In un tempo in cui non si fa nient'altro che parlare di aumenti dei costi dei consumi relativi a gas ed energia elettrica arriva il momento di interrogarsi davvero su quanto convenga l’impianto fotovoltaico e l’energia solare.

Oltre ai benefici in termini di sostenibilità ambientale, con un’energia prodotta al 100% da una fonte rinnovabile, la scelta di installare i pannelli solari e gli impianti fotovoltaici porta anche dei risparmi in bolletta.

Questo soprattutto se si parla dei cosiddetti impianti di accumulo che funzionano in questo modo: immagazzinano l’energia, dove la parte necessaria al fabbisogno della casa viene consumata, ed il resto reimmesso in rete e praticamente venduto alla GSE.

Il risparmio in questo meccanismo è implicito se riferito però ai costi in bolletta strettamente relativi ai consumi della materia prima. Tuttavia, quando si calcolano costi e ricavi, l'effettivo risparmio va considerato anche tenendo conto della tassazione e dei costi iniziali. Valutando ad esempio se installare il fotovoltaico conviene anche in termini di spesa relativa all'installazione e in quanto tempo questa sarà ammortizzata. 

Ecco quanto costa installare i pannelli solari e l’impianto Fotovoltaico

Partiamo dai costi d'installazione per cui esistono comunque una serie di detrazioni fiscali, la più conveniente delle quali è il Superbonus 110% che però sta volgendo al termine e ammette l'installazione di impianti fotovoltaici e pannelli solari solo se accompagnati a lavori quali la creazione del cappotto termico sulla struttura.

Volendo fare un calcolo base che non tiene conto di eventuali bonus e agevolazioni, al giorno d’oggi il costo medio di partenza per un impianto è di circa 1.500/2.500 euro per kWh di potenza. 

Secondo i dati raccolti da Sorgenia:

“in media un sistema fotovoltaico al litio da 9,6 kWh adatto a un impianto fotovoltaico da 6 kW può costare intorno a 10 mila euro, scendendo a 7-8.000 euro per batterie al litio da 7,2 kWh.”

Se si parla però degli impianti ad accumulo che sono i migliori sul mercato i costi per un impianto da 6kW arrivano a 18.000-25.000 euro.

I costi medi variano infatti anche in base al tipo di impianto che si sceglie, poiché non tutti hanno le stesse prestazioni, e anche alla sua potenza. Dove però il principio generale da considerare è che maggiori sono i costi dell’impianto maggiore è il risparmio in bolletta che porta. Alle spese per installare il fotovoltaico si applicano comunque una serie di detrazioni fiscali, con la minima del 50%.

I diversi tipi di impianti Fotovoltaici a confronto e come cambia il risparmio in bolletta

Il rendimento dell'impianto fotovoltaico è influenzato da una serie di fattori come quanta energia si produce effettivamente dai pannelli solari e il modo con cui si utilizza questa stessa energia, cioè se per l'autoconsumo o per l'immissione in rete.

Ovviamente anche la potenza complessiva dell'impianto ha il suo valore a cui si aggiunge che il fotovoltaico è soggetto ad un deterioramento fisiologico dove le prestazioni possono abbassarsi fino all’1% all’anno.

Nello specifico esistono tre tipi di impianti:

  • Ad Isola o “stand alone”, dove l’abitazione non è collegata alla rete elettrica e l'energia prodotta dai pannelli solari viene accumulata solo per essere impiegata per autoconsumo;
  • Grid Connect, l'impianto collegato alla rete elettrica funziona solo per immissione nella rete elettrica;
  • Ad accumulo, una soluzione ibrida e anche la migliore dove l’energia viene accumulata viene utilizzata sia per autoconsumo che per immissione in rete.

I benefici maggiori in bolletta si hanno senza dubbio installando un impianto ad accumulo che sia ad autoconsumo completo, che se della giusta potenza è in grado di annullare i costi della materia prima. 

Leggi anche: Pellet, costi sempre più alti: si risparmia acquistando da subito o nei prossimi mesi?

Svelato quanto si risparmia realmente in bolletta installando il Fotovoltaico

Volendo provare a fare una simulazione pratica e parlare di cifre, immaginiamo che in un anno un’utenza elettrica consumi l’equivalente di 2.800 kWh all’anno e che la tariffa energetica sia pari a 0,23 euro per kWh, che è una tariffa piuttosto comune.

Restando in materia di consumi, risulta che per tale utenza il costo della bolletta è di circa 644 euro all’anno. Ma spingendoci più avanti ed immaginando quanto si spende per la bolletta della luce in un quarto di secolo si arriva alla cifra di 16.000 euro in 25 anni.

Ora, immaginiamo che in casa sia installato un impianto fotovoltaico da 2,5kWp che lavora in totale autoconsumo, in questo caso da 16.000 euro si passa a zero. Con un autoconsumo del 50% i costi scendono a 8.000 euro. Certamente stiamo parlando di spese relative al puro prezzo della materia prima e che non conteggiano le tassazioni varie in bolletta.

Volendo ancora essere più precisi e tenere conto anche di queste altre spese, con il fotovoltaico si ha in media un risparmio in bolletta che va dal 30% al 70% in base alle caratteristiche dell’impianto.