Mancano davvero pochissime ore per poter richiedere e ottenere un bonus da 500 euro, che risulta in scadenza il 1° ottobre 2021. Si tratta di uno dei tantissimi bonus che il Governo ha messo a disposizione degli italiani per fronteggiare al meglio le necessità derivanti dalla pandemia di Covid-19: stiamo parlando, in questo caso, del bonus PC e tablet.

Questo bonus è infatti stato studiato appositamente per consentire alle famiglie del nostro Paese, che per mesi e mesi sono state costrette al lavoro da remoto ed alla didattica a distanza, di accedere al lavoro e all’istruzione direttamente dalla propria abitazione.

Nei piani dell’ex Governo Conte che ha introdotto la misura, infatti, quest’agevolazione servirebbe proprio per consentire l’acquisto di nuovi dispositivi, ma anche il saldo di un nuovo contratto di connessione ad Internet: per tale ragione, il bonus PC e tablet è chiamato ufficialmente, in maniera forse più propria, voucher connettività.

Dato che mancano ormai pochissime ore per poterlo ottenere, cerchiamo dunque di capire come richiedere il bonus e in cosa consiste con esattezza.

Che cos’è il voucher connettività? Una panoramica sul bonus PC e tablet

Con il termine voucher connettività, conosciuto anche come bonus PC e tablet, intendiamo un’agevolazione, messa a disposizione delle famiglie italiane che, durante i vari lockdown imposti per via dell’emergenza sanitaria, sono state costrette a fruire di istruzione e lavoro direttamente presso le proprie abitazioni.

Sfortunatamente, lo stato di arretratezza digitale in cui versa gran parte della popolazione italiana è sotto gli occhi di tutti, e la pandemia ci ha colti totalmente impreparati: molte famiglie si sono dunque trovate a dover affrontare lo smart working e la didattica a distanza senza avere però i mezzi tecnologici adeguati.

Ecco perché il Governo ha optato per un voucher da 500 euro totali, che servisse appunto a migliorare la fruizione di scuola e lavoro a distanza.

Bonus PC e tablet: cosa si può acquistare col voucher connettività?

Ma il voucher connettività non potrà essere speso esclusivamente per l’acquisto di un dispositivo, quale un PC o un tablet.

Chi, tra i potenziali beneficiari, contava infatti di poter acquistare un laptop o un tablet da 500 euro, dovrà ridimensionare le proprie aspettative: infatti solo parte del voucher potrà essere spesa per l’acquisto del dispositivo, mentre il resto del bonus sarà da utilizzare per potenziare la propria connessione ad Internet.

Analizziamo meglio il bonus PC e tablet nel dettaglio.

Come leggiamo su una notizia riportata da AgendaDigitale,

“Al momento l’utente è obbligato a prendere entrambe le cose: sia un dispositivo a scelta sia la connessione” 

Qualora i richiedenti abbiano già una connessione ad Internet, il voucher andrà utilizzato per potenziale tale connessione, ad una velocità che dovrà essere di almeno 30 Mbit/s in download e 15 Mbit/s in upload (altrimenti non si avrà diritto al bonus PC e tablet).

Non sarà dunque possibile utilizzare parte del bonus per l’acquisto di un pc o, eventualmente, di un tablet, qualora non si proceda prima con il potenziamento o la stipula di un nuovo contratto di connessione ad Internet.

Bisogna inoltre ricordare che, qualora si decida di stipulare un contratto del tutto nuovo, nel caso in cui non si disponga ancora di una connessione ad Internet, si dovrà scegliere lo stesso provider sia per la stipula del contratto di connessione, sia per l’acquisto del nuovo dispositivo.

Diversa è invece la situazione di coloro che hanno già un contratto di connessione ad Internet attivo.

In questo caso, potrà essere mantenuto il provider con cui si è stipulato precedentemente il contratto, utilizzando il bonus PC e tablet per potenziare la propria connessione: una volta effettuato il potenziamento della connessione, si avrà diritto all’utilizzo della restante parte del bonus per l’acquisto di un dispositivo nuovo a scelta.

Bonus PC e tablet: platea dei beneficiari del voucher connettività

Non ci siamo però ancora occupati di stabilire chi sono i beneficiari del bonus PC e tablet: l’agevolazione nota col nome di voucher connettività, infatti, non sarà purtroppo accessibile a tutte le famiglie italiane.

Analizziamo dunque insieme i requisiti richiesti per accedere al bonus.

Per prima cosa, il bonus è riservato solamente a tutte quelle famiglie il cui ISEE non sia superiore ai 20.000,00 euro.

Siamo infatti ancora in quella che viene definita come “Prima fase” del voucher connettività: il vecchio Governo aveva previsto una seconda fase, durante la quale il voucher (probabilmente in forma ridotta) sarebbe stato accessibile anche con ISEE massimo pari a 50.000,00.

Al momento, però, non abbiamo ancora notizie da questo punto di vista ed il bonus PC e tablet è purtroppo ormai in scadenza: dunque è molto probabile che l’iniziativa resti riservata unicamente a coloro che abbiano un ISEE non superiore ai 20.000 euro.

Ma passiamo adesso agli altri requisiti: ci sono infatti delle specifiche tecniche che i beneficiari dovranno rispettare per avere accesso a questo bonus da 500 euro.

Nello specifico, questo secondo requisito riguarda coloro che abbiano già una connessione ad Internet domestica attiva: in tale evenienza, la connessione già attiva non deve essere di velocità superiore ai 30 Mbit al secondo.

Il bonus PC e tablet è infatti stato pensato per migliorare la qualità di connessione delle famiglie italiane con reddito non elevato ma, se la connessione attualmente attiva dovesse raggiungere una velocità di 30 Mbit al secondo, il diritto ad ottenere il voucher connettività decadrebbe in automatico.

 Bonus PC e tablet: posso acquistare un cellulare al posto del tablet?

Occupiamoci ora di un quesito molto dibattuto dagli italiani: quello cioè che riguarda la possibilità di acquistare uno smartphone utilizzando il voucher connettività.

Ricordiamo però che il bonus PC e tablet è stato pensato per migliorare la fruizione di didattica a distanza e smart working: dunque, la parte del bonus che può essere utilizzata per acquistare un nuovo dispositivo potrà essere utilizzata per l’acquisto di un computer o di un tablet.

Non è possibile utilizzare questo bonus per acquistare un nuovo cellulare.

La domanda è però lecita, e sorge spontaneamente in quanto esiste un altro bonus che permette l’acquisto di cellulari: si tratta del bonus smartphone, che al momento non può ancora essere richiesto.

Rimandiamo i lettori interessati al bonus smartphone alla visione del contenuto, a cura del canale YouTube di Evosmart, che ha realizzato un approfondimento totalmente dedicato a questo secondo bonus, che nulla ha a che vedere col bonus PC e tablet. 

In ogni caso, del bonus smartphone manca ancora il decreto attuativo che lo renda fruibile agli italiani: non sappiamo ancora se l’attuale Governo Draghi deciderà o meno di rendere il bonus per i cellulari operativo e ufficiale: in caso di novità, non tarderemo comunque a comunicarle ai lettori.

Bonus PC e tablet: modulo ufficiale e procedura per l’invio delle domande

Per quel che concerne la domanda per ottenere il bonus PC e tablet, come vedremo a breve, la procedura prevista è davvero molto semplice: basterà infatti procurarsi il modulo ufficiale per la richiesta del voucher connettività, che ovviamente deve essere compilato dal richiedente.

Quest’ultimo, poi, dovrà consegnare il modulo stesso al provider che ha scelto. In questo modo, il provider potrà applicare uno sconto diretto da 500 euro per l’acquisto dei servizi ampiamente elencati ai paragrafi precedenti.

Il voucher connettività, poi, può essere fruito sia in negozio fisico, che sfruttando i servizi web del provider scelto, tenendo comunque conto che, per poter beneficiare di questo bonus, andranno necessariamente rispettate le procedure previste.

Ci riferiamo, nello specifico, alla presentazione di un modello ISEE in corso di validità, senza il quale non si potranno effettuare eventuali accertamenti della situazione reddituale del potenziale beneficiario.

Si consiglia poi agli utenti interessati di contattare preventivamente il fornitore di servizi prescelto, in modo da concordare la consegna della modulistica.

Bonus PC e tablet senza ISEE, quando arriverà?

All’epoca della sua introduzione, per il bonus PC e tablet erano previste varie fasi, lo accennavamo ai paragrafi precedenti.

Nello specifico, questo bonus avrebbe dovuto essere esteso, durante una seconda fase, alle famiglie con reddito entro i 50.000 euro, per poi essere fruibile anche dalle imprese in una fase ulteriore.

Dunque, esiste la possibilità che, in futuro, il bonus PC e tablet sia accessibile anche alle partite IVA (si suppone senza ISEE).

Il bonus PC e tablet per partite IVA e imprese avrà una configurazione differente rispetto a quello riservato alle famiglie, e servirà per garantire all’impresa una migliore connessione ad Internet.

Non ci sarà dunque la possibilità di acquistare nuovi dispositivi, ma solamente quella di potenziare la propria connessione ad Internet preesistente. Nel caso in cui non si disponga di una connessione ad Internet, sarà poi possibile utilizzare il bonus per poter stipulare un contratto nuovo.

Anche gli importi sono differenti: per imprese e partite IVA, il bonus PC e tablet in forma di voucher connettività andrà dai 300 euro, fino ad un massimo di 2.500 euro, a seconda della tipologia di contratto prescelta e a seconda della velocità di connessione ad Internet.

Sono state inoltre stabilite inoltre delle specifiche in merito alla durata del contratto: nel caso l’azienda stipuli un contratto con una velocita non superiore a 1 Gbit al secondo, il contratto dovrà durare almeno 18 mesi per poter richiedere il bonus.

Se invece la velocità del contratto ad Internet è superiore ad 1 Gbit al secondo, l’azienda dovrà necessariamente firmare un contratto la cui durata non sia inferiore ai ventiquattro mesi.

Tuttavia, come anticipato, questi sono gli unici dettagli che al momento conosciamo in merito al bonus PC e tablet per aziende e partite IVA; restiamo in attesa di altri particolari, che verranno resi noti all’avvio del bonus stesso.