Bonus INPS 2022 ancora richiedibili, nonostante l’entrata in vigore dell’Assegno Unico e Universale. Ciascuna famiglia con figli a carico, anche ad ISEE alto, potrà presentare domanda per ricevere fino a 3.000 euro dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Anche per l’anno corrente, i nuclei familiari potranno fare affidamento su un contributo variabile negli importi da un tetto minimo di 1.500 euro ad uno massimo di 3.000. 

Una notizia che fa tirare un sospiro di sollievo dopo l’assorbimento del Bonus bebè, del Bonus mamma domani, degli ANF e delle detrazioni per i figli a carico al di sotto dei 21 anni di età, da parte dell’Assegno Unico INPS, entrato in vigore lo scorso gennaio.

Non è una novità: ogni famiglia potrà usufruire del Bonus asilo nido anche nel 2022. Il contributo non ci dirà addio nel corso dell’anno, seppur destinato anch’esso alla naturale estinzione dovuta al sopraggiungere dell’AUU.

Chi ha iscritti figli agli asili (pubblici o privati) potrà ancora richiedere il rimborso di quanto speso per le rette scolastiche, essendo il Bonus INPS 2022 riconfermato anche per il 2022.

Ma vediamo subito in cosa consiste il Bonus asilo erogato dall’INPS, quali requisiti ciascuna famiglia dovrà rispettare per beneficiare del sostegno sui figli a carico e come farne domanda, senza tralasciare gli importi previsti dalla misura, definiti in base al reddito della famiglia richiedente.

Anticipiamo sin da subito che anche i nuclei familiari ad ISEE alto potranno tranquillamente richiedere il Bonus INPS 2022 pensato per venire incontro alle famiglie nel sostenimento delle spese di iscrizione dei figli in tenera età presso l’asilo nido comunale.

Prima di entrare nel merito dell’articolo, vi lasciamo ad un dettagliato video YouTube del portale di Mr LUL le paghediale contenente tutte le informazioni sui Bonus INPS 2022, con o senza ISEE, attivi e richiedibili nell’anno in corso.

Bonus INPS 2022, famiglia con figli iscritti o non iscritti al nido? Due agevolazioni fino a 3.000 ero per tutti: quali sono.

Spesso e volentieri quando si parla di Bonus nido si tende a fare un po' di confusione. In pochi sono a conoscenza del fatto che il Bonus INPS 2022 in questione si articola in due agevolazioni molto diverse fra di loro.

La prima, quella più conosciuta, incarna il vero è proprio Bonus asilo nido il più delle volte richiesto dai all’INPS come aiuto per sostenere economicamente la retta dell’asilo nido.

La seconda tranche di Bonus INPS 2022, facente sempre parte del Bonus asilo nido, è indirizzata a ogni famiglia con all’interno figli affetti da patologie così gravi da impedire la frequentazione in presenza del nido da parte del bambino per cui si rende necessario un supporto presso la propria abitazione.

Pur cambiando i beneficiari, non si ravvisano modifiche nell’importo: il Bonus INPS 2022 offrirà in entrambi un sostengo economico fino a 3.000 euro.

Trattandosi di due misure non molto simili tra di loro, poiché interessano nuclei familiari diversi, non è scorretto analizzarle separatamente.

Vediamo subito in cosa consistono e come funzionano.

Bonus INPS 2022, 3.000 euro di Bonus asilo nido a famiglia: come funziona il contributo per le rette dei figli.

Iniziamo la nostra disamina sul Bonus INPS 2022 in questione partendo dal Bonus asilo nido propriamente detto.

L’agevolazione, richiedibile se si vuole ottenere il rimborso delle spese sostenute per le rette (annuali o mensili) d’asilo, spetta a ciascuna famiglia richiedente solo se vengono rispettati specifici requisiti. Quali? 

La condizione più importante da rispettare è racchiusa nel suo nome: il Bonus INPS asilo nido 2022 spetta esclusivamente ai nuclei familiari con uno o più figli iscritti all’asilo nido. Ciò però non basta.

Per poter beneficiare dei 3.000 euro messi a disposizione dal Bonus INPS 2022, infatti, occorre attenersi a requisiti dettati dalla normativa, ma fortunatamente non molto vincolanti.

Come prima cosa, ogni famiglia con figli interessata al Bonus INPS 2022 potrà richiedere il contributo, indipendentemente dalla propria situazione patrimoniale o reddituale. Il reddito complessivo dichiarato verrà preso in considerazione solo per determinare l’importo specifico del Bonus fino a 3.000 euro spettante.

In secondo luogo, è l’età anagrafica del figlio o dei figli a carico della famiglia a restringerne ancora di più la cerchia dei beneficiari: solo le famiglie con figli iscritti al nido di età inferiore ai 3 anni potranno richiedere il Bonus INPS 2022.

Bonus INPS 2022, famiglia con figli affetti da patologie? Niente nido ma supporto a casa: in cosa consiste

Passiamo ora alla seconda tranche in cui si articola in Bonus INPS fino a 3.000 euro. Quella che prevede un supporto presso il domicilio della famiglia.

Si tratta di una misura riservata esclusivamente a ciascuna famiglia con all’interno uno o più figli affetti da una patologia cronica. 

A questi ultimi, impossibilitati a presenziare fisicamente l’asilo nido, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale eroga un sostengo economico per garantire alla famiglia il supporto domiciliare necessario.

Viene spontaneo chiedersi quali sono i requisiti da rispettare per accedere a questa particolare tranche di Bonus INPS 2022. In verità, le condizioni non sono poi così diverse da quelle previste per il Bonus asilo nido puro.

Bonus INPS 2022, famiglia con figli? 3.000 euro per l’assistenza a domicilio: quali sono i requisiti

Ogni famiglia residente in Italia, straniera o meno, potrà beneficiare del Bonus INPS 2022 fino a 3.000 euro, purché alla domanda di richiesta del contributo venga allegato il certificato medico attestante la patologia del bambino. 

Tale documento serve all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per individuare quali sono i nuclei familiari che effettivamente necessitano del Bonus INPS 2022.

La differenza più rilevante rispetto al Bonus asilo nido propriamente detto riguarda l’età anagrafica del bambino per cui si richiede l’agevolazione: per ciascuna famiglia con figli affetti da gravi patologie decade il vincolo anagrafico.

In altre parole, si potrà richiedere il Bonus INPS 2022 a prescindere dall’età del bambino.

Bonus INPS 2022, non solo 3.000 euro: ecco tutti gli importi a famiglia

Ma veniamo agli importi del Bonus INPS 2022 erogati dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per la tranche di Bonus asilo nido spettane.

In apertura di articolo abbiamo visto come per la misura sia fissato un tetto minimo ed un importo massimo: da 1.500 a 3.000 euro. 

Il tetto minimo di 1.500 euro spetta unicamente in assenza della presentazione della certificazione ISEE e nel caso in cui la famiglia richiedente risulti titolare di un reddito alto.

In presenza del documento, o di un reddito eccedente la soglia dei 40.000 euro, si potrà godere quindi di un Bonus INPS 2022 asilo nido di 1.500 euro, suddivisibile in undici mensilità.

La cifra aumenta se l’ISEE del nucleo familiare è compreso tra i 40.000 e i 25.000 euro: a ciascuna famiglia con figli a carico rientrante in questa soglia spettano 2.500 euro di Bonus nido 2022, da ripartire sempre su undici mensilità, mentre l’importo più alto previsto per la misura (3.000 euro) verrà elargito ai redditi bassi.

Tali importi a famiglia valgono anche per la seconda tranche del Bonus INPS 2022, quella riguardante il supporto a domicilio.

Tutte le informazioni su come presentare le domande per accedere al Bonus INPS 2022 asilo nido le trovate QUI.