decisamente inferiore rispetto a quello di listino. Una buona strategia."

A registrazione avvenuta, in base ai veicoli venduti il concessionario potrà richiedere il rimborso sugli sconti effettuati. A questo punto sarà direttamente la casa produttrice del veicolo a rimborsare il venditore. L'importo sarà recuperato sotto forma di credito d'imposta.

Ecobonus Auto per il 2022?

"Il concessionario dovrà registrarsi sul portale del MISE e richiedere indietro tutti i crediti erogati agli automobilisti che abbiano acquistato una vettura. Si ha tempo fino a due mesi per prenotare il rimborso di ogni incentivo."

A partire da settembre è possibile, da parte dei concessionari, prenotare gli incentivi sulle auto ecologiche. Chi dovesse acquistare un auto nuova avrà lo sconto (se possibile e di quale somma cambia in base all'autosalone e alla regione di appartenenza) direttamente in agenzia, mentre per il concessionario la questione è differente, perché questi, una volta fatto lo sconto all'acquirente, dovrà poi richiedere la restituzione della somma sul portale del MISE.

Il concessionario dovrà registrarsi sul portale del MISE e richiedere indietro tutti i crediti erogati agli automobilisti che abbiano acquistato una vettura. Si ha tempo fino a due mesi per prenotare il rimborso di ogni incentivo.

Il Bonus Auto è uno strumento utile non solo per aiutare l'ambiente, ma è anche fonte di risparmio per l'automobilista, perché con l'acquisto di un veicolo elettrico o ibrido questi non dovrà pagare il bollo per i primi cinque anni.

Se il Bonus Auto sarà rinnovato anche per il 2022 ancora non si sa. Probabilmente il Governo adotterà misure per incentivare i cittadini all'acquisto di auto elettriche e meno inquinanti. Ce lo chiede l'ambiente, soffocato dall'inquinamento, perciò la strada da seguire è quella della conversione green, ma al momento non si hanno notizie chiare a tale proposito.