Ricchi bonus spesa da 500€ entro il 26/08 per chi presenta domanda con questi requisiti

Confermati i nuovi bonus spesa per il mese di agosto: si potranno avere 500 euro a famiglia. Al momento, le richieste per ottenere dei buoni per gli acquisti quotidiani e necessari sono aperte in vari Comuni. Ecco quali requisiti si dovranno rispettare.

Image

Nuova conferma che riguarda i bonus spesa per il mese di agosto: si potranno avere 500 euro a famiglia. Ecco quali requisiti si dovranno rispettare.

Tra le agevolazioni volte a sostenere i nuclei familiari residenti nel nostro Paese, i bonus spesa hanno di certo un ruolo fondamentale.

Soprattutto in questo periodo, in cui l’aumento dei prezzi di beni, servizi e utenze, sta gravando pesantemente sulle spese mensili, un aiuto economico da parte di Stato e Comuni può essere determinante.

Al momento, le richieste per ottenere dei buoni per gli acquisti quotidiani e necessari sono aperte in vari Comuni. E le cifre che possono essere ottenute sono abbastanza ricche: si parla anche di 500 euro.

Ricchi bonus spesa da 500€ entro il 26/08 per chi presenta domanda con questi requisiti

Sebbene la media italiana degli importi concessi dal bonus spesa sia di circa 350 euro, c’è attualmente un bonus attivo a livello locale che supera ampiamente tale importo.

Infatti, è attualmente attiva e lo sarà fino al 26 agosto 2022 la domanda per richiedere fino a 500 euro per nucleo familiare.

Lo ha deciso l’amministrazione comunale di Marsala, che lo scorso 27 luglio ha ufficialmente dato il via all’accoglimento delle domande per i buoni spesa comunali.

Ovviamente, per ottenere tale agevolazione, bisognerà presentare determinati requisiti in sede di domanda.

Primo fra tutti, la residenza entro i confini del Comune di Marsala.

In secondo luogo, i voucher spesa attualmente attivati dall’amministrazione riguardano i nuclei “in condizione di disagio familiare”. Vengono cioè concessi solamente ai redditi più bassi.

Per tale ragione, è stato fissato un tetto ISEE da rispettare per poter accedere, che è pari a 12.000 euro.

Tra l’altro, l’importo esatto ricevuto dalla famiglia dipenderà sia dall’ampiezza del nucleo familiare, sia dall’ISEE presentato in sede di richiesta.

Il bonus erogato non sarà infatti pari a 500 euro per tutti, ma avrà un tetto minimo di 100 euro e un tetto massimo da 500 euro.

Tutto dipenderà dal numero di componenti della famiglia richiedente e dall’ISEE presentato al momento della richiesta.

Il Comune in questione ha optato per un’agevolazione totalmente telematica. Le domande andranno infatti presentate online, sul sito ufficiale dell’ente.

Ed il voucher sarà erogato in modalità elettronica; potrà essere utilizzato non solo per l’acquisto di beni di prima necessità, ma anche per farmaci e altre utilità (come ad esempio le bombole del gas).

Bonus spesa in scadenza il 19 agosto per questi potenziali richiedenti

Il Comune di Marsala non è l’unico Comune italiano dove attualmente le richieste per il bonus spesa sono attive.

Abbiamo infatti una seconda amministrazione comunale che ha da poco attivato la possibilità di richiedere questo fondamentale sostegno.

Si tratta del Comune di Siena, che ha approvato il cosiddetto “Progetto Famiglia” per sostenere i nuclei senesi in condizioni di particolare difficoltà.

Tra le varie iniziative di sostegno, per l’appunto, figura anche la distribuzione dei bonus spesa.

In questo Comune, l’importo massimo erogabile è lievemente inferiore: sarà possibile ricevere un massimo di 350 euro a famiglia.

Anche in questo caso, la misura è riservata a chi versa in particolare difficoltà economica e sono stati stabiliti vari requisiti di accesso al contributo.

Oltre alla residenza presso il Comune, bisognerà consegnare un modello ISEE, ovviamente in corso di validità, entro i 18.000 euro.

Inoltre, è bene ricordare che le famiglie richiedenti possono essere contemporaneamente titolari di altri sostegni statali. L’importo mensile di tali sostegni non può però superare i 500 euro, pena l’esclusione dalla possibilità di ricevere il bonus spesa in questione.

Completano l’elenco dei requisiti di accesso la cittadinanza italiana o comunitaria e il non aver già richiesto il bonus durante l’anno corrente.

Il bonus spesa del Comune di Siena può infatti essere richiesto solo una volta l’anno.

Anche questo Comune ha optato per l’erogazione del sostegno in forma telematica. La richiesta va presentata rigorosamente online, accedendo al sito ufficiale sienafamiglia.it/bonus-spesa/ previa autenticazione a mezzo di SPID.

In alternativa, chi lo desidera può inviare la propria documentazione tramite Posta Elettronica Certificata all’indirizzo PEC comune.siena@postacert.toscana.it.

Leggi anche: Ecco quando partono le richieste per avere 800€ al mese per 12 mesi col Reddito di Base.

La situazione negli altri Comuni italiani

I due Comuni analizzati, ovviamente, non sono gli unici in Italia a concedere i bonus spesa. La misura in questione ha carattere nazionale, ma sono le amministrazioni a decidere come gestire le risorse economiche disponibili.

Si consiglia quindi alle famiglie interessate di verificare sul sito del proprio Comune di residenza data di attivazione e requisiti per accedere alla misura.

Prima di concludere, segnaliamo poi che il Comune di Monza ha previsto l’attivazione per un bonus spesa molto speciale. Sarà dedicato alle famiglie che stanno attualmente ospitando dei profughi ucraini in fuga dalla guerra.

L’iniziativa è stata da poco annunciata ed è attualmente in fase di attivazione.

Leggi anche: Puoi richiedere fino a 300 euro per andare in vacanza con questo nuovissimo bonus viaggi.