Bonus mutuo prima casa: i segreti per ottenerlo da subito

Bonus mutuo prima casa, nell'articolo che segue scopriremo segreti ed accorgimenti per ottenere l'incentivo che permetterà alle giovani coppie under 36 di richiedere ed ottenere un mutuo per l'acquisto di una prima casa garantito dallo Stato anche se disoccupati, con un contratto a tempo determinato o in possesso di poca liquidità.

Image

Per gli under 36 con il sogno di acquistare una prima casa grazie al bonus mutuo prima casa messo in campo dal governo Draghi, che prevede la possibilità di richiedere un mutuo per l'acquisto di una prima casa garantito dallo stato dell' 80% del prezzo dell'immobile, è sempre più realtà.

Nell'articolo che segue andrò a citare piccoli segreti ed accorgimenti che ti permetteranno di richiederlo ed ottenerlo sin da subito.

Nei giorni scorsi è stato finalmente rilasciato il modulo con il quale effettuare la domanda che fa chiarezza sulle modalità e sulle procedure di richiesta per ottenere le agevolazioni.

Il modulo presente sul sito Consap, che approfondiremo nei paragrafi successive e la relativa procedura di richiesta elimina tutte le incomprensioni che si stavano creando tra banche/enti finanziari e clienti beneficiari delle agevolazioni introdotte nel bonus mutuo prima casa.

Lo Stato riesce a garantire a giovani under 36 in possesso di determinati requisiti le agevolazioni sul mutuo prima casa grazie al rifinanziamento del "Fondo di garanzia dei mutui" (2290 milioni di euro per il 2021 e di 250 milioni per il 2022) allargando di fatto la platea dei beneficiari del bonus prima casa destinato appunto a giovani coppie o ai giovani di età inferiore ai 36 anni.

Bonus mutuo prima casa under 36: il modulo di richiesta

E' finalmente pronto il modulo con il quale effettuare la richiesta, modulo che servirà per richiedere tre tipologie di acquisto tramite mutuo, le seguenti:

  • semplice;
  • con ristrutturazione e miglioramento dell'efficienza energetica dell'appartamento;
  • con accollo da frazionamento del mutuo del costruttore.

Il modulo in questione sarà possibile scaricarlo direttamente dal sito Consap, clicca pure qui, ti troverai sulla pagina web dalla quale poter effettuare il download sul tuo dispositivo.

Per ottenere i benefici previsti dal provvedimento inserito e quindi la garanzia dello Stato sull'80% dell'importo del mutuo anche se sei disoccupato, una volta scaricato e compilato correttamente il modulo andrà inviato alla Consap e presentato presso enti finanziari o banche.

In seguito sarà la Consap ad inviare una comunicazione alla banca di riferimento entro circa venti giorni attraverso l'esito positivo della richiesta da parte del richiedente ed infine entro 90 giorni sarà la banca a comunicare il buon fine dell'intera operazione con l'immediata erogazione del muto o al contrario la bocciatura della richiesta.

Nel video che segue tratto dal canale You Tube di Adele Fortunato, tutte le novità rilasciate per quanto riguarda il bonus prima casa destinato agli under 36.

Bonus mutuo prima casa under 36: a chi spetta

Il Bonus mutuo prima casa voluto dal Governo Draghi ed inserito all'interno del decreto Sostegni-bis, che dà la possibilità ai giovani under 36 di poter richiedere un mutuo per l'acquisto della prima casa garantito dallo Stato potrà essere richiesto da:

  • una giovane coppia coniugata o convivente da almeno due anni;
  • almeno un dei due soggetti che formano la coppia ha una età inferiore a  36 anni;
  • sei in possesso di un ISEE che non superi i 40mila euro.

Se sei in possesso di questi due requisiti hai tutte le carte in regole per presentarti presso una banca o un ente finanziario con il modulo correttamente compilato, ed ottenere con quasi certezza l'incentivo previsto ovvero il mutuo garantito dallo Stato dell'80% della quota capitale.

Due aspetti fondamentali da tener presente sono, l'importo del mutuo massimo richiedibile che ammonta a 250mila euro e la scadenza entro il quale non sarà più possibile inoltrare la domanda, termine ultimo che sarà in data 30 giugno 2022.

Bonus mutuo prima casa under 36: come compilare correttamente il modulo

Il Bonus mutuo prima casa voluto dal Governo Draghi ed inserito all'interno del decreto Sostegni-bis, che dà la possibilità ai giovani under 36 di poter richiedere un mutuo per l'acquisto della prima casa garantito dallo Stato, potrà essere richiesto attraverso la presentazione di uno specifico modulo presente sul sito Consap (che puoi scaricare qui). 

Il modulo va compilato in tutte le sue parti ora andremo a vedere alcune delle sezioni principali per levare dubbi in fase di compilazione.

Tra i dati richiesti c'è quello di risultare di non essere proprietario di alcun immobile ad uso abitativo, unica eccezione nel caso l'immobile sia stato acquisito tramite successione causa morte e che risulti in uso a titolo gratuito a fratelli o genitori.

Altra sezione da compilare è quella relativa all'immobile di lusso.

Il bonus mutuo prima casa non potrà essere richiesto per l'acquisto di immobili di lusso ovvero tutti quegli edifici accatastati A1,A8 e A9 corrispondenti ad abitazioni signorili, castelli, ville. 

Bonus mutuo prima casa under 36: tasse cancellate per l'acquisto della casa

l Bonus mutuo prima casa voluto dal Governo Draghi ed inserito all'interno del decreto Sostegni-bis, dà la possibilità ai giovani under 36 di poter richiedere un mutuo per l'acquisto della prima casa garantito dallo Stato, oltre a questo che rappresenta l'incentivo principale dell'intero provvedimento, all'interno sono contenute altre agevolazioni.

Nello specifico gli under 36 che decideranno di acquistare casa, costruirla o ristrutturala tramite la richiesta e l'ottenimento di un mutuo agevolato saranno esenti dal pagamento dall’imposta sostitutiva delle imposte di registro, di bollo e tutte quelle imposte dovute in sede di stipula dell’atto di acquisto della prima casa.

Bonus mutuo prima casa under 36: altre agevolazioni

Il Bonus mutuo prima casa voluto dal Governo draghi ed inserito all'interno del decreto Sostegni-bis, dà la possibilità ai giovani under 36 di poter richiedere un mutuo per l'acquisto della prima casa garantito dallo Stato, oltre a questo che rappresenta l'incentivo principale dell'intero provvedimento, prevede altre agevolazioni.

Per le giovani coppie under 36 che acquisteranno casa entro il 31 dicembre in possesso di un ISEE inferiore ai 40.000 insieme alle agevolazioni per il mutuo è prevista la cancellazione di alcune imposte: di registro, ipotecaria e catastale, un taglio rilevante alle tasse previste in caso di acquisto dell’abitazione principale.

In caso di vendita soggetta ad IVA, è invece attribuito un credito d’imposta di ammontare pari all’imposta corrisposta in relazione all’acquisto.

Il credito riconosciuto potrà essere portato in diminuzione dalle imposte di registro, ipotecaria, catastale dalle imposte sulle successioni e donazioni così come avviene solitamente per il pagamento Irpef o di altre tasse in compensazione.

Bonus Mutuo prima casa: In sintesi

Per le giovani coppie under 36 con il sogno di acquistare una prima casa grazie al bonus mutuo prima casa messo in campo dal governo Draghi, che prevede la possibilità di richiedere un mutuo per l'acquisto di una prima casa garantito dallo Stato dell' 80% del prezzo dell'immobile, è sempre più realtà.

Di seguito i punti cardine da ricordare per poter usufruire dell'agevolazione:

  • potrà essere richiesto da coppie dove almeno uno dei due componenti deve avere una età inferiore a 36 anni;
  • bisogna essere in possesso di un ISEE inferiore a 40mila euro;
  • l'importo massimo richiedibile del mutuo è di 250mila euro;
  • gli under 36 che decideranno di acquistare casa, costruirla o ristrutturala tramite la richiesta e l'ottenimento di un mutuo agevolato saranno esenti dal pagamento dall’imposta sostitutiva delle imposte di registro, di bollo e tutte quelle imposte dovute in sede di stipula dell’atto di acquisto della prima casa.
  • Il termine ultimo per presentare la domanda per ottenere il bonus mutuo prima casa è 30 giugno 2022.

Giovani e mercato immobiliare

Il Bonus mutuo prima casa voluto dal Governo draghi ed inserito all'interno del decreto Sostegni-bis, che dà la possibilità ai giovani under 36 di poter richiedere un mutuo per l'acquisto della prima casa garantito dallo Stato  rappresenta un importante provvedimento per la crescita economica del paese, grazie a tutte quelle giovani coppie che potranno finalmente acquistare un immobile e mettere delle basi serene per la formazione di una famiglia.

Il bonus prima casa va infatti a risolvere l'impossibilità da parte dei giovani di accedere ai finanziamenti bancari a causa della precarietà data dai propri contratti di lavoro, non riuscendo così a soddisfare i requisiti richiesti dalle banche.

Con la crisi del 2008 il mercato ha subito una grave crisi con un crollo di prezzi e compravendite, allo stesso tempo negli anni successivi c'è stata una costante diminuzione del costo del denaro attraverso una diminuzione dei tassi di interesse fino quasi a toccare lo zero, questo fenomeno ha permesso la mercato immobiliare di risollevarsi con il numero di compravendite che è tronato a crescere (a fronte però dei prezzi dell'immobili rimasti bassi).

La crisi economica e l'avvento del Covid-19 nonostante il costo basso del denaro ha portato gli istituti bancari ad applicare ulteriori strette sui requisiti di richiesta  mutui.

Il Fondo di Garanzia per i mutui prima casa creato nel 2013 ha dato una importante mano contribuendo a  raccogliere  in questi anni quasi 210mila domande, di cui il 60% da parte di giovani under 35.

I mutui richiesti da giovani tra i 24 e i 35 anni sono cresciuti del 2,4%, portando la percentuale al 26,8% sul totale delle richieste. Nel 2020 in questa fascia le domande sono cresciute dell’1,7%.

Ribadisco infine l'importanza dei provvediemnti inseriti all'inrerno del Sostegni Bis che garantiranno a tutti gli under 36 in posseso di requisiti di accedere a mutui finanziati dallo Stato con un importo pari all'80% anche se non sono in possesso di un contratto a tempo indeterminato o con poca liquidità.