Un nuovo studio prevede entro il 2025 auto elettriche meno care di benzina e diesel, lo ha riportato in questi giorni l’Ansa. Una vera rivoluzione nel mondo automobilistico se si pensa ai prezzi altissimi delle autovetture elettriche di qualche anno fa. 

Le nuove politiche ecologiche puntano tutto sull’eliminazione di benzina e diesel per incentivare l’acquisto delle auto elettriche come viene spiegato sul sito del Governo dedicato all'ecobonus. Continua, infatti, la crescita delle colonnine per la ricarica auto in tutte le città, nuove postazioni anche sulle autostrade. 

Se negli anni passati comprare un’auto elettrica per molte famiglie poteva essere futuristico, in questi anni diventerà realtà… e risparmio!

Gli incentivi ecobonus, inoltre, sono attivi fino a dicembre 2021. Per chi volesse invece più tempo per pensarci, soprattutto dopo questo anno di down, deve sapere che anche in assenza di tassazioni agevolate o incentivi economici, le auto elettriche nei prossimi anni avranno comunque un prezzo inferiore rispetto a tutti i trasporti con motore a combustibile fossile. Ma andiamo con ordine, vediamo prima di tutto in cosa consistono gli ecobonus di quest’anno disponibiili fino a dicembre, per poi passare alle vere occasioni di risparmio.

Ecobonus auto 2021, cos’è e perché richiederlo

L’iniziativa si impone di ‘penalizzare’ chi sceglie veicoli inquinanti per agevolare chi fa scelte molto più sostenibili. E’ un provvedimento venuto fuori già nel 2019, prima dell’ondata del Covid-19, e ha validità fino al 31 dicembre 2021.

Incentiverà l’acquisto di auto nuove che rispettano l’ambiente, con l’obiettivo di eliminare progressivamente dal mercato tutte quelle inquinanti. 

Per questo motivo al fianco dell’ecobonus è arrivata l’ecotassa: in poche parole più inquina la tua autovettura più dovrai pagare (i calcoli sono in base alle emissioni di Co2 del singolo veicolo scelto).

L’ecobonus applicherà uno sconto sul prezzo del veicolo proposto dal venditore. Come viene ben spiegato su altroconsumo.it gli incentivi sono riservati solo a veicoli nuovi di fabbrica che vengono immatricolati in Italia.

Il prezzo di listino dovrà risultare inferiore a 50.000 euro Iva esclusa. Gli incentivi sono riservati ai veicoli nuovi di fabbrica che vengono immatricolati in Italia e venduti a un prezzo di listino inferiore a 50.000 euro Iva esclusa.

“Da quest'anno l'ecobonus è riservato alle vetture che emettono meno di 60 g di CO2 al chilometro premiando solo auto ibride plug-in e le elettriche.”

Come funziona l’ Ecobonus auto 2021, con o senza rottamazione?

Sul sito dedicato all’ecobonus è possibile monitorare la situazione dei fondi residui giorno per giorno in modo da aver chiaro il momento in cui i fondi arrivano a scarseggiare. 

Il Governo ha deciso di rifinanziare il bonus visto l’altissima richiesta, investendo una somma pari a 76 milioni di euro. 56 milioni per l’ecobonus M1 2021 per la fascia che va da 0-60 g/km (elettriche e ibride plug-in). 13 milioni di euro per la fascia 61-135 g/km (benzina, diesel, e ibridi Euro 6).

2 milioni per la fascia 0-60 g/km come extrabonus, e il restante per l’ Ecobonus L 2021, ovvero moto e scooter elettrici e ibridi. Le auto elettriche prevedono l’ecobonus anche senza rottamazione, per il resto dei veicoli l’incentivo può essere sfruttato solamente attraverso quest'ultima. 

Da 0 a 20 g/km di Co2 il bonus oscilla tra i 10000 euro e i 6000 (con o senza rottamazione). Dai 21 g/km fino ai 60 si oscilla tra i 6500 ai 3500 (sempre in base alla presenza o meno di rottamazione). Da 61 a 135 g/km l’incentivo è pari a 3500 euro ma solo a patto che si abbia un’automobile da rottamare, altrimenti è impossibile ottenere il bonus. 

Ecobonus auto: come richiederlo 

La registrazione del veicolo alla prenotazione dei contributi stanziati dall’ecobonus verrà fatta dal rivenditore. Dovrà confermare la prenotazione comunicando numero di targa e tutta la documentazione.

Quando la registrazione verrà fatta, il venditore potrà ‘cedere’ il bonus all’acquirente tramite lo sconto sul prezzo originario. La quota verrà rimborsata così dalle aziende costruttrici al venditore.

Sostanzialmente l’acquirente dovrà recarsi in concessionario richiedendo veicoli registrati alle agevolazioni ecobonus.

Chi può richiedere l’ecobonus auto 2021

Ricapitolando, può richiedere l’ecobonus chi ha intenzione di acquistare automobili di categoria M1 destinate quindi al trasporto di persone, a quattro ruote e con un massimo di 8 posti a sedere aggiuntivi al sedile del conducente del veicolo. Le auto dovranno essere nuove di fabbrica con emissioni di Co2 non superiori a 60 g per chilometro. 

Bisognerà acquistarle ed immatricolarle in Italia con limite massimo il 21 dicembre 2021 e dovranno avere un prezzo di listino non superiore a 50mila euro. Nel prezzo dovranno essere compresi tutti gli optional, IVA escusa. 

Ecobonus auto? Le auto elettriche saranno meno care anche senza!

Parliamo dell’ultimo Studio Bloomberg commissionato dalla Federazione europea Transport & Environment.

Secondo gli ultimi dati si stima che entro il 2025/2027 in tutta l’Unione Europea le automobili elettriche avranno un prezzo anche inferiore rispetto a quelle con motore a combustibili fossili.

Lo studio sostiene anche che:

“Auto e furgoni elettrici saranno in grado di coprire il 100% delle vendite nel territorio dell’Unione entro il 2035” anche se non verranno rinnovate le tassazioni agevolate. 

Il costo delle batterie in continuo calo sarà fondamentale secondo il report, tanto da incidere profondamente sui prossimi prezzi delle nuove auto elettriche già da quest’anno. Inoltre si aggiungerà una normativa più stringente per quanto riguarda le emissioni di Co2. 

Il primo segmento di veicoli elettrici a diventare più conveniente rispetto a quelli tradizionali sarà quello dei commerciali leggeri. Poi arriveranno le berline elettriche e i Suv ed infine le auto più piccole tra circa 5-6 anni.

Quanto si può già risparmiare con le automobili elettriche?

Come riporta Insideevs.it, Il Politecnico di Milano, insieme a Enel X già un anno fa aveva messo a confronto i costi totali delle automobili elettriche rispetto a quelle tradizionali. 

Non hanno calcolato solamente i costi iniziali bensì anche quelli che tengono conto delle spese di utilizzo dell’automobile nel tempo.

I dati che ne sono venuti fuori già più di un anno fa dimostrano che la scelta elettrica è la meno costosa poiché sono auto che portano un risparmio nelle spese a lungo termine.

Per percorrere con un automobile del segmento b elettrica 100 km si spenderanno circa 2,58 euro, contro i 9,6 euro di un’auto a benzina. In un anno significa circa 283,8 euro contro 1.056 (su dati ipotetici di consumo); un risparmio di 772,2 euro. 

Anche dal punto di vista dell’assicurazione conviene comunque un auto elettrica (350 euro medi contro i 500 dell’auto benzina), la manutenzione? Idem. 150 euro contro i 500 della benzina.

Il risparmio annuo quindi arriva a circa 1300 euro l’anno. Se tutto ciò si somma all’ecobonus, già un anno fa in soli 5 anni si poteva recuperare il gap di prezzo iniziale.

Nonostante lo studio si rifaccia a prezzi di anni precedenti, è facile intuire quanto ancora si possa risparmiare con un'auto elettrica applicandolo ai prezzi attuali! Sarà una scelta impossibile da evitare.

Converrà quindi comprare quest’anno con il bonus o aspettare gli anni successivi? Se avete bisogno impellente di un’auto nuova, allora vi converrà comprarla quest’anno, altrimenti si troveranno offerte allettanti già tra 2-3 anni.

Le automobili elettriche più economiche con l’ecobonus auto 2021 

Vediamo adesso quali sono le automobili elettriche più convenienti dell’anno 2021 d’acquistare attraverso l’ecobonus elencate anche su Cheautocompro.it.

Prima di tutto la Renault Zoe con un prezzo di listino che parte da 27mila euro, con i bonus arriva a 24mila. Rate di 119 euro al mese ed un anticipo di 4.500 euro. La migliore versione per il rapporto prestazioni/prezzo d’acquisto è la versione R110. Il pregio è proprio la lunga autonomia. Per maggiori informazioni c’è il video-test su Youtube di Newsauto, in cui oltre a spiegare la buona guidabilità, illustra anche le caratteristiche prettamente tecniche. 

Altra alternativa veramente conveniente è la Renault Twingo Z.E. 89 euro al mese con un anticipo di circa 2500 euro. All’incentivo si aggiunge anche un bonus della casa arrivando a 12.400 euro! La versione consigliata è la Duel 2 con motore 0.9 da 92 Cv. Nel video di Motorionline viene ben spiegato perché può diventare la citycar perfetta.

Un’ultima alternativa con prezzi competitivi è la MINI Full Electric- Go-kart feeling si in elettrico disponibile con 189 euro al mese! Oltre ciò, dopo un anno sei anche libero di sostituire la vettura, restituirla o rifinanziarla. Con il bonus si arriva a 23.900 euro. Nel video di InsideEVs Italia si può facilmente notare la buona guidabilità, messa a paragone con la scarsa autonomia (unico difetto di quest'auto elettrica).

A seguire, ma a prezzi più alti, viene proposta la Tesla Model 3 da 75kWh Long Range Dual Motor AWD, la premium delle elettriche che supera i 50mila euro; e la Opel Corsa Elettrica 100 kw e edition che arriva a circa 30mila euro.