Come è stato recentemente annunciato Draghi ha confermato il Decreto sostegni bis includendo al suo interno anche una proroga per il Bonus vacanze 2021. Se prima gli incentivi al turismo potevano essere utilizzabili fino al 2021 adesso sarà possibile usufruirne fino a giugno 2022 come spiega anche idealista.it. 

Un anno particolare per gli italiani: le continue restrizioni hanno rallentato l’intera economia interna al paese e per molte famiglie quest’anno sarà davvero difficile fare anche solo qualche giorno di mare. 

L’aumento della percentuale di italiani in smartworking e la difficoltà del viaggiare all’estero ha aumentato di gran lunga le prenotazioni nelle più belle località di mare: dalla Sicilia alla Sardegna fino al Cilento e il sud pontino. 

Dall’altro canto gran parte degli italiani quest’anno non potrà permettersi una vacanza, ma per coloro che hanno già fatto richiesta per il Bonus vacanze ci sono ottime notizie!

Tante destinazioni low cost potranno permettere alle famiglie brevi soggiorni totalmente gratuiti anche in località di mare! Come? 

Bonus vacanze 2021: che cos’è 

Il Bonus vacanze è uno sconto che lo Stato riserva alle famiglie con un Isee sotto i 40mila euro per pagare le vacanze. L’importo varia in base ai componenti: single, coppia e famiglia rispettivamente 150, 300 e 500 euro (Da 3 componenti in su).

Facendo due conti, i nuclei più agevolati sono quelli da tre persone: le coppie con un figlio. E’ in attesa anche la proroga per allungare il periodo di utilizzo non solo fino al 31 dicembre 2021 ma anche fino al 2022: non ancora confermata, si vocifera che verrà dato l'ok a breve. 

Chi può usufruire del Bonus vacanze 2021 e in che modo

Per usufruire del Bonus Vacanze si dovrà anticipare un 20% dell’intera somma da dare alla struttura, che poi verrà restituito come detrazione dell’imposta sul reddito. Per fare un esempio se si parla di una somma di 500 euro: una volta arrivati sul posto, i 400 euro saranno anticipati dal Bonus vacanze ma 100 euro dovranno andare alla struttura per saldare l’intero importo del soggiorno.

Ricapitolando, quindi, l’80% verrà pagato dallo Stato, il restante 20% dal soggetto ospite della struttura che riceverà i soldi indietro a fine anno. Ovviamente, le percentuali si riferiscono comunque ad un importo limite: 500 se si parla di famiglia. Questo significa che una volta arrivati al tetto massimo, il restante da pagare spetta alla famiglia e non allo Stato. 

Se verrà confermato, il Bonus vacanze potrà essere utilizzato fino addirittura a giugno 2022. Come sottolinea il sito del Governo, il Bonus ricevuto dovrà essere speso in un’unica soluzione (quindi per una sola vacanza) e soprattutto presso:

 “Un’unica struttura turistica ricettiva in Italia (albergo, campeggio, villaggio turistico, agriturismo e bed & breakfast)”.

Come richiedere il Bonus vacanze 2021, le novità del decreto di maggio 

Per presentare la domanda per il Bonus vacanze bisogna innanzitutto appellarsi all’Isee: come detto precedentemente non deve essere superiore al totale di 40mila euro.

Nel caso si rientrasse nel range accettato bisognerà presentare una Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) ancora in corso di validità. Oltre ciò, come spiega anche idealista.it è necessario ricordare che per richiedere il bonus è necessario scaricare l'applicazione IO e accedere tramite la procedura guidata”.

Purtroppo, con le novità portate avanti dal Decreto sostegni bis non sarà possibile inserire domande aggiuntive: questo significa che potrà usufruire del Bonus vacanze solamente chi ha presentato domanda entro il 31 dicembre 2020.

 In realtà è una decisione momentanea riferibile solo al decreto di maggio, non è detto quindi che che si escluda totalmente una riapertura successiva delle domande.

Tra le novità di maggio viene inoltre confermata la postilla sulla fruizione del Bonus: Airbnb e Booking non saranno comprese nell’agevolazione, per utilizzarla bisognerà prenotare direttamente alle strutture turistiche.

Coloro che sono riusciti ad inoltrare la domanda attraverso l’app IO, applicazione dei servizi della pubblica amministrazione, hanno dovuto inserire i dati dell’identità digitale (spid e carta di identità elettronica): motivo per il quale, per usufruire del Bonus vacanze avranno ricevuto un codice identificativo (associato al nome) insieme ad un QR da presentare alla struttura ricettiva.

La struttura applicherà lo sconto sul momento, e riceverà il rimborso attraverso credito d’imposta.

Altra novità importante viene spiegata anche da informazionefiscale.it: ci sarà la possibilità di utilizzare il bonus non solo per i servizi delle imprese turistico ricettive ma anche per tutti i servizi offerti dalle agenzie di viaggio e tour operator. 

Il ministro al Turismo, Massimo Garavaglia, ha spiegato il perché delle novità del Bonus vacanze:

“Tante risorse non erano state utilizzate, ma noi non vogliamo che resti neanche un centesimo inutilizzato. Il bonus vacanze aiuta le famiglie con il reddito basso a poter andare comunque in vacanza. Non possiamo permetterci di avere risorse non spese, dopo averle stanziate”.

Una scelta per utillizzare tutti gli importi disponibili, quindi. Una strategia volta ad agevolare le famiglie meno abbienti per permettere una mini vacanza a tutti nonostante i gravi danni economici portati dall’ondata pandemica. 

Viaggi gratis, o quasi, con il Bonus vacanze 2021: ecco come 

Per le famiglie quest’anno è possibile fare una mini vacanza completamente gratuita. Se si parla di un nucleo familiare di 3 persone si può ricevere un compenso di ben 500 euro.

Al momento del pagamento bisognerà aggiugere solo 100 euro ai 400 dati dallo Stato: come suddetto, la cifra verrà restituita nella dichiarazione dei redditi 2021. Un breve soggiorno al mare potrà essere regalato dallo Stato: basterà aggiungere il costo dei trasporti, scegliendo una meta vicino casa il problema diventerà irrisorio.

Per quanto riguarda le coppie la situazione è un po' diversa in quanto si parla comunque di 300 euro. Se si punta ad una fuga nel weekend è comunque possibile trovare soggiorni a prezzi contenuti, oppure una struttura Spa con un percorso personalizzato. 240 euro verranno anticipati subito dallo Stato: la spesa sarà davvero limitata. 

I single, invece, avranno un po’ più problemi per quanto riguarda le spese: con la camera doppia si riesce ad ammortizzare i costi, se si viaggia da soli è difficile trovare delle offerte, motivo per il quale sarebbe difficile rientrare nei 150 euro. Nonostante ciò potrebbe comunque essere un’occasione per una giornata di relax e solitudine: una fuga dal tran tran giornaliero. 

Quali mete scegliere per viaggiare gratis usufruendo del Bonus vacanze 2021

Viagginews.com ha fatto una vera e propria inchiesta per capire quali sono le mete più belle ed economiche in cui poter andare in vacanza pagando il soggiorno attraverso il Bonus Vacanze. 

Innanzitutto l’importante è scegliere date tra il mese di giugno e il mese di settembre: evitare del tutto la settimana di ferragosto.

Il sito ha efficacemente valutato i costi per i soggiorni in hotel in varie località balneari che avevano la maggior parte di valutazioni positive per quanto riguarda mare e spiaggia. 

Secondo viagginews.com la meta più economica è proprio Pineto, in Abruzzo: miglior rapporto qualità prezzo per quanto riguarda la bellezza del paesaggio e l’offerta a livello di prezzi di soggiorno.

Le altre mete economiche in Italia sono:

  • Maratea, Basilicata
  • Roccella Jonica, Calabria
  • Agropoli, Campania
  • Macari, Sicilia

La Basilicata è una regione molto economica e meta ignorata dal turismo. Maratea è una delle mete più famose, sul Golfo di Policastro, arroccata su Monte San Biagio e a picco sul mare. Secondo viagginews.com i costi sono davvero bassissimi: “una notte a Ferragosto in un hotel 5 stelle si aggira sui 180 euro. Ma basta scendere di categoria per trovare soluzioni, sempre in alta stagione, che non vanno oltre i 90 euro. E un 3 stelle ad appena 65 euro a notte! Ottimo, insomma, per qualche giorno di vacanza rilassante in famiglia.

Andando avanti c’è Roccella Jonica che si trova sulla Costa dei Gelsomini, nella provincia di Reggio Calabria, sul mar Ionio: una delle spiagge più belle d’Italia. Da 17 anni di seguito Roccella Jonica è Bandiera Blu. Una notte in una stanza doppia in un hotel 5 stelle nel periodo di Ferragosto costa fra i 120 e i 140 euro ma ci sono molti B&B a meno di 70 euro a notte.

Pineto, piccolo comune in provincia di Teramo affacciato sul mare Adriatico. Nonostante il mare bellissimo, non è località molto conosciuta motivo per il quale a giugno si può pernottare anche solo con 40 euro! 

Per non parlare poi di Agropoli: una meraviglia del Cilento. Nonostante l’estate i prezzi salgono, si può soggiornare in un hotel a 5 stelle a soli 130 euro. Nelle basse stagioni si soggiorna con soli 30, 40 euro. 

Per finire c’è Macari, in provincia di Trapani: uno dei mari più belli d’Italia da far invidia anche ad alcune coste della Sardegna. Nel caso si ricerchi una vacanza relax lontano dalla folla e dal caos ci sono ottimi B&B ben lontani dal concetto di lusso ma perfetti per un’esperienza nella natura. 

Le possibilità quindi, sono davvero tante. Le famiglie quest’anno si potranno regalare qualche giorno di lontananza dal tran tran della città gratis: non resta che prenotare!