Bonus cultura: c’è una misura che puoi richiedere subito, nel rispetto di un unico requisito, la maggiore età. Senza limiti reddituali! Scopriamola insieme.

Purtroppo, è ormai ben noto ai più che le misure di sostegno e le agevolazioni concesse dal Governo italiano difficilmente riescono a diventare strutturali.

La maggior parte dei bonus, infatti, necessita la conferma di anno in anno, grazie alla Legge di Bilancio. Per questo, molti sostegni spesso non vengono rinnovati. Pensiamo ad esempio al vecchio bonus vacanze, che è durato veramente pochissimo.

E come questo, tantissime altre agevolazioni.

Ma ci sono anche altre misure che, alla fine, riescono a diventare strutturali. Il bonus cultura di cui ci occuperemo in questo articolo è una di queste misure.

Il sostegno, conosciuto con questo nome ufficiale perché legato alla cultura, ti consentirà di ottenere 500 euro da spendere in iniziative educative. I soldi saranno cioè a tua disposizione per ampliare il tuo bagaglio culturale.

E non avrai alcun limite di reddito imposto dallo Stato.

Ma andiamo per ordine, analizzando questo bonus cultura in ogni suo dettaglio.

Bonus cultura: in cosa consiste l’agevolazione per maggiorenni?

Se hai diciotto anni e sei diventato maggiorenne entro il 31 dicembre 2021, hai diritto al bonus cultura in questione.

Si tratta infatti di una misura che viene concessa, di anno in anno, a chi ha appena raggiunto la maggiore età. Questo bonus per diciottenni, tra le altre cose, è già attivo. Lo puoi richiedere anche immediatamente.

Presta attenzione al fatto che, se hai compiuto la maggiore età a partire dal 1° gennaio 2022, per adesso non potrai accedere ai 500 euro promessi dalla misura.

Ti toccherà aspettare l’attivazione di questo bonus per i nati 2004: attualmente, possono ottenere i 500 euro solo i nati nel 2003.

Questo bonus, come probabilmente saprai, non è stato introdotto quest’anno. Venne infatti confermato con la Legge di Stabilità 2016

Per due ragioni: promuovere la diffusione della cultura tra i giovani e potenziare il settore culturale nel nostro Paese.

Sebbene il bonus cultura sia già attivo da anni, comunque, nel 2022 ha subito due importantissime modifiche.

Bonus cultura nel 2022 abolito tetto ISEE!

Analizziamo, dunque, tali modifiche apportate dal Governo Draghi al bonus cultura da 500 euro.

Innanzitutto, da quest’anno possiamo, a pieno titolo, far rientrare l’agevolazione tra i bonus governativi senza ISEE. Infatti, il bonus cultura è stato oggetto di modifiche al tetto ISEE tramite la Manovra 2022.

Fino al 2021, per poter accedere al bonus cultura, bisognava consegnare in sede di domanda anche un’attestazione ISEE non superiore ai 25.000 euro.

Ma tale limite ha comportato, per tanti ragazzi italiani, la mancata possibilità di fruire dei 500 euro concessi dal Governo.

Dato che si tratta di un bonus per promuovere la cultura, questo limite è stato abolito.

Puoi quindi accedere al bonus cultura senza presentare la situazione reddituale della tua famiglia.

Altre modifiche 2022: il bonus diventa strutturale!

La seconda modifica apportata quest’anno dall’esecutivo ha reso il bonus cultura strutturale.

Se, prima dell’anno corrente, il bonus cultura doveva necessariamente essere rinnovato ogni anno con la Legge di Bilancio, adesso non sarà più così.

Questo significa che, anche se non sei ancora maggiorenne ma compirai diciotto anni prossimamente, non dovrai temere. Potrai avere il tuoi 500 euro anche nei prossimi anni.

I bonus strutturali sono quelli che vengono messi a disposizione dei residenti in Italia in via definitiva, senza che sia necessario approvarli ogni anno con le Manovre di bilancio annuali.

Bonus cultura: come avere i 500 euro subito?

Cerchiamo adesso di capire come puoi avere subito il denaro promesso dal bonus cultura.

Dobbiamo però iniziare con un chiarimento: i 500 euro concessi non possono essere prelevati.

Questo perché il bonus è stato pensato non per concedere del denaro contate ai neo-maggiorenni, ma per consentire loro determinati tipi di acquisti.

Puoi utilizzare il tuo bonus cultura esclusivamente dalla piattaforma 18app, la piattaforma ufficiale.

Se non hai ancora richiesto la misura, questa è la procedura esatta che dovrai seguire: 

  • attivare preventivamente un’identità digitale SPID (senza la quale non potrai accedere alla piattaforma;
  • collegarti al sito 18app.italia.it entro e non oltre il 31 agosto 2022;
  • autenticarti utilizzando lo SPID preventivamente attivato.

Non dovrai fare altro: se hai compiuto diciotto anni entro il 31 dicembre scorso, dopo questa procedura potrai iniziare ad utilizzare i tuoi 500 euro.

Bonus cultura 2022: come si spendono i soldi concessi?

L’abbiamo già anticipato: non puoi prelevare in contati i soldi concessi dal bonus cultura.

Interessante, quindi, capire come puoi fruire del tuo credito concesso dallo Stato italiano. In realtà, la procedura è abbastanza semplice. 

Tramite la piattaforma 18app, si possono creare dei buoni, con importo intero: non sono infatti ammessi importi che contengono centesimi. 

Facciamo un esempio. Se il tuo acquisto ha importo pari a 15,50 euro, dovrai generare un buono da 16 euro, oppure da 15 euro e saldare i centesimi in contanti.

Tali buoni possono essere usati solo per acquistare beni che hanno a che fare con la cultura, corsi o biglietti per eventi culturali.

Puoi decidere di stampare il buono o di crearne uno elettronico da mostrare al rivenditore presso il quale hai deciso di effettuare i tuoi acquisti.

Prima di iniziare ad effettuare spese o di pianificarle, è consigliabile consultare la lista dei rivenditori convenzionati con 18app.

Non tutti i negozi, infatti, hanno stabilito una convenzione. Il tuo buono potrebbe anche non essere accettato se tenti di acquistare qualcosa presso un rivenditore non convenzionato.

La lista ufficiale degli esercenti che accettano il bonus cultura da 500 euro è comunque disponibile online per la consultazione al seguente link:

Elenco esercenti 18app.

Puoi utilizzare i tuoi buoni sia online che presso negozi fisici purché, come detto, si tratti di negozi convenzionati.

Bonus cultura: elenco spese accettate (e acquisti non consentiti)

Bene, ora sai come funziona il bonus cultura, come richiederlo ed utilizzarlo, la sua data di scadenza.

A proposito di quest’ultimo dettaglio, quella del 31 agosto 2022 non è la scadenza dei 500 euro da utilizzare. Il bonus potrà essere richiesto entro tale data, ma potrai spendere il denaro spettante entro il prossimo 28 febbraio 2023.

La data del 31 agosto 2022 riguarda quindi la scadenza di presentazione delle domande, mentre i buoni potranno essere creati fino al prossimo 28 febbraio.

Per concludere, è doveroso informarti che non potrai, purtroppo, acquistare tutto ciò che vorrai: esistono infatti delle limitazioni.

Vediamo quindi quali sono gli acquisti accettati e quelli non consentiti.

Di base, ogni bene culturale o servizio legato all’istruzione è concesso: puoi comprare giornali e libri, sia in formato cartaceo che digitale.

Puoi anche comprare CD, accedere a titolo gratuito a concerti ed eventi musicali, acquistare DVD. Non puoi però comprare strumenti musicali col bonus cultura in questione

I 500 euro concessi possono anche darti accesso a cinema e teatri, musei e simili.

Puoi, infine, saldare coi buoni cultura anche corsi di formazione (ad esempio i corsi per l’apprendimento di una lingua straniera).

Non puoi però effettuare due acquisti identici: questo perché sei l’unico titolare del bonus cultura.

Eventuali acquisti effettuati, per esempio, per fare un regalo rientrano tra le spese non consentite.