Incentivi auto 2022: 5000 euro di Bonus dal 16 maggio! Ultime

Incentivi auto 2022 pronti al debutto. Dal 16 maggio entra in vigore il tanto atteso Bonus auto e moto che permetterà di risparmiare fino a 5000 euro sul prezzo di acquisto di un veicolo non inquinante. Il decreto firmato dal premier Draghi a breve verrà pubblicato in Gazzetta ufficiale. Ecco le ultime novità su sconti e importi.

Image

Incentivi auto 2022 pronti al debutto. Dal 16 maggio entra in vigore il tanto atteso Bonus auto e moto che permetterà di risparmiare fino a 5000 euro sul prezzo di acquisto di un veicolo non inquinante. Il decreto firmato dal premier Draghi a breve verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

Dopo tanta attesa il Governo Draghi chiude la questione sugli incentivi auto 2022. Stiamo parlando di un mix di Bonus che hanno avuto un percorso tortuoso.  Solo il pressing del Ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, sulla loro introduzione ha evitato la posticipazione degli incentivi auto 2022 o peggio ancora un eventuale accantonamento del Bonus auto e moto a causa delle emergenze (Covid-19 e guerra Russia Ucraina) nettamente prioritarie.

E’ così la piattaforma appositamente creata dal MISE per il Bonus auto da 5000 euro taglierà il nastro di partenza mercoledì 25 maggio, ma le agevolazioni si applicheranno già sui contratti di vendita stipulati dal 16 maggio.

E’ un finanziamento cospicuo quello che l’Esecutivo italiano ha deciso di destinare alla copertura dell’intera misura. 

Gli incentivi auto 2022 costeranno allo Stato ben 2 miliardi di euro spalmati su diverse annualità, con uno stanziamento di 650 milioni di euro per ciascun anno: dal 2022 fino al 2024.

Chi si recherà in una concessionaria lunedì 16 maggio potrà sfruttare una serie di sconti, variabili nell’importo da 2000 a 5000 euro, in base alla tipologia di veicoli acquistati (motori tradizionali a bassa emissione CO2 o auto elettriche previa rottamazione di vecchio veicolo di classe inferiore a Euro 5).

Detto questo, vediamo subito in cosa consistono i nuovi incentivi auto 2022, quali importi permettono di risparmiare, come farne domanda e quali tipologie di veicoli sono coperti dal nuovo Bonus auto e moto finalmente accessibile dal 16 maggio 2022.

Prima ancora di entrare nel merito dell’articolo, però, vi lasciamo alla visione di un interessante video del canale YouTube DriveK sull’argomento.

Incentivi auto 2022, 5000 euro di Bonus dal 16 maggio: come funzionano

Iniziamo la nostra disamina sui nuovi incentivi auto 2022 partendo da una premessa: il Bonus auto fino a 5000 euro varierà negli importi in base al tipo di veicolo che si intende acquistare.

Nello specifico, viene operata una suddivisione in base all’emissione di anidride carbonica (CO2) e prendendo in considerazione la possibilità di rottamare o meno un’auto già posseduta, ovviamente rispondente alle caratteristiche stabilite dal decreto.

L’attribuzione degli incentivi auto 2022 è quindi articolata in tre fasce. Nella prima troviamo le auto elettriche con valori di emissione di anidride carbonica da 0 fino a 20 grammi/chilometro. 

Seguono poi le auto ibride (plug-in) rientranti nella fascia di emissioni 21-60 gr/km di CO2, mentre la terza fascia è composta dalle auto a benzina, Gpl, diesel e full hybrid con emissioni di anidride carbonica comprese tra i 61 e i 135 gr/km.

Da quanto appena detto si desume che gli incentivi auto 2022 garantiscono un Bonus più alto se viene acquistata una vettura appartenente alla prima fascia (emissioni CO2 comprese tra 0 e 20 grammi per ciascun chilometro percorso), cioè un veicolo elettrico.

Ma dal 16 maggio 2022 qualsiasi mezzo acquistato e appartenente ad una di queste tre categorie darà diritto ad un Bonus auto 2022 di diverso importo. 

Incentivi auto 2022, fino a 5000 euro dal 16 maggio: a chi spetta il Bonus auto

Vista la suddivisione degli incentivi auto 2022 in tre fasce, ciascuna delle quali comprende una serie di veicoli agevolabili in base alle emissioni CO2, occupiamoci dei beneficiari del Bonus auto.

L’analisi è d’obbligo perché come qualsiasi altra agevolazione introdotta o riconfermata dal Governo Draghi non spetterà a tutti. Chi potrà quindi usufruire del Bonus auto 2022 fino a 5000 euro?

Chiariamo la questione: gli incentivi auto 2022 pensati per agevolare i costi d’acquisti di auto elettriche, ibride, plug-in e veicoli endotermici sono accessibili alle persone fisiche, ma non solo. 

Una piccola parte dello stanziamento economico disposto con decreto dall’Esecutivo spetta alle società di car sharing alle quali viene estesa la possibilità di acquistare veicoli appartenenti alle tre fasce, mentre le imprese di medie e piccole dimensioni potranno sì usufruire del Bonus auto 2022 ma solo per l’acquisto di veicoli elettrici previa rottamazione di un vecchio mezzo di classe bassa (inferiore a Euro 4).

Incentivi auto 2022, 5000 euro complessivi per le auto elettriche: con o senza rottamazione per quali importi

Veniamo ora al risparmio offerto dagli incentivi auto 2022 iniziando dal Bonus auto offerto sull’acquisto di veicoli appartenenti alla prima fascia di emissione CO2: le auto elettriche.

A differenza degli altri veicoli, i mezzi elettrici garantiscono uno sconto più alto sul prezzo di acquisto dell’auto desiderata. 

 Per queste tipologie di veicoli, con prezzo di listino non superiore a 35.000 euro (IVA compresa), il Bonus auto fino a 5000 euro complessivi si divide in due tranche: un importo di 3.000 euro di base a cui andranno ad aggiungersi altri 2.000 euro se l’acquirente del nuovo mezzo provvede a rottamare un’auto di classe inferiore a Euro 5.

Per quanto concerne l’ammontare del finanziamento disposto dal Governo Draghi, invece, sono 220 milioni gli incentivi auto 2022 previsti a copertura dell’intera misura nell’anno in corso. Cifra che aumenta a 230 milioni nel 2023, fino ad arrivare ad un Bonus auto di 245 milioni di euro nel 2024.

Incentivi auto 2022, quale sconto per le auto ibride plug-in dal 16 maggio? Ecco le ultime sul Bonus auto

Passiamo ad analizzare gli importi degli incentivi auto 2022 riguardanti l’acquisto di veicoli ibridi plug-in appartenenti alla seconda fascia di emissioni di anidride carbonica (CO2 21-60 grammi per chilometro). 

Chiunque, a partire dal 16 maggio 2022, avesse intenzione di comprare un’auto compresa in questa fascia potrà contare su uno sconto di 4.000 euro, previa rottamazione di un vecchio veicolo omologato in una classe fino a Euro 5, oppure di un Bonus auto di 2.000 euro senza smaltire alcun mezzo.

Occorre, però, fare attenzione al costo della nuova automobile: come indicato nel decreto, si potranno sfruttare gli incentivi auto 2022 solo se il prezzo di listino, praticato dalla casa produttrice o automobilistica, non supera i 45.00 euro (IVA esclusa).

Il prezzo più alto in assoluto delle tre fasce che autorizzano il riconoscimento del Bonus auto 2022 fino a 5000 euro.

Incentivi auto 2022, non solo 5000 euro: quali Bonus per le auto a benzina e diesel dal 16 maggio? Ultime novità

Concludiamo la nostra disamina sugli incentivi auto 2022 in partenza il 16 maggio analizzando la terza ed ultima fascia di veicoli ammessi al Bonus auto: quella con emissioni comprese tra i 61-135 grammi per chilometro.

Non tutti ne sono a conoscenza, ma il decreto mette nero su bianco la possibilità di sfruttare il Bonus auto 200 per acquistare una vasta gamma di veicoli con motori a benzina, diesel, Gpl, full e mild hybrid, purché rientranti nei volumi di emissioni appena visti.

Stiamo parlando, insomma, di quei veicoli nuovi di categoria M1, omologati in una classe fino a Euro 5 che permettono di ottenere uno sconto di 2.000 euro rispettando due condizioni. Quali?

Il Bonus auto di terza classe potrà essere richiesto soltanto rottamando un’auto omologata di classe inferiore a Euro 5 e acquistando un veicolo, fra quelli indicati nel decreto, con prezzo di listino inferiore a 35.000 euro (IVA esclusa).