Qualche tempo fa, parlando dunque di tempi oramai non più sospetti, è stato creato un piccolo aiuto destinato alla categoria degli insegnanti: la carta del docente. Sostanzialmente, questo tipo di aiuto riguarda a livello prioritario, per l'appunto, solo ed esclusivamente la categoria del personale scolastico qualificato.

Al fronte delle numerose spese da sostenere, è un incentivo che sicuramente risulta essere comodo e in grado di alleggerire parecchi costi ormai divenuti "fissi". Ma esattamente, in cosa consiste questa carta del docente di cui si fa un gran parlare ogni giorno? Vediamolo insieme.

A livello basilare, innanzitutto, una prima definizione ci viene definita proprio dal sito ritenuto ufficiale, che si occupa dunque di gestire questa iniziativa in tutti i suoi relativi aspetti. Citando quanto segue:

È una iniziativa del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca prevista dalla legge 107 del 13 luglio 2016 (Buona Scuola), art. 1 comma 121, che istituisce la Carta elettronica per l'aggiornamento e la formazione dei docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche.

Da ciò che si può intuire, dunque, è una carta che si può spendere tramite vari bonus di diverso valore. Per farsi un'idea completa, tuttavia, consigliamo fortemente la visione di un video pubblicato dal canale di Scuolainforma, che tratta della seguente tematica in maniera piuttosto esaustiva.

Carta del docente, ecco la definizione ufficiale

Nel corso dell'introduzione appena trascorsa, abbiamo avuto modo di delineare a grandi linee gli aspetti basilari della carta del docente. Ma in questo paragrafo, per ovvie ragioni, lasceremo il giusto spazio agli approfondimenti relativi. Innanzitutto, facendo riferimento al sito ufficiale predisposto per trattare l'argomento, viene specificato come i docenti che usufruiscono del bonus debbano essere per forza "di ruolo".

Ciò, di conseguenza, conduce inevitabilmente ad una mancata precisazione per quanto concerne precari o supplenti di vario genere. A tal proposito, si spera dunque che verranno fornite maggiori informazioni solamente in seguito.

Ogni insegnante dotato di un'identità digitale, può dunque avere libero accesso a questo bonus, che consiste in una cifra di circa 500 euro. Cifra che, come vedremo più avanti, può arrivare a coprire l'importo parziale (o in alcuni casi totale) di varie spese.

Spese che, soprattutto in un periodo di difficoltà economiche come questo, è stato appesantito parecchio dall'emergenza in corso e dalle varie vicissitudini che sono andate a crearsi di conseguenza. Teoricamente, il sito ufficiale citato in precedenza suggerisce che la cifra riportata dovrebbe essere destinata alla formazione e all'aggiornamento.

Entrambe, sono delle opzioni fondamentalmente valide per garantire a sé stessi un certo aggiornamento professionale. Tuttavia, anche l'apparecchiatura rientra in questo campo di appartenenza. Dunque, va inclusa alla stessa maniera della formazione.

Carta del docente: quando scade? Ecco la data definitiva

La scadenza della carta del docente, è stata già fissata parecchie settimane fa in via puramente ufficiale. Abbondantemente prima dell'inizio del nuovo anno scolastico, la data di scadenza è stata proclamata dunque con largo anticipo, da quelli che si possono definire i cosiddetti enti ufficiali.

Questo, presumibilmente, è avvenuto per via di un lasso di tempo apposito per poter permettere agli insegnanti di fare le dovute spese e i calcoli necessari per la loro organizzazione. E per svolgere certe operazioni, indubbiamente, qualche settimana non potrebbe bastare per nessuna ragione. Ciò detto, al personale ATA è stata disposta la data di scadenza in data 31 agosto.

Tuttavia, riguardava solamente gli importi ottenuti nella stagione del 2019/20. Quella attuale, di fatti, potrebbe avere una data comunque simile, ma logicamente posticipata al prossimo anno. Non sono state fornite indicazioni poi così tanto precise in tal senso, dunque tutto ciò che si può fare è arrivare a ipotizzare una data concreta.

Il sito ufficiale della Federazione Lavoratori della Conoscenza, ha reso di fatti noto che le somme dell'anno citato in precedenza devono essere state per forza smaltite prima di settembre. Di conseguenza, allo stato attuale, il termine massimo è ufficialmente scaduto.

Il nuovo personale, tuttavia, si vedrà accreditato il bonus per chissà quale scadenza. Nonostante questa incertezza improvvisa. Nel prossimo paragrafo, avremo modo invece di analizzare quella che è la situazione riguardante Amazon.

Molti docenti, a tal proposito, si sono infatti chiesti come si faccia a spendere il loro bonus nel noto store online. Considerando la fornitura di prodotti, conviene certamente investirci del denaro. Ebbene, nel paragrafo successivo avremo modo di approfondire la seguente questione nella maniera migliore possibile.

Carta del docente: come spenderla su Amazon!

La carta del docente, come avrete potuto intuire sia dal titolo che dal sottotitolo del paragrafo in questione, è spendibile anche su Amazon. Il popolare e-commerce di nascita estera, ha infatti una fornitura di prodotti talmente ampia, che grazie al suo vasto assortimento è in grado di soddisfare tutte le esigenze altrui.

Comprese anche quelle più disparate. Tenendo conto di questa peculiarità, anche gli insegnanti possono trovare ciò che cercano grazie ad un'attenta ricerca su Amazon. Oltretutto, possono ottenere ciò che desiderano anche grazie alla carta del docente, la quale è appunto del tutto spendibile.

Ma come bisogna fare, per esattezza? Andiamo con ordine. A dirci come fare, innanzitutto, è Amazon stesso, con una pagina ad hoc che figura sul sito ufficiale dell'azienda. In questa sezione, il cui contenuto è tra l'altro abbastanza ricco di informazioni, si possono trovare tutte le nozioni che si desiderano riguardo alla giusta procedura da applicare.

Il primo paragrafo, con funzioni prevalentemente introduttive, spiega in maniera dettagliata in cosa consiste questo incentivo per insegnanti. Scorrendo il testo un po' più verso il basso, si può dunque giungere ad una grande verità. Al cuore della risposta che può finalmente soddisfare l'interrogativo espresso nel titolo di questo articolo. Citando e rielaborando quanto segue, si può arrivare a sapere ciò:

La Carta del docente è utilizzabile solo per l'acquisto di prodotti venduti e spediti ufficialmente da Amazon.

Su Amazon, sono di fatto presenti diversi rivenditori di differente origine. Quelli considerati ufficiali, benché tali, non possono comunque essere in grado di supportare il pagamento tramite questa carta. Dunque, per poterne usufruire, bisognerà acquistare solamente prodotti venduti e spediti da Amazon. Non si conosce il modo tramite il quale scoprire ciò? Niente paura.

Sarà Amazon stesso, infatti, a specificare quando e se un prodotto è acquistabile anche tramite l'utilizzo della carta del docente. Per quanto riguarda i termini di tempo attualmente in vigore, possiamo trovare all'interno del testo anche la risposta alla domanda fatta in precedenza riguardo alle scadenze. Si parla infatti di agosto 2022, più precisamente il 31.

Di conseguenza, le ipotesi fatte in precedenza si sono col senno di poi rivelate corrette e veritiere. Ma non poteva essere altrimenti, seguendo la logica dell'iniziativa di cui si sta parlando. La carta in questione, non sarà fisicamente utilizzata per poter fare acquisti su Amazon, ma la parte desiderata verrà riconvertita in un codice Amazon valido per ogni acquisto appartenente alla categoria

A chi spetta la carta del docente?

In questo paragrafo, nello specifico, avremo modo di capire a chi spetta realmente il bonus inerente alla carta del docente. Come abbiamo visto, i requisiti per poterla ottenere sono quanto di più basilare ci possa essere, e non è un caso il fatto che sia stata in realtà una formula molto apprezzata dagli appartenenti alla categoria degli insegnanti.

Tuttavia, qui come in qualsiasi caso, ci sono dei dettagli che meritano un approfondimento maggiore per forza di cose. Stando a quanto riporta il sito di Universo Scuola, infatti, le categorie degli insegnanti che possono richiedere il seguente bonus sono numerose. Di conseguenza, i requisiti sono certamente basilari, ma la spettabilità dell'incentivo in questione non viene di fatto concessa a tutti indistintamente. Tra i principali fruitori, possiamo infatti trovare:

  • Docenti di ruolo a tempo indeterminato
  • Docenti in periodo di prova
  • Docenti fuori ruolo
  • Docenti italiani che però insegnano all'estero
  • Docenti di scuole che istruiscono militari

Tra le tante categorie, insomma, la stragrande maggioranza può accedervi per forza di cose. Ma come è logico che sia, se non si rientra nelle classi citate non sarà di fatto possibile accedere ad alcun tipo di incentivo. Di per sé, in conclusione, le categorie non sono state dichiarate in maniera severa. Tuttavia, va anche detto che le minime eccezioni rimarrebbero inevitabilmente escluse, causando altrettanto inevitabilmente un certo malcontento di base.

Carta del docente, nuovo accredito arrivato!

Le notizie degli ultimi giorni, descrivono l'esistenza di un nuovo accredito che farà gola solo ed esclusivamente ai fruitori della carta del docente. Nella giornata di ieri, è infatti apparso un corrispettivo di 500 euro inerenti alla nuova stagione.

Così come nell'edizione scorsa, se così possiamo definirla, è stato di fatti diramato anche stavolta un tempo limite entro il quale spendere l'incentivo in questione. Tuttavia, ancora non sembrano esserci informazioni ufficiali all'orizzonte.

Il sito di Qui Finanza, che così come tanti altri si è occupato di fornire questa notizia in maniera dettagliata, non ha di fatti menzionato nessuna informazione in merito ad una data ipotetica. Approfondimenti ulteriori, in ogni caso, si possono trovare anche in altri quotidiani del settore.

Tra questi, spicca sicuramente Trend Online, con un articolo ben dettagliato inerente al tema, dove viene spiegato il modus operandi riguardante questa importante cifra di 500 euro