Parte il conto alla rovescia per la partenza del bonus Tv 2021,  dopo la firma del Mef e del Mise  del decreto attuativo, è prevista fra 15 giorni la pubblicazione un Gazzetta Ufficiale che renderà operativo il bonus, ma c'è una novità che cambia tutto, l'aggiunta di un nuovo requisito che si aggiunge a quelli già esistenti per la richiesta del contributo.

Si tratta dell'obbligo di presentare in fase di acquisto la prova di pagamento del canone Rai per l'anno corrente, pagato tramite modello F24 o con l'addebito in bolletta.

Il bonus tv inserito nel decreto Sostegni bis dal governo Draghi prevede un incentivo di 100 euro sull'acquisto di televisori di ultima generazione che supportino il passaggio alla nuova tecnologia digitale a partire dal 1 settembre 2021 e che vedrà la copertura dell'intero territorio nazionale entro giugno 2022.

Attualmente i contributi destinati al bonus tv ammontano a 100 milioni di euro con la possibilità avanzata dal ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti al governo di aumentare le risorse visto l'alto numero di dispositivi televisivi presenti in Italia.

Estendendo la platea dei beneficiari infatti, come è già stato fatto grazie all'eliminazione del requisito ISEE, estendendo la possibilità di richiedere il contributo a tutti ed in modo semplice si eviterebbe il disagio rispetto ad un possibile oscuramento di milioni di televisori nel momento in cui ci sarà lo switch dalla vecchia alla nuova tecnologia, switch che comunque non avverrà in contemporanea su tutte le aree d'Italia, ma che includerà gradualmente le varie regioni in un periodo compreso tra il 1 settembre 2021 e giugno 2022.

In ultimo va ricordato il termine ultimo per richiedere il bonus tv, 31 dicembre 2022 e che il bonus sarà disponibile fino ad esaurimento fondi.

Nel video che segue, tratto dal canale Youtube AmiraMondo  vengono spiegati in modo semplice ed esaustivo tutti i dettagli riguardo il Bonus Tv e decoder 2021: chi può richiederlo, come compilare il modulo e da dove vedere la lista dei dispositivi idonei, ricordo inoltre il termine ultimo per richiedere il bonus tv, 31 dicembre 2022 e che il bonus sarà disponibile fino ad esaurimento fondi.

Bonus tv 2021 funzionamento e requisiti

Il nuovo bonus tv prevede uno sconto massimo di 100 euro sull'acquisto di un nuovo televisore di ultima generazione, il bonus sarà richiedibile da tutti senza limiti di reddito e quindi senza bisogno dell'ISEE.

Se quindi è vero che il bonus tv è richiedibile da tutti grazie al fatto che non ci sono limiti legati al reddito, resta comunque la necessità di rispettare alcuni requisiti.

I requisiti da soddisfare per poter beneficiare del bonus tv sono tre:

  • avere la residenza sul territorio italiano
  • l'obbligo di rottamazione della vecchia tv
  • la prova dell'avvenuto pagamento del canone Rai

e proprio quest'ultimo requisito aggiunto in extremis al provvedimento rappresenta l'ultima novità apportata al bonus tv a pochi giorni ormai dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Bonus tv: la rottamazione

Tra i requisiti richiesti per poter beneficiare del bonus tv come elencato in precedenza c'è quello relativo all'obbligo di rottamazione di una televisione obsoleta, ma cosa si intende per obsoleta?

Con il termine obsoleto si intendo tutti quegli apparecchi televisivi acquistati precedentemente al 22 dicembre 2018 e quindi non in grado di supportare la nuova tecnologia digitale HEVC Main 10.

La rottamazione va eseguita consegnando fisicamente il vecchio apparecchio tv preso il rivenditore nel momento in cui si andrà ad acquistare la nuova tv.

Il rivenditore ha la responsabilità del ritiro e dello smaltimento rispettando un adeguato protocollo, il credito fiscale spettante a seguito dell'avvenuta concessione dello sconto potrà essere recuperato mediante compensazione.

Il processo di rottamazione può avvenire anche diversamente con il beneficiario del bonus tv che può recarsi presso discariche autorizzate portando il vecchio televisore insieme ad un modulo compilato sul quale verrà specificato l'avvenuta rottamazione della tv attraverso al consegna in una discarica autorizzata, l'autodichiarazione della titolarità del canone Rai oltre che alla conferma dell'acquisto del vecchio televisore in data precedente al 22 dicembre 2018.

Il modulo compilato correttamente e controfirmato dovrà essere consegnato in fase di acquisto del nuovo dispositivo tv al negoziante che a sua volta inserirà tutti i dati del benficiario del bonus tv all'interno di una piattaforma web dedicata presente sul sito dell'Agenzia delle Entrate sulla quale potrà verificare la presenza dei requisiti.

Se tutto dovesse essere confermato il negoziante applicherà lo sconto previsto del 20% fino ad un massimo di 100 euro così come previsto dal bonus tv.

Bonus tv a chi spetta

Il bonus tv 2021 che prevede uno sconto del 20% fino ad un massimo di 100 euro sull'acquisto di televisori di ultima generazione che supportino il passaggio alla nuova tecnologia digitale a partire dal 1 settembre 2021 e che vedrà la copertura dell'intero territorio nazionale entro giugno 2022 puo' essere richiesto da:

  • un solo soggetto per nucleo famigliare;
  • il richiedente deve essere colui che ha effettuato il pagamento del canone rai attraverso il modello F24 o con l'addebito in bolletta;
  • dagli ultra 75enni esonerati dal pagamento del canone Rai.

Bonus 50 euro con ISEE

Per tutti coloro che non hanno o che non vogliono rottamare la vecchia televisione, ma vogliono comunque beneficiare del bonus tv o per tutti coloro che non vogliono aspettare la data di entrata in vigore del nuovo bonus 2021 c'è sempre la possibilità di usufruire del vecchio bonus tv, ma a condizioni diverse, decisamente più sconvenienti.

In questo caso i requisiti per usufruire del vecchio bonus tv sono quelli di presentare un ISEE inferiore a 20mila euro.

L'importo del quale si può beneficiare con il vecchio bonus tv è di 50 euro utilizzabili anche per l'acquisto di un decoder esterno, importo che può coprire interamente il costo del dispositivo, in questo caso si potrà avere un decoder in modo totalmente gratuito.

Bonus tv: le date dello switch

Il passaggio alla nuova tecnologia no avverrà contemporaneamente su tutto il territorio italiano, ma avverrà in modo scaglionato.

La data di partenza che darà il via alla rivoluzione digitale sarà il 1 settembre 2021 e includerà Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Valle d'Aosta, ed Emilia Romagna.

Dal 1 gennaio 2022 proseguiranno Sardegna, Campania, Lazio, Liguria, Toscana, Umbria.

Infine le ultime regioni che saranno sottoposte allo switch della nuova tecnologia saranno Abruzzo, Marche e Molise insieme a Calabria, Puglia e Sicilia questo avverrà tra il 1 aprile 2022 e giugno 2022, sarà questa la data in cui l'intera nazione sarà coperta dalla nuova tecnologia di trasmissione Dvtb-2

 tra i vari vantaggi una visione di qualità decisamente migliore, con un altissima definizione visto che supporteranno i video in 8k.

Bonus tv: il test

 I nuovi dispositivi tv o decoder acquistati a partire dal 1 gennaio 2018 come già scritto in precedenza per legge devono essere compatibili con la nuova tecnologia.

Prima di ritenere la propria tv obsoleta il consiglio è quello di effettuare una verifica mediante un test e capire così se c'è la compatibilità con la nuova tecnologia di trasmissione Dvbt-2.

Effettuare il test è semplice basterà sintonizzarsi sul canale 100 o sul canale 200, nel momento in cui dovesse apparire sul teleschermo la scritta "Test HEVC Main10" significa che la tv è assolutmanete compatibile con la nuova tecnologia e si potrà scegliere di continuare ad usarla.

Nel momento in cui sul teleschermo dell' proprio apparecchio televisivo dovesse apparire la scritta "Non disponibile" significherà che la tv appartiene alla lista dei dispositivi obsoleti non adatti alla ricezione del nuovo segnale digitale, con l'obbligo, nel caso si volessero continuare a vedere i programmi tv, sostituire il vecchio dispositivo attraverso l'acquisto di un  televisione di ultima generazione, sfruttando l'agevolazione prevista dal bonus tv che prevede uno sconto del 20% fino ad un massimo di 100 euro.

Ancor prima di effettuare il test per capire la compatibilità del proprio apparecchio televisivo con le nuove tecnologie si può controllare sul retro della tv la presenza di una targhetta che riporti la dicitura  DVB T2 o H265/HEVC, nel caso in cui dovesse essere presente significa che la tv è compatibile e non ci sarà bisogno di effettuare il test.

Ultimo tentativo da fare prima di decretare la propria tv come obsoleta è provare una sintonizzazione automatica dei canali accessibile tramite telecomando tramite la funzione menù.

E' comunque possibile verificare al compatibilità della propria tv o del proprio decoder anche consultando l'elenco messo a disposizione dal MISE sulla seguente pagina web.

Bonus tv 2021: casi di esclusione

Nel momento in cui dovessero verificarsi casi di appropriazione indebita del bonus a causa della mancanza di alcuni requisiti da parte del richiedenti o di errori nella procedura di richiesta del bonus tv c'è la revoca dell'intero sconto del quale si è usufruito per l'acquisto del televisore o del decoder.

Nel momento in cui infatti venga ravvisata una irregolarità rispetto a ciò che si è dichiarato la pena da pagare consiste nella revoca del contributo.

Stesso discorso nel caso in cui l'errore venga commesso dal rivenditore che non avrà diritto al rimborso dello sconto effettuato.

In ultimo va ricordato il termine ultimo per richiedere il bonus tv, 31 dicembre 2022 e che il bonus sarà disponibile fino ad esaurimento fondi.