C'è grande attesa per il Decreto Sostegni Bis che a distanza di circa un mese e mezzo dal primo potrebbe vedere la luce nel corso di questa settimana.

Decreto Sostegni bis: in settimana l'approvazione dal Consiglio dei Ministri?

Da ricordare che la prima manovra economica del Governo Draghi è stata approvata lo scorso 19 marzo e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo.

Ora si guarda al secondo intervento che potrebbe essere approvato nelle prossime giornate, visto che è in agenda un Consiglio dei Ministri dedicato proprio al decreto Sostegni bis.

Non è da escludere che l'approvazione possa anche slittare di qualche giorno rispetto a questa settimana, visto che dalla bozza in circolazione nelle ultime ore si apprende che sono presenti 48 articoli completi e 10 senza testo.

Questa lascia chiaramente intendere che il testo non è stato ancora definito in toto e per arrivare a ciò potrebbe essere necessario anche qualche giorno in più del previsto.

Intanto dalle indiscrezioni che circolano in merito alla bozza, emergono anche una serie di interventi in favore delle imprese, in particolare di quelle attive nel commercio e nel turismo, ossia le più colpite dalle restrizioni attuate per contenere la diffusione del coronavirus.

Per queste imprese sono previsti dei tagli ai costi fissi, ossia una serie di esoneri su delle voci di spesa che gravano sul bilancio, con l'obiettivo di offrire una boccata di ossigeno.

IMU: stop alla prima rata 2021

Nel poker di esoneri presenti nella bozza del decreto Sostegni bis è previsto lo stop per il 2021 al pagamento della prima rata IMU, quella in scadenza a giugno, per gli esercizi pubblici e in generale per le imprese in crisi a causa della pandemia.

A beneficiare di questa misura saranno gli immobili di proprietà di soggetti passivi che abbiano ricavi o compensi inferiori ai 10 milioni di euro all'anno e che possano dimostrare un calo del fatturato di almeno il 30% nel 2020 rispetto al 2019.

Tosap: sospensione della tassa fino a fine 2021

Un'altra misura riguarda la sospensione per l'intero 2021 della Tosap, ossia la tassa per l'occupazione del suolo pubblico da parte di bar, ristoranti e commercio ambulante.

La misura attualmente in vigore prevede la gratuità fino al 30 giugno prossimo, ma il decreto Sostegni bis dovrebbe estenderla al 31 dicembre 2021.

Tari: sconto per chi ha chiuso o ridotto l'attività

Non si tratta di un vero e proprio esonero come nel caso dell'IMU e della Tosap, ma per la Tari è previsto uno sconto rispetto alla tariffa piena da pagare.

L'aiuto è previsto per le imprese che sono state costrette a chiudere o hanno ridotto la loro attività a causa del Covid-19.

Per consentire una riduzione della tassa sui rifiuti ai beneficiari che rispondono ai requisiti previsti, il decreto Sostegni bis prevede un fondo da 600 milioni di euro da riversare nelle casse dei Comuni. 

Irpef: stop per i canoni di affitto

Un'importante novità del decreto legge in arrivo riguarda lo stop al pagamento dell'Irpef relativa ai canoni di locazione non percepiti.

Nel dettaglio questo beneficio, come spiegato ad ItaliaOggi dal relatore della misura in commissione bilancio del Senato, Daniele Manca, riguarderà i proprietari di immobili che non hanno ricevuto il pagamento dei canoni e che per queste morosità devono aver attivato già una procedura di sfratto.

Canone Rai: scatta l'esenzione piena. Per chi?

Tra le misure che trovano spazio nel decreto Sostegni bis ce ne è anche una relativa al Canone Rai.

Nella bozza si legge dell'esenzione piena di questa tassa per alberghi, bar e ristoranti che quindi per il 2021 non dovranno versare nulla per il possesso di apparecchi radiotelevisivi.