Il Bonus TV, anche detto bonus rottamazione TV è partito con un vero e proprio boom di domande. 

Infatti, ormai è risaputo, l’attesa aumenta il desiderio. Dunque, tutta l’attesa creata attorno a tale bonus ha suscitato una vera e propria esplosione di domande.

Lo sa bene il Ministero dello Sviluppo Economico che ha parlato di un vero e proprio “boom del bonus rottamazione TV”. 

Sono già moltissime le domande registrate (per una cifra superiore alle 230.000 richieste) sul sito dell’Agenzia delle Entrate

Ma in cosa consiste tale bonus?

Si tratta di uno sconto di 100 euro che si ottiene acquistando un nuovo televisore e rottamando quello vecchio, ossia una TV acquistate prima del 2018. 

Ovviamente, il nuovo televisore deve essere all’avanguardia e, dunque, deve poter ricevere il nuovo segnale del digitale terrestre. 

Tale bonus ha preso il via il 23 agosto 2021 e, com’è possibile constatare, sta avendo una risonanza enorme

In questo articolo vediamo meglio come funziona tale bonus, come si devono comportare i cittadini che vogliono usufruirne ed i rivenditori. Infatti, è  sempre necessario rimanere informati e non perdersi nessuna novità.

Inoltre, andremo a vedere come è possibile incrementare lo sconto, che al momento è di 100 euro. Procediamo, passo dopo passo.

Bonus TV: di cosa si tratta?

Per tutti coloro che non ne sono ancora a conoscenza spieghiamo cos’è il Bonus TV e per quale motivo è stato istituito. 

Infatti, la televisione per come la conosciamo oggi sta per cambiare. Dal 2023, quando entrerà in auge il nuovo digitale terrestre tutte le TV acquistate prima del 2018 risulteranno ormai obsolete. 

Dunque, il Governo Draghi ha deciso di istituire tale bonus per incentivare gli italiani a cambiare il proprio televisore. 

Infatti, solitamente l’acquisto di un televisore, soprattutto se di ultima generazione, presenta dei costi notevoli. In questo modo, si cerca di ridurre tale spesa. 

Il decreto che stabilisce le modalità di erogazione dei sussidi per l’acquisto di nuovi televisori è stato pubblicato il 7 agosto del 2021. 

Tale decreto stabilisce che dev’essere necessario riciclare i dispositivi obsoleti

Come abbiamo detto in precedenza, una TV può essere considerata obsoleta se acquistata prima del 22 dicembre 2018

Infatti, tali dispositivi non risultano essere compatibili con le nuove modalità di trasmissione. 

Tale bonus consiste nello sconto del 20% sul nuovo televisore, fino ad un importo massimo di 100 euro. Tuttavia, è bene ricordare che per accedere a tale bonus è necessario rottamare il vecchio televisore. 

In questo video, realizzato dal Dott. Francesco Russo de L’imprenditore in-formato, scopriamo meglio cos’è il bonus TV 2021 e come ottenere la somma di 100 euro:

Bonus TV: perché dobbiamo cambiare il nostro televisore?

Domanda più che lecita a cui cercheremo di dare una risposta chiara. 

Come affermato in precedenza, le televisioni acquistate prima del 22 dicembre 2018 non potranno ricevere le nuove modalità di trasmissione

Infatti, è arrivo un nuovo standard di trasmissione per quanto riguarda il segnale del digitale terrestre. Stiamo parlando dello standard DVB-T2 - HEVC MAIN 10

Dunque, il Governo tramite il Bonus Rottamazione TV è sceso in campo per aiutare tutte le famiglie ad acquistare un televisore nuovo.

Ovviamente, come abbiamo pre annunciato, per poter beneficiare di tale bonus è necessario rottamare la propria televisione acquistata prima del 22 dicembre 2018

Ricordiamo inoltre che tutti i televisori acquistati successivamente alla data del 22 dicembre 2018 sono già in grado di ricevere il nuovo segnale del digitale terrestre. Perciò il bonus non riguarda tutti i possessori di tali dispositivi. 

Ma qual è l’obiettivo del Governo tramite questo bonus? Te lo spiego subito. 

Infatti, l’obiettivo che si è imposto il Governo Draghi non è solo di aiutare nell’acquisto di un nuovo dispositivo, bensì si punta ad uno smaltimento dei dispositivi obsoleti

In questo modo, dovendo necessariamente smaltire il dispositivo per poter beneficiare del bonus, si eseguiranno tali azioni nel rispetto e nella tutela dell’ambiente. 

Come capire se il televisore è da cambiare con il Bonus TV?

Eppure, non tutti i televisori necessitano di essere cambiati. 

Infatti, le TV acquistate dopo il 22 dicembre 2018 possono già ricevere il nuovo segnale del digitale terrestre

Tuttavia, se non ti ricordassi quando hai acquistato il televisore hai un test che puoi effettuare per capire se è da cambiare oppure no.

Infatti, sul digitale terrestre sono già presenti i canali Test 100 e Test 200 in HD. Ti basterà sintonizzarti su tali canali per eseguire il test del tuo televisore. 

Dunque, come funziona? Ti rispondo subito. 

Se almeno uno di questi due canali risulterà ancora visibile sul tuo televisore, esso non sarà da cambiare. Ovviamente, non possiamo sapere per quanto tempo, ma indicativamente per il primo anno in cui verrà trasmesso con il nuovo standard non ci sarà alcun problema per la tua TV.

Per tutti coloro che avranno riscontrato un esito negativo a tale test, ricordiamo che sarà necessario effettuare tale cambio di televisore. 

Cosa bisogna vedere sui canali Test 100 e Test 200 per capire se la nostra TV funziona o meno?

Sul canale Test 100 dovrà apparire la scritta “Test HEVC Main10”, ciò significa che si potrà ricevere il segnale. Invece, sul canale Test 200 deve visualizzarsi correttamente Canale 5

Chi può accedere al Bonus Rottamazione TV?

Dunque, ora che abbiamo capito di cosa si tratta e perché è stato reso indispensabile il Bonus TV, vediamo chi può beneficiarne. 

Iniziamo col dire che, per poter estendere il più possibile la platea di beneficiari, il Governo non ha imposto l’applicazione di alcun ISEE. Dunque, tale bonus può essere goduto anche senza ISEE. 

Tale bonus è riservato a tutti. Ovviamente vi sono alcune condizioni da rispettare, ma non è nulla di complicato:

  • Essere residenti in Italia;
  • Rottamare contemporaneamente all’acquisto un vecchio televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018;
  • Essere in regola con il pagamento del canone Rai.

Ovviamente, nel caso in cui il soggetto che volesse beneficiare del bonus fosse esentato dal pagamento del canone Rai, tale requisito non viene richiesto. 

Inoltre, sottolineiamo che l’agevolazione si applica una sola volta per famiglia. Dunque, potrà essere acquistato un solo televisore per nucleo familiare beneficiando del Bonus. 

Come fare domanda per accedere al Bonus Rottamazione TV?

Ora che abbiamo capito chi può beneficiare del Bonus Rottamazione TV, vediamo nello specifico come bisogna muoversi per inoltrare la domanda. 

Ricordiamo che l’importo massimo di cui si può beneficiare è di 100 euro. In seguito, vedremo anche come può essere possibile aumentare tale importo. 

Procediamo con ordine, come fare domanda per accedere al Bonus TV?

Per prima cosa è necessario redigere un modulo di autodichiarazione

Successivamente, per quanto riguarda la fase di rottamazione del proprio televisore obsoleto, essa può avvenire in due modi:

  • Presso i rivenditori aderenti all’iniziativa. In questo caso sarà il negozio stesso ad impegnarsi per lo smaltimento del televisore che è stato consegnato;
  • Utilizzando una delle tante isole ecologiche presenti sul territorio italiano e adibite allo smaltimento di questa tipologia di rifiuti. 

Nel secondo caso, lo smaltimento del televisore dev’essere effettuato prima dell’acquisto di quello nuovo

Infatti, in questo caso sarà l’addetto dello smaltimento operante nell’isola ecologica a compilare il modulo che attesta lo smaltimento del vecchio televisore. 

Una volta ottenuto tale modulo firmato ci si potrà recare in negozio e aver diritto al Bonus rottamazione TV

Ma come funziona l’acquisto nello specifico? Ti rispondo immediatamente. 

Nel momento in cui il cittadino beneficiario del bonus decide di effettuare l’acquisto presso un negozio, il venditore deve accedere al servizio telematico dell'Agenzia delle Entrate e trasmettere al Ministero dello Sviluppo Economico una comunicazione telematica

In questa comunicazione dovranno essere inseriti tutti i dati relativi all’utente e alla televisione scelta. 

Si ricorda che per tale bonus il Governo Draghi ha messo in campo 250milioni di euro

Tale misura sarà valida fino al 31 dicembre 2022. Tuttavia, è bene sottolineare che visto l’enorme boom che sta ricevendo tale iniziativa, i fondi potrebbero terminare prima della data stabilita. 

Per questo motivo, se il tuo televisore è da cambiare (anche in base ai test effettuati) ti consiglio di richiedere il bonus TV il prima possibile. 

Bonus Rottamazione TV: entro quando? Quali sono le date dello Switch-off?

Ricordiamo che il bonus TV è valido fino al 31 dicembre 2022. Tuttavia, come abbiamo appena sottolineato sarà necessario affrettarsi in quanto i fondi potrebbero terminare in anticipo. 

Ma ora vediamo quali sono le date da ricordare per il passaggio al nuovo standard del digitale terrestre

Tali date da tenere a mente sono due:

  • 1 Settembre 2021. In questa data tutte le trasmissioni nazionali avranno la nuova codifica MPEG-4;
  • 21-30 Giugno 2022. In tale data su tutto il territorio nazionale avverrà ufficialmente il passaggio allo standard di trasmissioni DVB-T2.

Possiamo entrare maggiormente nel dettaglio analizzando le singole Regioni, suddivise per aree.

L’Area 2 e l’Area 3 apriranno le danze. Infatti, il passaggio avverrà tra il 1 Settembre 2021 e il 31 Dicembre di quest’anno. Le regioni coinvolte sono Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Bolzano, Friuli Venezia Giulia e Trento.

Invece, l’Area 1 registrerà il passaggio tra Gennaio e Marzo 2022. Le regioni coinvolte saranno Umbria, Lazio, Liguria, Toscana, Campania e Sardegna.

Infine, l’ultimo gruppo di Regioni è costituito dall’Area 4 dove il passaggio avvera tra Aprile e Giugno 2022. Le regioni coinvolte saranno Sicilia, Puglia, Calabria, Abruzzo, Molise, Basilica e Marche.

Bonus TV: come aumentare lo sconto?

È possibile ottenere una somma superiore ai 100 euro. Come?

Cumulando il Bonus Rottamazione TV con il Bonus TV-decoder.

Ricordiamo che per accedere al Bonus TV-decoder ha un requisito che deve essere rispettato: il nucleo familiare deve possedere un ISEE inferiore o pari a 20mila euro. 

Dunque, se il cittadino ha diritto ad entrambi i bonus può avere uno sconto incrementale. 

Inoltre, il cittadino che può beneficiare di entrambi questi bonus potrà usarli per acquistare diversi apparecchi. Dunque, sia per acquistare due TV, che per acquistare una TV con il Bonus Rottamazione TV ed un decodere con il Bonus TV-decoder. 

Infine, si ricorda che tali bonus sono utilizzabili anche online, ma solo se il negozio online prescelto ha anche una sede fisica di vendita. Infatti, bisognerà garantire lo smaltimento del vecchio apparecchio obsoleto.