Non si placa la speranza del ritorno del cashback nel 2022: nonostante il Governo sembri indirizzato a NON confermare la misura per il prossimo anno, alcuni esponenti del Movimento 5 stelle difendono con forza il cashback di Stato e ne propongono alcune modifiche.

Se quindi il Governo deciderà di non confermare il cashback 2022 come lo abbiamo conosciuto quest’anno – ovvero come un rimborso pari al 10% delle spese effettuate con metodi digitali su un minimo 50 operazioni da eseguire in un semestre – potrebbero essere introdotti nuovi bonus cashback per gli italiani.

Le novità sono state riassunte in una nota diffusa dal capogruppo M5S in Commissione finanze del Senato, Emiliano Fenu. Come cambia il cashback nel 2022 e come funziona il nuovo bonus che il Movimento 5 stelle propone al Governo? 

Ecco le ultime novità sul cashback e le date di accredito del bonus da 1.500 euro per il primo periodo di programma, da gennaio a giugno 2021.

Nuovo Cashback 2022: come sarà?

Il cashback potrebbe non essere confermato dal Governo per il 2022: ricordiamo, infatti, che la sospensione prevista dal decreto del 30 giugno è valida fino al 31 dicembre 2021. In tale periodo di tempo, il cashback viene sostituito dal bonus bancomat per le Partite Iva.

Ma un nuovo bonus cashback spunta all’orizzonte: nel 2022 potrebbero cambiare le regole e si potrebbe parlare di una sorta di “cashback fiscale”. L’idea, come ha spiegato in una nota Emiliano Fenu, è quella di

introdurre un innovativo cashback fiscale, che intende offrire al contribuente la possibilità di chiedere l'immediato accredito sul conto corrente di alcune spese detraibili.

D’altronde, tutti abbiamo potuto riscontrare il successo del cashback non soltanto nell’aumentare il numero di transazioni digitali eseguite dai cittadini, ma anche nella partecipazione e nelle attività eseguite dagli utenti che vi hanno aderito da gennaio a giugno 2021.

Come ha poi proseguito Emiliano Fenu in un post su Facebook, infatti:

Il cashback è una misura che contribuisce a rivitalizzare il commercio di prossimità, aiuta a contrastare l'evasione fiscale e si è rivelato un'incredibile spinta alla digitalizzazione dei rapporti tra cittadini e Pubblica amministrazione.

Perché allora tanta fretta nel cancellarlo? Perché non riattivare una misura simile nel 2022, ma con regole diverse? Molti si stanno facendo queste domande, alle quali attualmente non sappiamo rispondere…

Nuovo Cashback 2022: le regole per partecipare al programma

Avevamo pavimentato la possibilità di introduzione di un cashback solo per le famiglie in difficoltà economica, ma ad oggi anche questa ipotesi sembrerebbe accantonata. 

Il Governo non ha alcuna intenzione di riproporre il cashback nel 2022, in quanto misura troppo onerosa per lo Stato, nonostante abbia portato parecchi benefici all’economia italiana e non solo.

Tuttavia, continua a diffondersi tra M5s la possibilità di convincere il Governo a prevedere un cashback fiscale nel 2022 che possa permettere ai cittadini di recuperare in modo immediato alcune spese detraibili. 

Sulla fattibilità del bonus cashback fiscale, PagoPa ha già dato la sua approvazione, ma rimane ancora un alto scoglio da superare: chi sarebbe disposto a votare a favore di questo nuovo cashback in Parlamento (oltre a M5s)?

La battaglia è tuttora aperta e vede schierato in prima linea l’ex premier Conte, che rimarca come in Italia l’evasione fiscale sia ancora a livelli troppo elevati, mentre misure come il cashback (utile a combattere questo fenomeno) siano già state smantellate dal Governo.

Il cashback resta sospeso fino a dicembre 2021…e poi?

Nel frattempo, il cashback di Stato rimane sospeso fino al 31 dicembre 2021 per effetto del decreto legge del 30 giugno 2021. Il costo della misura era troppo elevato per le casse dello Stato.

Il Governo aveva deciso di prendersi un po’ di tempo per poter valutare eventuali correttivi e modifiche alla misura che conosciamo, ma il verdetto ad oggi è ben diverso. Non verrà attuato alcun correttivo, in quanto la misura non verrà confermata nel 2022.

Il cashback, lo ricordiamo, è un bonus inserito nel programma Italia Cashless per favorire i pagamenti digitali e per combattere l’evasione fiscale. Registrandosi al programma (tramite l’app IO o altri sistemi), gli utenti collezionavano rimborsi del 10% sulle spese effettuate con metodi digitali.

Una volta raggiunte le 50 operazioni minime richieste, al termine del semestre ricevevano il totale dei rimborsi accumulati sottoforma di bonifico bancario.

Cashback e supercashback: bonus 1.500 euro e premi in arrivo!

Non solo. Anche il supercashback nel 2022 non ci sarà. Ma di cosa stiamo parlando? 

Ricordate il super premio da 1.500 euro destinato ai primi 100 mila cittadini che avrebbero effettuato il maggior numero di transazioni nell’arco del semestre? Questo bonus non esisterà nel 2022.

Ma niente paura: tutti i vincitori del periodo gennaio-giugno 2021 riceveranno presto il loro super premio, atteso proprio entro il mese di novembre. Dapprima dovrebbe essere pubblicata la classifica finale del super cashback, mentre poco dopo Consap potrà erogare i bonus ai vincitori.