C'è un bonus da 200 euro che puoi avere, senza dover rientrare in una specifica categoria e senza dover presentare, compilare, verificare l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente, o in breve ISEE: è il bonus Terme.

Dal prossimo mese questo indennizzo sarà disponibile per tutti i richiedenti italiani, e permetterà di accedere a locali e servizi squisitamente termali, col vantaggio che fino a 200 euro non dovrai spendere nulla

Poi, se vuoi aggiungere qualcosa in più per un'eventuale vacanza a Natale, o durante le festività prima del 25 dicembre, puoi farlo col Bonus Vacanze

Ha vantaggi e svantaggi, come tutti gli indennizzi: un importo più alto ma due requisiti che tocca avere per potervi accedere.

Ma nel caso delle Terme entrambi non ci sono, per tua fortuna.

Bonus Terme: 200 € per tutti e senza ISEE!

Questo bonus è appunto un incentivo per accedere ai servizi termali o alle strutture che rientrano tra quelle dedicate ai servizi del benessere.

Previsto dall’articolo 29-bis del decreto-legge n. 104 del 2020 del Ministero dello Sviluppo Economico, si concentra a garantire un supporto economico a:

  • l'esercente, in particolare se colpito dai danni economici della pandemia da Covid;
  • il consumatore, in particolare se colpito dai danni economici della pandemia da Covid.

Sì, è uno dei tanti supporti nati per agevolare e supportare tutti quelli che dal Covid hanno ricevuto solo debiti, spese e fallimenti, specie della propria attività. 

Ci sono tantissimi indennizzi che il Governo Draghi ha reso disponibile negli ultimi mesi, molti di questi disponibili anche senza richiedere l'ISEE.

Tra cui questo. Un bel vantaggio, no? Senza dover far richiesta al CAF o al patronato locale per avere l'ISEE, hai già l'accesso assicurato per questo supporto.

Va detto però che l'importo di 200 euro non è così tanto, rispetto ad un altro indennizzo, che ha il vantaggio di avere un importo maggiore, decisamente superiore rispetto a questo, ma che richiede due requisiti particolari. Sto parlando del Bonus Vacanze.

Bonus Vacanze: 500 € ma non per tutti!

A differenza del Terme, il Bonus Vacanze è più generico, perché permette di aiutare le famiglie coinvolte economicamente dai danni della pandemia da Covid, supportandole almeno le spese per accedere ai servizi di ristoro e vacanzieri.

Nel caso di questo indennizzo, la cifra arriva fino a 500 euro, ben 300 euro in più rispetto a quello delle Terme. 

Questa cifra però non è per tutti, anche per il fatto che è una cifra massimale, mentre entro alcune condizioni si può invece prendere solo 150 euro.

E le condizioni sono le seguenti:

  • 500 euro per i nuclei familiari con tre o più soggetti;
  • 300 euro per i nuclei familiari con due soggetti;
  • 150 euro per i nuclei familiari con un solo soggetto.

Quindi i single che vogliono andare in vacanza per conto proprio avranno cinquanta euro in meno rispetto a quello per le Terme. Anche se hanno un ISEE inferiore a 40.000 euro, limite previsto per l'accesso a questo indennizzo.

Quindi ha due svantaggi: 

  • se sei single prendi 50 euro in meno;
  • anche se sei una famiglia numerosa, serve sempre l'ISEE in corso di validità.

Se ne vuoi sapere di più, prima della scadenza del 31 dicembre 2021, ti consiglio di vedere il video di Mondo Pensioni, incentrato appunto sul Bonus Vacanze.

Però ha dei vantaggi, rispetto a quello delle Terme.

Bonus Vacanze o Terme? Ecco cosa conviene!

Entrambi i bonus, Vacanze o Terme, permettono di accedere ai servizi di ristoro e vacanzieri, anche se il primo è generalista, tipo quelli balneari o montani purché sul suolo italiano, mentre il secondo è specifico per i servizi termali.

La limitazione principale di entrambi è che è rivolta a soggetti maggiorenni residenti in Italia, quindi comunitari o extra con permessi o titoli di protezione internazionale non possono accedervi.

A sua volta, entrambi non sono cedibili a terzi, e una volta utilizzato l'accredito non è più possibile richiederlo. 

In particolare quello Vacanze non è ex-novo, ma è quello che sarebbe scaduto altrimenti il 31 dicembre 2020, ma il Governo Draghi ha deciso di rinnovarlo anche per Estate 2021. Ma i fondi sono gli stessi, pertanto se già l'hai utilizzato nel 2020, non potrai riutilizzarlo stavolta.

Diversamente, quello per le Terme è nuovo, e uscirà tra qualche giorno. Non prevede l'ISEE, ma almeno ti garantisce 200 euro, anche se solo per accedere ai servizi termali, a patto che questi ultimi:

[non siano] già a carico del Servizio Sanitario Nazionale, di altri enti pubblici ovvero oggetto di ulteriori benefici riconosciuti all’utente [...].

Solo per i servizi termali, e non quelli coperti dall'SSN, tipo quelli che rigurdano l'Assistenza termale del Ministero della Salute.

Va detto però che c'era per quello Vacanze la possibilità di poter aggiungere anche ombrelloni e sdraio al listino degli acquisti disposti con questo indennizzo. 

Il sistema è abbastanza semplice. Quando si dovrà fare l'emissione della fattura da parte del fornitore dei servizi (mettiamo per esempio i servizi balneari), si potrà richiedere che siano aggiunti anche ombrelloni e sdraio. Niente di più facile, no? E' solo una questione di memoria, cioè di ricordarsi di aggiungere questo particolare.

Quindi ora basta decidersi su quale puntare. Se vi interessa alla fine quello per le Terme, potete fare richiesta, ma state attenti, che già si parla di click-day nella fattispecie.

Bonus Terme da 200 €: solo per i più veloci! Attenti al click-day

Per farvi capire l'interesse del Bonus Terme, secondo Federterme, in Italia ogni anno nelle strutture termali vi soggiornano quasi 3 milioni di vacanzieri, di cui il 12% sono clienti stranieri

Ovviamente questo incentivo nasce anche per dare una boccata d'ossigeno a chi, specie l'anno scorso, ha dovuto vedersi quasi azzerati gli ingressi a causa delle zone arancioni e rosse. 

Pertanto c'è da aspettarsi il clik-day, cioè il giorno in cui più persone contemporaneamente accederanno alla richiesta online, mandando in pappa i server di Invitalia, quello adibito alla verifica di questo supporto economico.

Si teme un click-day anche per il fatto che, a conti fatti, solo 265.000 persone potranno beneficiarlo, non di certo per limiti d'ISEE, ma per rischio di esaurimento fondi.

Perchè entrerà ufficialmente nel mese di ottobre, mese ormai diventato decisivo per molte questioni, ma in questo caso per assicurare alla stagione autunno-inverno maggiori accessi presso le strutture termali rispetto all'anno precedente. 

Non potendo fare diversamente, toccherà per forza di cose essere i più veloci. Bisogner essere veloci anche se non si ha ancora né la data né l'orario per poter accedere sul sito governativo e su Invitalia.

Bonus Terme da 200 €: ecco come richiederlo per il click-day

Per richiedere il Bonus Terme da 200 € bisognerà accedere sul sito governativo o di Invitalia il giorno e l'ora precisa del click-day, cioè quando moltissimi in Italia faranno contemporaneamente la stessa richiesta via online. 

Il problema è che ancora non è stata rilasciata una data ufficiale, ma si suppone che sia intorno alla prima metà del mese di ottobre, in tempo per far partire la stagione autunno-inverno.

dovrai cercare lo stabilimento termale che ti aggrada, oltre che accetti il rimborso.

Una volta prenotato, lo stabilimento rilascerà l'attestato di prenotazione, che varrà 60 giorni dalla sua emissione, oltre i quali il rimborso decade.

Augurati di non aver fatto accesso al 61esimo giorno e di non aver fatto fuori il minibar. Perché ti toccherà pagare altrimenti.

Comunque il punto focale della situazione è che da lì in poi ci penserà lo stabilimento a riscattare il rimborso.

Sì, questo indennizzo è in realtà per gli esercenti, ma te, coll'indennizzo convalidato, se non hai speso più di 200 euro, stai apposto!

Per gli stabilimenti dovranno solo accedere alla piattaforma tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), mettendo anche la data di inizio di erogazione dei servizi.

Semmai, prima di iniziare, vi pregherei di valutare alcuni punti delicati, come quello delle truffe.

Bonus da 200 €: attenti alle truffe

Sia il bonus Terme sia quello Vacanze, come detto, non permettono di cedere a terzi il rimborso.

Soprattutto questo, visto che è l'esercente che lo ottiene. Ma vi invito comunque a fare attenzione, non solo per il fatto che è rendicontato, con fondi fino a 53 milioni di euro, ma anche perché c'è stato un precedente truffaldino. Non in merito a quello Terme, per fortuna, ma in merito a quello Vacanze sì.

E' accaduto qualche mese fa, e ha riguardato persone che, causa inesperienza e anche ingenuità, si sono fatte fregare da dei malintenzionati. Inesperienza dovuta in particolare dai social, e ingenuità nel fatto di cascarci.

E' accaduto questo: via social alcuni delinquenti avrebbero promesso ai malcapitati di passargli il Bonus Vacanze, pagandolo di meno.

Preciso: è gratuito, e spetta alle famiglie che hanno meno di 40.000 euro di ISEE. Non serve pagare niente! Probabilmente queste famiglie non rientravano nei requisiti, e hanno preferito pagare pur di averlo.

Alla fine i malcapitati si sono lasciati ingannare, e il risultato è stato quello di farsi recapitare, sì, i bonus Vacanze, ma falsi. 

Se non altro non hanno avuto la stessa sorte degli altri "malcapitati" che si sono fatti truffare pagando profumatamente dei Green Pass falsi, dopo aver stretto degli accordi telefonici via Telegram.

Ho messo il virgolettato perché per avere il Green Pass basta vaccinarsi o farsi il tampone, o avere l'esenzione per malattia cronica. Gratis.

E invece, oltre ad aver avuto un documento falso, beccandosi una sanzione amministrativa che va dai 400 ai 1000 euro, sono stati anche ricattati da questi delinquenti social, dato che, per la compilazione del documento, hanno dovuto rilasciare i loro dati personali.

Si tratta di ransomware: o paghi o abusiamo dei dati che tu hai concesso. 

Potrebbe succedere anche a quello per le Terme? Difficile ma non impossibile. Per questo vi consiglio, oltre a stare pronti per il click-day, anche di evitare di usare Telegram o Whatsapp per fare affari digitali. 

Lasciate questa impresa a chi conosce bene questi mezzi.