Non ci può essere rientro migliore dalle ferie dopo Ferragosto di poter ritrovare un bonus di 100 euro, confermato da Mario Draghi, senza dover presentare l'ISEE. Un aiuto economico per tutti per poter continuare a vedere la televisione. Infatti stiamo parlando del bonus TV che dal 23 agosto fa finalmente il suo esordio. Chiariamolo subito. SI tratta del bonus tv rottamazione, perchè il bonus TV decoder da 50 euro è già attivo. Ma come funziona il bonus? Cosa bisogna fare? Ne parliamo in questo articolo.

Bonus TV: dal 23 agosto 100 euro a tutti 

Il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via dal 23 agosto all'utilizzo del bonus tv rottamazione che potrà essere utilizzato da tutti i cittadini residenti in Italia per poter rottamare un vecchio televisore e dotarsi di uno nuovo con la tecnologia sia di alta definizione (HD) che del nuovo standard Dvbt-2/Hevc. Uno standard che si è reso necessario dopo la riassegnazione delle frequenze per la riduzione della banda disponibile a seguito dell'ingresso della nuova tecnologi 5G. Chi ha un televisore acquistato dopo il 22 dicembre 2018 non dovrebbe preoccuparsi, ma sarà bene fare alcuni test per essere sicuri. 

Il bonus TV rottamazione, diversamente dal vigente bonus TV decoder, richiede che ci sia lo smaltimento di un vecchio televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018 e presente nell'elenco dei televisori eleggibili pubblicato sul sito del Ministero dello Sviluppo.

Rispetto al bonus TV decoder non è necessario essere in possesso di un ISEE. Gli unici requisiti sono:

  • rottamazione di un televisore, tra quelli presenti nell'elenco sul sito MISE
  • essere in regola con il pagamento del Canone Rai. Per questo aspetto anche gli over 75 anni che sono esenti dal pagamento del Canone Rai, potranno comunque sfruttare il bonus TV.

Bonus TV 100 euro: come funziona

La procedura per l'accesso al bonus TV rottamazione di 100 euro è molto semplice. Nessun modulo da compilare, come invece è previsto per il bonus TV da 50 euro. Ma si deve solo portare il televisore che si intende rottamare e scegliere il nuovo televisore. 

Individuato il televisore che si vuole acquistare ed il negozio, non si deve far altro che recarsi al negozio e portare l'apparecchio televisivo da rottamare. Il negoziante inserirà i dati dell'acquirente sul portale dell'agenzia delle entrate associando al codice fiscale dell'acquirente il valore di acquisto del televisore. Questa informazione serve per due motivi.

Il primo è il monitoraggio del plafond messo a disposizione (100 milioni di euro). Il secondo è verificare che l'acquirente sia in regola con il pagamento del Canone Rai.

Conclusa questa operazione, il negoziante riconoscerà immediatamente sul valore di acquisto del televisore, incluso di IVA, lo sconto del 20% con un valore massimo di sconto di 100 euro. Se poi si è anche eleggibili al bonus TV decoder da 50 euro, e non è stato ancora usato, si può sommare ricevendo così uno sconto complessivo di 130 euro. Si esattamente. La cumulabilità non da diritto alla somma totale, ma il bonus TV da 50 euro è ridotto a 30 euro.

Il termine entro cui poter sfruttare il bonus tv è 31 dicembre 2022. 

Un interessante video dell'Avv. Angelo Greco

Bonus TV: si può usare per acquisti online?

Il decreto del ministero dello sviluppo economico non specifica nè esclude i venditori online. Anzi tutti i venditori, di commercio elettronico, operanti in Italia devono consentire al consumatore che vuole rottamare il proprio televisore, tra quelli ammessi, di poterlo fare. E quindi anche gli operatori online. Ma non tutti, perchè il vincolo è che siano operanti in Italia. Ad esempio Amazon non ha sede in Italia ma solo hub logistici per la distribuzione. Pertanto l'acquisto di un nuova tv su Amazon non permette di scontare il bonus tv.

Gli altri operatori di commercio elettronico che hanno anche l'ecommerce, ma operanti in Italia, potranno far valere il bonus TV anche per gli acquisti on line. Facciamo alcuni esempi.

Su Mediaworld sarà possibile scegliere il televisore sul sito online, ma i dovrà utilizzare la modalità di pick&pay. Quindi il ritiro e pagamento dovrà avvenire in un punto vendita fisico in cui si dovrà consegnare il televisore da rottamare e pagare usufruendo del bonus tv rottamazione.

Una simile procedura è preista da Unieuro che offre la possibilità del Clicca&Ritira e Euronics con il metodo "Prenota e Ritira". Per ottenerlo bisognerà quindi aggiungere al carrello il televisore preferito (anche in sconto, visto che il bonus verrà erogato comunque), selezionare come metodo di acquisto “Clicca&Ritira” o "Prenota e Ritira", scegliere il negozio fisico nel quale ritirare il prodotto, recarsi in negozio al momento della conferma e compilare i moduli necessari (per il bonus da 100 euro bisognerà esibire anche il certificato di rottamazione o portare il televisore da rottamare).

In Expert invece la procedura è in due fasi: scelta online del televisore e completamento della procedura in negozio, entro 5 giorni dal ricevimento del SMS. 

Bonus TV: due alternative per avere 100 euro

Dal 23 agosto, se sei residente in Italia, sei maggiorenne e paghi regolarmente il Canone Rai, puoi usufruire del bonus TV rottamazione di 100 euro. Essendo una rottamazione, il vincolo è smaltire un vecchio televisore tra quelli presenti nell'elenco pubblicato sul sito del MISE, e solitamente sono televisori acquistati prima del 22 dicembre 2018. Ma come si fa a rottamare la tv? Le strade sono due. La prima molto semplice è portare in negozio il televisore vecchio e sarà il negoziante ad occuparsi dello smaltimento.

La seconda via è il fai da te, secondo le regole di smaltimento degli elettrodomestici del proprio comune di residenza. Generalmente ci si deve recare presso un'isola ecologica in cui gli addetti rilasceranno un modulo di avvenuto smaltimento. Quel modulo dovrà essere consegnato al negoziante come prova dell'avvenuta rottamazione. L'importante è riportare il modello della tv perché lo ripetiamo, deve essere tra quelli eleggibili alla rottamazione.

Bonus TV-decoder 50 euro: ci vuole ISEE

In attesa del 23 agosto, se hai necessità di cambiare il tuo televisore puoi farlo con il bonus di 50 euro. Anche questo bonus è valido fino al 31 dicembre 2022 ed è possibile utilizzarlo sia per l'acquisto di un televisore con la nuova tecnologia che un decoder. Il bonus TV da 50 euro è uno solo per nucleo famigliare. Per poterlo però sfruttare si deve rispettare il requisito dell'ISEE. Si deve avere una DSU compilata, un ISEE attestato ed in corso di validità. L'ISEE non deve superare 20.000 euro. Questo il tetto per poter sfruttare il bonus da 50 euro. Se si decide di fare l'acquisto del nuovo televisore o decoder nel 2022, l'ISSE di riferimento è quello che si riferisce ai redditi 2020. Essendo stato l'anno del lockdwon e della profonda crisi economica, l'ISEE 2022 potrebbe risultare più basso. Cosa si può comprare con il bonus TV da 50 euro? Sia un nuovo televisore che permetta di vedere i canali tv con la nuova tecnologia che in alta definizione. La nuova tecnologia è Dvbt-2/Hevc. Per verificare se il tuo televisore sia già pronto per vedere i canali con questo nuovo standard è sufficiente andare sul canale 100 o 200 e vedere se compare la scritta Test HEVC Main10. In questo caso non ci sarà bisogno nè di un nuovo televisore nè di un decoder. 

Bonus tv 50 euro: come funziona

Come per il bonus TV da 100 euro, l'intera procedura va fatta in negozio. Ma per il bonus tv 50 euro ci sono delle modifiche. La prima è che non si deve rottamare un televisore, ma ci vuole in  ISEE inferiore a 20.000 euro. La seconda è invece la compilazione di un modulo di autocertificazione della sussistenza dei requisiti. Eventuali controlli da parte dell'Agenzia delle Entrate successivamente all'uso del bonus TV che rilevino delle omissioni o irregolarità potrebbe richiedere il rimborso del bonus TV da 50 euro oltre a sanzioni. Il bonus è fino ad un massimo di 50 euro. Quindi in caso in acquisto di un decoder, se il prezzo è inferiore a 50 euro, il bonus TV sarà pari al valore del decoder acquistato. Dunque l'acquisto sarà gratis. La differenza non potrà essere usata in alcun modo. Se invece il prezzo è superiore a 50 euro, il bonus TV è uno sconto immediato di 50 euro, effettuato in cassa all'atto del pagamento. 

Bonus TV-decoder e bonus tv rottamazione sono compatibili

Lo prevede il decreto del Ministero dello sviluppo economico. Il bonus tv decoder di 50 euro ed il bonus tv rottamazione di 100 euro sono compatibili e cumulabili ma non al 100 %. La cumulabilità è ridotta a 130 euro. Chi vorrà usarli entrambi deve soddisfare tutti i requisiti di entrambi i bonus:

  • valore ISEE inferiore a 20.000 euro per il bonus tv da 50 euro
  • rottamazione di un vecchio televisore per il bonus TV rottamazione
  • regolarità dei pagamenti del canone Rai
  • residenza in Italia.

Bonus TV: quando conviene usarlo

I due bonus TV sono stati introdotti per consentire ai proprietari di televisori che non ricevono i programma in HD e con la nuova tecnologia Dvbt-2/Hevc, di acquistarne uno nuovo oppure un decoder. Ma con il decreto di sblocco del bonus TV da 100 euro, è stato anche definito il calendario con cui si assegnano le nuove frequenze e quindi da quando l'attuale tecnologia va in pensione. Per certo dal 1 gennaio 2023, se non si ha un nuovo televisore o un decoder Dvbt-2/Hevc, non si potrà più vedere il proprio programma preferito. 

Mentre il passaggio alla visione in mpeg4, ossia in alta definizione è stato individuato in più fasi a seconda delle regioni. 

Dal 15 novembre 2021 al 18 dicembre 2021 nell'area 1A - Sardegna;

Dal 3 gennaio 2022 al 15 marzo 2022 nell'area 2 - Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano; nell'area 3 - Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna tranne la provincia di Piacenza;

Dal 1 marzo 2022 al 15 maggio 2022 nell'area 4 - Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata; Abruzzo, Molise, Marche;

Dal 1 maggio 2022 al 30 giugno 2022 nell'area 1B - Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania. 

Per vedere i programmi in HD si devono rispettare queste date e se non si ha un televisore compatibile è bene attrezzarsi prima del passaggio in HD. Per tutti invece lo switch alla nuova tecnologia Dvbt-2/Hevc è fissata al 1 gennaio 2023.