In attesa di poter richiedere nei prossimi giorni i nuovi aiuti previsti dal decreto Sostegni, c'è ancora qualche chance di ricevere uno dei vecchi bonus già previsti dall'allora Governo Conte lo scorso anno.

Bonus Inps da 600 euro per 2 mesi: chi può ancora chiederlo

Nei giorni scorsi l'Inps, e precisamente il 22 marzo 2021, ha diffuso il messaggio n. 1206, nel quale ha fornito le istruzioni su come inviare la richiesta di riesame per le domande respinte in materia di indennità Covid-19.

In ballo c'è un bonus di 600 euro riconosciuto per due mensilità, giugno e luglio 2020, per un totale quindi di 1.200 euro.

Bonus Inps: i beneficiari previsti dal decreto Agosto

Entrando nel dettaglio, stiamo parlando del bonus previsto dall'articolo 10 del decreto Agosto del 14 agosto 2020 e convertito dalla legge 13 ottobre 2020, in favore dei lavoratori marittimi.

Si tratta in particolare del personale di stato maggiore e di bassa forza addetto ai servizi di coperta, di macchina e in genere ai servizi tecnici di bordo, il personale addetto ai servizi complementari di bordo e il personale addetto al traffico locale e alla pesca costiera.

Bonus Inps 600 euro: come verificare l'esito della domanda

Coloro che hanno fatto richesta di questo bonus, hanno la possibilità di verificare gli esiti della domanda e le relative motivazioni, consultando la sezione del sito INPS denominata “Covid-19: tutti i servizi dell’INPS”, servizio “Indennità 600/1.000 euro”, alla voce “Esiti”.

Nel messaggio del 22 marzo 2021, l'Inps fornisce le istruzioni per gli eventuali riesami delle domande respinte per non aver superato i controlli relativi all'accertamento dei requisiti previsti.

Nell'allegato che si può scaricare al seguente link, l'Inps elenca nel dettaglio i diversi motivi di reiezione dell’indennità prevista in favore dei lavoratori marittimi e la documentazione richiesta al cittadino qualora intenda chiedere il riesame dell’esito di reiezione.

Bonus Inps 600 euro riesame domanda, entro quando chiederlo?

Chi intende presentare richiesta di riesame della domanda respinta, potrà farlo rispettando la scadenza prevista dell'11 aprile, ossia entro 20 giorni dalla data di pubblicazione del messaggio Inps del 22 marzo 2021.

Se entro il termine previsto non viene prodotta documentazione utile da parte dell'interessato, allora la domanda si deve intendere respinta.

L'Inps precisa che per le "reiezioni forti", come indicate nell'allegato raggiungibile al seguente link, il richiedente non potrà presentare richiesta di riesame ma avrà la facoltà di proporre azione giudiziaria.

Bonus Inps: dove inviare documentazione per riesame domanda

Per la richiesta di riesame l'utente può inviare la documentazione attraverso il link “Esiti” nella stessa sezione del sito INPS in cui è stata presentata la domanda “Indennità 600/1000 euro”.

Questa non è l'unica modalità, visto che in alternativa si può optare per l'invio della documentazione alla struttura territoriale di competenza utilizzando la casella di posta elettronica istituzionale dedicata, denominata riesamebonus600.nomesede@inps.it, istituita per ogni struttura territoriale Inps.