53 milioni di euro le risorse (a esaurimento) disponibili per il Bonus Terme, che ha l’obiettivo di agevolare i cittadini nell’acquisto di servizi termali accreditati,

scrive corriere.it, specificando anche che la misura prevista dal Governo con un decreto del Ministro dello sviluppo economico del 1 luglio 2021 dovrebbe essere attiva dalla seconda metà di ottobre.

Un incentivo messo a punto per aiutare un settore che a causa della pandemia ha sofferto molto, chiaramente, e che dovrebbe coprire il servizio termale al 100% per chi lo ottiene, fino a un massimo di 200 euro.

Idea buona, ma vediamo come funziona nella pratica, quali sono tutti i dettagli relativi alla domanda, chi può richiederlo e dove è possibile utilizzarlo.

Bonus terme: per chi?

A differenza della maggiorparte degli altri bonus, in questo caso non c'è assolutamente alcun limite, alcun requisito da possedere, alcun ISEE da rispettare - a patto che si sia cittadoni residenti in Italia, e con più di 18 anni.

Quindi, sì: è aperto a tutti. O meglio, a chi riuscirà a richiederlo in tempo.

Come funziona il bonus terme?

Proprio perché aperto a tutti e "libero", il bonus terme è soggetto a limiti di natura temporale. Cioé? A parte il fatto che, chiaramente, l'agevolazione sarà disponibile solo una volta a persona e per un solo acquisto (quindi non cumulabile in due "round"); sembra anche che per aggiudicarsi il bonus i cittadini dovranno partecipare a un click day.

Ovvero, sarà scelto un certo giorno ed una certa ora per aprire le prenotazioni, ed i bonus saranno disponibili fino a esaurimento scorte. Dunque, unico requisito, la velocità del click:

Per ottenere il bonus terme gli interessati dovranno effettuare una prima prenotazione del voucher presso uno degli enti termali accreditati. A questo punto la palla passa alla struttura che riceve la richiesta che dovrà inserire le relative informazioni nella piattaforma,

spiega fasi.eu, aggiungendo che sarà la struttura a doversi accertare che l'utente non abbia già beneficiato del bonus presso altre strutture termali.

Dove posso usare il bonus terme?

Il Bonus terme è un’agevolazione di cui il cittadino potrà beneficiare prenotando i servizi termali di proprio interesse presso uno stabilimento termale prescelto,

è dichiarato sul mise.gov.it, mettendo in chiaro che sarà possibile scegliere liberamente lo stabilimento termale che si preferisce; a patto però che sia all'interno della lista delle strutture che aderiscono all'iniziativa:

l’elenco degli stabilimenti termali accreditati troverà pubblicazione ed aggiornamento sui siti web del Mise e di Invitalia;

specifica a questo proposito lavoroediritti.com, indicando anche la modalità di registrazione per gli stessi centri termali - tramite Invitalia.

Bonus terme: e dopo la prenotazione?

Una volta effettuata la prenotazione nel centro termale che si è scelto, si riceve dallo stesso l'attestato di prenotazione, che potrà essere utilizzato entro 60 giorni.

L’ente termale presso il quale il cittadino ha fruito i servizi termali provvederà a richiedere a Invitalia, mediante apposita piattaforma informatica, il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino.

(fonte idealista.it)

Tutto chiaro, ed in apparenza facile, una bella iniziativa per venire incontro a queste strutture che a causa della pandemia sono state tra le più colpite dalle varie restrizioni delle quali ormai parliamo da quasi due anni.

Bonus Terme: le critiche

Ma come per tutte le cose, anche in questo caso arrivano pareri contrastanti: per diversi motivi, sono state sollevate nei confronti di questa agevolazione alcune critiche.

Per esempio, il costo dell'incentivo per lo Stato: si tratta di 53 milioni, che sarebbero potuti essere investiti diversamente, a parere di qualcuno.

Altra domanda lecita è quella di questo articolo di today.it:

ce n'era proprio bisogno? Al netto delle perplessità sulla politica dei bonus a pioggia, ci si chiede se sia accettabile l'introduzione dell'ennesima agevolazione senza limiti di ISEE.

A questo proposito infatti sarebbe possibile iniziare una riflessione dai toni filosofici relativa ai temi della giustizia, dell'uguaglianza, dell'equità, prosegue l'articolo: è giusto che tutti, anche chi fatica ad arrivare a fine mese - pur con le dovute proporzionalità nel sistema di pagamento delle tasse - versino dei soldi destinati a bonus per chiunque, quindi anche coloro che magari di problemi economici non ne hanno mai sentito parlare?

Dal momento che però sono solo parole, e che i fatti non dipendono certo da queste, torniamo ai dettagli dei bonus.
Non sono ancora stati pubblicati gli elenchi delle strutture termali che aderiranno all'iniziativa, ma è possibile iniziare a dare un'occhiata ai centri termali della zona, in modo da essere pronti e già adeguatamente informati quando arriverà il giorno del click day: ecco un elenco, regione per regione, di alcune delle strutture termali italiane più rinomate.

Quali sono le strutture termali in Valle d'Aosta?

Cominciamo dalla Valle d'Aosta, che ha da offrire alcune località termali davvero spettacolari, a cominciare dalle rinomate terme di Pré Saint Didier: a questo link è possibile visitare il sito dedicato.

Un'altra fantastica location sempre in questa regione è quella offerta dal Bucaneve Hotel, vicino a Cervinia: questo è il sito della struttura.

Terme in Piemonte

Cominciamo da Torino, da uno degli stabilimenti termali più conosciuti della regione: QC Terme Torino. Vicinissimo alla stazione Porta Nuova, puoi scoprire maggiori dettagli a questo sito.

Altro stabilimento termale rinomato in Piemonte è quello di Monte Valenza, che si trova in provincia di Alessandria. Per maggiori dettagli, ecco il sito.

Quali sono le strutture termali in Lombardia?

Per quanto riguarda la Lombardia, se si preferisce non spostarsi da Milano, ecco il sito di QC Terme Milano, a questo link; per chi volesse invece una location più spettacolare ecco le Terme di Boario, a Darfo Boario Terme, che puoi vedere sul sito dedicato.

Terme in Trentino Alto adige

Eccoci in Trentino, dove nel favoloso contesto delle Dolomiti riportiamo le Terme Dolomia, struttura della quale puoi visitare il sito qui, e le Terme Merano, nel centro di Merano, delle quali puoi scoprire i dettagli su questo sito.

Terme in Friuli Venezia Giulia

Per il Friuli Venezia Giulia citiamo lo stabilimento termale di Arta, chiamate anche "Il palazzo delle acque", che puoi scoprire con questo link, e le Terme Romane di Monfalcone, che puoi visitare su questo sito.

Stabilimenti termali in Liguria?

Per la Liguria, riportiamo lo stabilimento termale Thalassio Medical Spa, ad Alassio e, dall'altra parte della regione, La via delle Terme, a Genova: ecco il sito.

Terme in Emilia Romagna

Un ottimo stabilimento termale in Emilia Romagna si trova in provincia di Parma, e sono le Terme di Monticelli, delle quali puoi vedere il sito qui.

Sempre nella stessa regione, ma in provincia di Modena, citiamo le Terme della Salvarola:

Le acque “divine” della Salvarola, salsobromoiodiche, solfuree e solfobicarbonatomagnesiache, sono ideali per trattare diverse patologie legate all’apparato respiratorio, l’apparato vascolare, la pelle e le articolazioni. Scopri nel dettaglio tutti i benefici e le proprietà delle nostre acque termali,

racconta il sito, che puoi visitare a questo link.

Terme in Toscana

Per la regione Toscana, che secondo siviaggia.it:

è la regione italiana con più terme e centri per il benessere e relax,

citiamo qui le Terme di Gambassi, che puoi vedere su questo sito, e Albergo Posta Marcucci, a a San Quirico d’Orcia, stabilimento a dir poco spettacolare che puoi visitare sul sito dedicato.

Stabilimenti termali in Veneto

Terme in Veneto? Riportiamo qui lo stabilimento termale Terme di Recoaro, immerse in un parco naturale immenso e di interesse storico e artistico, che puoi visitare a questo sito, e Parco Termale del Garda, del quale tripadvisor.it racconta:

Il “Parco Termale del Garda” è una “SPA naturale” di 13 ettari immersa tra piante rare e alberi secolari e dove si trovano laghi termali, piscine, idromassaggi e fontane.

Quali sono gli stabilimenti termali in Lazio?

Per la regione Lazio, un'ottima struttura termale è quella delle Terme di Stigliano, che puoi visitare su questo sito.

In provincia di Viterbo invece citiamo le Terme dei Papi, alle quali puoi dare un'occhiata a questo link.

Terme nelle Marche

Ecco lo stabilimento Terme dell'Aspio, a Camerano, delle quali puoi scoprire i dettagli su questo sito.

Terme in Umbria?

Per l'Umbria, citiamo i Bagni Triponzio Terme, che come racconta il sito sono state anche citate da virgilio nell'Eneide.

Quali sono gli stabilimenti termali in Abruzzo?

Per la regione Abruzzo citiamo le Termealte, che puoi scoprire su questo sito, e le Terme di Popoli, in provincia di Pescara: ecco il sito dedicato.

Terme in Molise?

Ecco due affascinanti stabilimenti termali, entrambi in provincia di Isernia, che ilturista.info cita tra le terme di maggior prestigio della regione: lo stabilimento La Fonte dell'Astore, che puoi visitare a questo link, e la Domus Aurea di Bagnoli del Trigno, della quale puoi scoprire di più a questo link.

Stabilimenti termali in Campania

Per la Campania, tra gli stabilimenti termali che expedia.it definisce da non perdere assolutamente, citiamo la prima struttura in classifica: le Terme di Ischia, che puoi visitare a questo sito.

Terme in Calabria

In Calabria non è possibile non citare le Terme Caronte, di cui puoi farti un'idea sul sito dedicato.

Tra l'altro, nel box informativo del sito, in questo caso è già possibile leggere le notizie relative a questo bonus e scoprire la modalità per effettuare la prenotazione nello stabilimento.

Quali sono le terme in Puglia?

Per la regione Puglia citiamo le Terme di Torre Canne, che puoi visitare a questo sito.

Terme in Sicilia?

In Sicilia, tra i migliori stabilimenti termali della regione il sito accompagnatori-sicilia.com cita le Terme Segestane:

Gli ambienti dello stabilimento e le loro acque sono luoghi privilegiati per la terapia dermatologica, reumatica e delle vie respiratorie.

Stabilimenti termali in Sardegna

Per quest'isola, impossibile non citare le Terme di Sardara, a meno di un'ora da Cagliari. Puoi scoprire di più sul sito dedicato.

Sperando che questo piccolo elenco dei più rinomati stabilimenti termali, regione per regione, possa esserti utile - almeno nell'ottica di essere a conoscenza dei luoghi dove potrebbe essere utilizzabile il bonus - non rimane che augurare in bocca al lupo per aggiudicarselo.