La Germania frena mentre il resto d’Europa procede. L’andamento degli indici e le ultime informazioni macro mostrano che, per quella che fino a qualche mese fa era considerata la locomotiva della regione, le cose non stanno andando bene. E gli operatori continuano a domandarsi se la crisi del paese possa contagiare il resto della regione.

L’indice Morningstar Germany nelle ultime quattro settimane (fino al 10 dicembre e calcolato in euro) ha perso lo 0,24% portando a +21% la performance da inizio anno. Va un po’ meglio nel Vecchio continente. Il paniere Morningstar dedicato all’area in un mese ha guadagnato lo 0,24% (+23,7% da gennaio).

Indici Morningstar Europe e Germany a confronto

Dati in euro aggiornati al 10 dicembre 2019

Fonte: Morningstar Direct

In questo quadro, le diverse categorie in cui sono suddivisi i fondi che investono nell’equity europeo nell’ultimo mese hanno avuto un andamento contrastante (vedi tabella sotto).

Categorie Morningstar Europa a confronto

Germania malata

La Germania, intanto, anche sul fronte macro non rassicura. L’ultimo dato reso noto dall’Ufficio nazionale di statistica (Destasis) sugli ordini all’industria tedesca ha fatto venire nuovi dubbi sullo stato di salute della congiuntura del paese dopo che una serie di segnali positivi avevano fatto pensare all’uscita dal tunnel del rallentamento e nel terzo trimestre la recessione è stata evitata per un soffio.