Bonus 2022 in partenza. Tutte le famiglie con figli a carico, frequentanti le scuole dell’infanzia, potranno richiedere il sussidio a copertura delle spese sostenute per l’iscrizione dei bambini agli asili nido pubblici o privati.

La conferma arriva proprio dall’INPS.

Al momento, non è possibile conoscere la data per l’inoltro delle domande utili al riconoscimento del Bonus asilo nido anche senza ISEE, fino a 1.500 euro.

Tuttavia, ci sono diverse Regioni che hanno deciso di provvedere in maniera autonoma, in attesa dello sblocco delle domande per richiedere il contributo statale. 

E in alcune grandi città già da febbraio 2022 è possibile inoltrare le domande per ottenere il Bonus nido 2022 di competenza regionale.

Ma procediamo con ordine per non fare confusione. Analizziamo quali requisiti e condizioni devono essere rispettati per poter accedere al Bonus nido 2022, come funziona e come farne richiesta all’INPS. 

Successivamente ci occuperemo delle Regioni in cui è già possibile presentare le domande per ricevere il sussidio utile al pagamento delle rette.

Anticipiamo fin da subito che il Bonus nido riconfermato dall’INPS nel 2022 potrà essere richiesto dalle famiglie a prescindere dall’ISEE. In tal caso, si avrà diritto ad un contributo di 1.500 euro.

Maggiori informazioni sui Bonus 2022 richiedibili anche senza ISEE le potete trovare nel video di Mr LUL lepaghediale.

Bonus per tutti: in cosa consiste il Bonus nido 2022? Anche senza ISEE?

Partiamo dal Bonus nido prorogato dal Governo Draghi anche al 2022, nonostante l’ingresso in scena a marzo dell’Assegno Unico Universale.

In effetti, il Bonus nido rimane l’unico superstite del processo di assorbimento degli altri Bonus famiglia nell’Assegno Unico Universale per i figli a carico, già richiedibile dal 1°gennaio 2022, i cui pagamenti INPS inizieranno la prossima primavera.

Grazie alla misura di sostegno al reddito dei nuclei familiari, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale permetterà alle famiglie con figli di età inferiore ai 3 anni di età di ottenere il rimborso delle spese sostenute per le rette di iscrizione ed il mantenimento dei bambini all’asilo nido.

In verità, il Bonus nido si scompone in due contributi: uno riservato alle spese scolastiche, l‘altro ai genitori di figli affetti da disabilità che hanno bisogno di un supporto economico per la cura e l’assistenza del figlio direttamente a domicilio.

In entrambi i casi, sia per il Bonus nido legato al pagamento delle rette scolastiche, sia per quello connesso al supporto dei figli con disabilità a domicilio, non è obbligatorio presentare l’ISEE.

In questo caso, si potranno ottenere non più di 1.500 euro di Bonus nido 2022.

Bonus a tutti: a chi spetta il Bonus nido 2022. Oltre all’ISEE quali nuovi requisiti per le domande?

Come per tutti i Bonus INPS, anche il Bonus nido 2022 potrà essere richiesto rispettando specifici requisiti indicati dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Non appena la finestra temporale di inoltro delle domande verrà aperta, tutti i genitori interessati ad ottenere il rimborso delle spese supportate per la retta di iscrizione dei propri figli all’asilo potranno richiedere il sussidio all’INPS.

Oltre al requisito ISEE, ricordiamo non obbligatorio, è necessario essere cittadini italiani o stranieri con permesso di soggiorno per accedere al Bonus nido 2022.

Le domande vanno presentate esclusivamente dal genitori che ha a carico il minore sotto i tre anni di età. 

Volendo essere più precisi, l’inoltro delle istanze è riservato al genitore che si occupa del pagamento delle spese d’iscrizione del bambino all’asilo nido. 

Al momento della presentazione delle domande all’INPS per ottenere il riconoscimento del Bonus nido 2022 anche senza ISEE, tutti i requisiti appena visti devono essere posseduti dal genitore richiedente, pena l’esclusione dalla possibilità di percezione del contributo.

Bonus per tutti: quali sono gli importi del Bonus nido 2022? Senza ISEE 1.500 euro. Ecco la novità

Occupiamoci senza perdere altro tempo degli importi previsti per il Bonus nido 2022, analizzando quali sono le novità rispetto al Bonus dello scorso anno.

In verità, non sembrano esserci particolari modifiche almeno negli importi. Le somme spettanti per il Bonus asilo 2022 continuano a non essere uguali per tutti, ma variano ancora in base all’ISEE familiare.

Come già anticipato, la presentazione dell’ISEE non vincola il riconoscimento del sussidio da parte dell’INPS. 

Il Bonus asilo, infatti, si pone come una misura universale richiedibile da tutti a prescindere dalla condizione reddituale familiare.

Pertanto, rientra a pieno titolo nella lista del “Bonus senza ISEE da richiedere nel 2022. Nello specifico, si potrà richiedere il Bonus nido 2022 senza allegare in sede di domanda la certificazione ISEE. 

In tal caso, e anche se l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente supera i 40.000 euro, si riceverà l’importo minimo previsto, ossia 1.500 euro complessivi per un Bonus nido mensile di 136 euro.

Gli importi del Bonus aumentano nel caso di presentazione della certificazione. 

Le famiglie con un ISEE compreso tra 25.000 e 40.000 euro riceveranno mensilmente 227 euro di Bonus nido 2022, per 2.500 euro totali, quelle con reddito basso (ISEE non superiore a 25.000 euro) 3.000 euro complessivi distribuiti in rate mensili da 272 euro.

Quest’ultimo è l’importo massimo ottenibile per il Bonus nido 2022. Precisiamo, anche se si desume dagli importi appena indicati, che il Bonus senza ISEE verrà concesso per 11 mensilità a partire dalla data di effettiva iscrizione del figlio al nido.

Bonus per tutti: quando partono le domande INPS per il Bonus nido anche senza ISEE?

Vediamo subito quando le famiglie potranno presentare domanda per richiedere il Bonus asilo nido. Al momento, nessun comunicato ufficiale è stato diramato dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Sul sito dell’INPS non è stata ancora aggiornata la data di presentazione delle domande rimasta alla scadenza del 31 dicembre 2021.

Ad ogni modo, si spera che la finestra temporale per richiedere il Bonus nido 2022 anche senza ISEE venga aperta a breve.

Nel frattempo, si possono reperire i documenti utili all’inoltro delle istanze. Come prima cosa, vanno procurate le credenziali d’acceso al sito dell’INPS: SPID, Carta Nazionale dei Servizi (CNS) e Carta d’Identità Elettronica (CIE).

In secondo luogo, vanno conservate tutte le ricevute di pagamento delle rette e la documentazione comprovante l’iscrizione del figli all’asilo nido.

In loro assenza, si perde il diritto ad accedere al Bonus nido 2022. In sede di domanda INPS occorre inserire anche le informazioni sull’asilo dove il bambino è iscritto, il suo codice fiscale e il nominativo del genitore.

Ogni mese sarà necessario aggiornare le ricevute di pagamento delle rette scolastiche per fruire mensilmente del Bonus nido 2022.

Nel caso di Bonus nido richiesto per i figli affetti da disabilità la procedura da seguire cambia. I documenti accertanti il pagamento delle rette vanno sostituiti con il certificato del pediatra. 

Ma c’è di più. Qualora le domande venissero accolte dall’INPS, l’erogazione delle somme di Bonus nido 2022 spettanti avverrà in un’unica soluzione. Gli importi, però, rimangono immutati a prescindere se si presenta o meno l’ISEE.

Bonus per tutti: domande aperte da febbraio 2022! Ecco in quali Regioni si può richiedere il Bonus nido

Alla novità legata alla possibilità di richiedere il Bonus nido senza ISEE, ricevendo un assegno complessivo di 1.500 euro, se ne aggiunge un’altra proveniente direttamente dalle regioni.

In attesa che l’INPS comunichi l’apertura della finestra temporale utile alla presentazione delle istanze per ottenere il riconoscimento del Bonus, molti enti territoriali stanno procedendo in autonomia disponendo dei bandi di concorso per richiedere il Bonus nido.

E le domande possono essere presentate già da febbraio 2022. Nel Lazio è prevista l’erogazione di contributi per i nuclei familiari che hanno pagato o pagano la retta del nido da settembre 2021 fino al 31 luglio 2022. 

Il Bonus nido spetta alle famiglie con figli fra i 3 e i 36 mesi e con un ISEE fino a 60.000 euro. Il tetto massimo di Bonus ottenibile è di 400 euro al mese, mentre le domande potranno essere presentate entro la scadenza del 30 giugno 2022.

Anche in Liguria parte la quarta edizione del voucher nido. Come disposto dalla delibera n. 1101 del 2 dicembre 2021, il Bonus nido 2022 si potrà richiedere dal sito internet del Filse fino al 31 maggio 2022. Potranno presentare domanda tutte le famiglie con figli iscritti al nido e con un ISEE fino a 20.000 euro.

In Veneto, invece, il Bonus nido regionale si sostanzia in un contributo massimo di 600 euro indirizzato alle famiglie residenti con figli da 0 a 3 anni iscritti al nido. L’ISEE richiesto è fino a 15.000 euro, mentre le date di presentazione delle domande variano da comune a comune.