Oggi si sente parlare di bonus differenti e di ogni genere: tra cui molto simile a questo argomento, il bonus asili nido. In questo articolo puoi approfondire uno specifico che tratta il premio alla nascita valido per ogni mamma: il bonus mamme, vale 800 euro

Sei mamma? Non puoi perderlo, anzi, approfitta subito per beneficiare e ottenere il bonus mamme perché te lo meriti. 

Gli ultimi due anni sono stati più spiacevoli che mai, per tutti: ecco che il governo premia diversi temi, tra cui la nascita di un bambino in Italia. 

Hai adottato un bambino? È la cosa più bella al mondo: il premio è anche per te! Si presenta come uno dei premi più dolci di sempre da parte dello stato. 

Ora le mamme italiane possono ricevere 800 euro come aiuto e premio per la gravidanza e la nascita. Ti stai chiedendo come fare? Qui trovi una guida dettagliata e approfondita su ogni tassello che riguarda il bonus mamme. 

Successivamente saprai come richiederlo e soprattutto se puoi richiederlo. Oltre a capire la scadenza del bonus mamme, puoi scoprire quale documentazione presentare e soprattutto le modalità di pagamento e come fare domanda al bonus mamma 2021.

Cosa dice fiscomania.com riguardo il bonus mamme? Ecco una spiegazione breve e chiara sul bonus mamme:

Il Bonus di 800 euro verrà corrisposto in un’unica soluzione per le nascite o adozioni avvenute nel periodo 1º gennaio ed il 31 dicembre 2021. La domanda dovrà essere inviata esclusivamente in modalità telematica all’INPS.

Ci sono altri modi per fare domanda e non solo in modalità telematica all’Inps, ma questo dipende da una serie di fattori. Leggi di seguito per scoprirli tutti.

L’attuale bonus mamme è richiesto completamente in tutta Italia e non è fino ad esaurimento scorte. Pertanto, puoi richiederlo anche tu in qualsiasi momento. Sempre prima della scadenza, perché come ogni cosa e scade. Cosa si trova di meglio di questo? Bonus mamme fa felice la nuova famiglia. 

Scopri cos’è il bonus mamme, a chi spetta, i requisiti, gli importi e le modalità di pagamento, come fare domanda al bonus mamme e soprattutto la documentazione che serve, per finire con la scadenza. 

Il bonus mamme premia le madri che hanno sostenuto una gravidanza nell’anno 2021, proprio l’anno dopo la piena pandemia e quindi un anno, comunque, di sofferenza, in cui un regalo non può fare che bene. 

Una piccola riflessione che riguarda il bonus mamme importante da anticipare è: 

Fondamentalmente, si presenta come un regalo per il bambino nato, adottato, o, preso in affidamento. Inoltre, i bambini sono la felicità di questo mondo, perché non premiarli? Teniamo da parte i periodi negativi per dar vita a più interessi per noi e accettare l’aiuto degli altri.

Nell’articolo puoi trovare il link con la guida dell’Inps per fare domanda: facile, intuitiva e da seguire passo dopo passo. Buona lettura!

Bonus mamme: cos’è e cosa bisogna sapere a riguardo

Il bonus mamme, chiamato anche bonus mamma domani, tratta un premio dal valore di 800 euro rivolta alla nascita di un bambino in Italia. Il premio viene versato dall’Inps per la nascita di un minore o anche per l’adozione di un bambino. 

I casi sono diversi perché il bonus mamme è destinato a future mamme al settimo mese, poi, mamme, le quali hanno appena partorito. Adozioni e affidamenti? Anche, sono tra i casi richiesti dal bonus mamme. Quindi si può ricevere solo nei modi descritti. 

Un riassunto di quanto detto è:

  • La mamma del minore può richiedere la domanda tra la fine del settimo mese e all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza. 

  • La stessa può fare domanda al bonus mamme dopo la nascita del bambino, sottoscrivendo la data della nascita. 

  • Una situazione simile riguarda l’adozione, ma in questo caso si fa richiesta in qualsiasi momento.  

Questi sono i tre casi descritti e richiesti dal bonus mamme dell’Inps.

Esattamente, che cos’è il bonus mamme? Un sostegno e un aiuto rivolto a tutte le mamme italiane dall’importo di 800 euro. Successivamente la descrizione degli importi per il bonus mamme. Questa somma viene versata soltanto per le mamme i cui figli sono appena nati, o, appena adottati.

Il beneficio di 800 euro per le future mamme è possibile richiederlo senza limiti di reddito. A differenza di altri bonus erogati quest’anno, il bonus mamme non ha bisogno dell’Isee basso da presentare nella domanda. 

Questo significa che tra i documenti per fare domanda al bonus mamma 2021 non c’è bisogno di alcun segno dell’Isee. Spetta a tutte le mamme il bonus mamme 2021? Il premio spetta anche in caso di affidamento preadottivo oppure di adozione nazionale. 

Riguarda anche l’adozione internazionale del minore? Effettivamente si, il bonus mamme è effettivo anche in quella circostanza.

Cosa altro c’è da sapere? Successivamente, in maniera ordinata, la spiegazione di ogni dettaglio che precisa tutti i particolari del bonus mamme 2021.

A chi spetta il bonus mamme? Chi può richiederlo?

Il bonus mamma domani si presenta come una prestazione in somma di denaro per le mamme che sono state in gravidanza nell’anno previsto. A chi spetta il bonus mamme? In elenco i requisiti delle beneficiarie:

  • compimento del settimo mese di gravidanza nel 2021
  • parto nel 2021
  • adozione nel 2021
  • affidamento preadottivo nel 2021

Chi può richiedere il bonus mamme? Le mamme che beneficiano del bonus mamme possono erogare l’indennità in un’unica soluzione per ogni evento compiuto e relativo ad ogni figlio nato o affidato. Gli eventi sarebbero la gravidanza, oppure il parto in sé, o, l’adozione e l’affidamento.

Ci sono dei casi in cui, anche il papà può richiedere il bonus mamme ma solo in una situazione: nel caso di affidamento. Inoltre, in questa ultima situazione c’è da precisare che la madre deve aver confermato l’annullamento del ruolo di genitore.

Requisiti bonus mamme: quali sono?

Quali sono i requisiti per il bonus mamme? Sono essenzialmente pochi. Le mamme devono essere residenti in Italia. Non solo, il requisito in più è che le mamme devono anche essere presenti in Italia. Il tutto regolarmente. 

Invece, per le domande presentate dalle cittadine straniere, quindi, extracomunitarie, ma, regolarmente presenti in Italia, possono essere prese in esame. Si tratta di mamme che hanno già richiesto il bonus mamme ma che sono state rifiutate in passato. 

C’è la possibilità di fare la richiesta di riesame nel momento in cui si tratta di una cittadina madre straniera. Come fare la richiesta di riesame in questo caso? Utilizzare il modello presso la struttura Inps del territorio competente. In questo caso il bonus mamme può essere corrisposto ma con riserva.

Tutto quello che devi sapere sugli importi bonus mamme

Quanto spetta per il bonus mamme? Quali sono gli importi per il bonus mamma domani? L’assegno è di 800 euro e le modalità per il pagamento previste sono le seguenti:

  • tramite bonifico da ritirare alle Poste
  • attraverso un bonifico sul conto corrente
  • accreditato sul libretto postale
  • sulla carta prepagata con Iban

Oltre ai metodi di pagamento standard per il bonus mamme c’è la possibilità di riceverlo su conto corrente estero. Tutti i metodi elencati devono avere il codice iban perché è richiesto, in eccezione del bonifico presso l’ufficio postale.

Come fare domanda al bonus mamme e come fare richiesta per beneficiarne

Prima di ogni cosa: quando fare domanda al bonus mamme? Può essere presentata dopo il settimo mese di gravidanza, o, alla avvenuta nascita. Diversamente per i minori adottati, il bonus mamme può essere richiesto a seguito dell’evento.

Come fare domanda al bonus mamme? La domanda deve essere presentata all’Inps. Quali sono le modalità per fare domanda al bonus mamme? Ecco in elenco la risposta, tramite:

  • servizi telematici come il servizio didattico
  • contact center al numero 803164 o 06164164 in modo gratuito
  • enti di patronato

Ma la domanda per il bonus mamme si può fare online? La scelta di farla online è di tante, puoi farla anche tu! Attraverso la sezione dedicata è possibile scaricare dal menu la guida e il manuale utente accuratamente compilato dall’Inps in allegato qui.

Come inviare la domanda online? Tramite il sito si può inserire, inviare e consultare la domanda per il bonus mamme e tracciare il tutto.

È possibile che il padre presenta la domanda al posto della madre? La risposta è affermativa ma solo nel caso in cui l’altra parte decade dal ruolo di genitore.

Quale documentazione serve per accedere al bonus mamme?

Spesso non si riesce a capire quale documentazione serve, per questo motivo facciamo chiarezza qui. La documentazione necessaria per ricevere e ottenere il bonus mamme 2021 deve essenzialmente essere il certificato dello stato di gravidanza

Per quanto riguarda le cittadine e mamme extracomunitarie devono possedere e inserire il permesso di soggiorno. Nel caso del parto già avvenuto la madre deve certificare la data del parto. Invece, per l’adozione come funziona il bonus mamme? 

Nella documentazione per il bonus mamma domani serve attestare la data di adozione o affidamento in quel caso. E quando si tratta di un abbandono o affido? Se poi si tratta dell’affidamento al padre? 

In questo caso il bonus mamme funziona così: si indica al momento della domanda gli elementi fondamentali che riguardano i dati del provvedimento emesso dall’autorità competente. 

Ad esempio, il numero, la tipologia, la data e l’autorità stessa che ha emesso il provvedimento. C’è un’alternativa? È possibile allegare la copia digitalizzata di tale provvedimento.

Qual è il giorno di scadenza bonus mamme?

Il giorno della scadenza sta arrivando, anzi, è proprio alle porte. È ancora possibile fare richiesta al bonus mamme grazie a questa guida dettagliata sul come farlo. Infatti, nonostante c’è tempo, anche se poco, potrai farlo in maniera immediata tramite questo articolo.  

La scadenza prevista per il bonus mamme è il giorno 31 dicembre 2021. Pertanto, puoi richiedere il bonus mamme anche oggi, o domani. L’importante è che la domanda si trasmette entro la mezzanotte di quella giornata.

Infine, entro quando fare domanda del bonus mamme? Il premio della nascita di 800 euro viene richiesto e presentato dopo il compimento del settimo mese di gravidanza. Diversamente, si può fare domanda al bonus mamme entro un anno dalla nascita o dall’adozione o dall’affidamento.