La Lotteria degli scontrini, agli occhi di molti, era una sorta di disastro preannunciato. Una specie di misura "vorrei ma non posso", cioè con una finalità positiva e degna di essere perseguita, ma che sotto sotto tutti sanno che sarà un fallimento, non c'è altra alternativa.

Questo è stato un po' il sentimento con cui questa misura è stata accolta tra la fine del 2020 e l'inizio del 2021. Un sentimento talmente condiviso che ha spento in partenza l'entusiasmo per una misura che, a conti fatti, può cambiare la vita di qualcuno, economicamente parlando.

Di pochi, naturalmente, perché essendo concepita come una lotteria a vincere sono in pochi, ma i premi messi a disposizione sono ricchi e frequenti, quindi varrebbe la pena quanto meno di considerarla. Le modalità sono tra l'altro piuttosto semplici, decisamente più rapide rispetto a qualsiasi bonus che richiede tempi tecnici e burocratici ben più lunghi. Naturale, considerando che è "solo" una lotteria, ma intanto nel frattempo sono anche stati istituiti dei premi extra e questa non può che essere una bella notizia.

Tra l'altro, per quanto le chance di vittoria siano basse, la possibilità di vincere aumenta tanto più basso è il numero di soggetti che vi partecipano e se davvero sono in così pochi a tentare la fortuna, come sembra trapelare da diverse fonti, allora la possibilità di vincita è meno remota di quanto non sembri.

Inoltre, è possibile vincere senza cambiare minimamente il proprio comportamento come consumatori. Come vedremo successivamente, la modalità della lotteria prevede semplicemente almeno una possibilità di vittoria per ogni acquisto effettuato attraverso metodi di pagamento cashless. Tutto qui, non è necessario spendere ulteriore denaro e vale praticamente sull'acquisto di (quasi) tutto.

In questo articolo vedremo tutti i dettagli del funzionamento della lotteria degli scontrini, compreso l'aumento di alcuni premi a partire dal mese di giugno. Inoltre, capiremo i motivi che hanno spinto il Governo a credere in questa misura e proveremo a prevedere il futuro della lotteria.

Se invece fossi interessato alle tematiche legate ai bonus emergenziali e non, sussidi per i lavoratori e lavoro in generale, ti suggeriamo di seguire il canale YouTube "Redazione The Wam" che fornisce contenuti quotidiani in cui aggiorna i propri iscritti sulle ultime novità dai canali ufficiali e sui tempi di pagamento previsti. In questo video, per esempio, si parla di tempi di erogazione di Reddito di Cittadinanza, Reddito di emergenza e Assegno Unico:

Lotteria degli scontrini: di cosa si tratta?

La lotteria degli scontrini, come già anticipato, ha un funzionamento semplice ed alla portata di tutti. Per ogni pagamento effettuato attraverso metodi cashless, infatti, si ottiene un biglietto virtuale per ogni euro speso. Dunque, se si effettua un pagamento da 100 euro, si ottengono 100 biglietti virtuali (indipendenti tra loro) di cui uno potrebbe essere vincente.

Come generare i biglietti virtuali? Molto semplice: è sufficiente andare sul portale ufficiale della lotteria degli scontrini e, inserendo i propri dati, ottenere un codice a barre univoco legato alla tua persona. Una volta fatto questo step, conserva il codice a barre (in versione digitale sullo smartphone o in forma cartacea) e mostralo tutte le volte che effettui un pagamento a seguito di un acquisto.

In questo modo l'esercente, che deve sapere in anticipo della tua volontà di partecipare alla lotteria, può avere una chance di vittoria tanto quanto te. Infatti, per ogni biglietto virtuale generato la eventuale vincità è spartita tra consumatore ed esercente.

Successivamente vedremo come incassare l'eventuale vincita e capiremo tutti i dettagli degli importi previsti in caso di vittoria, ma prima capiamo la ratio di questa lotteria e tutte le motivazioni che hanno portato il Governo a credere nel suo funzionamento.

Lotteria degli scontrini: perché?

La ratio della lotteria è piuttosto semplice da comprendere: incentivare il pagamento attraverso metodi tracciabili, quali la carta di credito, di debito o la prepagata, o in alternativa i metodi digitali (con cui non è richiesta nemmeno una carta fisica). 

L'incentivo non è solo dal lato del consumatore, ma anche dal lato dell'esercente, come abbiamo già intuito in precedenza. Il premio è infatti da entrambe le parti ed un eventuale biglietto virtuale vincente premia contemporaneamente il soggetto che ha effettuato il pagamento ed il soggetto che lo ha ricevuto. Una forma che premia non solo le attività che ricevono pagamenti attraverso questi metodi, ma in particolare quelli che ne ricevono di più e per importi più elevati, dato che ad ogni euro speso corrisponde un biglietto virtuale.

Questa modalità di incentivo di pagamenti cashless (cioè senza denaro contante) non è però una vera e propria novità. Il Governo Conte II, caduto pochi mesi fa quando ha perso la fiducia principalmente a causa del passo indietro di Italia Viva, ha spinto affinché questa misura divenisse realtà ed il Governo successivo, cioè l'attuale guidato da Mario Draghi, l'ha ufficialmente resa realtà. 

Il nuovo Governo ha quindi seguito quanto era stato impostato dal precedente, credendo nella bontà di questa misura. In realtà le origini della lotteria sono ben più lontane nel tempo: pare che la prima proposta in assoluto per un toto scontrini (chiamato così perché la forma di lotteria più famosa era il totocalcio) sia arrivata addirittura nel 1993. Praticamente trent'anni per vederla diventare realtà, con a intervalli regolari qualche politico che l'ha riproposta, senza mai riuscire a realizzarla.

Fino a febbraio 2021, si intende. Tra l'altro la misura non è completamente nuova neanche rispetto agli altri paesi: ad adottarla prima dell'Italia sono stati diversi paesi, tra cui Portogallo, Malta, Romania e Slovacchia.

Lotteria degli scontrini: importi dei premi

I premi della lotteria degli scontrini sono piuttosto ricchi e ricorrenti ed ora li vedremo nel dettaglio. Si tratta di cifre che potrebbero cambiare la vita (o almeno l'anno) della maggior parte dei cittadini, quindi non è una vincita simbolica, anzi. Altrettanto vale per gli esercenti, che hanno sicuramente convenienza nello scegliere le modalità di pagamento tracciabili al posto dei classici pagamenti in contanti.

I premi e la relativa frequenza sono i seguenti:

  • 15 premi settimanali da 25.000 euro per i consumatori e da 5.000 euro per gli esercenti;
  • 10 premi mensili da 100.000 euro per i consumatori e da 20.000 euro per gli esercenti;
  • 1 premio annuale da 5 milioni di euro per i consumatori e da 1 milione di euro per gli esercenti.

Premi considerevoli, come detto in precedenza, che sono stati addirittura aumentati grazie alla novità introdotta nel mese di giugno. Si aggiungono ai tre tipi di premi citati anche ulteriori 25 premi settimanali da 10.000 euro per i consumatori e 2.000 euro per gli esercenti, oltre a due estrazioni straordinarie nei giorni del 12 agosto e del 30 dicembre 2021.

Queste due estrazioni straordinarie prevedono altri 5 maxi premi da 150.000 euro per i consumatori e da 30.000 euro per gli esercenti. Tanti premi ed anche generosi, naturalmente più per chi acquista che per chi vende. Questo semplicemente perché chi acquista sta spendendo del denaro, mentre chi vende lo sta chiaramente incassando e l'incentivo è minore in quanto c'è già la vendita stessa a fungere da incentivo.

Lotteria degli scontrini: come riscuotere i premi

Per quanto riguarda la modalità di riscossione dei premi è tutto piuttosto semplice: si riceve una PEC (Posta Elettronica Certificata) o una Raccomandata AR da ADM e ci si deve recare entro 90 giorni presso gli uffici per ricevere indicazioni sulle modalità di erogazione.

Modalità che prevedono un bonifico bancario o postale, sia che si tratti del consumatore sia che si tratti dell'esercente. L'invio della documentazione ed il pagamento avvengono in maniera completamente riservata, non c'è alcun passaggio "pubblico" ed il termine dei 90 giorni prevede che, una volta superato, il premio non sia più ritirabile in alcun modo.

Per qualsiasi altra informazione o novità, il suggerimento è quello di informarsi sul portale predisposto dal Governo appositamente per la lotteria degli scontrini.

Lotteria degli scontrini e cashback: uguali ma diversi

Lotteria degli scontrini e cashback di stato, cosa hanno in comune? Sicuramente la finalità, in quanto anche il cashback di stato di fatto premiava i pagamenti effettuati attraverso metodi cashless. Il cashback di Stato, però, costituiva una piccola cifra di ritorno sicura a determinate condizioni, mentre la lotteria degli scontrini non garantisce assolutamente nulla e, anzi, è molto improbabile.

La natura di queste due misure differisce molto in questo senso, ma va considerato anche il costo per le casse dello Stato. Se la lotteria è meno sicura per il consumatore, lo è molto più per lo stato, a cui basta prevedere un certo numero di premi e la cifra che esce è semplicemente determinata come la somma di quei premi. Nessuna sorpresa, insomma. 

Il cashback, invece, costa per lo Stato anche in base a quanti cittadini decidono di aderirvi e rispettano i requisiti richiesti (come un minimo di transazioni avvenute nel semestre), dunque la cifra esatta non è prevedibile a priori. Punti di vista di due misure comunque oggettivamente interessanti e che forse meritano una possibilità nell'eterna lotta tutta italiana all'evasione.

Il cashback, intanto, è stato temporaneamente cancellato in quanto non efficace quanto si augurava il premier Mario Draghi, mentre per la lotteria sono addirittura arrivati dei premi extra. Non è da escludere in realtà che anche la lotteria non venga riconfermata in futuro, perché per ora non sembra aver riscosso un grande successo, ma il Governo sembra aver preso tempo in attesa di capirne le potenzialità.

Il Governo avrà infatti lo sguardo attento sulla lotteria, come lo ha avuto sul cashback, in quanto si è mostrato intenzionato a cancellare quelle misure non abbastanza efficaci in favore di altre più urgenti e necessarie per la popolazione. In attesa di capire quali possano essere queste nuove misure urgenti e necessarie, sicuramente conviene provare il meccanismo della lotteria e, con un po' di fortuna, vincere anche uno dei premi in palio.