C’è ancora tempo per poter usufruire del Bonus Vacanze 2021. Natale si avvicina e con sé anche la scadenza della misura introdotta grazie al Decreto Rilancio del 2020, sotto la legislatura dell’allora Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

È quale periodo è il più azzeccato se non quello della vacanze di Natale per usufruire dello sconto di 500 euro previsto dal tax credit vacanze?

L’agevolazione, infatti, offre la possibilità di intraprendere un viaggio a costi a carico dello Stato, essendo il voucher pensato per coprire le spese di pernottamento presso la struttura ricettiva desiderata, purché aderente al programma, e quelle di acquisto di pacchetti turistici all inclusive offerti dalle agenzie di viaggio e dai tour operator.

Il Bonus Vacanze 2021 è una misura tradizionalmente pensata per alleggerire il carico dei costi supportati dalle famiglie durante i soggiorni estivi. Con la proroga del beneficio, disposta dal Decreto Milleproroghe, tale concezione muta.

Poiché la sua validità è stata posticipata fino al 31 dicembre dell’anno in corso se ne potrà fare ampiamente uso per prenotare le vacanze di Natale 2021 fino allo scoccare del nuovo anno.

Vediamo, dunque, in cosa consiste e come funziona il benefit. Al riguardo, forniremo tutte le indicazioni necessarie al suo corretto uso, attenendoci a quanto riportato nella guida sul Bonus Vacanze 2021 messa a disposizione dell’Agenzia delle Entrate sul sito internet dell’ente, nella sezione dedicata al contributo, in modo da semplificarne l’utilizzo in prossimità delle vacanze natalizie.

Ai più curiosi di conoscere tutti i dettagli del Bonus Vacanze 2021 si consiglia la visione di un interessante video YouTube del canale “IO, l'App dei servizi pubblici".

 

Bonus Vacanze 2021: tutto quello che c’è da sapere

Il Bonus Vacanze è un sussidio introdotto per la prima volta nel 2020, dagli importi considerevoli. Rivolto a tutti i cittadini italiani residenti sul territorio della penisola, è ancorato al rispetto di alcune requisiti che ne permettono il riconoscimento.

Nello specifico, per poter usufruire del Bonus è necessario soddisfare un’unica condizione legata al reddito ISEE del richiedente l’agevolazione. Questo non dovrà superare la soglia dei 40.000 euro riferita all’interno nucleo familiare di appartenenza.

Tale “limite” fa del Bonus Vacanze 2021 una misura accessibile non solo ai titolati di basso reddito, ma anche a quelli medio alti.

Il contributo si concretizza in un voucher di sconto di importo variabile in base alla composizione numerica del nucleo familiare richiedente, senza superare il tetto massimo dei 500 euro.

Ma quali spese copre il Bonus Vacanze 2021? Il buono sconto può essere utilizzato per pagare il soggiorno presso una struttura ricettiva aderente all’iniziativa: agriturismiB&Bcase vacanzehotel e via dicendo.

Ad oggi, si può usare il buono anche per acquistare pacchetti vacanze presso le agenzie di viaggio e i tour operator, prime escluse dal beneficio.

Va ricordato che si deve al Decreto Milleproroghe l’allungamento della scadenza del Bonus Vacanze 2021, al 31 dicembre 2021, mentre nessuna novità si ravvisa circa l’apertura di una finestra temporale per richiedere i nuovi voucher.

Stiamo semplicemente dicendo che soltanto chi ha richiesto il Bonus Vacanze nel 2020 potrà spenderlo entro e non oltre il termine di scadenza, ma non si potranno presentare nuove domande per ottenere i buoni nel 2021.

Ritornando al discorso importi, invece, abbiamo già anticipato che il Bonus Vacanze non può superare la soglia di 500 euro, essendo le cifre modulate in base alla composizione numerica del nucleo familiare richiedente.

Nello specifico, una famiglia composta da un solo membro avrà diritto ad un buono di 500 euro, sempre rispettando il limite ISEE di 40.000 euro. La cifra scende a 300 euro per i nuclei familiari formati da due soggetti, mentre a quelli con due o più componenti andranno 150 euro.

Ogni famiglia, inoltre, potrà disporre di un solo Bonus Vacanze anche se ad utilizzarlo potrà essere una persona diversa dal richiedente.

Bonus Vacanze 2021: attenzione a come usarlo a Natale!

Una volta che il potenziale beneficiario ha ottenuto il Bonus Vacanze 2021 per l’importo determinato sulla base della composizione numerica della famiglia, l’80% della cifra del voucher verrà decurtato dal totale delle spese da pagare per i servizi prestati dalla struttura ricettiva, nella modalità di “sconto in fattura”.

La rimanente parte, vale a dire il 20% delle spese, verrà portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi come una sorta di agevolazione sulle tasse.

Per usufruire, però, di questo sconto del 20% è indispensabile che il richiedente il voucher sia la stessa persona che cura la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Ma non è tutto. L’Agenzia delle Entrate chiarisce, nonostante si auspicavano cambi nella normativa mai arrivati, che il bonus vacanza si dovrà utilizzare in un’unica soluzione senza alcuna possibilità di sfruttare successivamente un eventuale credito in rimanenza.

Lo abbiamo detto già in precedenza ma lo ripetiamo per fugare ogni dubbio: il Bonus Vacanze 2021 scadrà il 31 dicembre 2021.

Pertanto, chi è intenzionato ad utilizzarlo per le vacanze di Natale 2021 dovrà fare attenzione nel prenotare un soggiorno che non vada oltre tale termine.

Bonus Vacanze Natale 2021: cosa fare per non perdere il voucher fino a500 euro

Per generare il Bonus Vacanze 2021 è necessario registrarsi all’App IO da smartphone o da pc.

Dopo aver compilato tutti i campi, quindi a procedura ultimata, l’applicazione produrrà un codice QR numerico. Tale codice andrà esibito all’atto del pagamento al titolare della struttura ricettiva presso la quale si è deciso di soggiornare.

Quest’ultimo inserirà i dati del Bonus Vacanze 2021 nella piattaforma appositamente creata dall’Agenzia delle Entrate per la misura. In questo modo si potrà conoscere subito l’importo del voucher di scontaro e le generalità del richiedente.

Tuttavia, l’Agenzia delle Entrate invita albergatori e beneficiari alla cautela.

Il Bonus Vacanze va confermato soltanto nel momento del pagamento del soggiorno e non prima, ad esempio in fase di prenotazione, per non correre il rischio di perdere il beneficio.

Una volta confermato, infatti, il voucher di sconto non potrà più essere utilizzato.

Come richiedere il Bonus Vacanze 2021

Chiariamo subito che il termine previsto per richiedere da App Io il Bonus Vacanze, utilizzabile fino al 31 dicembre 2021, è scaduto a fine 2020

Per non essere colti di sorpresa qualora il Governo Draghi decidesse di riaprire i termini per ottenere i nuovi voucher, esaminiamo alcuni problemi che potrebbero presentarsi in fase di riconoscimento del voucher di sconto.

Ribadiamo, ancora una volta che il Bonus Vacanze 2021 è indirizzato soltanto ai soggetti titolari di un ISEE in corso di validità non eccedente il limite dei 40.000 euro. È l’App IO a verificare la conformità del richiedente ai requisiti stabiliti per il bonus, grazie ad uno scambio di informazioni digitali con l’Agenzia delle Entrate.

Durante tale verifica possono presentarsi diverse situazioni. Se la domanda di richiesta del Bonus Vacanze viene accettata ed il voucher generato, bisognerà soltanto controllare che i dati siano corretti e confermare l’ottenimento del benefit.

Anche se il richiedente rispetta tutti i requisiti d’accesso alla misura, però, può succedere che non venga prodotto il codice QR perché il Bonus è già stato richiesto da un altro familiare appartenente allo stesso nucleo.

Particolare attenzione va data alla DSU e all’ISEE. Nel caso di errori nella prima, che pregiudicano di conseguenza l’esattezza della seconda, il richiedente dovrà fornire i documenti mancanti o corretti per provare il possesso dei requisiti previsti per l’accesso al Bonus Vacanze 2021.

Può accadere, inoltre, che si superi la soglia ISEE di 40.000 euro. In tal caso non si potrà in alcun modo accedere al contributo.

Bonus Vacanze 2021: quali sono le truffe più frequenti e come evitarle

Solitamente quando di tratta di sussidi o bonus consistenti negli importi il primo campanello d’allarme è per le truffe messe in atto da malintenzionati interessati ad intascare il bottino aggirando la legge.

Ebbene, diversamente da come si potrebbe pensare, anche il Bonus Vacanze è stato nel mirino di truffatori nel 2020.

È stata la stessa Agenzia delle Entrate, a cui è affidata la gestione del bonus, rendere nota la notizia sul sito internet ufficiale dell’Ente, mediante una comunicazione in cui esorta i beneficiari del contributo a fare molta attenzione considerata la moltitudine di truffe in circolazione.

Queste venivano messe in atto direttamente online, tramite annunci sponsorizzati o banner pubblicitari. Nello specifico, si invitava l’utente malcapitato ad inserire il codice QR, generato dall’App IO e corrispondente al Bonus Vacanze personale, in una finestra che si apriva immediatamente dopo aver cliccato sull’annuncio truffa.

Una volta inserito l’identificativo del proprio voucher vacanze, il banner pubblicitario scompariva ed il codice veniva rubato.

Ovviamente l’invito dell’Agenzia delle Entrate rimane valido anche per il Bonus Vacanze 2021. L’uso del voucher deve avvenire sempre e solo seguendo le indicazioni contenute nella guida al bonus disposta dall’ente gestore, cioè l’AdE.

Nonostante, lo scorso anno l’Agenzia delle Entrate si sia occupata del problema delle truffe online, insieme a PagoPa, è sempre bene stare attenti e non farsi cogliere impreparati nell’eventualità che qualcuno tendi di soffiarci da sotto il naso il Bonus Vacanze 2021.

Ora che si hanno a disposizione tutte le informazioni necessarie per poter fruire del Bonus Vacanze , occorre sbirciare online quali strutture ricettive hanno deciso di aderire al programma. Rimane pur sempre un’ottima opportunità, speriamo non l’ultima, per poter trascorrere qualche giorno di relax insieme alla famiglia durante le vacanze di Natale!