Bonus in scadenza nel 2021: affrettati a vedere quali sono!

A volte ci sono Bonus messi a disposizione non pubblicizzati abbastanza che non vengono sfruttati a pieno. In un periodo economico fragile e delicato come questo, lasciarli andare sarebbe un grandissimo spreco! Vediamo insieme quali si possono ancora richiedere e le date di scadenza!

Negli ultimi due anni a far da protagonista sullo scenario mondiale c'è stato il Covid che ha sicuramente stravolto le vite di ognuno di noi. Economicamente questo uragano ha sicuramente impoverito gli italiani e oggi più che mai il Governo ha dovuto far fronte a questo problema con Bonus e incentivi che potessero aiutare gli italiani a non perdere il lavoro o a sopravvivere durante le lunghe chiusure imposte dall'emergenza Covid.

Alcuni Bonus però sono stati più "famosi" di altri, più pubblicizzati e sfruttati, mentre altri, forse perchè dedicati a categorie minori o semplicemente meno consistenti sono passati in sordina.

Vediamo quali sono ancora i Bonus e gli incentivi statali attivi con le loro relative scadenze.

Bonus Lavoratori Stagionali

Questo si tratta di un Bonus di 1600 euro, destinato ai lavoratori stagionali, entrato in vigore nel 25 giugno 2021.

L'unico requisito richiesto è essere un lavoratore stagionale appartentente:

  • al settore del turismo e degli stabilimenti termali
  • lavoratori intermittenti,
  • lavoratori autonomi occasionali
  • lavoratori dello spettacolo.

Notiamo come con questo Bonus si sia voluto dare un aiuto alle categorie che tra tante hanno sicuramente più sofferto delle chiusure improvvise e che vivono nell'incertezza dell'apertura. 

La domanda, come quasi per tutti i Bonus, va inoltrata tramite INPS o con l'assistenza di un patronato. C'è già stata una fase di aiuti di 2400 euro e chi è rientrato in quest'ultima non dovrà ripresentare domanda ma verrà tenuto in considerazione se continuano ad esserci i requisiti richiesti.

La scadenza per questo Bonus è del 30 settembre 2021.

Bonus Lavoratori Agricoli

Altro settore fortemente danneggiato dalle chiusure è stato sicuramente quello agricolo. A pensarci è stato il Decreto Sostegni Bis che ha riservato un aiuto ai lavoratori del settore agricoltura, uno dei più importanti per l'Italia.

Il Bonus è di 800 euro ed ha dei requisiti ben precisi:

  • Aver lavorato almeno 50 giorni effettivamente nel settore agricolo
  • Non avere un contratto a tempo indeterminato
  • Non percepire pensione.

Questo bonus può essere richiesto anche nel caso in cui si percepisca già il reddito di cittadinanza o quello di emergenza e ha come scadenza il 30 settembre 2021.

Bonus Edicole

Qualcuno ne ha sentito parlare ai telegiornali?

Le edicole, già fortemente toccate dall'espansione a macchia d'olio dei giornali online e dalla crisi della carta stampata, sono rientrate anche loro in una categoria da proteggere.

In particolare viene riservato un importo massimo di 4000 euro per gli esercenti di attività commerciali che operano nel settore della vendita di giornali, riviste e periodici al dettaglio.

La stessa agevolazione è stata riservata a tutte quelle imprese che si occupano di distribuzione della stampa in comuni con una popolazione inferiore ai 5000 abitanti o nei comuni dotati di un solo punto vendita, per evitare la chiusura anche di quest'ultimo.

Il bonus in questo caso può essere però utilizzato nell'acquisto o noleggio di registratori di cassa, registratori telematici e dispositivi POS, anche per un maggiore controllo della tracciabilità degli acquisti.

La modalità di richiesta è le seguente:

Bisogna collegarsi al sito impresainungiorno.gov.it e accedendo tramite SPID, CNS o CIE fare la propria richiesta.

Il valore del Bonus abbiamo detto avere un tetto massimo e viene quindi calcolato sugli importi pagati nel 2020 dal titolare del singolo punto vendita per cui si fa la richiesta.

Anche in questo caso la scadenza è per il 30 settembre 2021.

Assegno Unico Temporaneo per i figli minori

Spostandoci un attimo da quelli che sono i Bonus per i lavoratori, è importante ricordare che le famiglie hanno avuto grosse spese in questi due anni. Tra acquisto di pc per garantire la DAD e sostegni di vario tipo, anche per chi ha a carico uno o più figli minorenni, inclusi ovviamente figli adottati o in pre affido, è stato pensato un bonus dal 1° luglio al 31 dicembre 2021.

L'idea è nata nella misura in cui si vuole garantire un sostegno immediato alla genitorialità e alla natalità, triste argomento per lo stato italiano, per i nucluei familiari che non hanno già diritto all'Assegno Nucleo Familiare (ANF) che fondamentalmente riguarda sempre i lavoratori in settore pubblico.

Per poter richiedere le mensilità precedenti, nel numero di sei, occorre presentare la domanda sul sito INPS entro il 30 settembre 2021, altrimenti gli arretrati andranno persi.

Non c'è una quota fissa erogata, essa viene stabilita in base all'ISEE e alla numerositù del nucleo familiare.

Bonus Cultura 2021

Questo in realtà non è uno sconosciuto totale. Infatti questo Bonus è da qualche anno che sostiene i ragazzi al compimento dei 18 anni, in questo caso nati nel 2022. Si tratta di un Bonus di 500 euro spendibile in libri, concerti, musei ed eventi a cui si ha accesso tramite l'iscrizione all'App 18app. Si potrà utilizzare questo Bonus Cultura 2021 entro febbraio 2022 anche su siti online come Amazon.

Art Bonus

Anche l'arte ha sentito un pesante calo dei sostegni degli appassionati. A tal proposito si è disposto un credito di imposta per coloro che scelgono di sostenere l'arte con donazioni per il sostegno della nostra amata cultura italiana.

L'agevolazione è del 65% delle somme erogate per interventi di manutenzione e restauro dei beni culturali che tanto hanno reso l'Italia uno degli stati più ricchi di fascino e cultura.

Bonus Mamme domani 2021

Altro bonus interessante, sempre in vista del problema natalità in italia, è un incentivo di 800 euro per tutte le neomamme che hanno un figlio (anche in caso di adozione e pre affido), nel 2021. Il Bonus può essere richiesto dal settimo mese fino al compimento del primo anno del bambino. 

Nel caso in cui ci sia un fortunato parto gemellare, la richiedente può presentare la domanda ma dal settimo mese fino alla nascita dei bambini avrà diritto solo ad una quota di 800 euro. Successivamente la nascita, quote dello stesso importo saranno erogate per ciascun figlio, previa ripresentazione delladomanda a parto avvenuto.

C'è un'altra possibilità: Nel caso di un'unica istanza, se la domanda risulterà accolta, verranno corrisposte tante quote da 800 euro quanti sono i gemelli.

La domanda viene fatta esclusivamente in modalità online sul sito INPS, sempre previo possesso del PIN, dello SPID o della Carta di identità elettronica. Risulta possibile utilizzare anche l'app dell'INPS.

Tra i documenti richiesti c'è un certificato sullo stato di gravidanza con indicazione della data presunta del parto, mentre nel caso di bambino già nato sarà necessario inserire una autocertificazione della data del parto e delle generalità del bambino, compreso codice fiscale.

Si richiedono inoltre estremi del permesso di soggiorno in caso di cittadini extracomunitari;

In caso di adozioni o affidamenti nazionali o internazionali, saranno necessari elementi per il reperimento di informazioni come numero e data dell'atto oltre che l'autorità che lo ha rilasciato.

Nel caso di affidamento esclusivo per il padre, non disperare, ne hanno diritto anche loro previa dimostrazione di elementi identificativi del provvedimento preso dal giudice.

Bonus Asilo Nido 2021

Questo Bonus è riservato alle famiglie con uno o più figli di età inferiore ai 3 anni.

Si tratta di un contributo variabile per le spese dell'asilo nido erogato in base all'ISEE per un range tra i 1.500 euro e i 3.000 euro.

Si consiglia per una completa compilazione un video Youtube del canale ufficiale dell'Inps

Bonus Sanificazione 2021

Il Covid ha costretto tutti a capire la differenza tra pulizia e sanificazione. Anche quest'anno questo Bonus si è reso necessario e prevedere l'agevolazione fiscale del 30% sui costi sostenuti per mettere in sicurezza gli ambienti laborativi per i mesi di giugno, luglio e agosto 2021. Il tetto massimo imposto è di 60.000 euro per imprese, liberi professionisti, autonomi ed enti qualora si effettuino

  • Sanificazione di ambienti
  • Somministrazione di tamponi
  • Acquisti di dispositivi di protezione individuale disinfettanti, termoscanner, igienizzanti e pannelli protettivi.

Bonus Collaboratori Sportivi 2021

Altra categoria fortemente toccata dalla crisi è quella dei collaboratori sportivi che hanno ridotto o fermato la propria attività.

L'ente Sport e Salute S.p.A. è il  riferimento per l'erogazione di questo bonus in scadenza nel 2021.

Prevede: 

  • 1.200 euro per chi ha avuto compensi inferiori a 4.000 euro nel 2019
  • 2.400 euro per chi ha ricevuto compensi tra i 4.000 e i 10.000 euro
  • 3.600 euro per chi nel 2019 ha ottenuto somme maggiori di 10.000 euro

Bonus Occhiali 2021

Si è pensato anche alla salute. Una delle prime spese che si taglia in merito alla salute quando si è in crisi sono proprio gli occhiali. Con questo Bonus è possibile avere uno sconto di 50 euro su occhiali da vista e lenti a contatto per le famiglie con un ISEE inferiore a 10.000 euro.

Insomma, i Bonus da richiedere sono tanti e questi sono solo alcuni. Se si vuole approfondire, in particolare per quelli riguardanti ristrutturazioni e cambio di elettrodomestici si rimanda ad un interessante articolo di Fiscomania.com.

Indubbiamente in questi anni il Governo ha pensato, come ha potuto, a far muovere l'economia e a chi è in difficoltà, anche se spesso e volentieri anche in questi casi le polemiche non si sono fatte attendere. Ci sono categorie che sono state solo sfiorate e che hanno però trovato l'appoggio di iniziative private, un esempio è Scena Unita, iniziativa portata avanti dal cantante Fedez per aiutare i lavoratori dello spettacolo, mentre altre categorie sono state completamente dimenticate. 

Si spera che presto non sian più necessari aiuti e Bonus per far ripartire l'Italia e che ci si possa concentrare su quelle categorie che da sempre sono fortemente in svantaggio, come le coppie giovani che vogliono sposarsi o avere figli, così anche da poter aiutare il triste dato di natalità dell'Italia.