Con l'arrivo imminente dell'estate, e dopo un lungo periodo trascorso nelle proprie abitazioni, milioni d'italiani sentono il desiderio di partire.

Cresce dunque la curiosità attorno al bonus vacanze 2021, la misura introdotta originariamente dal Decreto Rilancio è stata prorogata fino a giugno 2022 dal Decreto Sostegni e, con l'introduzione del Decreto Sostegni bis, sarà possibile spendere il bonus vacanze 2021 anche quest'anno.

Capiamo bene il motivo per cui è nata questa agevolazione: lo scopo è quello di rilanciare il mondo del turismo, messo in ginocchio dall'emergenza epidemiologica.

Tuttavia la sua fruizione non è stata considerata intuitiva nell'utilizzo, e non tutte le strutture ricettive hanno aderito alla manovra.

Il Governo dunque ha deciso di semplificare le operazioni e di apportare alcuni cambiamenti, al fine di rendere più facile il processo e di snellire le operazioni.

Si potrà infatti utilizzare il voucher anche nelle agenzie di viaggio, un'importante novità.

Andiamo a vedere dunque cosa cambia nel bonus vacanze 2021, a chi spetta, quali sono i requisiti e tutte le novità introdotte.

Bonus vacanze 2021: come funziona

Abbiamo detto che il bonus vacanze 2021 è una misura adottata dal Governo per tentare di rilanciare l'economia turistica, ma come funziona?

L'agevolazione consiste in un contributo che può arrivare massimo a 500 euro spendibile in una delle strutture aderenti italiane.

Come possiamo intuire non ha validità all'estero, ma ha valenza solo nel suolo italiano.

Non è cumulabile per più persone dello stesso nucleo familiare, ma è richiedibile da un solo componente della famiglia.

Nonostante questo chi va a spendere il bonus non deve essere per forza il richiedente, ma anche una terza persona facente parte del nucleo.

Ovviamente ci sono alcuni requisiti per poterne beneficiare e li vedremo successivamente.

Il bonus non può venire dilazionato, ma deve necessariamente venir speso in un'unica soluzione presso un'unica struttura.

L'importo viene erogato sotto forma di voucher, ed è fruibile in due diverse modalità:

  • 80 per cento dell'agevolazione viene erogato subito e coincide con lo sconto di cui si ha diritto presso la struttura ricettiva;
  • il 20 per cento dell'agevolazione coincide con una detrazione d'imposta che si effettua tramite la dichiarazione dei redditi dell'anno 2021.

Le strutture che aderiscono al bonus vacanze 2021 recupereranno l'importo attraverso un credito d'imposta, che si può utilizzare solamente tramite compensazione.

Per questo motivo molte strutture sono rimaste un po' restie nel partecipare, perché avrebbero preferito un pagamento istantaneo o comunque di liquidità.

Invitiamo dunque i beneficiari a informarsi sull'effettiva adesione della struttura scelta, per non trovarsi a non poter spendere il bonus vacanze 2021 incappando in spiacevoli sorprese.

Per ulteriori chiarimenti vi lasciamo con un video YouTube di Speedy News Italia, che ci aiuterà a fare chiarezza a riguardo.

Bonus vacanze 2021: a chi spetta

Introdotto e prorogato per rilanciare il turismo il bonus vacanze 2021 è una misura che fa gola a molti.

Non tutti però possono beneficiarne, andiamo a vedere a chi spetta.

Il requisito fondamentale per poter usufruire dell'agevolazione è economico, ed è attinente all'ISEE del nucleo familiare, sia esso composto da persona singola o da più componenti.

Nella fattispecie possono beneficiare del bonus vacanze 2021 tutti i richiedenti con un ISEE dell'intero nucleo familiare inferiore a 40.000 euro.

La soglia come possiamo vedere non è troppo bassa, proprio per poter includere nell'agevolazione un ventaglio di popolazione di più ampio spettro.

Bonus vacanze 2021: a quanto ammonta

Per capire a quanto ammonta l'importo del bonus vacanze 2021 bisogna specificare che non è il medesimo per tutti i richiedenti.

Abbiamo detto in precedenza che il massimo è di 500 euro, ma si suddivide in tre parti distinte, in base ai componenti del nucleo familiare.

Maggiori sono i componenti e più alto sarà l'importo, infatti i tre importi sono così suddivisi:

  • spettano 150 euro ai richiedenti con un nucleo familiare composto da una sola persona;
  • spettano 300 euro ai richiedenti con un nucleo familiare composto da due persone;
  • spettano 500 euro ai richiedenti con un nucleo familiare composto da almeno tre persone.

Il requisito ISEE rimane il medesimo, la soglia è di 40.000 euro per poter richiedere il bonus vacanze 2021.

Bonus vacanze 2021: come richiederlo

Prima di dirvi come richiedere il bonus vacanze 2021 vi anticipiamo che bisognerà scaricare l'App IO ed essere in possesso di Spid o CIE 3.0.

Dunque bisogna premunirsi previamente di questi strumenti, altrimenti non sarà possibile fare richiesta.

I passi per richiedere il bonus vacanze 2021 sono questi:

  • prima di tutto bisogna scaricare l'APP IO e accedere alla sezione Bonus Vacanze, per farlo bisognerà come già detto possedere SPID o CIE 3.0;
  • a questo punto verrà chiesto di inserire una password di accesso inserita dal richiedente, che dovrà rispettare alcuni vincoli di sicurezza;
  • una volta entrati bisogna entrare nell'apposita sezione in cui inoltrare la richiesta, ovvero "pagamenti", "bonus e sconti" e infine "bonus vacanze-Agenzia delle Entrate";
  • a questo punto non resta che inoltrare la domanda seguendo tutte le indicazioni del caso.

Terminato l'iter e inoltrando la domanda non ci resta altro che aspettare i controlli dell'Inps che, solitamente, sono abbastanza celeri.

Bonus vacanze 2021: quando richiederlo

Con la proroga introdotta di recente il bonus vacanze 2021 è valido fino a giugno 2022, questo per chi però aveva già fatto domanda entro dicembre 2020.

Dunque la proroga è andata a favorire chi già aveva il bonus ma non lo aveva ancora speso.

E per chi vuole fare domanda? La sensazione è quella che, dopo l'approvazione della proroga, ci sarà anche un riavvio dell'accettazione di nuove domande e richiedenti.

Seguendo le orme dello scorso anno si può ipotizzare che, nel caso di riapertura delle domande, queste debbano essere inviate in un periodo compreso tra il primo luglio 2021 e il 31 dicembre 2021.

Più che una sensazione è una speranza, dal momento che la situazione è ancora nebulosa e che le aspettative che c'erano erano alte.

Siamo speranzosi poiché, in ogni caso, il bonus vacanze 2021 è una misura che potrebbe aiutare realmente l'economia del turismo italiano.

Inoltre molte persone hanno subito duramente la pandemia e accetterebbero di buon grado un nuovo contributo, che potrebbe aiutarli ad andare in vacanza.

Bonus vacanze 2021: strutture aderenti

Abbiamo detto che non tutte le strutture hanno aderito al bonus vacanze 2021, dato che non è obbligatorio.

Questo per vari motivi, tra cui la perplessità di ricevere il denaro tramite credito di imposta spendibile solo attraverso compensazione.

Detto ciò, la raccomandazione è quella proprio di accertarsi di prenotare in una struttura aderente, altrimenti il bonus non sarà spendibile e l'importo sarà pagato nella sua interezza.

Bonus vacanze 2021: Spid e CIE 3.0

Abbiamo detto in precedenza che per poter beneficiare del bonus vacanze 2021 bisogna essere in possesso di Spid o di CIE 3.0, che cosa sono?

Partiamo con CIE 3.0, che altro non è che la nuova carta d'identità elettronica.

Questa ha superato largamente l'utilizzo della carta d'identità cartacea, conferendo sì l'accertamento della persona fisica, ma offrendo diversi servizi digitali.

Inoltre garantisce maggior sicurezza anche sulla contraffazione, in quanto comprende nuove tecnologie volte proprio alla sicurezza.

In sostanza è proprio una carta d'identità di nuova generazione, al passo con i tempi.

Altro discorso per Spid, la cui sigla equivale proprio a Sistema pubblico d'identità digitale.

La sua funzione è quella di assicurare sicurezza massima nella propria identità digitale, e di accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione e di servizi di alcuni privati che aderiscono.

Per richiederla bisogna avere la maggiore età e possedere un documento di riconoscimento italiano in corso di validità, tessera sanitaria o codice fiscale, un email valida e un cellulare.

Non è difficile capire perché il Governo si avvalga di questi strumenti per richiedere alcuni bonus, tra cui il bonus vacanze 2021.

La sicurezza sulle frodi è di vitale importanza, così come quella sulla propria identità.

Bonus vacanze 2021: Agenzia delle Entrate

Dati i dubbi di alcuni aspiranti beneficiari del bonus vacanze 2021 l'Agenzia delle Entrate è intervenuta con alcuni chiarimenti.

Nel caso di genitori separati con il figlio a carico di entrambi, ad esempio, può beneficiare dell'agevolazione il genitore che ai fini ISEE ha il figlio a carico, e a cui è intestata la fattura.

Per quanto riguarda il destinatario del beneficio viene chiarito che non è necessario che a usufruire del bonus sia colui che ha fatto domanda.

Può infatti beneficiarne un altro componente del nucleo familiare, senza includere obbligatoriamente tutta la famiglia.

Per ulteriori chiarimenti in merito al bonus vacanze 2021 potete consultare le FAQ dell'Agenzia delle Entrate.

Bonus vacanze 2021: nuove domande

Con l'ultima proroga è stato spostato il limite di utilizzo del bonus vacanze 2021 a giugno 2022, questo però solo per chi ha già fatto domanda entro dicembre 2020

Per tutti i nuovi aspiranti richiedenti si attendono novità e dichiarazioni ufficiali da parte del Governo, che però tardano ad arrivare. Staremo a vedere se consequenzialmente alla proroga ci sarà un altro periodo in cui richiederlo, o se invece non ci sarà più la possibilità di beneficiarne.

La speranza è quella di vederlo riproporre, così da poter garantire a un più amipo spettro d'italiani la possibilità di giovare di un'agevolazione importante, soprattutto in questi mesi estivi.

Conosciamo bene le difficoltà derivanti dal periodo di reclusione forzata, e ora più che mai i cittadini sentono l'esigenza di spostarsi e di viaggiare.

Vedremo, nel caso di un nuovo periodo in cui fare richiesta, quali saranno i requisiti, gli importi e se ci saranno ulteriori novità relative al bonus vacanze 2021, informandovi non appena avremo notizie certe e importanti.