Manca quasi un mese alla data in cui la Gran Bretagna dovrebbe lasciare l'Unione Europea e gli esperti mainstream stanno diventando sempre più consapevoli che la prospettiva remota di una Brexit No Deal è ora il risultato più probabile. Il nuovo primo ministro, Boris Johnson, ha basato la sua campagna elettorale sulla promessa di lasciare l'UE il 31 ottobre, sia con un accordo sia senza alcun accordo, e dato che l'UE ha ripetutamente rifiutato di tornare alla tavolo delle trattative, non è ancora chiaro se a questo punto sia possibile un risultato diverso da un No Deal.

Ciò ha indotto i commentatori a rivolgere la loro attenzione a cosa accadrà effettivamente se la Gran Bretagna lascerà l'UE il 31 ottobre senza che il Parlamento abbia approvato un accordo comune. Tuttavia molti nei media sembrano lottare sotto il peso di idee contrastanti: il desiderio di comunicare i fatti da un lato e il desiderio di convincere i loro lettori che la Brexit è un male dall'altro. Il risultato è stato una valanga di propaganda priva di sostanza, con i fatti concreti sul No Deal che lottano per emergere da un denso miasma di ipotesi allarmistiche e critiche isteriche.

Quindi, se accantoniamo il compito politicamente allettante di fare ipotesi su ciò che potrebbe accadere in caso di Brexit No Deal, cosa possiamo dire che accadrà con certezza? Naturalmente le complessità e le incertezze dell'intera situazione ci lasciano solo una manciata di fatti che possono essere affermati con certezza, e i seguenti fatti non saranno le uniche conseguenze di una Brexit No Deal.

Istituzioni e leggi