Finalmente è arrivato dicembre, da sempre il mese più ricco per quanto riguarda i pagamenti dall'INPS rivolti a milioni di contribuenti.

E mentre Poste Italiane ha praticamente terminato l'accredito delle pensioni anticipate al mese di novembre per le misure anti Covid-19, disposte dal Governo, l'INPS si prepara con gli accrediti di Naspi, RdC, Assegno unico, Bonus bebè e Dis-Coll. 

Delusione invece per tutti coloro che si aspettavano notizie sul futuro del REM per il quale non si hanno notizie ancora in ritardo, misura sulla quale regna incertezza.

In molti infatti sperano in una proroga della misura visto il perdurare dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2022.

Se interessati al tema di seguito un interessante video pubblicato dalla redazione di Speedy News Italia in cui viene riportato il calendario dettagliato di tutti pagamenti INPS di dicembre relativi a REM, RdC, assegno unico, bonus onnicomprensivi e pensioni

INPS, pagamento anticipato per le pensioni di dicembre 

Partiamo dunque con il pagamento INPS delle pensioni, a partire dagli ultimi giorni di novembre infatti è stato possibile ritirare personalmente presso uno degli sportelli di Poste Italiane la propria pensione riferita alla mensilità di dicembre.  

E' come ogni mese il calendario pubblicato dall'INPS-disposto dall’Ordinanza n. 808 della Protezione Civile- a scandire il flusso di persone per recarsi  allo sportello e ritirare la pensione.

Il 1 dicembre è toccato ai cognomi con le lettere dalla S alla Z insieme a coloro che hanno scelto la modalità di accredito sul proprio conto corrente che hanno così concluso il ciclo dei pagamenti INPS riguardo le pensioni.

Per quanto riguarda la pensione di gennaio non ci sono ancora notizie, vista però l'estensione dello stato di emergenza al 31 di gennaio, ci potrebbe essere un anticipo anche sui pagamenti INPS delle pensioni che però dovrà tener conto della chiusura degli uffici postali del 1 gennaio-festività di capodanno- e del 2, domenica.

Ne sapremo di più nelle prossime ore, ma con buone probabilità dovrebbe arrivare una nuova ordinanza della Protezione Civile con le date di pagamento delle pensioni di gennaio 2022.

Pagamenti INPS: niente ricarica della social card a dicembre

A dicembre non sarà previsto il pagamento INPS relativo alla Carta Acquisti. Il pagamento della Social Card avviene bimestralmente, visto l'ultimo pagamento che ha avuto luogo nel mese di novembre, per ricevere i soldi della prossima ricarica si dovrà attendere gennaio 2022.

Per chi non fosse al corrente la Carta Acquisti, conosciuta anche come Social Card, è un contributo economico rivolto a cittadini di età superiore ai 65 anni o genitori di bambini sotto i 3 anni, che in base a particolari condizioni di reddito hanno diritto di farne richiesta.

Consiste in una carta di pagamento elettronica, totalmente gratuita e attiva su circuito MasterCard, che viene assegnata a zero spese ai beneficiari e ricaricata periodicamente dallo Stato.

Il pagamento effettuato dall'INPS di 80 euro nel mese di novembre comprendevano anche i 40 euro relativi alla mensilità in corso, quella di dicembre.

Con i soldi ricevuti tramite la Social Card o Carta Acquisti si potranno acquistare beni di prima necessità, prodotti alimentari, farmaci oltre che ad effettuare il pagamento delle bollette.

Per richiederla potrete consultare direttamente la procedura riportata sul sito di Poste Italiane cliccando qui.

Inps: Naspi e bonus bebè, i primi pagamenti di dicembre

I primi pagamenti che verranno elaborati dall'INPS per il mese di dicembre saranno quelli relativi al bonus bebè ed alla Naspi, l'indennità di disoccupazione.

Per quanto riguarda il bonus bebè siamo giunti all'ultima mensilità, a partire da gennaio 2022 il contributo verrà assorbito dall' Assegno unico.

Per chi fosse interesato al tema può consultare un mio articolo scritto di recente pubblicato su Trend on  line cliccando qui.

I pagamenti sono cominciati a partire dal 1 dicembre e si conta di completarli entro il 6 del mese.

Le date sopra elencate si riferiscono però all'accredito delle mensilità arretrate del mese di novembre 2021.

Per quanto riguarda l'accredito della mensilità corrente-dicembre 2021- si dovranno attendere gli ultimi 10 giorni del mese.

Altro pagamento che verrà elaborato dall'INPS nella prima parte del mese è quello relativo alla Naspi o Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego.

Questo mese la classica data dell'8 potrebbe subire un leggero ritardo di un giorno considerando che cadrà come giorno festivo, la data da segnare in calendario per il mese di dicembre è quindi quella del 9.

Da sottolineare, regola valida per tutti i pagamenti INPS, che gli accrediti vengono effettuati per flussi.

Non preoccupatevi se non vedrete i soldi al quale avete diritto nella data esatta del 9.

Per conoscere il giorno esatto nel quale riceverete l'accredito fate riferimento al vostro fascicolo previdenziale.

Per potervi accedere dovrete autenticarvi ,sul sito INPS, tramite SPID, CIE, oppure la TS-CNS

Non sarà consentito accedere ai servizi mediante il vecchio pin, modalità non più prevista a partire dal 1 ottobre scorso.

Pagamenti INPS dicembre: RdC ricarica anticipata anche questo mese

Ed eccoci arrivati al sussidio più chiacchierato di tutto il 2021, il Reddito di Cittadinanza, confermato, ma con opportune modifiche, anche per il 2022.

Per chi fosse interessato al tema può consultare un mio articolo scritto di recente, pubblicato su Trend-online cliccando qui. 

I primi pagamenti INPS riguardo le ricariche RdC verranno effettuate a partire dal 15 del mese, questo per chi si troverà a ricevere la prima mensilità a fronte di una domanda inoltrata nel mese di novembre.

Il 15 del mese è anche la data da segnare in calendario per coloro che hanno rinnovato prestazione successivamente allo stop di un mese richiesto dopo la 18esima ricarica ricevuta.

Per tutti gli altri la ricarica a dicembre, viste festività di fine mese, dovrebbe essere anticipata rispetto a quanto avviene solitamente e partire dal giorno 22 del mese.

Data non confermata, ma molto probabile, andando indietro nel tempo infatti, ci accorgiamo che nel 2019 e nel 2020 il Reddito di Cittadinanza a dicembre è stato erogato proprio partendo da questa data.

Tornando alla riforma che caratterizzerà il RdC nel 2022 da segnalare l'abolizione dei Navigator, oltre che ad una stretta sulla possibilità di rifiutare offerte di lavoro inoltrate dal Centro per l'impiego.

Al secondo rifiuto di un'offerta di lavoro ritenuta "congrua" si perderà il diritto a ricevere il sussidio.

Previsti anche un inasprimento dei controlli che verranno effettuati dagli organi competenti al fine di scovare eventuali furbetti che si appropriano indebitamente dell’RdC.

Per chi fosse interessato al tema può consultare un miop articolo scritto di recente cliccando qui.

INPS, pagamenti dicembre: potrebbe essere l'ultimo mese per il bonus Irpef da 100 euro

Tutto molto chiaro invece per quanto concerne il pagamento del bonus IRPEF conosciuto anche come bonus Renzi, questo perchè introdotto dall'ex segretario PD nel 2014 ora a capo di Italia Viva.

L'INPS provvederà con gli accrediti di 100 euro nella seconda metà del mese di dicembre.

Tale bonus negli anni ha subito delle variazioni soprattutto nell'importo, dagli 80 euro del 2014 ora chi ne ha diritto arriverà a ricevere 100 euro questo dall'approvazione della Legge di Bilancio 2019 entrata in vigore sotto il Governo Conte bis.

Proprio a partire dal 2019 il nome è cambiato da bonus Renzi all'attuale bonus IRPEF.

Dicembre 2021 potrebbe essere l'ultima mensilità per questo contributo che sembrerebbe non rientrare nella prossima riforma fiscale prevista dal Governo Draghi.

INPS pagamenti dicembre: Assegno unico temporaneo chiude il calendario del periodo natalizio 

L’INPS apre il calendario natalizio per i percettori dell’Assegno unico temporaneo con importanti novità. La bella notizia riguarda il 2022, difatti, dal 1° gennaio entra in vigore per tutte le famiglie con figli da 0 a 21 anni di età l’assegno unico universale.

Le domande per richiedere l'assegno unico, nato con l'ambizione di rivoluzionare e mettere ordine nel far west dei bonus famiglie, si aprono proprio dal 1 gennaio, data in cui sarà possibile richiederlo on-line direttamente sul sito dell'INPS.

A dicembre e precisamente il 26 o il 27 del mese verrà accreditato quanto previsto dalla misura temporanea.

Non ne siamo comunque certi e non avendo uno storico dei pagamenti dell'assegno unico riferito agli anni precedenti-entrato in vigore a luglio 2021-su come l'INPS si vorrà comportare in vista delle feste.

Il pagamento infatti ci potrebbe essere il caso che venga anticipato o posticipato di qualche giorno rispetto alla data del 27.

Per essere certi del giorno in cui verrà erogato il contributo il consiglio è sempre quello di fare riferimento al proprio fascicolo previdenziale presente sul sito dell'INPS.

INPS: il futuro del Reddito di Emergenza 

Eccoci infine a parlare di Reddito di Emergenza. Nelle date comprese tra il 23 e il 26 novembre c'è infatti stato il pagamento della quarta ed ultima rata con la quale dovrebbe concludersi il ciclo di pagamenti REM.

Visto però l'estensione dello stato di emergenza legata all'incertezza e all'aumento dei contagi da Covid-19, in molti si aspettano una proroga di un mese-quinta rata, gennaio 2022-anche del Reddito di Emergenza. 

La notizia attualmente è ancora lontana dall'essere confermata, avremo maggiori notizie nei prossimi giorni.

Tornando dunque ai pagamenti gli unici previsti sono ancori quelli legati a mensilità arretrate e non ancora ricevute.