La lotteria degli scontrini prosegue: oggi, giovedì 13 maggio 2021, è stata effettuata la terza estrazione mensile dei biglietti vincenti. I premi in palio per l’estrazione di oggi raggiungono i 100 mila euro per gli acquirenti, mentre si limitano a 20 mila euro per gli esercenti. Saranno dieci i biglietti vincenti per quanto riguarda i clienti e altri dieci i biglietti estratti dal lato degli esercenti: in totale i premi in palio sono venti.

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha pubblicato i numeri dei biglietti vincenti poco dopo le ore 13 direttamente sul sito ufficiale e anche sul profilo Twitter. In questo articolo troverete i codici vincenti, le modalità di riscossione del premio e l’elenco delle successive estrazioni. Si può ancora partecipare alla lotteria degli scontrini, ma occorre rispettare la procedura e soddisfare alcuni requisiti.

Vediamo di seguito i codici dei biglietti vincenti, quali sono i premi, come si riscattano e chi ha vinto la terza estrazione di giovedì 13 maggio 2021.

Lotteria degli scontrini, estrazione 13 maggio: biglietti vincenti

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha reso noti i codici dei biglietti vincenti della terza estrazione di giovedì 13 maggio 2021 della lotteria degli scontrini. Ricordiamo che i premi in palio sono venti: dieci riservati ai clienti e altri dieci riservati agli esercenti. I biglietti che possono partecipare a questa terza estrazione sono quelli emessi nel periodo compreso tra il 1° aprile e il 30 aprile 2021.

Ecco i dieci codici dei biglietti vincenti estratti nell’estrazione del 13 maggio della lotteria degli scontrini. Questi sono i codici riservati agli acquirenti:

  • Biglietto numero 0649-0064 53MN2019954 – data 08/04/2021;
  • Biglietto numero 0061-0612 3BIWB006637 – data 02/04/2021;
  • Biglietto numero 0040-0041 99IEB014616 – data 23/04/2021;
  • Biglietto numero 0890-0252 53SNS301839 01070018 – data 03/04/2021;
  • Biglietto numero 0872-0058 99SEA002159 BB6510001 – data 28/04/2021;
  • Biglietto numero 0261-0013 53SNS302406 00270032 – data 02/04/2021;
  • Biglietto numero 0894-0128 53SNS301826 01480005 – data 07/04/2021;
  • Biglietto numero 0036-0032 96MKR008604 – data 10/04/2021;
  • Biglietto numero 0951-0080 53SNS300461 11590017 – data 24/04/2021;
  • Biglietto numero 0552-0072 88I24008290 – data 17/04/2021.

Vediamo ora come riscuotere i premi e come verificare l’eventuale vincita.

Lotteria degli scontrini, estrazione 13 maggio: i premi in palio

I premi in palio per i possessori dei biglietti vincenti estratti il 13 maggio 2021 nella lotteria degli scontrini sono venti: come detto, dieci riguardano gli esercenti e altri dieci riguardano gli acquirenti.

I dieci premi per gli acquirenti ammontano a 100 mila euro, mentre i dieci premi per gli esercenti ammontano a 20 mila euro.

Come si verifica l’eventuale vincita?

Sarà direttamente l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a comunicare – tramite SMS, messaggio PEC, o raccomandata A/R – l’eventuale vincita direttamente al soggetto interessato. Per conoscere in anticipo l’esito dell’estrazione, invece, è possibile accedere all’area personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, selezionale la voce “Le mie estrazioni”. 

Non occorre digitare nulla, in quanto il messaggio di vincita compare in automatico insieme alla seguente precisazione: “l’Amministrazione procederà ai doverosi controlli di legge per la verifica dei presupposti giuridici necessari alla notifica della vincita”. In altre parole, è necessario verificare che il pagamento sia avvenuto con mezzi tracciabili e digitali, e che del prodotto acquistato non sia stato fatto il reso.

Qualora il partecipante alla lotteria degli scontrini non sia registrato sull’area riservata, i codici dei biglietti vincenti verranno pubblicati sul sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, sul profilo Twitter e sui principali siti di informazione nazionali. Il consumatore (o l’esercente) avrà modo di confrontare i codici per verificare la vincita. Ricordiamo, però, che non è necessario conservare lo scontrino per poter ritirare il premio.

Come riscattare il premio?

Una volta ricevuta la comunicazione della vincita da parte dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, tramite SMS, raccomandata A/R o messaggio PEC, il vincitore avrà a disposizione un periodo di massimo 90 giorni (tre mesi) di tempo per riscuotere la vincita. Ci si dovrà recare presso l’ufficio dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli competente in base alla propria residenza o al proprio domicilio fiscale.

La vincita è esente da tassazione e verrà erogata in un’unica soluzione tramite bonifico bancario o postale.

Come specifica il sito dedicato, le comunicazioni della vittoria saranno effettuate:

  • agli acquirenti tramite PEC (se l’indirizzo di posta elettronica certificata è stato fornito nella sezione “area riservata”); o in alternativa tramite raccomandata A/R all’indirizzo di residenza o al domicilio fiscale disponibile nell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) o in Anagrafe Tributaria;
  • agli esercenti, individuati sulla base del numero di Partita IVA memorizzato nella banca dati “Sistema Lotteria”, tramite PEC all’indirizzo di posta elettronica certificata disponibile sull’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata (INI-PEC); o in alternativa tramite raccomandata A/R al domicilio fiscale.

Lotteria degli scontrini: le prossime estrazioni mensili

Sul sito ufficiale della Lotteria degli scontrini si possono consultare anche le date delle prossime estrazioni mensili, che si svolgeranno di giovedì: le prime due estrazioni sono state effettuate giovedì 11 marzo 2021 e giovedì 8 aprile 2021. 

Ecco il calendario delle successive estrazioni mensili:

  • giovedì 10 giugno 2021;
  • giovedì 8 luglio 2021;
  • giovedì 12 agosto 2021;
  • giovedì 9 settembre 2021;
  • giovedì 14 ottobre 2021;
  • giovedì 11 novembre 2021;
  • giovedì 9 dicembre 2021.

Le altre estrazioni settimanali e quella annuale

Ma il gioco fiscale a premi prevede anche estrazioni a cadenza settimanale e annuale: mentre le prime mettono in palio 15 premi da 25.000 euro per gli acquirenti e 15 premi da 5.000 euro per gli esercenti; l’estrazione annuale mette in palio un super premio da 5 milioni di euro per l’acquirente e uno da 1 milione di euro per l’esercente. 

La data dell’estrazione annuale non è ancora stata fissata con certezza – spetterà al Direttore Generale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli scegliere una data –, ma avverrà all’inizio del 2022: potranno partecipare tutti gli scontrini emessi tra il 1° febbraio e il 31 dicembre 2021. 

Per quanto riguarda le estrazioni settimanali, invece, occorre attendere il 10 giugno, quando si partirà con la prima estrazione della riffa di Stato per poi proseguire con le successive (i biglietti che possono partecipare sono quelli emessi tra il 31 maggio 2021 e il 6 giugno 2021).

Ecco il calendario delle estrazioni settimanali:

  • giovedì 10, 17, 24 giugno 2021;
  • giovedì 1°, 8, 15, 22, 29 luglio 2021;
  • giovedì 5, 12, 19, 26 agosto 2021;
  • giovedì 2, 9, 16, 23, 30 settembre 2021;
  • giovedì 7, 14, 21, 28 ottobre 2021;
  • giovedì 4, 11, 18, 25 novembre 2021;
  • giovedì 2, 9, 16, 23, 30 dicembre 2021.

Lotteria degli scontrini: cos’è e come funziona

La lotteria degli scontrini è un gioco fiscale a premi che ha preso il via dal 1° febbraio 2021 e rientra nel programma Italia Cashless del Governo, insieme al cashback di Stato. L’obiettivo di questo gioco fiscale è quello di incentivare i pagamenti elettronici e l’utilizzo delle carte di credito o debito, dei bancomat e delle applicazioni per effettuare le transazioni digitali.

Partecipare alla lotteria degli scontrini non costa nulla, in quanto si dovrà semplicemente richiedere sul portale ufficiale il proprio Codice Lotteria associato al Codice Fiscale e presentarlo ogni qual volta viene effettuato un acquisto di importo superiore a 1 euro. Ogni euro di spesa effettuata, infatti, permette di accumulare un biglietto della lotteria che consente l’accesso alle estrazioni e permette di vincere premi fino a 5 milioni di euro. È possibile vedere i biglietti accumulati nella propria area riservata, mentre non è necessario conservare gli scontrini.

Si possono accumulare fino a 1.000 biglietti per 1.000 euro di spesa, mentre per gli importi inferiore a 0,49 si effettua un arrotondamento per difetto. In altre parole, le spese – ad esempio – di importo pari a 6,51 euro danno diritto a 7 biglietti.

Ma chi può partecipare alla lotteria degli scontrini e come si fa ad accedere al gioco fiscale?

Come partecipare

Per partecipare alla lotteria degli scontrini occorre soddisfare alcuni requisiti, in particolare:

  • essere residenti in Italia o avere il proprio domicilio fiscale in Italia;
  • essere maggiorenni;
  • possedere il Codice Lotteria.

Per richiedere il Codice Lotteria è sufficiente recarsi sul sito della Lotteria degli scontrini e cliccare su Partecipa ora. Una volta ottenuto il codice (alfanumerico) collegato al proprio codice fiscale o alla propria Partita Iva, è possibile stamparlo o salvarlo sul proprio smartphone per poterlo presentare ogni qual volta viene effettuato un acquisto tramite un metodo di pagamento digitale (carta di credito o debito, bancomat, o altre applicazioni).

Quali acquisti sono validi e quali sono esclusi

Per accumulare biglietti della lotteria degli scontrini è necessario realizzare pagamenti con carta di credito o debito, con bancomat o applicazione per il pagamento digitale. L’importo minimo per ciascun biglietto è pari a un euro. 

Ne consegue che non risultano validi ai fini della partecipazione al gioco fiscale:

  • gli acquisti di importo inferiore a un euro;
  • gli acquisti effettuati online e non nelle sedi fisiche dei negozi;
  • gli acquisti effettuati nell’esercizio di attività di impresa o nell’ambito della propria professione.

Nella prima fase di avvio della lotteria degli scontrini, inoltre, non risultano validi:

  • gli acquisti documentati mediante fatture elettroniche;
  • gli acquisti effettuati ad esempio nelle farmacie, per i quali i dati dei corrispettivi sono trasmessi al sistema Tessera Sanitaria;
  • gli acquisti per i quali l’acquirente richieda l’acquisizione del proprio codice fiscale a fini di detrazione fiscale.