Bonus patente, ecco le ultime news in merito all’agevolazione per giovani: domande già attive, ecco dove!

Tra le agevolazioni confermate con la Manovra 2022, alcune si fanno ancora attendere. Pensiamo ad esempio al bonus occhiali, la misura da 50 euro pensata per agevolare ISEE bassi.

Ma ci sono anche incentivi ben più ricchi di cui siamo in attesa da mesi: il bonus patente è uno di questi.

Eppure, finalmente la situazione sembra essersi sbloccata, ed il bonus patente sta per essere attivato. Anzi, c’è di più: alcuni fortunati italiani possono già accedere al contributo.

In questo articolo ci occuperemo di un bonus patente attivo a livello locale, che può essere richiesto fin da subito e che frutterà ai beneficiari ben 3.000 euro totali. Analizzeremo poi la situazione a livello nazionale: il bonus statale da 2.500 euro finanziato dal Governo è infatti ormai in partenza.

Prima di addentrarci nell’analisi delle misure in questione, consigliamo la visione del seguente contenuti, a cura di RadioUCI Redazione, che analizza il contributo statale nei dettagli.

Bonus patente operativo ora: di cosa si tratta

Se per il bonus patente statale dovremo attendere ancora qualche settimana, come vedremo tra poco, ci sono al momento degli incentivi già operativi.

Nella maggior parte dei casi si tratta di incentivi su base regionale.

Al momento, è infatti attivo un bonus patente regionale in Friuli-Venezia Giulia, che comunque non è l’unica Regione italiana ad aver pensato ad un incentivo per la patente.

Ma ci occuperemo dopo delle altre iniziative: per adesso concentriamoci sul bonus friulano.

La misura in questione ricalca l’incentivo statale, in quanto viene concessa solamente per le patenti di guida legate ai mezzi pesanti. Verranno infatti agevolate le spese che i cittadini friulani sosterranno per ottenere le patenti C, D ed E e la Carta di Qualificazione del Conducente.

Si tratta, dunque, di tutte le certificazioni necessarie per lavorare come autotrasportatore.

Anche il bonus friulano, come quello statale, vuole infatti incentivare l’occupazione giovanile nel settore dei trasporti. Occupazione che non viene favorita a causa dei costi davvero elevatissimi necessari per diventare autotrasportatore.

Il bonus in questione, comunque, è ancor più ricco dell’incentivo statale. Infatti, si avranno a disposizione ben 3.000 euro. Tale cifra è l’importo massimo che si può ottenere, ma l’importo andrà calcolato sul 70% della spesa pagata per il conseguimento dell’abilitazione alla guida di mezzi pesanti.

Bonus patente regionale: requisiti per richiedere i 3.000 euro

Ovviamente, anche per il bonus patente regionale sono stati stabiliti dei requisiti di accesso abbastanza specifici, come nel caso dell’incentivo statale.

Oltre all’iscrizione ed al conseguimento delle certificazioni analizzate al paragrafo precedente, per accedere al contributo da 3.000 euro sono richiesti altri requisiti.

Il principale riguarda la residenza in Friuli-Venezia Giulia: nello specifico, i richiedenti dovranno risultare regolarmente residenti in Regione per un periodo minimo di cinque anni. In mancanza di tale requisito, dunque, non si avrà accesso alla misura.

Per quanto riguarda le limitazioni di età, a differenza del bonus patente statale, che è riservato ai giovani che non abbiano superato i 35 anni di età, l’unico requisito richiesto è aver compiuto la maggiore età.

Nessun requisito, invece, in merito alla cumulabilità: i residenti in Friuli-Venezia Giulia potranno quindi accedere sia al bonus regionale da 3.000 euro, sia al bonus patente statale, che invece concede fino a 2.500 euro.

Non sarà però possibile ottenere un contributo totale che superi la spesa totale sostenuta per ottenere le certificazioni oggetto di bonus.

Bonus patente regionale: richieste e modalità di erogazione

Passiamo adesso alle modalità di richiesta e di erogazione del bonus patente regionale analizzato fino ad ora.

La richiesta può infatti già essere inviata, utilizzando la piattaforma ufficiale della Regione Friuli. C’è anche un termine prefissato per l’invio delle domande, ossia il prossimo 15 giugno 2022.

In ogni caso, il conseguimento delle relative certificazioni può anche avvenire in seguito, purché entro il 30 aprile 2023.

Per accedere al bonus patente Friuli, infatti, basta l’iscrizione ad un corso per l’acquisizione di una delle patenti ammesse e/o per la Carta di Qualificazione del Conducente.

Gli interessati dovranno allegare alla propria richiesta sia i documenti di identità, sia i documenti di iscrizione ai corsi per cui si richiede l’incentivo. Necessario, inoltre, l’importo da saldare per il conseguimento delle certificazioni, sul quale verrà calcolato il bonus patente spettante.

Bonus che verrà successivamente erogato come bonifico o accredito sul conto corrente indicato in sede di richiesta.

Bonus patente dalla B alla C: il contributo della Regione Sardegna

Prima di passare all’analisi della situazione a livello nazionale, analizziamo un secondo bonus patente regionale, che è stato attivato in particolare per i possessori di patente B che vogliono passare alla C.

La Regione Sardegna ha infatti intenzione di agevolare l’occupazione dei suoi cittadini con iniziative che siano davvero volte a chi non ha le possibilità economiche per potersi riqualificare ottenendo le abilitazioni alla guida per i mezzi pesanti.

In effetti, il bonus patente della Regione Sardegna, gestito da Aspal, è già attivo. E si rivolge sia a coloro che hanno già conseguito le patenti C, D ed E (oltre che la Carta di Qualificazione del Conducente), in caso di rinnovo, sia a coloro che intendono conseguire queste certificazioni.

Dunque, il bonus patente sardo è esteso anche a coloro che possiedono la sola patente B, ma sono intenzionati all’acquisizione della patente C per i mezzi pesanti. Non sarà quindi necessario iscriversi preventivamente ai corsi per l’acquisizione dei certificati.

Il contributo potrà essere richiesto entro il prossimo 6 maggio 2022. La misura è dunque in scadenza: occorre affrettarsi per richiederla.

Una volta ottenuto, il voucher patente sardo sarà spendibile entro dodici mesi. Maggiori informazioni possono essere reperite sul seguente bando ufficiale:

Bando bonus patente Regione Sardegna.

Bonus patente statale: buone notizie per tutti! Arriva a luglio

Ma le buone notizie relative al bonus patente non riguardano solamente i residenti in Friuli-Venezia Giulia e in Sardegna: sta infatti per arrivare anche l’incentivo statale.

L’invio per le domande relative a questo bonus, infatti, dovrebbero prendere avvio alla data del 1° luglio 2022

E non si tratterà di una misura accessibile soltanto per l’anno corrente. I fondi relativi al bonus patente sono stati infatti stabiliti anche per il triennio 2023-2026.

Il bonus patente, salvo ulteriori proroghe, andrà a concludersi a fine 2026.

Per quanto riguarda l’invio delle richieste, sappiamo solamente che verrà attivata una piattaforma statale apposita, come già accaduto per altri bonus (quali ad esempio il bonus idrico).

La piattaforma, che verrà gestita dal Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile, sarà probabilmente accessibile per l’anno corrente solamente per coloro che avranno conseguito l’abilitazione alla guida di mezzi pesanti entro e non oltre il prossimo 30 giugno.

A differenza del bonus patente Regione Friuli, l’agevolazione riguarderà solamente il conseguimento di due specifiche certificazioni: la patente C e la Carta di Qualificazione del Conducente.

Diverso, infine, anche l’importo: il bonus patente che verrà concesso a tutti gli italiani avrà un tetto massimo di 2.500 euro, che andranno però calcolati sull’80% delle cifre spese per le certificazioni.