Quotata alla Borsa di Wall Street, indice NASDAQ, con la sigla IBKR, la società Interactive Brokers è un nome piuttosto affermato nel sempre più popolato panorama del trading elettronico. Si tratta di una azienda americana, divenuta ormai multinazionale a tutti gli effetti dopo l'apertura di sedi in poli finanziari lontani dagli States, che è leader negli USA relativamente all'online trading.

La piattaforma è veramente molto diffusa in America del Nord ed è disponibile, ormai da oltre un anno, anche agli investitori italiani. Interactive Brokers propone opportunità di trading principalmente sul mercato statunitense ma anche su quello globale ed è utilizzabile tanto dal trader individuale quanto dall'investitore istituzionale.

Vediamo un ritratto di Interactive Brokers e analizziamo i suoi aspetti principali, illustrando anche quali siano le caratteristiche più golose per l'investitore.

Che cos'è Interactive Brokers?

Per raccontare Interactive Brokers partiamo dalla storia della piattaforma. L'azienda è stata fondata a New York, nel 1978. Naturalmente sono passati oltre 40 anni e all'epoca il trading online non era certo la realtà che è oggi, anzi, non era proprio una realtà. Intorno a Wall Street però girava già un buon numero di investitori che erano attratti dal mondo della finanza ma temevano di entrarci al buio, senza alcuna guida.

È in questa cornice che cominciano a nascere, e ad avere un buon successo, le società di trading. Inizialmente, esse fornivano principalmente servizi di consulenza, come fanno ancora oggi ma in misura minore, poiché ora il focus è sull'assistenza, anche tecnica, a chi investe attraverso la rete di Internet. È in questa era, quella del trading online, che Interactive Brokers è diventato leader nel settore.

Nel 2014, infatti, la società è stata la prima a fornire agli investitori accesso diretto alla rete di comunicazione elettronica privata IEX (Investors Exchange). Si tratta di un network per la negoziazione di titoli che è cresciuto tantissimo negli ultimi anni, tanto che oggi è registrato come borsa valori. Al termine del 2021, Interactive Brokers ha superato 1,5 milioni di conti utente. Il suo capitale consolidato ammonta a 10,1 miliardi di dollari.

In virtù di questa partnership ferrea, Interactive Brokers ha ottenuto il rating BBB+ sull'indice Nasdaq di Wall Street e l'outlook societario è stato valutato come positivo da Standard & Poor's. A livello di innovazione tecnologica, l'azienda è da sempre all'avanguardia e oggi è in grado di fornire funzionalità anche avanzate a prezzi che restano accessibili, quando non proprio a buon mercato, tra i brokers online.

Da poco, Interactive Brokers ha lanciato uno strumento che scandaglia il mercato alla ricerca di azioni sottovalutate, su ogni indice mondiale, si chiama IBKR GlobalAnalyst e fa esattamente quel che promette: analizza i mercati suggerendo possibili affari. La sede dell'azienda è a Greenwich, in Connecticut, ma Interactive Brokers dispone di uffici anche in Irlanda, Ungheria e nel Regno Unito.

Come funziona la piattaforma?

Il nome legale dell'azienda è Interactive Brokers LLC, registrata, come si è scritto, negli USA e regolamentata dalla commissione governativa statunitense sulla finanza denominata, Securities and Exchange Commission (SEC) e dalla Commodity Futures Trading Commission (CFTC). Sono entrambe ottime garanzie. Ad ogni modo, già il fatto di essere indicizzata NASDAQ è una solida certificazione di serietà aziendale.

Interactive Brokers è parte del network SIPC, Securities Investor Protection Corporation, FINRA, Financial Industry Regulatory Authority, e naturalmente del New York Stock Exchange, NYSE, la rete delle aziende quotate a Wall Street. Al profano di finanza e investimenti queste sigle diranno poco o nulla, basti però sapere che si tratta di certificazioni tangibili le quali attestano il livello di affidabilità del broker.

Nel caso di investitori europei residenti nella parte occidentale del vecchio continente, e dunque anche italiani, la denominazione della branca occidentale è quella di Interactive Brokers Ireland che non è sottoposta ai network di cui sopra ma viene regolamentata dalla Central Bank of Ireland (CBI).

Dopo aver collocato Interactive Brokers nel panorama del trading, vediamo come funziona la piattaforma. Cominciamo dallo scrivere che il termine piattaforma, al singolare, viene usato principalmente per comodità. In realtà, le piattaforme messe a disposizione sono quattro, capaci di offrire una vasta gamma di strumenti appositamente pensati per il trading, dal più basilare al più complesse.

Le piattaforme sono le seguenti:

  • Client Portal
  • Trader Workstation
  • IBKR Mobile
  • API IBKR

Client Portal è un'applicazione web tramite la quale si possono controllare le quotazioni e compiere transazioni su azioni, opzioni (anche future), warrant, obbligazioni, fondi comuni e metalli fisici. Dal portale si può monitorare il proprio conto in tempo reale e controllare i dati di mercato dal vivo. Sono messi a disposizione grafici, scanner, segnalazioni IBKR o esterne e notiziari cui si può assistere in streaming.

Trader Workstation è il cuore di Interactive Brokers. L'utilizzo è piuttosto intuitivo e mette a disposizione strumenti di trading completi, dai grafici alla gestione di ordini, dalle liste prezzi al portafoglio. La workstation è completamente personalizzabile e lo spazio per gli ordini viene visualizzato direttamente sotto la riga dei dati di mercato. Il portale consente anche di simulare investimenti senza denaro reale.

IBKR Mobile è la piattaforma ottimizzata per cellulare e tablet, come dice lo stesso nome. Non storciamo la bocca, l'app permette di lavorare con la massima sicurezza poiché è dotata di pre-autorizzazione sugli ordini, per prevenire movimenti fraudolenti. Per accedere all'applicazione si utilizza IB Key, un sistema di autenticazione a due livelli per prevenire login non autorizzati.

API IBKR è la piattaforma più complessa tra le quattro, consigliata a chiunque possegga già una certa padronanza del mondo degli investimenti. Essa permette di comporre applicazioni di trading personalizzate, ottenere grafici e analisi del mercato. Non serve essere programmatori, le tecnologie IB, infatti, si integrano facilmente per sviluppare l'ambiente trading più adatto a ogni necessità.

Su Interactive Brokers il denaro si deposita tramite bonifico bancario, non è possibile ricaricare il conto trading con carta di credito o debito. Per aprire il conto occorre visitare il sito ufficiale, si impiegano circa 45 minuti e il requisito è essere maggiorenni. Interactive Brokers non richiede deposito minimo. I conti possono essere intestati a una moltitudine di figure e multivaluta.

Interactive Brokers, norme principali del regolamento

Non è possibile riportare in un articolo come questo l'intera normativa sottostante a Interactive Brokers, poiché si tratta di pagine su pagine di regolamento. Il broker consente l'accesso a 135 mercati finanziari mondiali e oltre, garantendo commissioni competitive e fornendo accesso diretto online a numerose tipologie di ordini e servizi.

L'accesso alle piattaforme non ha costi ma è riservato a chi ha attivato un conto. Le piattaforme sono potenti ma comunque progettate anche per essere utilizzabili da chi sia alle prime armi negli investimenti, con la giusta dedizione. Interactive Brokers permette anche di simulare senza investire davvero, per tutto il tempo che ci occorra, con conto aperto, anche senza deposito. È indispensabile avere 18 anni per accedere.

Prodotti e servizi di Interactive Brokers

I prodotti finanziari che Interactive Brokers offre ai propri clienti sono i principali servizi del trading online. È possibile investire su azioni e ETF (Exchange Traded Funds); opzioni, futures e opzioni sui futures; valute spot; obbligazioni; fondi comuni e hedge fund; contratti per differenza o CFDs. Tutto è gestibile dallo stesso account, da un solo conto corrente trading.

Ogni tipo di investimento è regolamentato in maniera specifica e ben precisa sui mercati finanziari ma le commissioni di Interactive Brokers restano ultracompetitive su tutti. Per le azioni si parte da una commissione di 0,0005 dollari; per le opzioni ci si muove tra 0,15 e 0,65 dollari. Gli investimenti di altra tipologia non hanno invece una forbice precisa. Le obbligazioni sono solo su indice Euronext.

Azioni ed ETF eseguiti su sedi in Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna, Svizzera, Paesi Bassi e nel Regno Unito tramite operazioni sui circuiti di Interactive Brokers, ovvero dall'ordinante IB SmartRouting SM, possono essere scambiati fino a 6mila euro a 3 euro o sterline per azione. Superato il tetto di tale cifra, si addebiterà una commissione dello 0,05% del valore dell'operazione.

Per chi sia titubante, Interactive Brokers offre la possibilità di sottoscrivere una piattaforma dimostrativa, il cui accesso è limitato a 45 giorni, al termine dei quali saremmo invitati - ma non obbligati - ad aprire un conto trading. Il portale è grossomodo lo stesso simulatore che ci sarà messo a disposizione quando, e se, decideremo di diventare davvero investitori con Interactive Brokers.

Il servizio clienti di Interactive Brokers fornisce assistenza telefonica, via chat o email ed è attivo 24 ore su 24 nei giorni feriali. È un servizio molto apprezzabile, in quanto solitamente veloce ed efficiente, in grado di offrire soluzioni esaustive in maniera molto rapida. È disponibile anche in lingua italiana.

Interactive Brokers e il trading: mi posso fidare?

Alla domanda che apre il paragrafo si risponde sempre alla stessa maniera: gli investimenti sono un rischio. Sempre e comunque. All'inizio di ogni esperienza nel trading, tendenzialmente, si perde. Per cui va sempre tenuto a mente che bisogna investire soltanto somme che ci si può permettere di perdere, poiché ciò fa parte del gioco in Borsa. Non sempre gli investimenti vanno a buon fine.

Sottolineato ciò, possiamo concludere definendo Interactive Brokers come una piattaforma solida, sicura e affidabile, ricca di strumenti per investire e con una bassissima barriera d'ingresso (basta aprire un conto). L'ambiente arride più all'investitore esperto che al principiante assoluto, il quale potrebbe trovarsi un pò in difficoltà inizialmente.

Interactive Brokers ha tutte le caratteristiche necessarie a fare trading online, anche per chi lo faccia come primo lavoro. Tramite essa è possibile differenziare e personalizzare il proprio piano d'investimento e avere la certezza di pagare commissioni tra le più basse nel settore. Non arrendiamoci al primo impatto con l'ambiente del portale prescelto, la complessità iniziale scema via via che si fa uso della piattaforma.