Il caro bollette non farà altro che peggiorare, e già a partire da quest'autunno.

L'ente nazionale ARERA ha già segnalato un nuovo rincaro per il mese di ottobre, che porterà ad un aumento vertiginoso per tutte le bollette energetiche, sia per le famiglie, sia per le imprese. E oltre a pagare di più toccherà consumare meno, visto che il rischio di un razionamento della luce e del gas è sempre più realistico.

L'unico modo per fronteggiare al meglio il caro bollette è quello di risparmiare energia e soldi in maniera sistematica, per ogni angolo della casa.

In questo articolo vedremo insieme cosa fare contro questo nuovo caro bollette, e quali strategie utilizzare per ogni stanza della propria abitazione, dalla cucina al bagno, dalla camera da letto al soggiorno.

Perché se tutte le stanze sono al massimo del risparmio energetico, con un ridotto consumo di luce e gas la tua bolletta sarà più leggera anche nel peggiore dei casi, anche se il prezzo del gas dovesse superare i massimi storici.

Caro bollette, cosa fare per evitare la stangata? Ecco tutte le migliori soluzioni

Per affrontare al meglio il caro bollette, bisogna iniziare a risparmiare, ma a seconda della stanza o dei propri servizi che si usano. In questo caso ci riferiremo a:

  • il gas in cucina,
  • l'acqua in bagno (o per tutti i servizi igienici),
  • la luce e il gas per il riscaldamento in soggiorno e nelle stanze.

Inoltre, come ulteriore approfondimento, c'è un consiglio a cura di SENEC su come risparmiare sulle bollette grazie all'autoconsumo energetico. Ma prima vediamo insieme tutte le soluzioni per affrontare il caro bollette e per avere casa calda e illuminata al meglio.

Caro bollette, cosa fare per risparmiare gas in cucina

La voce principale in cucina è il gas: solo i fornelli richiedono il 5% del consumo complessivo di gas domestico, secondo Energit.

Un'ottima soluzione per ridurre il consumo e risparmiare sul gas è di optare per la cottura tramite forni o elettrodomestici da cottura (es. friggitrice ad aria), limitando così l'uso dei fornelli.

Raccomandiamo l'uso di elettrodomestici di ultima generazione, appartenenti a classi energetiche alte, così non si rischia di buttare il risparmio accumulato col gas sulle spese per l'elettricità. 

Oppure di utilizzare il gas il meno possibile, magari con qualche trucchetto creativo, come quello del cuocere la pasta senza gas, tornato in auge grazie al premio Nobel Giorgio Parisi.

Altrimenti si può valutare di cambiare i fornelli, installando un nuovo modello più adatto al risparmio energetico. Come soluzione può risultare molto efficace, ma anche molto costosa, visto che si parla di modelli che possono costare anche il doppio di un normale fornello a gas.

Caro bollette, cosa fare per risparmiare acqua in casa

Per constrastare il caro bollette conviene anche risparmiare acqua per ogni sanitario o rubinetto presente in casa. Se hai già provveduto a rinnovare la rubinetteria (soffioni e colonnine doccia compresi) con i vari bonus idrici, hai già la sicurezza di avere un gettito massimo di 6-9 litri al minuto per ogni rubinetto o soffione.

Per quanto riguarda il soffione o le colonnine doccia, consigliamo di utilizzarli in maniera molto contenuta, anche facendo delle brevi docce di pochi minuti.

Nel caso invece di elettrodomestici che consumano anche l'acqua, come la lavastoviglie o la lavatrice, un'ottima soluzione è quella di utilizzarle solo a pieno carico, e impostando programmi Eco o a Risparmio Energetico.

Inoltre, se hai già utilizzato l'acqua per alcuni lavori, o anche solo per la cottura della pasta, consigliamo di riutilizzarla per altre attività, come ad esempio il giardinaggio. Oppure, come nel caso dell'acqua del condizionatore, utilizzarla per il ferro da stiro.

Caro bollette, cosa fare per risparmiare sul riscaldamento in soggiorno

Per quanto riguarda il riscaldamento, voce principale nel caro bollette di quest'anno, la miglior soluzione è quella di contenere il più possibile il suo utilizzo, sia per quanto riguarda la temperatura da disporre per gli ambienti, sia per la durata dell'accensione dell'impianto.

Come già raccomandato dal piano MiTE, converrebbe tenere la temperatura del proprio riscaldamento non oltre i 19 gradi, e fino ad un massimo di 7 ore al giorno

Per risparmiare sul riscaldamento in maniera ancora più efficiente, ti consigliamo di passare a 17-18 gradi, e di tenerlo acceso per non più di 5 ore al giorno

Altrimenti si può valutare per l'installazione di un nuovo impianto di riscaldamento. Ad oggi con le agevolazioni previste per l'efficientamento energetico puoi avere una caldaia e dei nuovi termosifoni quasi gratis. Oltre alla possibilità di rinnovare l'isolante termico della tua dimora, infissi compresi.

Sennò, come ultima possibilità per risparmiare sul riscaldamento, c'è quella di passare ad un altro contratto energetico. Non immagineresti mai quanto puoi risparmiare passando anche oggi al Mercato Libero.

Caro bollette, SENEC consiglia l'autoconsumo per evitare la stangata

Oltre a tutte queste soluzioni, una buona strategia da adottare contro il caro bollette è quella di optare per l'autoconsumo domestico, come suggerisce SENEC.

Azienda specializzata nel settore del fotovoltaico e dei sistemi di accumulo, SENEC consiglia di installare pannelli fotovoltaici e dispositivi per l'accumulo energetico, così da avere energia disponibile anche di notte. 

Il sistema dell'accumulo impedisce che l'energia non consumata in tempo venga ceduta alla rete elettrica pubblica. Col risultato di doverla poi "riprelevare", ovviamente pagandola, nonostante sia stata prodotta dal tuo impianto domestico.

Col sistema dell'accumulo, le batterie terranno l'energia raccolta sempre a tua disposizione.

E come per l'installazione di un nuovo impianto, ci sono un sacco di bonus governativi che puoi richiedere per avere uno sconto sull'acquisto e sull'installazione, come il famoso Superbonus 110%.

Tanto, una volta installati pannelli e impianto di accumulo, il resto è tutto in discesa, visto che col fotovoltaico risparmi.