La Commissione Europea ha manifestato il desiderio di porre maggiore attenzione sugli investimenti green, nell'ottica di una politica para-ambientalista, di interesse sociale e di governance nei processi finanziari.

Finanza Green: Cosa significa per gli investitori?

Gli investitori generalmente cercano soluzioni per accrescere il proprio patrimonio finanziario e hanno trovato nuove opportunità in quelle guidate da senso ambientale e sociale.

I fondi SRI (Sustainable and Responsable Investments) selezionano solo aziende in grado di dimostrare di tener conto dei bisogni ambientali, sociali e di governance del mondo, cioè coloro che si occupano di lotta al cambiamento climatico, di protezione ambientale, oppure di creazione di posti di lavoro, oppure di rispetto dei diritti degli azionisti o che promuovono l'indipendenza del consiglio di amministrazione.

Per far parte della lista delle società SRI bisogna adempiere a determinati compiti, che sono stati indicati dalle Nazioni Unite nell'Agenda 2030: si tratta di 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, per una consapevole evoluzione del pianeta.

Finanza Green: Come hanno reagito gli investitori rispetto a questo tipo di mercato?

Ad oggi gli investitori internazionali hanno reagito molto positivamente nei confronti delle aziende approvate dal SRI, manifestando una certa sicurezza negli acquisti che ha permesso di rendere stabili le capitalizzazioni di questo genere di mercato. Le conseguenze sono state relative ai dimezzamenti dei rischi, che vi si erano prospettati in precedenza.