L’ultimo decreto del Governo ha dato il via libera a un nuovo bonus senza ISEE fino a 5.000 euro per tutti. Come funziona? Dopo i mesi di pandemia, l’economia italiana ha bisogno di ripresa e riscatto: ecco perché sono stati confermati 5.000 euro da richiedere subito, senza la necessità di presentare l’ISEE.

Ma di che cosa si tratta? Il Governo ha appena approvato un DPCM che fissa tutti gli importi del nuovo bonus senza ISEE: a partire da 2.000 euro, passando per un bonus di 3.000 euro, e fino a un tetto massimo di 5.000 euro per tutti. Non è necessario possedere un reddito basso: gli incentivi spettano davvero a chiunque. Le risorse a disposizione per i nuovi incentivi sono 650 milioni di euro per i prossimi tre anni, ma la platea di beneficiari è molto estesa.

Scopriamo insieme come richiedere il nuovo bonus senza ISEE fino a 5.000 euro per tutti: di cosa si tratta, a chi spetta e come si possono ottenere i nuovi incentivi statali per cambiare auto. Quali sono i migliori modelli da acquistare?

Bonus senza ISEE: 5.000€ per tutti da subito!

Via libera del Governo al nuovo bonus senza ISEE per tutti: fino a 5.000 euro di incentivi per cambiare la tua auto, senza alcun vincolo reddituale. Puoi scegliere un nuovo modello tra le auto elettriche, ibride, quelle alimentate a benzina, diesel o GPL, purché a basse emissioni.

I nuovi incentivi auto 2022 hanno preso il via e permettono di ottenere da 2.000 euro fino a 5.000 euro senza ISEE a ciascun automobilista che decide di cambiare la propria auto. Ma come funzionano?

Non ci sarà nessuna piattaforma tramite la quale presentare la domanda: ogni cliente dovrà semplicemente rivolgersi alla concessionaria. Quest’ultima potrà prenotare – tramite l’apposita piattaforma Ecobonus del Mise – gli incentivi auto 2022, fino a quando le risorse saranno disponibili.

Non ci sono scadenze per i nuovi incentivi auto 2022: i bonus auto senza ISEE fino a 5.000 euro si possono ottenere sempre, nel limite dei 650 milioni di euro di risorse stanziate. 

L’occasione è unica: vediamo come cogliere l’attimo e sfruttare i nuovi incentivi statali. In questo breve video – disponibile anche su Youtube – sono riassunte tutte le informazioni necessarie per sfruttare i bonus auto 2022: classi di emissione, limiti di prezzo e modelli che si possono acquistare risparmiando con i nuovi incentivi auto.

Bonus senza ISEE: 5.000€ per tutti con i nuovi incentivi auto 2022

Rispetto allo scorso anno, i nuovi incentivi auto permetteranno di risparmiare sull’acquisto di un nuovo veicolo in misure ridotta: se lo scorso anno si potevano risparmiare fino a 10 mila euro sull’acquisto di una nuova vettura, per il 2022 i bonus senza ISEE possono arrivare solo fino a 5.000 euro con rottamazione.

Le alternative di acquisto sono davvero parecchie: ci sono bonus da 2.000 euro per l’acquisto di veicoli a moto endotermico, alimentati a benzina, diesel, o GPL ma a basso consumo di carburante. In alternativa ci sono auto ibride o completamente elettriche, che permettono di risparmiare più del doppio, fino a 5.000 euro.

I nuovi incentivi auto 2022 sono stati suddivisi in tre classi di emissione, a ciascuna delle quali corrisponde un bonus senza ISEE che tutti possono ottenere.

Partiamo dalle auto più “inquinanti”, ovvero la fascia compresa tra 61 e 135 grammi al chilometro, che comprende moltissimi modelli di auto a benzina o diesel, ma anche qualche veicolo a GPL. Per questa fascia di emissione è possibile ottenere un bonus senza ISEE fino a 2.000 euro, ma solo previa rottamazione di un vecchio veicolo precedente. Il prezzo massimo, Iva inclusa, non può superare i 42.700 euro.

La fascia intermedia comprende, invece, i veicoli ibridi o plug in, un’alternativa interessante che si pone a metà strada tra i motori endotermici e quelli elettrici: in questo caso le emissioni sono comprese tra 21 e 60 grammi al chilometro. L’offerta si fa interessante: sono disponibili bonus senza ISEE fino a 2.000 euro senza rottamazione, oppure 4.000 euro con rottamazione di un veicolo più vecchio. Il prezzo massimo, comprensivo di Iva, non può eccedere oltre i 54.900 euro.

Infine, il maggior risparmio si può ottenere acquistando un veicolo alimentato completamente ad elettricità: gli incentivi sulle auto elettriche possono arrivare fino a 5.000 euro con rottamazione, oppure 3.000 euro senza la rottamazione. L’acquisto deve riguardare un veicolo con emissioni inferiori a 20 grammi al chilometro, il cui prezzo (Iva compresa) non sia superiore a 42.700 euro.

Bonus senza ISEE: 5.000€ per cambiare auto. Quali modelli acquistare?

Dopo aver elencato tutte le alternative disponibili per cambiare la propria auto, le relative classi di emissione e i rispettivi bonus senza ISEE che si possono ottenere, arriva il momento di chiarire anche quali sono i modelli di auto da acquistare per godere del massimo risparmio e della migliore qualità.

Tra i modelli di auto acquistabili con gli incentivi rientra la Fiat 500 di Stellantis, che si può acquistare con un risparmio di 2.000 euro circa. Disponibile anche la versione completamente elettrica, che permette di risparmiare addirittura fino a 5.000 euro con la rottamazione.

Ecobonus 2022 anche per l‘acquisto di una Fiat Pande elettrica (con emissioni inferiori a 135 grammi al chilometro), con un risparmio fino a 2.000 euro con rottamazione. E incentivi validi anche per l’acquisto della nuova Honda Jazz (102 grammi al chilometro).

E ancora: si può acquistare una Lancia Ypsilon ibrida (122 grammi al chilometro) fino a 2.000 euro in meno godendo dei nuovi bonus auto senza ISEE. Oppure puntare su una Renault Clio ibrida, che permette di ottenere un bonus fino a 2.000 euro con rottamazione.

E tra i modelli elettrici al di sotto della soglia massima di prezzo, ci sono altrettante occasioni da cogliere al volo. Per esempio, si possono acquistare la Dacia Spring, la Renault Twingo, la Nissan Leaf, oppure la Renault Zoe.

Insomma, le occasioni di risparmio sono davvero moltissime: l’importante è verificare le emissioni del nuovo veicolo (per capire in quale classe rientra), e il prezzo massimo da listino, che non può eccedere i limiti fissati dal DPCM.

Bonus senza ISEE: incentivi auto fino a 5.000€ e non solo!

Ma accanto ai nuovi bonus senza ISEE per acquistare una nuova auto, si aggiungono anche gli incentivi per l’acquisto di moto o ciclomotori elettrici. Grazie a queste agevolazioni è possibile risparmiare fino a 3.000 euro senza la rottamazione, oppure fino a 4.000 euro con la rottamazione di un mezzo precedente.

E se ancora non bastasse, si possono ottenere incentivi fino a 20.000 euro senza ISEE per l’acquisto di veicoli commerciali, ovvero furgoni e camion. In questo caso lo schema di riferimento è un po’ diverso, e si basa sul peso del veicolo oltre che sulle emissioni.

Il Governo ha messo a disposizione ulteriori risorse per tutti coloro che intendono acquistare veicoli commerciali per il trasporto di merci o cose, di categoria N1 e N2: quali sono i bonus e quanto si può risparmiare?

Bonus senza ISEE: incentivi fino a 14 mila euro per camion e furgoni

L’iniezione di liquidità ammonta a 50 milioni di euro per i prossimi anni, una cifra modesta ma interessante per tutti coloro che sono interessanti all’acquisto di un furgone o un camion commerciale. Il risparmio maggiore, chiaramente, è associato ai veicoli completamente elettrici e con peso minore.

Partiamo dalla categoria N1: l’acquisto di un veicolo fino a 1,5 tonnellate permette di ottenere un bonus senza ISEE fino a 4.000 euro esclusivamente previa rottamazione di un mezzo inferiore all’Euro 4. Per i veicoli superiori a 1,51 tonnellate, ma inferiori a 3,49 tonnellate sono disponibili incentivi fino a 6.000 euro, sempre e solo con rottamazione.

Passiamo alla categoria N2, ovvero i mezzi con massa a pieno carico superiore. Per l’acquisto di un veicolo compreso tra 3,5 e 7 tonnellate è previsto un bonus senza ISEE fino a 12 mila euro, solo con rottamazione. Mentre per l’acquisto di un mezzo di massa compresa tra 7 e 12 tonnellate, gli incentivi salgono ulteriormente a 14 mila euro.

A differenza degli incentivi auto, questi bonus senza ISEE per i veicoli commerciali non hanno un prezzo massimo da listino entro il quale rientrare, ma prevedono l’obbligo di rottamazione di un veicolo precedente per poter accedere alle agevolazioni.

Incentivi auto 2022: cambiano i requisiti! Ultime Giorgetti!

In tema di incentivi auto 2022, dopo il varo del decreto governativo, è intervenuto il Ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti. Le polemiche scatenate sulle classi di emissione, ma soprattutto sui prezzi massimi da listino potrebbero spingere i vertici governativi a modificare alcuni requisiti di accesso ai nuovi incentivi auto 2022.

Lo stesso Giorgetti avrebbe affermato la possibilità di rimodulare gli importi degli incentivi e gli stessi prezzi massimi fissati dal DPCM:

Nell'immediato futuro potranno essere opportunamente rivalutate le soglie di accesso alle singole misure, sia dal punto di vista di impatto ambientale, sia in merito all'ammontare dei tetti massimi di spesa dei singoli contributi.

Le critiche hanno voluto sottolineare i prezzi da listino particolarmente bassi che andrebbero ad escludere moltissimi modelli di auto dal mercato. Ma ulteriori modifiche potrebbero avvenire in corso d’opera, come ha anticipato il Ministro Giorgetti.

Incentivi auto 2022: quando arrivano?

Quando arrivano i nuovi incentivi auto 2022? In molti se lo stanno chiedendo, considerando che il nuovo DPCM che fissa i limiti e le classi di emissione è già stato varato: da quando si possono prenotare i bonus senza ISEE?

Non appena la piattaforma del Ministero per lo Sviluppo Economico sarà aggiornata, le concessionarie potranno iniziare a prenotare gli incentivi, nel limite dei 650 milioni di euro di risorse a disposizione.

I clienti non dovranno presentare alcuna domanda, ma semplicemente recarsi in concessionaria e scegliere l’auto da acquistare. A quel punto, sulla base del prezzo, delle emissioni e dell’eventuale rottamazione, si potranno calcolare gli incentivi e procedere all’acquisto.