Con l'estate alle porte ed una emergenza legata al Covid-19 che sembra essere rientrata con dati sempre più confortanti, torna tra le persone la voglia di vacanze, di tornare a viaggiare.

Per tutti coloro che per questa estate hanno deciso di concedersi un weekend, qualche giorno o settimane di relax prenotando un viaggio c'è una sorpresa, anche per il 2021 sarà possibile fare uso del Bonus vacanze per le ferie estive.

Il Bonus vacanze nato il 25 febbraio dell' anno scorso con il decreto Milleproroghe (Dl n.183/2020, convertito con la legge n.21/2021)  sotto il governo Conte con scadenza giugno 2020 è stato prorogato, non senza polemiche, fino al 30 giugno 2022 dall' attuale governo Draghi , presentato ed inserito nel Decreto Sostegni dal ministro del turismo Garavaglia .

“Il Bonus c'era anche l'anno scorso – ha affermato il ministro – ma tante risorse non sono state utilizzate. Noi non vogliamo che nessun centesimo stanziato resti non utilizzato. Con il Bonus vogliamo aiutare le famiglie, quelle con reddito più basso, ad andare comunque in vacanza. Per fare questo abbiamo studiato alcune modifiche al Bonus che era stato progettato dal precedente Governo. Prima il Bonus era spendibile solo negli alberghi, ora invece sarà spendibile in maniera più semplice anche presso le agenzie di viaggio”. 

Bonus Vacanze come funziona

Il Bonus vacanze per chi non dovesse ancora conoscerlo è un provvedimento pensato per incentivare il turismo che consiste in un contributo fino ad un massimo di 500 euro da utilizzare per soggiorni in, villaggi turistici, campeggi, alberghi e bed & breakfast, valido solo in Italia.

Termine ultimo per poter usufruire del bonus 30 giugno 2022.

 il Bonus vacanze può essere richiesto da nuclei famigliari con un ISEE che non superi i 40 mila euro, ISEE che deve essere calcolato tramite la Dichiarazione sostitutiva unica (DSU) dal momento che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare.

Il Bonus vacanze da' diritto ad uno sconto immediato dell' 80% nel momento del pagamento del soggiorno, il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione d'imposta nel momento in cui verrà fatta la dichiarazione dei redditi da parte della persone alla quale sarà intestata la spesa del soggiorno (scontrino, ricevuta fiscale o fattura).

Inoltre c'è da aggiungere che il Bonus vacanze può essere utilizzato da una sola persona appartenente al nucleo famigliare che lo ha richiesto, deve essere speso in un'unica soluzione presso un'unica struttura e l'eventuale residuo del bonus è perso.

Tuttavia, si stà lavorando per risolvere un aspetto che ha creato polemiche in parlamento, l’approvazione della proposta del Ministero: l’opportunità, ad ora non concessa come sopra menzionato, di utilizzare il bonus vacanze a più riprese durante l’anno, presso le diverse tipologie di strutture ammesse.

Di seguito un video in cui Lorenzo Venturi Superhost e ambassador di airbnb approfondisce il funzionamento del bonus vacanze 2021.

Bonus vacanze 2021: importi

Il Bonus vacanze come previsto dall'Agenzia delle Entrate può essere richiesto solo in formato digitale e come già scritto solo per quei nuclei famigliari in possesso di un ISEE inferiore a 40 mila euro, per quanto riguarda gli importi si fa riferimento al numero di componenti del nucleo famigliare  così come segue:

500 euro per nuclei familiari composti da tre o più persone;

300 euro per nuclei familiari composti da due persone;

150 euro per nuclei familiari composti da una persona.

Un esempio:

Una famiglia di quattro persone ha a disposizione 500 euro di bonus, che vuole utilizzare per un soggiorno da 1.000 euro. Al momento dell'emissione della fattura otterrà uno sconto immediato di 400 euro (pari all'80% del bonus), mentre i 100 euro restanti potrà portarli in detrazione nella dichiarazione dei redditi.

Come richiederlo attraverso l'app IO

Il bonus vacanze potrà essere richiesto da chi ha un ISEE valido ed erogato solo in formato digitale, la richiesta si può essere effettuata tramite l'app IO basterà seguire queste indicazioni:

  1. entra nell'app IO;
  2. sezione Portafoglio;
  3. vai su "aggiungi nuovo Bonus/Sconto;
  4. scegli l'opzione "Bonus Vacanze" tra i bonus disponibili;
  5. segui gli altri passaggi per completare la richiesta e l'attivazione.

Per ottenerlo è necessario che un componente del nucleo familiare sia in possesso di un’identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE 3.0 (Carta d’Identità Elettonica). Al momento della richiesta del bonus, infatti, si dovranno inserire le credenziali SPID e successivamente fornire l’Isee.

Se non hai la tua identità digitale richiedila (SPID e CIE 3.0).

l’App Io non viene utilizzata soltanto per richiedere il bonus vacanze ha un uso ben più ampio e per svariati fini ad esempio, si ricorre a IO anche per aderire al cashback di Stato, al super cashback o per pagare imposte e multe.

È molto utilizzata per il pagamento del bollo auto. In questo caso l’applicazione non soltanto gestisce il pagamento ma invia delle notifiche sullo smartphone del soggetto interessato a ricordo delle future scadenze degli altri pagamenti.

Bonus vacanze: QR code come utilizzarlo

Finita la procedura di richiesta, nel caso risulti valida, l'app IO confermerà attraverso una notifica l'avvenuta attivazione sarà così reso disponibile il QR-code associato che basterà mostrare all' albergatore, all' agenzia di viaggio o alla struttura ricettiva nel momento del pagamento del soggiorno direttamente dal proprio smartphone.

Dove si può spendere il bonus vacanze: le strutture aderenti

Le strutture, in ogni caso, non sono obbligate ad accettare il bonus. I contribuenti che lo hanno richiesto dovranno accertarsi, entro la scadenza del 30 giugno 2022, che la struttura scelta partecipi all’iniziativa.

II bonus si potrà spendere presso una struttura ricettiva italiana e potrà essere utilizzato per pagare soggiorni all’interno di diverse strutture turistiche italiane ricettive che aderiscono al progetto, tra cui:

  • alberghi;
  • campeggi;
  • villaggi turistici;
  • agriturismi;
  • bed & breakfast.

Dopo aver ricevuto la conferma di poter usufruire dell’agevolazione, il richiedente (che può coincidere con un altro membro del nucleo familiare), potrà utilizzare il bonus come:

80% sotto forma di sconto immediato al momento del pagamento, una sola volta entro il 30 giugno 2022 presso una struttura situatasul territorio nazionale che aderisce all’iniziativa

• il restante 20% dell'importo totale del soggiorno in detrazione, con la dichiarazione dei redditi che sarà presentata per l’anno di imposta 2020 o 2021, in funzione dell’anno di utilizzo del bonus.

Sul sito italyhotels.it è possibile trovare l'elenco delle strutture aderenti al bonus vacanze tra quelle facenti parte di Federalberghi. 

Basterà inserire motore di ricerca del sito, la destinazione,  le date e il tipo di albergo in cui si desidera soggiornare, una volta effettuata la ricerca, sarà possibile filtrare i risultati per strutture che accettano il bonus vacanze.

Esclusi i portali telematici diversi da agenzie di viaggio o tour operator

Il pagamento dovrà essere effettuato direttamente presso la struttura turistico-ricettiva scelta o mediante un'agenzia di viaggio o tour operator: ciò vuol dire che non è possibile servirsi di piattaforme come Booking, Airbnb e altri portali telematici diversi dai tour operator e dalle agenzie di viaggio.

Green Pass obbligatorio per lo spostamento tra regioni

Non possiamo conoscere il futuro di una che va gradualmente verso la zona bianca su tutte le regioni, per cercare comunque di lavorare affinchè si tengano sotto controllo il numero dei contagi Covid-19  il governo ha definito ufficialmente il green pass o "certificazione verde".

Il Green pass introdotto nel decreto anti-Covid del 22 aprile 2021 sarà obbligatorio per spostarsi tra regioni in fascia rossa o arancione sia in entrata che in uscita, sarà necessario anche per la partecipazioni a matrimoni,  concerti con capienza maggiore di quella attualmente consentita (fino a un massimo di mille spettatori in impianti all’aperto e fino a 500 al chiuso) e probabilmente per l' entrata in discoteca.

Il Green pass entrerà in vigore dal 15 giugno, e verrà rilasciato dalla struttura sanitaria che effettua la vaccinazione, in formato cartaceo a tutti coloro che avranno completato il ciclo di vaccinazione.

Per quanto riguarda invece i guariti dal Covid-19, saranno i medici di base o  la struttura presso il quale il paziente è stato ricoverato a rilasciare la certificazione cartacea o digitale.

Un terzo ed ultimo modo per ottenere il green pass l'attestazione da parte di un laboratorio analisi o di una farmacia dell'esito negativo di un test molecolare o antigenico.

La durata del green pass per i vaccinati è stata portata da 6 mesi a 9 mesi «a far data dal completamento del ciclo vaccinale». Non solo. È stato deciso di rilasciare la certificazione contestualmente alla somministrazione della prima dose di vaccino, «con validità dal «quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale». 

La durata della certificazione verde in caso di guarigione resta di sei mesi a far data dall'avvenuta guarigione dal Covid. 

In caso di tampone negativo, il certificato ha una validità di quarantotto ore dall'esecuzione del test.

La certificazione verde è gratuita, rimane a pagamento invece il costo del tampone molecolare o antigenico con un costo medio di 70-100 euro del test molecolare

e di 30-50 euro per il test antigenico.