Tra i bonus più amati dagli Italiani, che ci ha regalato il precedente governo Conte, possiamo annoverare anche il bonus vacanze, meglio noto come tax credit vacanze. 

La nascita di questo contributo, pensato per la stagione estiva più che altro, si deve al Decreto Rilancio, con cui l’esecutivo allora in carica ha scelto di regalare ai contribuenti, in possesso di alcuni requisiti, 500 euro per prenotare un soggiorno in Italia nelle strutture autorizzate.

A questa iniziativa del precedente governo ha dato una spinta il nuovo esecutivo Draghi con il Decreto Milleproroghe che ha reso il bonus vacanze 2021 spendibile anche per le prossime vacanze di Natale e Capodanno.

Occasione per cui l’Agenzia delle Entrate, a cui spetta la gestione del contributo, ha pubblicato una nuova guida con tanto di aggiustamenti normativi.

Ricordiamo però che la nuova scadenza del bonus vacanze 2021, fissata ora al 31 dicembre prossimo, coinvolge i voucher già emessi, mentre per adesso non è in programma la possibilità di inoltrare nuove richieste.

Fatta questa premessa vediamo come funziona il bonus vacanze 2021, in occasione delle festività di Natale e Capodanno.

Tutte le istruzioni sul bonus vacanze 2021 anche nel video YouTube di PROVA A PRENDERMI:

 

Tutti i segreti del Bonus Vacanze 2021, valido anche a Natale e Capodanno

Il bonus vacanze 2021 consiste in un contributo economico offerto ai nuclei familiari per prenotare all’interno del territorio Italiano soggiorni e altre spese turistiche, poiché può essere usato quest’anno anche tramite agenzie e tour operator, oltre che direttamente presso le strutture ricettive autorizzate cioè alberghi, pensioni e B&B.

Per diventare titolari del bonus vacanze il cui importo può arrivare fino a 500 euro è richiesto un solo requisito legato al reddito, ovvero che l’ISEE del nucleo del titolare sia di massimo 40.000 euro all’anno.

Al momento, vale la pena di ripeterlo, il bonus vacanze scade il 31 dicembre 2021, ma tale termine si applica all’utilizzo dei voucher già emessi e non sono aperte le nuove richieste.

In parole povere, chi ha già richiesto il bonus vacanze 2021 potrà beneficiare di un’estensione della durata del voucher, spendibile fino a fine anno. Mentre purtroppo non c’è più tempo per nuove domande.

Passiamo agli importi, che sono determinati in base al numero dei componenti del nucleo familiare di chi ne fa richiesta, secondo questo schema:

  • 150 euro = 1 membro;
  • 300 euro = 2 membri;
  • 150 euro = 3 o più membri.

Bonus vacanze 2021: famiglia numerosa, importi generosi

Se nel paragrafo precedente si è parlato degli importi del bonus vacanze 2021, dobbiamo fare qualche precisazione su come questi devono essere utilizzati.

Poiché la cifra assegnata a ciascun beneficiario non sarà applicata interamente come sconto quando si paga la prenotazione.

In particolare, stabilito quanto spetta come bonus vacanze 2021, l’80% del totale sarà effettivamente applicato come sconto in fattura, mentre il restante 20% spettata come detrazione Irpef, cioè come sconto sulle tasse.

Spiegando il tutto più semplicemente, immaginiamo un nucleo familiare numeroso a cui spettano 500 euro come bonus vacanze 2021. Al momento di prenotare e pagare il soggiorno si otterrà uno sconto di 400 euro, che rappresenta proprio l’80% della cifra complessiva spettante, ovvero l’80% di 500 euro.

L’altro 20%, che in questo caso corrisponde a 100 euro, si otterrà indietro come sconto sulle tasse, inserendo la spesa nella dichiarazione dei redditi a fine anno. La restituzione di questa parte dell’importo è però applicabile solo se il titolare del voucher vacanze e chi presenta la dichiarazione dei redditi sono la stessa persona.

Per quanto riguarda lo sconto in fattura, tutto l’importo del bonus vacanze 2021, che da quest'anno può essere utilizzato anche per acquistare pacchetti viaggio completo presso agenzie e tour operator, deve essere speso in un solo pagamento. Cioè, qualora il pagamento risulti di cifra inferiore rispetto all’importo del bonus vacanze 2021, non si potrà usare il voucher per una seconda volta.

Il bonus vacanze 2021 a quando la scadenza?

Per quanto riguarda la scadenza del bonus vacanze si è già detto in precedenza che questa è fissata per il 31 dicembre 2021 e anche che questa riguarda solo i voucher già emessi.

Per quanto concerne la possibilità di prenotare, perché il soggiorno sia coperto dal bonus vacanze deve iniziare almeno un giorno prima del 31 dicembre 2021, ma non importa quando esso termini.

In parole povere le vacanze di Capodanno non sono a rischio, solo il vostro viaggio deve iniziare almeno il 30 dicembre.

Gestione del bonus vacanze 2021 tramite la App IO

Il bonus vacanze 2021 può essere gestito dai beneficiari completamente dalla App IO, tramite la quale per altro doveva essere anche richiesto.

Quanti sono risultati idonei al bonus vacanze hanno ricevuto sulla App IO un codice QR, che deve essere mostrato e scansionato al momento del pagamento.

L’Agenzia delle Entrate avvisa sia gli albergatori che i beneficiari del bonus vacanze di fare attenzione ad utilizzare il voucher solo al momento dell’effettivo pagamento, questo perché una volta confermato il bonus risulta usato e non può essere riemesso.

Nessuna possibilità di nuove richieste per il bonus vacanze 2021

Per quanto riguarda le nuove emissioni del bonus vacanze diciamo che al momento esse non sono previste, anche se l’ultima parola sui bonus si decide a dicembre in occasione della Legge di Bilancio.

Per quanto per adesso il governo Draghi non sia assolutamente interessato al suo rinnovo, la decisione vera e propria sarà comunque presa a fine dicembre. Qualora ad esempio per eventuali fondi residui rimasti il bonus vacanze fosse rinnovato nel 2022, la modalità di richiesta sarebbe sempre la stessa, cioè attraverso la App IO, così come anche i requisiti.

Ricordiamo che ci sono degli scenari in cui al momento di chiedere il bonus vacanze o anche di generare il voucher si possono avere dei messaggi di errore dall’applicazione, ad esempio se il bonus è stato già assegnato ad altro membro familiare oppure se manca parte della documentazione utile al fine di stabilire il possesso dei requisiti.

Ovviamente, qualora alla verifica l’ISEE del richiedente risultasse troppo alto la richiesta del bonus vacanza sarebbe automaticamente rifiutata.

L’Agenzia delle Entrate invita comunque i titolari del bonus vacanze 2021 ad utilizzare solo il voucher come è descritto nella nuova guida redatta, al fine di evitare spiacevoli truffe su Internet che mirano a rubare i voucher agli utenti. In particolare una truffa perpetrata in passato riguardava una serie di banner che offrivano vacanze a prezzo ridicoli, chiedendo però di inserire il voucher prima di prenotare e subito dopo gli annunci sparivano e il bonus vacanze era bruciato.

Cosa devono fare albergatori, agenzie di viaggio e tour operator per accettare il bonus vacanze

Se la richiesta del bonus vacanze 2021 non è più possibile, resta possibile per chi già ha ottenuto il beneficio spendere gli importi spettanti entro la fine dell’anno.

Stessa scadenza entro la quale gli albergatori, che vogliono aderire all’iniziativa e offrire ai loro clienti lo sconto del bonus vacanze, devono prenotare i voucher.

Per albergatori, tour operator e agenzie di viaggio, che vogliono partecipare al progetto, i bonus vacanze non saranno gestiti tramite smartphone e App IO, ma direttamente sul sito dell’organo da cui dipende il contributo, cioè l’Agenzia delle Entrate.

Il primo passo è accedere al portale dell’Agenzia, cosa permessa attraverso le credenziali: SPID, CIE, CNS, Entratel e Fisconline.

Una volta effettuato l’accesso al portale sarà necessario seguire il seguente percorso: prima andare nel menù laterale su “mia scrivania”, di qui alla sezione “servizi per”, dove si dovrà poi scegliere “bonus vacanze”.

Questa ultima sezione è la pagina dove andranno prenotati e confermati i singoli bonus vacanze 2021, inserendo i dati del richiedente o il codice QR.

Nello specifico per effettuare la prenotazione gli albergatori dovranno fornire le seguenti informazioni:

  • il codice fiscale del titolare del voucher;
  • il codice QR o numerico associato al voucher;
  • l'importo del soggiorno, ma senza alcuno sconto applicato ancora.

Nel caso in cui all’albergatore fosse fornito un codice di bonus vacanze non valido questo sarà segnalato dalla piattaforma al momento della scansione o dell’inserimento manuale dello stesso.

Dopo questo passaggio c’è ancora uno step da fare e cioè confermare i singoli bonus vacanze, questo passaggio è fondamentale e l’Agenzia avverte gli albergatori di effettuarlo solo al momento del pagamento da parte del cliente e non della sola prenotazione.  Poiché una volta inseriti i voucher saranno considerati emessi e non più validi, anche se si cancella la prenotazione.

Per quanto riguarda la restituzione degli importi, che di fatto gli albergatori anticipano, questi saranno rimborsati con un credito d’imposta usando il classico modello F24.

Un possibile nuovo bonus vacanze solo per i vaccinati!

Qualche mese fa dal Parlamento era venuta una proposta molto originale cioè quella di istituire un nuovo bonus vacanze 2021, ma destinato a premiare solo i cittadini che hanno completato il ciclo vaccinale contro il Covid-19.

La proposta veniva dall’On. Sestino Giacomoni al momento della sua presentazione dobbiamo dire che ebbe il plauso di molti in Parlamento.

Da progetto il questo nuovo bonus vacanze avrebbe dovuto offrire l'importo di ben 1.000 euro sostituendo al requisito di reddito ISEE quello di aver effettuato prima e seconda dose di vaccino.

A spingere l’On. Giacomoni verso questa sua proposta l’esempio di altri Stati esteri che avevano offerto un contributo in denaro ai propri cittadini per spingere a vaccinarsi.

Ad ogni modo, ormai siamo piuttosto avanti nel somministrazione del vaccino contro il Covid-19 e questa proposta è stata semplicemente accantonata dal governo Draghi, concentrato com’è sulle tante riforme da attuare prima della fine dell’anno.