Che grande invenzione la televisione!

Quella magica scatola in cui tutto prende vita, divenuta oggetto immancabile nelle case degli italiani.

Il palinsesto televisivo è ancor più ricco e tiene il pubblico incollato allo schermo, creando un legame tra produttore e consumatore a dir poco indissolubile.

Ma cosa succede quando il televisore inizia a fare brutti scherzi e i canali non si vedono più?

Cosa fare se il dispositivo è troppo datato e comprare uno di ultima generazione costa troppo?

Niente paura, ci pensa il nuovo bonus tv 2021 disposto da Mario Draghi, che consente di rottamare il vecchio dispositivo e acquistarne uno nuovo, con uno sconto davvero goloso.

Bisogna affrettarsi però, perché lo switch off di Rai e Mediaset inizia domani!

Bonus tv 2021: più televisione per tutti!

Ho incentrato la mia tesi di laurea proprio sulla televisione, perciò non alzate gli occhi al cielo se mi permetto di prendere un piccolo spazio in questo articolo.

Arriveremo presto al bonus tv 2021 che vi interessa tanto.

Dovete sapere che sin dalla sua prima comparsa nel mercato commerciale, questo dispositivo non ha avuto solo una grande funzione nazionale velocizzando il processo di modernizzazione dei media, ma anche quella di istituzione sociale.

Grazie alla grande capacità di articolare il pubblico ed essere accessibile a tutti, è diventata un vero e proprio medium generalista di flusso, un orologio che scandiva e sincronizzava i ritmi della comunità.

Sin dagli anni Cinquanta, la televisione ha avuto modo di studiare le preferenze del popolo di un Italia ricostruita sulla Repubblica e sulla Costituzione, maggiormente interessato all’attualità che ai semplici programmi di piacere.

Il video di Interesting4You ci incanta con un estratto storico sulla nascita della televisione, dal bianco e nero ai colori: 

Con il passare del tempo però, qualcosa è cambiato e la televisione ha costruito una connessione sempre più forte che rendeva possibile il legame emozionale tra singolo spettatore e comunità, senza più pensare all’idea di un “noi” territoriale.

Come spiega Aldo Grasso in un estratto del suo libro “Prima lezione sulla televisione”:

“ la televisione rende gli italiani visibili gli uni agli altri, poi mette in condizione di parlarsi, di riconoscersi come membri di una stessa collettività nazionale, di pensarsi come italiani. Al di là delle meditazioni tradizionale offerte dalla Chiesa, dalla scuola, dagli intellettuali”

La televisione diventa, dunque, parte integrante della società e accresce il senso di appartenenza del singolo individuo.

È per questo che, oggi, proprio non se ne può fare a meno e quando capita di doverla sostituire dopo tanti anni di servizio, un po’ di nostalgia c’è sempre.

Bonus tv 2021: quando inizia il switch off?

Siamo nel pieno della modernizzazione, nel pieno di tutto quello che la tecnologia può offrire, anche nel campo della trasmissione televisiva.

Dal 20 ottobre 2021, il passaggio al nuovo digitale terrestre porterà di dispositivi di tutta Italia a ricevere soltanto programmi dotati di codifica Mpeg4, ovvero lo standard usato per trasmettere i canali in HD.

A partire da domani, si darà il via allo switch off e alcuni canali come:

  • Rai 4
  • Rai 5
  • Rai YoYo
  • Rai Sport + HD
  • Rai Storia
  • Rai Gulp
  • Rai premium
  • Rai Scuola

non si potranno più vedere se non sarete in possesso di un dispositivo o di un decoder che supporti il DVB T2.

Questo passaggio renderà inutili moltissime televisioni di vecchia generazione, ma volente o nolente deve per forza  realizzarsi.

Come spiega ilsole24ore.it:

“In base a un obbligo europeo,  gli operatori tv devono cedere la banda 700 MHz ai gestori di telefonia mobile 5g.”

In questo modo si permetterà alle emittenti televisive di continuare a mandare in onda la stessa quantità di  programmi ad una risoluzione più alta ed offrendo, di conseguenza, una qualità migliore.

Poiché in tantissimi si troveranno a dover cambiare televisione o acquistare un nuovo decoder, il governo ha pensato di ammorbidire la spesa economica mettendo a disposizione un nuovo bonus tv.

A differenza di quello già erogato in precedenza, questo darà la possibilità di ottenere uno sconto raddoppiato!

Nel prossimo paragrafo vi dico ogni cosa, promesso.

Bonus tv 2021: cosa comprare?

Visto l’arrivo del nuovo digitale terrestre, il governo di Mario Draghi ha pensato di agevolare i cittadini nell’acquisto di televisioni di ultima generazione e nuovi decoder.

I fondi stanziati per questa misura ammontano a 250 milioni di euro ed offrono la possibilità a tutti di poterne godere.

Il bonus tv viene composto da altri due “mini incentivi”, ossia:

  • bonus rottamazione tv
  • bonus decoder

Il bonus rottamazione tv, come spiega ilroma.net:

“ha l’obiettivo di favorire la sostituzione di apparecchi televisivi che non saranno più idonei ai nuovi standard tecnologici, al fine di garantire la tutela ambientale e la promozione dell’economia circolare attraverso un loro smaltimento.”

Per potervi accedere è sufficiente recarsi presso un negozio di elettronica e rottamare il vecchio televisore (purché sia stato acquistato prima del 22 dicembre 2018), complicare il modulo che certifica l’operazione e lo smaltimento del dispositivo.

Una volta consegnata la prova della rottamazione al rivenditore si può acquistare il nuovo televisore online o presso un rivenditore fisico autorizzato, usufruendo di uno sconto di 100,00 euro equivalente al 20% del prezzo scritto sul cartellino.

Il nuovo dispositivo dovrà rientrare nella lista delle televisioni ammesse secondo quanto stabilito dal Mise, al sito https://bonustv-decoder.mise.gov.it/prodotti_idonei.

Il consiglio che molti si sentono di dare al momento della scelta del nuovo televisore è quello di investire in una smart tv.

Oltre ad essere aggiornata e ad avere una durata più lunga, può connettersi direttamente al router domestico e consentire l’accesso a tutte le applicazioni.

Le prestazioni sono di gran lunga superiori a quelle dei televisori normali e offrono la possibilità di avere Netflix, Prime video e Infinity a portata di mano, basta solo fare un piccolo tap sul telecomando.

L'esperienza, del resto, è o non è tutta da vedere?

Bonus tv 2021: quale decoder acquistare?

Oltre all’acquisto di un nuovo televisore, il bonus tv consente anche di cambiare il decoder.

Sebbene questo dispositivo sia già installato su gran parte dei televisori in commercio, può sempre capitare di esserne sprovvisti.

Grazie al bonus decoder, è possibile comprare questo strumento con uno sconto di 30,00 euro, valido per nuclei familiare con Isee fino a 20.000 euro, fino al 21 dicembre 2022.

Ma come scegliere il decoder che fa al caso vostro?

Innanzitutto bisogna partire prendendo per assoluto il fatto che ogni decoder è diverso dagli altri e a fare davvero la differenza sono le caratteristiche tecniche.

Quando ci avviciniamo agli scaffali e vediamo tutte queste scatolette nere non vediamo altro che un ammasso di oggetti uguali ma dando uno sguardo al cartellino, ne comprendiamo le peculiarità.

Come prima cosa, è fondamentale capire quanto supporto potrebbe dare ai canali in alta definizione perciò è sufficiente vedere se il decoder è in possesso di turner HD.

Successivamente,  si va a verificare la compatibilità con lo standard DVB T2  e se lo desiderate, vedere se può fornire supporto ai servizi di Pay tv.

In questo caso, il decoder dovrà avere anche un’entrate per inserire la smart card oltre che ad avere una connessione ad internet.  

In questo senso, spiega aranzulla.it:

“ altra cosa molto importante da verificare è il tipo di connessione utilizzabile sul ricevitore, che può essere solo via cavo (Ethernet) o Wi-Fi, grazie al supporto wireless integrato o utilizzando gli adattatori USB da acquistare separatamente”

Dopodiché, si andranno a vedere caratteristiche inerenti alle funzioni di riproduzione multimediale, al collegamento al televisore, al supporto ai anali satellitari e al formato del decoder, perchè anche l’estetica vuole la sua parte!

Per aiutarvi nella scelta, ecco la lista dei 10 migliori decoder DVB T2:

  • Trevi HE 3375 TS
  • GT Media TT Pro
  • Techly IDATA TV-DT2PLB
  • Twin Turner REC
  • Majestic DEC 664HD
  • GT MEDIA V7 Pro
  • i-CAN 4900T+
  • GT MEDIA V8 Turbo
  • GT MEDIA X8 Combo
  • Dremabox DM525 HD

Bonus tv 2021: chi ne ha diritto e quanto spetta?

Poiché il bonus decoder si somma al bonus rottamazione visto poco fa, lo sconto fruibile dalle famiglie può arrivare fino a 130,00 euro totali.

Una somma non indifferente per chi desidera comprare un dispositivo di ultima generazione o sostituire il vecchio decoder con uno all'ultimo grido. 

Ovviamente, è necessario ricordare che è possibile ottenere il bonus tv per l’acquisto di un solo televisore per nucleo familiare e, dal momento che non vi è alcun limite di età, possono accedervi anche coloro che hanno 75 anni o più ( quindi esonerati dal pagamento del canone Rai).

Per richiedere l’accesso alla misura, bisogna dichiarare di:

  • essere residenti in Italia
  • avere un Isee familiare inferiore a 20.000 euro
  • non aver già usufruito del bonus
  • essere in regola con il pagamento del canone Rai

Come potete vedere, i requisiti sono sia oggettivi ( relativi all’apparecchio che si intende rottamare), sia soggettivi ( pagamento del canone Rai da parte dell’acquirente e adesione del negoziante) e varranno per tutta la durata della transizione, che si concluderà il 30 giugno 2022.

Il bonus tv si applicherà anche in tema di Legge 104. A tal proposito eccovi  l'articolo di Gianni Carbone  che vi spiega come avere l'IVA agevolata qualora il richiedente sia in possesso di una disabilità grave.

Per rimanere aggiornati, invece, sulle prossime novità vi consiglio di seguire questo tweet:



Se l'articolo vi è piaciuto o vi ha semplicemente dato qualche informazione in più, perché non condividerlo?

So che state per condividerlo ... vedo il vostro dito pronto all'azione!

Non siate così timidi.