Finalmente è arrivato il Decreto Sostegni Bis: era ora, avrà detto qualcuno.

Probabilmente ha anche ragione, i tempi si sono dilatati e non di poco, ma le questioni sul tavolo erano davvero tante ed infatti c’è “molta carne sul fuoco”, come si suol dire. Le novità rispetto alle bozze hanno spiazzato moltissimi soggetti, ma sono arrivate anche tante conferme che fanno bene a tante famiglie italiane, economicamente parlando.

Proviamo a fare il punto della situazione sul bonus collaboratori sportivi, vedendo insieme se e come è stato prorogato. Un’altra questione molto importante riguarda i soggetti che non avevano ancora ricevuto i pagamenti dovuti per gli scorsi mesi a causa di un problema tra INPS e Sport&Salute, i due enti che inizialmente si sono “rimbalzati” la responsabilità a tal proposito.

Infine, citiamo anche alcuni altri bonus che potrebbero riguardare molte famiglie italiane ma che hanno un’applicazione diversa rispetto alle modalità classiche, facendo chiarezza appunto su questi temi e su cosa aspettarsi nei prossimi mesi.

Proprio a tal fine, il canale YouTube “Redazione The Wam” fornisce aggiornamenti precisi e tempestivi riguardo i bonus, le tempistiche e le modalità di accesso. Proprio ieri ha pubblicato una guida al nuovo Decreto Sostegni:

Bonus collaboratori sportivi: prorogato o no?

Partiamo subito con le notizie positive: il bonus collaboratori sportivi è effettivamente stato prorogato.

In realtà la proroga è arrivata però per “soli” due mesi, anziché i tre previsti che si aspettavano gli operatori del settore. Una riduzione non indifferente, anche perché parliamo di una delle categorie più colpite dai vari periodi di restrizioni che ci hanno accompagnato negli ultimi mesi.

La ratio del bonus è esattamente questa: coprire almeno parzialmente i guadagni mancati nei mesi del 2021 in cui non hanno potuto lavorare. I due mesi di riferimento saranno aprile e maggio ed ancora una volta il periodo su cui calcolare gli introiti per sapere l’importo del bonus è il 2019.

Gli importi sono infatti i seguenti:

  • sopra i 10.000 euro di guadagni nel 2019, il bonus assegnato sarà di 1.600 euro;
  • tra i 4.000 e i 10.000 euro di guadagni nel 2019, il bonus sarà di 1.070 euro;
  • meno di 4.000 euro di guadagni nel 2019, il bonus sarà di 540 euro.

Prima di parlare dei requisiti per accedere a tale bonus, va detto che molti lavoratori del settore non si sono detti soddisfatti, ma è anche vero che la prospettiva lavorativa estiva è piuttosto buona, visto quanto è stato deciso per le riaperture delle prossime settimane. Ovviamente va tenuto uno sguardo attento sull’andamento dei contagi e sulla velocità della campagna vaccinale, come per tutti gli altri settori.

Bonus collaboratori sportivi: requisiti e accesso

Per quanto riguarda i requisiti, resta tutto piuttosto invariato. Abbiamo già fatto nel precedente paragrafo le dovute specifiche sull’importo spettante sulla base di quanto guadagnato nel 2019, ma vediamo ora quali sono gli altri requisiti, o meglio quali sono gli enti riconosciuti con cui il potenziale beneficiario ha rapporto di collaborazione sportiva:

  • il Comitato Olimpico Nazionale (CONI);
  • il Comitato Italiano Paralimpico (CIP);
  • le federazioni sportive nazionali;
  • le discipline sportive associate,
  • gli enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI e dal CIP;
  • le società e le associazioni sportive dilettantistiche.

Una platea di beneficiari potenzialmente molto ampia e sostanzialmente invariata con quanto già previsto nei precedenti decreti per quanto riguarda i collaboratori sportivi. Invariato anche ciò che riguarda le incompatibilità, ovvero le altre forme di questo genere. I beneficiari del bonus collaboratori sportivi non devono essere già beneficiari di:

  • bonus una tantum per lavoratori stagionali, del turismo e dello spettacolo;
  • reddito di cittadinanza;
  • reddito di emergenza;
  • redditi da lavoro autonomo;
  • redditi da lavoro dipendente e assimilati;
  • pensioni di ogni genere, con esclusione dell’assegno ordinario di invalidità;
  • prestazioni di cassa integrazione Covid.

Chiaramente su questo fronte attendiamo le circolari attuative che potrebbero fornire qualche ulteriore particolare su tempistiche e modalità di erogazione.

Va ricordato infine che la ricezione non è automatica per chi ha fatto domanda, ma arriverà ancora una volta una mail da Sport&Salute che chiede di confermare l’effettiva sussistenza dei requisiti e, una volta fatto questo passaggio, non resta che attendere l’effettiva erogazione del bonus.

Bonus collaboratori sportivi: tra Vezzali e beneficiari… chi ha ragione?

I beneficiari del bonus collaboratori sportivi, come già anticipato, non sono stati particolarmente soddisfatti delle novità contenute nel Decreto Sostegni Bis, nonostante il bonus stesso sia presente. Sicuramente l’aspetto principale è relativo alle mensilità, “solo” due a fronte delle tre attese, ma non solo

Le vicissitudini burocratiche che hanno allungato i tempi di pagamento nelle altre occasioni creano sicuramente un precedente poco piacevole verso una categoria che si è sentita molto colpita anche dal punto di vista culturale, in quanto in alcune occasioni non è stata data allo sport l’importanza che meritava, almeno secondo i soggetti che della categoria fanno parte.

Non è però di questo avviso Valentina Vezzali, ex schermitrice e campionessa olimpica ed attuale sottosegretario allo sport, che ha pubblicato un Tweet di soddisfazione e di orgoglio del lavoro svolto.



In qualsiasi caso, il Governo ha l’occasione di dimostrare quanto tenga allo sport soprattutto attraverso la tanto attesa riforma dello sport. Tante le novità che potrebbero arrivare nei prossimi mesi, ma ciò che è certo è che sul fronte sport ci si gioca una partita importante che, a prescindere dai bonus, segna il futuro di un ambito tanto caro al nostro paese ed alla nostra cultura.

Bonus collaboratori sportivi: finalmente l’INPS si muove

Possiamo finalmente dare un’altra notizia positiva: l’INPS si è finalmente mobilitata per risolvere il famoso problema dell’incompatibilità di alcune domande per il bonus collaboratori sportivi.

In breve, alcuni collaboratori avevano fatto domanda sul portale INPS (come inizialmente sembrava fosse corretto fare), salvo poi ricevere diverse informazioni ed aver rifatto domanda sul portale di Sport&Salute, che si è effettivamente occupato dei pagamenti con i fondi messi a disposizione dal Governo. Questo ha creato una vera e propria incompatibilità, che ha reso Sport&Salute impossibilitato ed erogare i pagamenti ai soggetti che avevano anche una posizione INPS aperta.

Mesi e mesi di attesa, nonostante non ci fosse un vero e proprio errore da parte dell’utente, quanto più una mancanza di chiarezza nelle comunicazioni. Ecco che siamo arrivati alla svolta, finalmente, con il Ministro del Lavoro Andrea Orlando che ha annunciato che i pagamenti arriveranno a breve e che ad erogarli sarà sempre Sport&Salute.

Non è esattamente chiaro come sia stato risolto il problema a livello burocratico, ma certamente la priorità è liquidare i pagamenti dei soggetti che sono da mesi in attesa. Il tutto sperando naturalmente che nell’erogazione del nuovo bonus previsto dal DL Sostegni Bis non vi siano problemi.

Gli altri bonus nel Decreto Sostegni Bis: cosa aspettarsi?

Una menzione importante va fatta ad altri bonus previsti nel Decreto Sostegni Bis: molti sono gli utenti che stanno chiedendo maggiori informazioni per quanto riguarda i bonus affitto, bonus bollette e bonus spesa. Alcuni sono delle “vecchie conoscenze”, altri potrebbero riservare qualche novità, ma l’aspetto importante riguarda la modalità di erogazione.

Non sarà infatti lo Stato ad occuparsene, ma darà delle risorse ai comuni che potranno poi stilare delle graduatorie per assegnare effettivamente i bonus alle famiglie più bisognose. Insomma, non è ancora possibile dare informazioni chiare ed univoche per quanto riguarda questi bonus, perché ci potrebbero essere piccole differenze (anche solo per quanto riguarda gli uffici di riferimento) da comune a comune.

Vi invitiamo a restare aggiornati sul nostro sito, dove pubblicheremo tempestivamente ogni novità che dovesse arrivare dal Governo (anche perché a breve il Decreto sarà in Gazzetta Ufficiale) e dalle imminenti disposizioni attuative, ricordando che anche il video sopra riportato fornisce indicazioni molto importanti su questo fronte.