In seguito all’entrata in vigore della nuova Legge di Bilancio 2021, a partire dal 1° gennaio 2021, il Governo italiano ha offerto un’ulteriore possibilità ai cittadini e alle famiglie italiane di usufruire di nuovi bonus, sostegni ed aiuti, al fine di sostenerli economicamente, in particolare per quei lavoratori e quei nuclei familiari con un reddito più basso, che risultano essere colpiti più duramente dalla crisi che ha investito l’economia italiana, a causa dell’arrivo delle ondate di contagi da Coronavirus.

Si tratta quindi di nuovi sostegni ed incentivi, alcuni dei quali già sperimentati durante lo scorso anno e che hanno ottenuto, con la nuova Legge di Bilancio 2021, un’ulteriore proroga o una ridefinizione degli importi. 

L’obiettivo dei bonus, in questo caso, sarà duplice: se da un lato il Governo italiano mira ad aiutare le famiglie italiane e le loro spese, dall’altro vi è il tentativo di sostenere anche l’economia italiana e i vari settori produttivi e imprenditori che sono stati messi in ginocchio, in seguito all’introduzione delle varie misure restrittive, ritenute necessarie per ridimensionare il numero di contagi da Covid-19.

Ecco perché tra i vari bonus approvati con la nuova Legge di Bilancio del nuovo anno, sono stati prorogati per la durata di un anno una serie di bonus casa, tra cui il bonus mobili ed elettrodomestici 2021 dal valore massimo di 16.000 euro, oltre che tutti quegli incentivi volti alla ristrutturazione della casa in un’ottica di risparmio dei consumi, ovvero sisma bonus, ecobonus, bonus verde e bonus ristrutturazioni.

Dunque, ecco un riepilogo dei bonus per la casa a cui potranno accedere le famiglie italiane per poter essere aiutate dallo Stato italiano nell’acquisto e nelle spese per la propria abitazione. 

Bonus casa 2021: quali sono le novità con la Legge di Bilancio 

Come detto in precedenza, la nuova Legge di Bilancio introdotta a partire dal 1° gennaio 2021, ha portato con sé una serie di nuovi bonus casa, che permetteranno di aiutare centinaia di famiglie italiane che intendono effettuare delle spese per la propria abitazione. 

Tra i vari bonus casa 2021, vi sono il bonus mobili ed elettrodomestici dal valore massimo di 16.000 euro, dedicato appunto alle spese delle famiglie relative all’arredamento o alla sostituzione dei vecchi elettrodomestici con quelli nuovi. Ma vi sono anche diversi incentivi dedicati alla ristrutturazione della propria abitazione o del condominio. 

Si tratta in questo caso del famoso ecobonus 2021, che è volto ad aiutare quelle famiglie che intendono effettuare dei lavori di ristrutturazione della propria abitazione finalizzati alla riduzione e al risparmio di energia elettrica, come ad esempio quelli volti all’isolamento termico. 

Vi sono poi il sisma bonus 2021, che consiste in incentivi economici ed agevolazione per quei lavori volti ad adottare delle migliori misure antisismiche per la propria abitazione o per l’intero condomino. 

Inoltre, sono stati prorogati anche il bonus ristrutturazioni ed il bonus verde. Quest’ultimo relativo a lavori di riqualificazione relativi a terrazzi, balconi e giardini, sia della propria abitazioni che di un condominio. 

In questo modo, grazie alla nuova Manovra di Bilancio del 2021, è possibile accedere anche durante tutto quest’anno, entro il 31 dicembre 2021, ad uno sconto IRPEF che permetterà a migliaia di famiglia di eseguire degli interventi di ristrutturazione sulla propria abitazione o su qualsiasi altro tipo di immobile, incluso anche l’acquisto di un nuovo arredamento e di nuovi elettrodomestici

Cos’è il bonus mobili ed elettrodomestici 2021

Grazie all’approvazione della nuova Legge di Bilancio 2021, hanno ottenuto la loro proroga fino al 31 dicembre 2021, anche il bonus mobili ed elettrodomestici 2021, il quale è stato caratterizzato con l’anno nuovo da un importante novità: l’aumento relativo alla soglia massima di spese che potrà essere corrisposta a ciascuna famiglia, non più pari a 10.000 euro, bensì a 16.000 euro. 

Va tuttavia sottolineato che il bonus mobili ed elettrodomestici 2021 potrà essere riconosciuto alle famiglie italiane che rispettano determinati e specifici requisiti, primo tra tutti che vengano effettuati dei lavori di ristrutturazione che risultano essere iniziati a partire dal 1° gennaio 2020. 

Con la nuova proroga del bonus mobili ed elettrodomestici 2021, le famiglie italiane potranno godere di una detrazione del 50 per cento sulle spese effettuato per il nuovo arredamento o per i nuovi elettrodomestici, entro il limite massimo di 16.000 euro. 

A chi spetta il bonus mobili ed elettrodomestici 2021

Il bonus mobili ed elettrodomestici 2021 è destinato a quelle famiglie italiane e quei contribuenti italiani che hanno cominciato ad effettuare i lavori di ristrutturazione della propria abitazione esclusivamente a partire dall’anno scorso, il 2020, in poi, e che hanno acquistato o devono ancora acquistare dei nuovi mobili, arredamenti ed elettrodomestici, sempre durante lo stesso periodo di tempo.

I fortunati che potranno beneficare del nuovo bonus mobili ed elettrodomestici 2021, sono tutti quei contribuenti che sono assoggettati al pagamento delle tasse relative ad IRPEF o IRES

Sono quindi inclusi nello specifico le seguenti categorie di contribuenti: proprietari di immobili, contribuenti in affitto, usufruttuari, soci di cooperative, chi è in comodato d’uso, gli imprenditori individuali nei casi in cui l’immobile non è ad uso strumentale, società semplici in nome collettivo o in accomandata semplici con soggetti equiparati, o ancora imprese familiari, sempre a condizione che l’immobile non sia con uso strumentale.

Secondo quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2021, nei casi in cui vi siano conviventi con il proprietario o con il possessore del diritto sull’immobile, il bonus mobili ed elettrodomestici 2021 potrà essere erogato anche al coniuge o a qualsiasi parente che rientra entro il III° grado di parentela e quegli affini che rientrano entro il II° grado di parentela. 

Quali sono i requisiti per accedere al bonus mobili ed elettrodomestici

Per poter accedere al bonus mobili ed elettrodomestici 2021, è necessario innanzitutto che i contribuenti che intendono richiedere il beneficio, abbiano effettuato i lavori di ristrutturazione sull’immobile soltanto a partire dal 1° gennaio 2020 in poi, che rientrano tra quelli che godono del bonus ristrutturazioni.

Inoltre, è necessario che questi lavori di ristrutturazione siano stati documentati con la Scia, Cil, Dia, Cila oppure da un’autocertificazione (nei casi in cui i lavori sono considerati in edilizia linea).

Per quanto riguarda il bonus elettrodomestici, questo spetta soltanto nei casi in cui gli acquisti sono rivolti a degli elettrodomestici che risultano essere di una classe energetica necessariamente pari o superiore alla classe A+ e che le apparecchiature siano dotate di etichetta energetica. 

Nel caso di acquisto dei forni, si potrà accedere al bonus elettrodomestici anche se la classe energetica dei fondi risulta essere di classe A. 

Inoltre, in merito al bonus mobili ed elettrodomestici 2021, la Legge di Bilancio ha disposto che il bonus potrà essere richiesta ed erogata a tutti quei contribuenti che risultano essere residenti sia sul territorio italiano che estero, a condizione che siano assoggettati al pagamento dell’Irpef o, in alternativa, alla tassazione Ires.

Secondo quanto approvato con la Manovra 2021, la detrazione del 50 per cento sull’acquisto di mobili ed elettrodomestici, potrà essere garantita anche nei casi in cui vi è un compromesso oppure un contratto preliminare, purché sia regolarmente registrato. 

Quali spese sono incluse nel bonus elettrodomestici 2021

Come detto in precedenza, i contribuenti italiani potranno beneficiare del bonus mobili ed elettrodomestici, purché l’acquisto sia relativo ad elettrodomestici che siano pari o superiori alla classe energetica A+.

Questo requisito è essenziale per gli acquisti dedicati ai frigoriferi, così come anche alle lavatrici o alle lavastoviglie. 

L’unico elettrodomestico che potrà essere acquistato con una classe energetica A, potendo però godere comunque dell’agevolazione del 50 per cento, è quello del forno.