Bonus Tv, finalmente l'attesa per la misura sta per terminare. Sta per arrivare la nuova forma di incentivo da 100 euro senza Isee per famiglia pensata dal Governo per favorire il cambiamento delle televisioni nelle case degli italiani per potere ricevere in maniera regolare le nuove trasmissioni del nuovo digitale terrestre.

Finalmente i decreti attuativi sono stati firmati e per la misura ora si attende solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Ma andiamo con ordine.

Bonus tv, 100 euro per tutti senza Isee: la misura

Il Governo guidato da Mario Draghi con l'obiettivo di favorire il cambiamento delle televisioni nelle case degli italiani ha deciso di attivare un bonus tv speciale.

100 euro senza nessuna limitazione legata all'Isee ad ogni nucleo familiare per favorire l'acquisto di nuove televisioni in grado di ricevere regolarmente il nuovo segnale digitale terrestre che a partire dal giugno del 2022 sostituirà il digitale terrestre attuale.

E' notizia di questi giorni che sarebbe stato finalmente firmato il Decreto Attuativo ad opera del Ministero dell'Economia e del Ministero dello Sviluppo Economico.

Un passaggio essenziale e basilare per dare il via alla misura. Ora si attende solamente - ma anche qui non si tratta di una formalità - la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale per capire nel dettaglio le modalità con le quali si può usufruire del Bonus tv.

Bonus tv, la sostituzione di massa delle televisioni al via

Si avvicina sempre di più il passaggio alla nuova televisione digitale terrestre in Italia. Siamo alla vigilia di una vera e propria rivoluzione. La stragrande maggioranza delle televisioni nelle case degli italiani non sono adeguate per ricevere il nuovo segnale digitale terrestre.

E quindi occorre procedere con una sostituzione di massa degli apparecchi televisivi. Il nostro paese appare in grave ritardo e sono molti coloro che non hanno ancora iniziato nemmeno a guardarsi intorno per potere adeguarsi a questo cambiamento.

Per questa ragione da più parti si erano fatte pressioni sul governo per rivedere i termini perentori del passaggio alla nuova tv ma questa non sembra al momento la strada che si intende percorrere.

Ma si intende incentivare l'acquisto di nuove televisioni con questo contributo. Con questo bonus nuovo di zecca pensato nella misura di 100 euro a famiglia. E senza nessuna limitazione legata all'Isee. Ma quindi universale e usufruibile da parte di tutti. 

Il Bonus Tv: le scadenze dei prossimi mesi

Nei prossimi mesi ci sarà un processo di cambiamento delle televisioni che non saranno più in grado di ricevere in maniera corretta il segnale del digitale terrestre.

A passaggio effettuato oltre al costo che si deve sostenere adesso, il beneficio dovrebbe essere quello di una qualità dell'immagine e di una qualità della visione della televisione ancora superiore al livello attuale. Se come appare non ci saranno proroghe o modifiche al calendario stabilito al 1 settembre 2021 ci sarà il primo importante momento di passaggio.

Si passa dalla codifica Mpeg-2 a quella Mpeg-4. Tradotto in termini comprensibili anche ai non addetti ai lavori, saranno fuori gioco tutte quelle tv che oggi non sono in grado di ricevere in maniera corretta i canali in alta definizione. Già dal 1 settembre se si possiede una televisione con queste caratteristiche occorre dotarla di un decoder in grado di ricevere il nuovo segnale.

Ma il passaggio più impattante e quello che metterà fuori gioco la stragrande maggiorana delle tv è quello di fine giugno 2022: il periodo nel quale è previsto lo spegnimento del digitale terrestre attuale è quello dal 21 al 30 giugno 2022.

Qui si passerà al cosiddetto DVB-T2. Se non ci saranno delle proroghe, se non si deciderà di dilazionare questi tempi dando più tempo alle famiglie per adeguarsi e alle emittenti televisive soprattutto locali di aggiornare i propri mezzi di trasmissione, dal 1 luglio 2022 tutte le tv e i decoder che non saranno in grado di ricevere il nuovo segnale saranno da gettare. 

Bonus Tv, l'incentivo da 100 euro: i requisiti

Il Governo Draghi nell'ambito del Decreto Sostegni Bis ha stabilito quindi di dare vita ad un incentivo che può arrivare fino a 100 euro per acquistare i televisori di ultima generazione in grado di ricevere il nuovo segnale in digitale terrestre. I contributi assegnati sono di 100 milioni di euro per arrivare a concedere un contributo singolo di 100 euro per ogni nucleo familiare.

Ma c'è anche ci sostiene che sarebbero pronti altri 150 milioni di euro per la misura. Naturalmente è un primo stanziamento quello da parte del governo e non è detto che non ci possano essere ulteriori risorse da stanziare nei prossimi mesi nel caso andranno esaurite quelle attualmente previste.

Il Decreto Attuativo di Ministero dell'Economia e dello Sviluppo Economico era molto atteso, almeno da qualche mese. Nel decreto che sarà di imminente pubblicazione saranno specificati tutti i dettagli.

Sembrano al momento essere confermate le travi portanti di cui si è parlato in questi mesi: ovvero un contributo di 100 euro a famiglia senza limitazione Isee.

In altre parole se si decide di comprare una tv da 300 euro, 200 euro li mette l'acquirente e gli altri 100 si sostanziano nel contriubuto dello Stato. Non dovrebbero esserci moduli da compilare, non ci si dovrebbe accreditare on line da nessuna parte ma basterà chiedere lo sconto al negozio o al centro commerciale. Dovrebbe essere uno sconto che viene applicato direttamente al momento dell'acquisto.

Gli unici limiti che sono stati messi alla misura sono i seguenti:

  • non si può usufuire di più di un bonus per ogni nucleo familiare;
  • occorre avere la residenza in Italia;
  • occorre essere in regola con il pagamento del canone Rai;
  • contestualmente all'acquisto del nuovo televisore occorre effettuare la rottamazione di un vecchio televisore.

Occorre rottamare un vecchio apparecchio prodotto prima del dicembre 2018 e che non è compatibile con i nuovi standard di trasmissione dela tv.

Il Bonus dovrebbe essere valido e venire riconosciuto  anche per gli acquisti online.

Il rivenditore avrà il compito di smaltire la televisione e poi recupererà il credito fiscale pari al valore del costo. Se non emergeranno situazioni diverse non tutti gli esercenti sono obbligati ad aderire a questa iniziativa: quindi prima di concludere l'acquisto è bene accertarsi che quello specifico punto vendita aderisca all'iniziativa. 

Bonus tv: attenzione a non fare i furbetti

Naturalmente il fatto di non dovere presentare nessuna certificazione, nessuna carta che attesti nulla può indurre in tentazione. Attenzione però a non fare i furbetti perchè ogni volta che si fa un acquisto con lo sconto da 100 euro, il nominativo verrà inserito in una piattaforma telematica.

Naturalmente una volta effettuato l'acquisto verranno fatti dei controlli sull'esistenza dei requisiti necessari per potere usufruire del bonus. Ovviamente un focus particolare verrà alzato sulla residenza in Italia, sul limite di una tv per nucleo familiare e sul fatto che si sia in regola con il pagamento del canone Rai.

Dovrebbe essere concessa anche un'altra possibilità in merito alle modalità  di rottamazione: infatti oltre a consegnare la tv al negoziante dovrebbe essere reso possibile il fatto di consegnare la televisione in una discarica autorizzata.

Qui verrà consegnato un documento firmato e timbrato che segnala la consegna dell'apparecchio televisivo. Questo documento poi insieme alla carta d'identità della persona che desidera usufruire dell'incentivo, vale per chiedere lo sconto. Anche qui vigilerà l'Agenzia delle Entrate

Bonus tv, resta in campo l'incentivo economico del Governo da 50 euro

Prima di questo bonus universale da 100 euro era stato studiato dal Governo un altro incentivo economico sempre per favorire il passaggio alel nuove televisioni. Ma è una misura economica che ha fatto decisamente flop. Ne parliamo perchè comunque è ancora attiva.

E' stato attivato un bonus tv che prevede un contributo di 50 euro a famiglia. Ma c'è un ma. Non si tratta di una misura universale rivolta a tutti ma solamente alle persone che hanno un Isee sotto i 20.000 euro. Questo fatto naturalmente ha rappresentato un freno.

Questa misura ha fatto segnare dati impietosi e non è mai veramente decollata. Da qui ha preso quindi il via l'idea di attivare una nuova misura che fosse più universale.

Per questo Bonus da 50 euro si può accedere fino al 31 dicembre 2022 fino ad esaurimento delle risorse messe a disposizione. Per questo bonus va presentata una autocertificazione e il contributo viene riconosciuto per ogni nucleo familiare.

Anche in questo caso lo sconto viene applicato direttamente dal rivenditore. A differenza del nuovo bonus qui non si deve contestualmente rottamare una vecchia televisione. 

Nuova tv digitale: ci sarà uno slittamento dei tempi?

Abbiamo parlato in precedenza con un breve accenno di un possibile slittamento dei tempi. Confindustria Radio e Televisioni in particolare ha segnalato come servirebbe più tempo per adeguarsi. C'è timore per come sta procedendo a rilento il cambiamento delle tv nelle case degli italiani e per le emittenti locali.

Si è richiesta maggiore flessibilità e si è richiesta la possibilità di non arrivare ad un cambiamento radicale già dal prossimo giugno ma prevedere una trasmissione per un certo periodo in simultanea dei due sistemi di trasmissione. Vediamo che evoluzioni ci saranno in tal senso. 

Nuova tv digitale: come fare per capire se  va cambiata la tv?

Come fare per capire se la propria tv andrà ancora bene anche dal 1 luglio 2022 (salvo proroghe) o se dovrà essere cambiata? L'operazione è molto semplice: per valutare se la propria tv è compatibile occorre andare sul canale 100 o 200.

Se su questi due canali di Rai e Mediaset appare la scritta “Test HEVC Main10” la televisione andrà bene anche per la nuova fase del digitale terrestre. Se non appare questa scritta la tv non è in grado di ricevere il nuovo segnale. In questo secondo caso consigliabile fare una risintonizzazione poiché potrebbe trattarsi anche di una non ricezione solo momentenea.

Per tutte le informazioni sulla nuova televisione digitale è a disposizione questo sito.