Finalmente ci siamo: le tanto a lungo attese date del Bonus terme sono arrivate! Lo ha comunicato Invitalia, l’ente gestore ed erogatore del Bonus. Se fino a pochi giorni fa ancora si parlava e si ipotizzava di un click day, adesso bisogna ricredersi. O, almeno, non si tratta di un vero e proprio click day.

Ma passiamo all’argomento “caldo”: quando verrà attivata la piattaforma per prenotarsi? Ebbene, le date rese note sono ben due.

Il 28 ottobre 2021 i gestori degli enti termali potranno registrarsi sulla piattaforma; mentre a partire dall’8 novembre 2021, gli enti accreditati provvederanno a prenotare il Bonus per tutti i cittadini interessati a partire e concedersi qualche giorno di relax alle terme.

Andiamo a scoprire tutto ciò che riguarda il Bonus terme 2021!

Bonus terme 2021: le tanto attese date sono arrivate!

Il Bonus terme fa parte della lunga schiera di misure molto richieste dai cittadini. Infatti, l’attesa è stata davvero lunga, ma, finalmente, l’ente gestore ed erogatore del Bonus, Invitalia, ha comunicato le date di apertura della finestra di prenotazione del bonus.

Le giornate che bisogna ricordarsi sono due:

  • Il 28 ottobre 2021, gli enti termali dovranno registrarsi sulla piattaforma per accreditarsi. Per farlo, il rappresentante legale dell’ente dovrà accedere mediante le proprie credenziali del Servizio Pubblico di Identità Digitale (Spid);
  • Dall’8 novembre, invece, sempre gli enti accreditati potranno prenotare l'incentivo per i cittadini interessati a ricevere il Bonus terme. Ovviamente, in questo caso, i cittadini faranno prima richiesta alle strutture termali scelte, presenti nell’elenco degli enti accreditati.

A tal proposito, sul sito ticonsiglio.com si legge che:

“Dopo l’avvio della piattaforma sarà possibile, infatti, consultare l’elenco delle strutture accreditate, che sarà pubblicato e aggiornato nelle sezioni dedicate presenti nei siti web del Ministero dello Sviluppo economico e di Invitalia”.

Bonus terme 2021: sarà un click day?

Il Bonus terme sarà erogato fino all’esaurimento dei 53.000.000 di euro stanziati, che copriranno poco più di 250.000 voucher del valore nominale di 200 euro ciascuno.

I numeri parlano chiaro: le risorse non sono infinite e considerata l’attesa generale di questo bonus non è da escludere che le risorse stanziate finiscano presto. 

Non si parla di un vero e proprio click day, ma poco ci manca. Tutti gli interessati a partire per una vacanza termale dovranno tenersi pronti a prenotarsi per tempo, presso la struttura accreditata scelta. Pertanto, così come consiglia un articolo pubblicato sul sito ticonsiglio.com:

“Quindi sarà importante, per ottenere il buono, richiederlo online non appena sarà attivata la piattaforma per le domande, o comunque il prima possibile”.

Ma bisogna sottolineare che non si tratta di un click day, soprattutto perché i cittadini interessati dovranno prenotarsi presso gli enti termali e, quindi, non sulla piattaforma messa a disposizione.

È bene andare a dare un’occhiata più approfondita su come funziona il Bonus terme e in cosa consiste la misura.

Bonus terme 2021: che cos’è?

Il Bonus terme 2021 è una delle agevolazioni più attese di quest’anno. Sono stati stanziati ben 53.000.000 di euro per i cittadini che potranno beneficiare della misura, da poter spendere presso le strutture termali accreditate. Sul sito informativo tg24.sky.it si legge che:

“L'incentivo sarà disponibile a partire dalla pubblicazione dell'avviso di apertura delle prenotazioni fino all'esaurimento delle risorse stanziate”.

Questi fondi andranno a coprire poco più di 250.000 voucher, dal valore nominale ciascuno di 200 euro. Si tratta di una agevolazione molto interessante per chi ha intenzione di prendersi una breve vacanza e godersi i servizi messi a disposizione dagli enti termali.

Il Decreto attuativo del Bonus terme 2021 è approdato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 5 agosto 2021. Si tratta di una misura pensata per risollevare un settore che è stato molto colpito dalle chiusure durante le fasi più calde dell’emergenza epidemiologica del Coronavirus.

Con il Bonus terme 2021, gli utenti interessati possono prenotare un ente termale, tra quelli che hanno aderito all’iniziativa, e che si sono accreditati sulla piattaforma. In cosa consiste la misura? Il Bonus prevede uno sconto del 100% sul prezzo del biglietto, ma fino ad un tetto di spesa per cliente di 200 euro.

Nel momento in cui il cliente dovesse spendere di più dei 200 euro, la differenza dovuta all’ente dovrà pagarla di tasca propria.

Bonus terme 2021: chi sono i beneficiari della misura?

I beneficiari di questo Bonus sono davvero tanti. Per quale motivo? I requisiti che bisogna possedere sono pochi. Infatti, è richiesta la maggiore età e la residenza in Italia. Ma non solo: la platea dei possibili beneficiari è molto vasta perché questo bonus non richiede soglie reddituali Isee da rispettare e non tiene neppure conto del nucleo familiare.

Proprio per i motivi sopra citati, si pensa che i fondi stanziati potrebbero ben presto esaurirsi. E se non sarà il dito più veloce a vincere, per tutti gli interessati è bene tenersi pronti, controllare le strutture accreditate dal 28 ottobre e prenotare il proprio voucher presso una di esse!

A tal proposito, sul sito quifinanza.it si legge che, soltanto dopo il 28 ottobre

“[…] i cittadini interessati potranno consultare l’elenco degli stabilimenti termali accreditati che verrà pubblicato e aggiornato nelle sezioni dedicate presenti nei siti del Ministero dello Sviluppo economico e di Invitalia stessa”.

Si ricorda, infine, che il Bonus terme non costituisce ai fini fiscali reddito imponibile. Pertanto, non va dichiarato nella dichiarazione dei redditi e non inciderà neppure ai fine Isee.

Bonus terme 2021: validità del voucher

Abbiamo già detto che sarà possibile prenotare il proprio buono a partire dall’8 novembre 2021. Ma entro quanto tempo è possibile spendere il proprio voucher? È possibile spendere il buono entro sessanta giorni dalla data di emissione del voucher. Trascorsi i sessanta giorni, non sarà più possibile fruire della misura e l'importo ritornerà nuovamente nelle casse del Fondo. Infatti, sul sito fasi.eu viene sottolineato che, una volta scaduto il termine:

“[…] il budget relativo al buono confluisce nuovamente nella dotazione complessiva stanziata per l'agevolazione”.

È bene sottolineare che il bonus ricevuto dovrà essere speso in un’unica soluzione e soltanto presso un unico ente termale. Inoltre, il voucher è personale e, quindi, non potrà essere né ceduto, né venduto a terze persone. 

Richiesta Bonus terme: i percorsi da seguire sono due!

Per richiedere il Bonus terme bisogna seguire due percorsi. Sostanzialmente, sia la prima fase che la seconda fase, devono essere eseguite, per la maggior parte, dagli enti termali

Ma procediamo con ordine. 

A partire dalle 12:00 del 28 ottobre 2021, gli enti interessati ad aderire alla misura dovranno trasmettere una richiesta a Invitalia, accreditandosi online sull’apposita piattaforma. Sul sito leggioggi.it si legge che, proprio su questa piattaforma:

“[…] il rappresentate legale è tenuto a presentare apposita istanza […]”.

Basterà autenticarsi, mediante le proprie credenziali Spid. Successivamente, ecco i dati che si dovranno inserire:

  • Dati anagrafici dell’ente termale che si intende accreditare;
  • Gli estremi e la copia dell’autorizzazione all’apertura dell’attività;
  • Tutti i dati necessari per erogare i rimborsi agli utenti;
  • Dichiarazioni sostitutive in cui si attesta lo svolgimento dell’attività di erogazione dei servizi termali e ci si assume l’impegno a comunicare tempestivamente eventuali cambiamenti, come, per esempio, la sospensione oppure la chiusura del servizio;
  • Impegno ad acquisire il consenso degli utenti al trattamento ed al trasferimento all'ente gestore Invitalia dei dati personali ai sensi della normativa sulla privacy.

Sostanzialmente, gli step di registrazione si concludono qui. L’agenzia che gestisce ed eroga il Bonus terme eseguirà tutti i controlli necessari al fine di verificare la veridicità dei dati inviati.

Ma, adesso, analizziamo come devono comportarsi gli utenti interessati a prenotare un voucher da 200 euro!

Bonus terme 2021: cosa devono fare gli utenti?

I cittadini non devono seguire procedure particolarmente lunghe e difficili per richiedere il Bonus terme 2021. Infatti, così come si legge sul sito informativo tg24.sky.it, non è previsto:

“[…] l'accesso a portali o a piattaforme della pubblica amministrazione […]”.

I cittadini interessati a ricevere il Bonus terme 2021 non devono far altro che prenotarsi presso il centro termale scelto dalla lista di quelli accreditati, presenti nell’apposito elenco che verrà pubblicato sul sito di Invitalia e sul quello del Ministero dello Sviluppo Economico (Mise).

Successivamente, toccherà di nuovo ai centri termali entrare in gioco. A partire dall’8 novembre 2021, potranno prenotare il voucher da 200 euro per i cittadini che ne fanno richiesta. All’ente termale, Invitalia rilascerà un documento contenente tutte le informazioni relative alla prenotazione effettuata e il codice univo.

Quest’ultimo dovrà essere inviato, tramite posta elettronica - qualora sia statacomunicata -, all’utente che ha effettuato la prenotazione, oppure potrà essere stampato e consegnato a mano, quando il cliente si recherà presso la struttura termale.

Naturalmente, il Bonus terme sarà disponibile in base all’ordine cronologico di prenotazione e fino all’esaurimento delle risorse stanziate.

Infine, una volta elargiti tutti i servizi previsti dalle prenotazioni, gli enti termali dovranno chiedere ad Invitalia, sempre utilizzando l’apposita piattaforma, il rimborso pari al valore del voucher utilizzato dall’utente. Quando si dovrà chiedere il rimborso?

L’ente termale dovrà provvedere a chiedere il rimborso non oltre il quarantacinquesimo giorno dall’emissione della fattura, allegando alla domanda sia il documento della spesa e il codice univoco della prenotazione, che la documentazione relativa al rispetto della normativa vigente sulla privacy.