Vedremo l'inflazione tornare in modo importante e definitivo nel 2021? La stampa di denaro e i tassi d'interesse bassi da record non sono certo un buon segno per il valore di molte valute.

Fortunatamente, Warren Buffett ha una risposta per questo. Gli è stato chiesto spesso, e ha scritto altrettanto spesso, sull'influenza dell'inflazione sull'investitore in molte, molte occasioni. Quali sono i peggiori e i migliori investimenti per un'economia inflazionata, secondo Warren Buffett?

Le opinioni di Buffett e degli altri grandi investitori sull'inflazione

Alla recente conferenza annuale della Berkshire Hathaway, la holding di Buffett, gli hanno chiesto se dagli acquisti di materie prime da parte delle sussidiarie e dalle proprietà di Berkshire si vedessero segni di inflazione che cominciava a crescere. La sua riposta, letterale, è stata: "I costi sono solo su, su, su. È un'economia davvero ... è rovente."

Ed ha anche aggiunto: "Stiamo vedendo un'inflazione molto consistente. È molto interessante. Noi stiamo aumentando i prezzi, la gente sta aumentano i prezzi per noi."

Inoltre, "La gente ha soldi in tasca e pagano i prezzi più alti." E Charlie Munger, il suo socio storico, ha aggiunto: "Se si stampa troppo si finisce con qualcosa come il Venezuela." Che, per inciso, è la nazione più povera del Sudamerica.

Ray Dalio, il fondatore e gestore di Bridgewater Associates, il più grande hedge fund del mondo, dice (anche lui testualmente): "Quando stampano denaro e comprano quelle obbligazioni per tenere bassi i tassi, questo abbassa i tassi reali e accelera il deprezzamento del valore del dollaro, e aumenta anche le pressioni inflazionistiche."

Anche Howard Marks, altro grande investitore, co-fondatore e co-presidente di Oaktree Capital Management, rincara la dose, ovviamente riferendosi implicitamente all'inflazione: "Non abbiamo mai visto stimoli come in questo momento. E, sapete, io dico sempre che se non hai mai visto accadere qualcosa prima, non si può dire come andrà a finire."

L'inflazione, sempre temuta

Non facciamo il passo più lungo della gamba. Ci sono alcune politiche che vengono attuate in questo momento che possono causare il ritorno dell'inflazione in modo importante.

Ci ritroveremo con qualcosa come la Repubblica di Weimar negli anni '20 del secolo scorso, quando era meglio usare le banconote per riscaldare la casa che usarle come unità di scambio...? Nessuno lo sa con certezza, ma questo dovrebbe essere altamente improbabile.

Come Mark Twain disse con un'espressione diventata famosa: "L'arte della profezia è molto difficile, specialmente per quanto riguarda il futuro".

Tuttavia, l'inflazione può certamente tornare in modo importante, ed è utile per noi investitori sapere come possiamo proteggerci dal avere il valore dei nostri portafogli eroso, se ciò dovesse accadere. E sì, avete indovinato, Warren Buffett ha una risposta per questo.

Egli li divide in migliori e peggiori, chiaramente, e per comodità noi li organizzeremo in livelli, dai peggiori ai migliori, in modo da formare una sorta di piramide che arrivi alla migliore protezione dall'inflazione.

Attività indicate in una valuta

Bene, alla base della piramide, il peggiore degli investimenti da possedere in tempi di inflazione sono questi: le attività denotate in una valuta.

Forse questo non è una sorpresa. In un ambiente inflazionistico, il peggior asset che si può possedere è ovviamente la valuta che viene gonfiata.

Il denaro che è fermo in un conto bancario o si nasconde sotto il materasso viene eroso. Mese dopo mese, settimana dopo settimana, giorno dopo giorno. Avrete bisogno di una barca più grande.

Quindi, se ci aspettiamo l'inflazione del dollaro (o dell'euro, per quel che ci riguarda, dato che al momento l'inflazione è una preoccupazione di tutti, non solo degli americani), non vogliamo tenere dollari  (o euro, appunto)nei nostri portafogli. Diventa come una partita all'Uomo Nero; se ci avete giocato, nessuno vuole rimanere con la carta perdente.

Le obbligazioni emesse dai governi o dalle società con cedole in valuta gonfiata avranno anche loro un momento difficile. Facciamo un esempio.

Se ti presto 100 dollari e ti dico che che riceverai 10 dollari all'anno per questo e tutti i tuoi 100 dollari indietro nell'anno 10, potrebbe non sembrare un cattivo affare; in effetti è un ritorno annuo del 10%!

Tuttavia, se facciamo questo accordo, e c'è un'inflazione del 10% nel dollaro, il che non è affatto impossibile, perché è gia successo negli anni '70 e '80, allora non otterrete alcun rendimento sull'affare in valore reale. L'inflazione si sarà mangiata quanto lo Stato, o una data società, vi retribuiva per le vostre obbligazioni

Aggiunge Buffett: "Se gettassimo 1 milione di dollari in contanti ad ogni in ogni famiglia degli Stati Uniti oggi, tutti si sentirebbero molto bene, tranne le persone che hanno investito in cose che erano denominate in dollari."

Beni improduttivi

Andiamo avanti nella nostra lista, e troviamo i beni improduttivi. Questo include beni come l'arte, la casa, l'oro, ecc. Questi beni non sono inutili da possedere in tempi di inflazione, poiché, a parità di condizioni, dovrebbero mantenere il loro valore reale. Tuttavia, non aumenteranno nemmeno il vostro potere d'acquisto, ed è per questo che non finiscono più in alto nella piramide che stiamo creando di questa posizione.

Warren Buffett spiega: "... se prendete tutto l'oro del mondo - non eccitatevi troppo ora - e lo mettete in un cubo, sarà un cubo di circa 67 piedi di lato.

Così potreste avere un cubo - se voi possedeste tutto l'oro del mondo - potreste avere un cubo che sarebbe di 67 o 68 piedi (22 o 23 metri) di lato, e potreste prendere una scala e potreste salirci sopra, e potreste dire, sai che sono seduto in cima al mondo? Sono il re del mondo! Posseggo tutto l'oro del mondo!

Sai, potresti accarezzarlo, potresti lucidarlo, potresti farci tutte queste cose. Fissarlo. Ma non farà nulla per accrescere il vostro potere d'acquisto".

Lo stesso vale per qualsiasi bene improduttivo. Tra 10 anni quel quadro raro sarà ancora solo un quadro raro. Non sarà mai multiplo di valore, cosa che gli investimenti che appaiono più avanti nella piramide possono fare nel tempo. Sarà ancora solo un quadro raro.

Voi dovrete fare qualcosa che è molto difficile: dovrete prevedere quanto la gente sarà spaventata dell'inflazione in futuro. In realtà, è ancora più complicato di così. E ve lo mostriamo con un esempio.

Prendiamo cinque fotografie di belle donne. Se le mostriamo a parecchie persone diverse, non tutte ovviamente saranno d'accordo con chi sia la più bella, ma ci sarà comunque una vincitrice, con sicurezza.

Non importa se la vostra opinione è stata in accordo con colei che è stata scelta la più bella; conta solo l'opinione generale delle persone. Se voi siete caduti in quella media, congratulazioni. Ma se siete al di fuori, è lo stesso, perché quel che conta è la media della percezione delle persone

E con l'inflazione è la stessa, medesima cosa. Non bisogna pensare alla nostra opinione, ma a cosa ne pensano gli altri, cioè la gente, perché sono loro che comprano i beni di consumo il cui prezzo sale o scende.

E non finisce qui. Il famoso economista John Maynard Keynes evidenzia il problema, che Warren Buffett ha detto di condividere:

"Non si tratta di scegliere quelle [facce] che, al meglio del proprio giudizio, sono davvero le più belle, e nemmeno quelle che l'opinione media ritiene davvero le più belle.

Abbiamo raggiunto il terzo grado, dove dedichiamo le nostre intelligenze ad anticipare ciò che l'opinione media si aspetta sia l'opinione media. E ci sono alcuni, credo, che praticano il quarto, il quinto e i gradi superiori".

Attività produttive di tipo mediocre

Ok, i beni improduttivi sono ottimi per mantenere il loro valore reale in tempi di inflazione, ma quello che vogliamo fare è aumentare il valore reale. Quindi ecco entrare in campo i beni produttivi.

I beni produttivi sono beni che producono servizi o prodotti di valore. Sapete che Warren Buffett ama investire in azioni, in imprese. Tuttavia, le imprese non sono non sono tutte uguali.

Ad una delle conferenza annuali, Buffett ha dichiarato: "Il primo tipo di azienda da cui si dovrebbe stare alla larga in tempi di inflazione è quello che richiede tonnellate di investimenti investimenti aggiuntivi solo per rimanere a galla. Sfortunatamente, la maggior parte delle imprese non ne uscirà bene in termini reali durante l'inflazione.

I loro guadagni possono salire una discreta quantità nel tempo, ma sono costretti a mettere sempre più dollari nel business solo per rimanere nello stesso posto. Sapete, il peggior tipo di business è quello che ti fa mettere sempre più soldi sul tavolo tutto il tempo e non ti ti fa guadagnare di più."

Ecco un esempio esagerato che si spera dimostri il punto.

Johnny vende gomme da masticare nella sua scuola locale. Ogni anno fa un grosso ordine da Alibaba di 1.000 dollari di gomme da masticare che venderà a scuola durante i 12 mesi successivi.

Il suo margine di profitto è del 10%, quindi dopo un anno di vendita ha in tasca 1.100 dollari. Decide di fare un nuovo ordine dello stesso numero di gomme da masticare per 1.000 dollari l'anno successivo, dandosi 100 dollari di guadagno.

Ora vediamo cosa succede agli affari di Johnny se c'è un'inflazione del 10% ogni anno. Per semplicità, questa svalutazione avverrà durante la notte, tra il 31 dicembre e il 1° gennaio.

Alla fine dell'anno, Johnny ha di nuovo 1.100 dollari dalle sue vendite. Tuttavia, quando decide di ordinare da Alibaba l'anno successivo, si rende conto che il prezzo è aumentato! Le gomme sono ora più costose del 10% e per comprare lo stesso numero dell'anno scorso, Johnny deve sborsare tutti i 1.100 dollari.

Peccato, pensa, ma decide di ordinare comunque. L'anno successivo Johnny aumenta le sue vendite, grazie all'inflazione, a 1.210 dollari (cioè del 10% di 1.100), ma, ancora una volta, deve investire l'intera somma solo per ripristinare il suo inventario nell'anno successivo.

Se questo fatto continua così, Johnny non sarà mai in grado di prendere soldi dalla sua attività.

Nel mondo reale, questi sono spesso i business con bassi rendimenti sulle attività tangibili. Si può calcolare questo prendendo il guadagno di un business e dividerlo per la somma delle voci di bilancio chiamate crediti, inventario, altre attività correnti, e proprietà nette, impianti e attrezzature.

Il prossimo nella lista delle aziende da evitare sono quelle che non hanno alcun potere sui prezzi. Le aziende che non possono permettersi di aumentare i loro prezzi anche in periodi di inflazione.

Aspettate... l'inflazione non dovrebbe rendere tutto più costoso? Beh, la risposta è sì, ma spesso può farlo con un grande ritardo.

Per esempio, le persone possono decidere di farsi tagliare i capelli a casa se vedono che il barbiere sta aumentando il suo prezzo di 10 dollari all'anno, dimenticando che hanno avuto lo stesso aumento nella loro busta paga.

Se i costi aumentano con l'inflazione mentre le vendite non lo fanno, questo può significare la bancarotta per le imprese con difficoltà finanziarie.

Infine - e questo è abbastanza ovvio - se possedete un'azienda che a sua volta possiede molti dei beni più in basso in questa piramide, anche voi non ve la caverete bene in tempi di inflazione.

Questa non è solo una situazione ipotetica - le banche, i prestiti e le assicurazioni hanno tutte un sacco di contanti e obbligazioni nei loro bilanci. La crisi dei risparmi e dei prestiti è stata in parte causata dall'inflazione, dopo tutto.

Secondo Wikipedia: "La crisi dei risparmi e dei prestiti degli anni '80 e '90 fu il fallimento di 1.043 delle 3.234 associazioni di risparmio e prestito negli Stati Uniti dal 1986 al 1995".

Attività produttive di buon tipo

Ecco un altro esempio esagerato per voi.

La compagna di classe di Johnny, Wendy, crea una canzone e la pubblica su Spotify. Ha dovuto spendere 1.000 dollari per affittare lo studio e assumere il DJ che ha mixato il suono per lei. Ora riceve 100 dollari da Spotify in royalties ogni anno. In altre parole, quando non c'è inflazione, sta guadagnando un 10% di rendimento, proprio come ha fatto Johnny.

Cosa succede se c'è un'inflazione del 10%? Il primo anno Wendy guadagna 100 dollari, proprio come previsto. Poi l'inflazione colpisce. La cosa buona del "business" di Wendy è che non deve mettere capitale aggiuntivo per continuare a funzionare. L'anno successivo, godrà di un profitto di 110 dollari, grazie all'inflazione, poi di 121 dollari l'anno successivo, e tutto questo è flusso di cassa libero.

Sono soldi che può portare con sé e spendere altrove, o forse reinvestire per espandere la sua libreria musicale e creare altre canzoni.

Se si prende l'esatto opposto delle tre caratteristiche presentate sotto il "tipo mediocre" di beni produttivi, otterrete quello che state cercando in un'azienda che si comporterà bene durante i periodi di inflazione.

State cercando quanto segue: bassi requisiti di capitale e alti ritorni sulle attività. Le aziende con marchi forti come Coca-Cola o See's Candy appartengono a questo settore. Inoltre, praticamente qualsiasi azienda di software, dove si hanno enormi economie di scala.

Potere dei prezzi

Stimare il potere dei prezzi è un'impresa abbastanza difficile, ma è utile conoscere la concorrenza, i sostituti e il potere dei clienti. Poco o nessun bisogno di liquidità e preferibilmente una certa leva sul bilancio.

Dice Buffett: "Si può sostenere che se si possiede qualche attività che richiede pochissimo investimento di capitale e ha una reale flessibilità di prezzo durante un periodo inflazionistico, in modo che la gente continui a rinunciare a mezz'ora di lavoro - del proprio lavoro - ogni mese per comprare il tuo prodotto, e si fa leva, allora si potrebbe anche battere l'inflazione in qualche misura".

Sfortunatamente, nemmeno questa categoria di investimenti è una scommessa sicura, specialmente se tutti iniziano a pensare che lo sia. Si può strapagare anche per le imprese che richiedono pochi investimenti di capitale e hanno un grande potere di prezzo.

Aggiunge l'Oracolo di Omaha: "Un buon business non è sempre un buon acquisto - anche se è un buon posto per cercarlo".

A proposito, altri beni produttivi come i terreni agricoli e le proprietà in affitto, di cui Buffett non parla troppo spesso, probabilmente si collocano da qualche parte tra le attività produttive mediocri e quelle buone.

C'è tipicamente qualche requisito di capitale per mantenere questi beni in attività, ma allo stesso tempo, si può far leva su di loro un bel po', ma ricordate sempre che la leva finanziaria è un'arma a doppio taglio. Troppa leva può far guadagnare tanto, ma anche far perdere tantissimo.

La propria capacità di guadagno è la migliore protezione contro l'inflazione

Quindi cosa troviamo in cima alla piramide? La propria capacità di guadagno.

Sempre Buffett: "E, sapete, il miglior investimento in assoluto - voglio dire, se sei il principale chirurgo in città o il principale avvocato in città o il - qualunque cosa sia, non devi continuare a rieducarti te stesso per essere quello in termini attuali.

Hai comprato la tua competenza quando sei andato alla scuola di medicina o alla scuola di legge in vecchi dollari, e non devi continuare a reinvestire. E mantieni il tuo potere di guadagno in dollari correnti."

Sì, la migliore protezione contro l'inflazione è in realtà investire in voi stessi, rendervi preziosi per le altre persone. Allora comanderete sempre una data porzione della produzione di beni e servizi della gente, e non dovrete preoccuparti di dove sta la moneta, che sia bitcoin, conchiglie, reichsmark o dollari.

E se vi siete indebitati fino ai denti per andare in una scuola della IVY League, farete ancora meglio in tempi di inflazione, perché quel debito verrà mangiato via.

Conclusioni

  • Tutto ciò che è indicato in una valuta subirà un colpo enorme in tempi di inflazione e probabilmente dovreste stare fuori da questi beni.
  • Le attività non produttive stanno lì e, mentre dovrebbero mantenere il loro valore, ci sono alternative migliori.
  • Possedere un business non è una grande protezione contro l'inflazione di per sé, bisogna guardare anche alle sue caratteristiche.
  • Le aziende con potere di prezzo senza bisogno di pesanti investimenti di capitale sono investimenti eccellenti durante i periodi di inflazione. Se ci aggiungete un po' di leva finanziaria probabilmente funzioneranno ancora meglio.
  • I beni immobili e i terreni agricoli dovrebbero andare abbastanza bene, per queste ragioni.
  • La migliore protezione contro l'inflazione è il vostro potere di guadagno. Se fate qualcosa di valore per la società, comandate sempre una data porzione della produzione produzione di beni e servizi di altre persone.