Nell’aria già si respira il profumo del Natale, i negozi sono addobbati di luci e sebbene non si sia ancora entrati nel mese di dicembre già in tantissimi hanno messo le prime palline colorate sull’albero.

È un periodo che tutti aspettano con fervore, soprattutto quest’anno, visto che il governo provvederà a dare il via al bonus natalizio 2021.

Sebbene il nome possa far intendere che si tratti dell’ennesimo bonifico che le famiglie potranno ricevere direttamente sul conto corrente, in realtà si tratta di un beneficio totalmente diverso, addirittura riservato a pochi.

Vediamo di fare chiarezza insieme, capendo come funziona e a chi spetta e come poterlo richiedere.

Bonus natalizio 2021: cos'é e come funziona?

Se ne sta parlando da giorni ormai, ma per capire che cos’è davvero il bonus natalizio disposto per il 2021, occorre partire prevenuti e fare subito chiarezza su alcune informazioni che potrebbero trarre in inganno i futuri beneficiari.

Innanzitutto, il bonus natalizio 2021 non ha nulla a che vedere con bonifici erogati direttamente sul conto corrente delle famiglie.

L’appellativo datogli infatti, riconduce alle festività in arrivo solo in maniera casuale e proprio a ragione di ciò, potrebbe facilmente indurre ad un’interpretazione che veda la misura come un regalo da parte del governo ai suoi cittadini, indipendentemente dai requisiti in loro possesso.

In realtà, tale agevolazione non è altro che il beneficio introdotto precedentemente dal decreto legge Ristori, successivamente confermato e dal decreto legge Sostegni bis.

Il video di Pensioni & Aggiornamenti offre una quadro generale semplificato del bonus natalizio 2021: 

Per rifinanziarlo sono occorsi ben 500 milioni di euro, suddivisi tra i Comuni d’Italia sulla base di due criteri principali, ovvero:

  • 50% in promozione alla popolazione redente in ogni Comune
  • 50% distribuito in proporzione alla distanza tra il valore del reddito pro capite di ogni Comune e il valore medio nazionale

Potrà essere utilizzato dalle famiglie che versano in grave disagio economico soltanto per acquistare alimenti o altri beni di prima necessità.

Spiega miuristruzione.com:

“È dunque un cumulo di buoni spesa validi come sostegno per le famiglie in difficoltà economica a causa della pandemia, in un momento ancor più delicato, se possibile, come il Natale.”

L’incentivo potrà coprire, ad esempio, la spesa nei supermercati, l’acquisto di farmaci o il pagamento delle bollette di luce e gas.

In questo modo, anche le famiglie giù bisognose avranno la possibilità di trascorrere serenamente e dignitosamente le festività natalizie.

Del resto, il Natale è uno dei giorni più sentiti e attesi da tutti, l'unico momento di vera riunione con le persone che più amiamo.

Il Natale è gioia di condividere, anche quando non si ha molto da poter condividere. 

Bonus natalizio 2021: chi ne ha diritto?

La platea di beneficiari del bonus natalizio 2021 sarà decisamente ristretta.

A poterlo ricevere saranno soltanto quelle famiglie in possesso di un valore Isee complessivo non superiore agli 8.000 euro annui. 

In esse non dovrà esserci alcun componente che potrebbe percepire il beneficio di altri sussidi, al momento della richiesta della misura. 

I soggetti esclusi in partenza dal beneficio saranno:

  • i percettori del Reddito di Inclusione
  • i percettori dell’indennità Naspi o di indennità di mobilità
  • i percettori di Cassa Integrazione Guadagni

Buone notizie invece per i pensionati. 

Oltre alle famiglie meno abbienti, infatti, anche i soggetti titolari di pensione delle gestioni private o iscritti alla gestione ex Enplas, potranno avere diritto al bonus.

La cosa importante è che percepiscano un’assegno mensile non superiore a 6.695,21 euro all’anno, pena l'eslusione dal bonus. 

L’ammontare di quanto  gli verrà erogato sarà pari a 154,90 euro e andrà a scalare sempre più a seconda del reddito.

Spiega ilgiorno.it:

“la somma viene liquidata direttamente nelle buste paga dei pensionati che ne hanno diritto contestualmente alla tredicesima. Chi incassa abitualmente la pensione sul conto corrente riceverà, oltre al consueto trattamento, la gratifica natalizia e il bonus il primo giorno utile di dicembre”

Coloro che si receranno agli sportelli di Poste Italiane invece, dovranno rispettare il seguente ordine alfabetico:

  • A-B: 25 novembre
  • C-D: 26 novembre
  • E-K: 27 novembre (solo mattina)
  • L-O: 29 novembre
  • P-R: 30 novembre
  • S-Z: 1° dicembre

Vengono esclusi dal bonus natalizio 2021 i pensionati percettori di invalidità civile, degli assegni sociali e pensioni sociali, delle pensioni supplementari, e delle pensioni internazionali non tassate in Italia.

L’importo del beneficio verrà erogato automaticamente dall’Inps e il beneficiario potrà scegliere di ritirarlo personalmente alle Poste già da fine novembre oppure ottenerlo mediante versamento sul conto corrente, dai primi di dicembre.

Bonus natalizio 2021: quanto spetta?

Alcune fonti di informazioni avevano fatto girare la voce che, grazie al bonus natalizio 2021, moltissime famiglie avrebbero potuto ricevere addirittura fino a 1.400 euro.

Per quanto questa notizia possa farci venire l’acquolina in bocca, in realtà è vera per metà.

Spiega scuolainforma.it:

“questo importo non è altro il risultato della somma di più buoni, un’ipotesi per le famiglie più numerose e che posso avere diritto a più sussidi”

L’importo previsto dalla misura, quindi, parte da un minimo di 100,00 euro fino ad arrivare ad un massimo di 700,00 euro, e viene considerato variabile proprio perché dipende dalla situazione economica della famiglia che lo richiede.

Si potrebbe dire che il bonus natalizio 2021 in realtà sia il bonus spesa di cui tanto si parlava settimane orsono. 

L'articolo di Laura Pellegrini vi spiega il perché di questa confusione generale e in cosa si differenzia la misura prevista per il periodo natalizio, da quella prevista per l'acquisto di beni di prima necessità. 

Ad oggi, il contributo è più generoso per i cittadini di Bologna, i quali non hanno nemmeno una data di scadenza per presentare domanda.

Il massimo accumulabile di buoni spesa ammonta a 1.200 euro divisibili così:

  • una persona: 150,00 euro
  • due persone: 250,00 euro
  • tre persone: 350,00 euro
  • quattro persone: 400,00 euro
  • cinque persone: 500,00 euro
  • sei persone e oltre: 600,00 euro

A Milano, il bando è chiuso ma non si esclude una possibile riapertura, qualora ci fosse qualche nuovo finanziamento o fosse rimasto qualcosina di quelli già disposti.

A Torino invece, si può accedere al bonus natalizio 2021 solo tramite SPID e la modalità di erogazione avviene in 3 mensilità, dai 120,00 ai 360,00 euro.

Nelle città maggiori come Roma, c'è ancora un pò di attesa a causa delle elezioni amministrative. 

Bonus natalizio 2021: come richiederlo?

Poiché la gestione e la ripartizione dei fondi del bonus natalizio 2021 spetterà alle amministrazioni comunali, i futuri beneficiari dovranno fare riferimento ai bandi comunali che conterranno i dettagli per la richiesta e gli importi spettanti.

A provvederne l’emanazione sarà il sindaco di ogni Comune italiano e l’Inps provvederà poi all’erogazione.

Per poterlo ottenere bisognerà presentare una documentazione in cui dovranno essere indicati:

  • la residenza del Comune in cui si effettua la domanda
  • il valore Isee o altra documentazione che sia in grado di attestare la situazione economica e patrimoniale della famiglia che ne fa richiesta

Tale documentazione non è uguale per tutti i Comuni e, alcuni di questi, prevedono anche delle maggiorazioni extra dell’importo del beneficio.

La domanda dovrà essere presentata entro il 31 dicembre 2021, anche se la scadenza cambia da Comune a Comune.

Le città impegnate nelle elezioni amministrative ( Roma) non hanno ancora emesso il bando mentre, i grandi comuni  come Bologna, Milano e Torino hanno già offerto una panoramica di accesso a milioni di beneficiari.

Bonus natalizio e bonus vacanze: validi fino al 31 dicembre 2021!

Il bonus natalizio 2021 non sarà l’unica agevolazione a colorare le imminenti festività.

Entro il 31 dicembre, infatti, si potrà utilizzare ancora il bonus vacanze per trascorrere un piacevole soggiorno godendo di uno sconto di 500,00 euro.

L’iniziativa, parte del Decreto Rilancio, offre la possibilità  ai nuclei familiari con Isee fino a 40.000 euro di usufruire dello sconto su servizi e pacchetti turistici offerti in ambito nazionale dalle strutture turistico ricettive.

L’importo massimo potrà variare in base alla numerosità del nucleo familiare e scenderà a 300,00 euro per due persone, fino a 150,00 per una sola persona.

Sebbene la domanda dovesse essere presentata dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, ciò non toglie che si possa utilizzare durante queste festività natalizie.

Come spiega tg24.sky.it:

“ il bonus può essere richiesto e viene erogato esclusivamente in forma digitale. È necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità SPID, o CIE 3.0”

Il bonus vacanze può essere utilizzato soltanto da un componente della famiglia e dev’essere speso in un’unica soluzione.

Può essere fruito nell’80% sotto forma di sconto per il pagamento di servizi, mentre il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi. 

Sia il bonus natalizio, sia il bonus vacanze sono ottime occasioni per ricevere golosi benefici in soldoni e passare al meglio le festività in arrivo.

Per ricevere maggiori informazioni al riguardo, o anche solo per conoscere come si svilupperà la situazione inerente al bonus natalizio 2021, vi lascio il seguente tweet: 





In alternativa, potrete scegliere di seguirci iscrivendovi alla newsletter di Trend-online. 

Qualsiasi sia la vostra scelta, non dimenticate di condividere l'articolo e far conoscere anche ad altri lettori come richiedere il bonus natalizio entro il 31 dicembre 2021, senza rischiare di incappare in informazioni ingannevoli.

Salutandovi, come sempre vi rinnovo l'invito al prossimo appuntamento!

Non mancate.