Vivi in affitto a Milano? Forse non sai che puoi ottenere uno sconto diretto sul canone di locazione mensile grazie a una nuova agevolazione per tutti i cittadini residenti in alcuni Comuni del Distretto Est. Se anche la tua casa si trova nelle vicinanze, potrai ottenere un nuovo bonus affitto a Milano fino a 3.000 euro: ne hai diritto solo se abiti nei Comuni che lo prevedono.

Ma quali sono i requisiti? Oltre a un ISEE basso, occorre avere la residenza a Milano e soddisfare pochissime altre condizioni. Il bonus affitto è una tantum, ovvero viene erogato per una sola volta alle famiglie o alle coppie che possiedono i requisiti per beneficiarne.

Andiamo subito a scoprire chi può ottenere il nuovo bonus affitto a Milano: quali sono i requisiti, come si può richiedere e fino a quando puoi ottenere uno sconto sul canone di locazione mensile.

Nuovo bonus affitto a Milano fino a 3.000 euro solo se abiti in questi Comuni

Con apposito decreto regionale, la Giunta ha approvato la Misura Unica per gli Affitto 2022 della Regione Lombardia: la dota a disposizione è pari a 2,6 milioni di euro e spetta a tutti i residenti e le famiglie che si trovano in difficoltà economica, con una casa in affitto, con il canone e le utenze mensili da saldare.

Sono solo quattro i Comuni che hanno confermato il nuovo bonus affitto a Milano e si tratta di alcuni Comuni situati nel Distretto Est della città metropolitana.

I fortunati cittadini residenti in questi Comuni hanno la possibilità di ottenere un contributo economico sull’affitto fino a 10 mensilità, per un bonus affitto complessivamente non superiore a 3.000 euro per ciascun beneficiario.

Il nuovo bonus affitto a Milano, quindi, ti spetta solo se abiti nei Comuni di Pioltello, Segrate, Rodano e Vimodrone. Vediamo subito i requisiti.

Nuovo bonus affitto a Milano fino a 3.000 euro: ne hai diritto? Ecco i requisiti

Pochi semplici requisiti per accedere al nuovo bonus affitto di Milano: oltre alla residenza all’interno di uno dei Comuni che prevedono il contributo da almeno sei mesi (ribadiamo: Pioltello, Segrate, Rodano e Vimodrone), occorre soddisfare anche alcuni requisiti reddituali e sociali.

Il bonus affitto di Milano, infatti, spetta unicamente ai nuclei familiari che si trovano in difficoltà economica e non riescono a pagare il canone di affitto mensile di un’abitazione privata a causa di un evento avverso quale:

  • perdita o riduzione dell’orario di lavoro;
  • mancato rinnovo del contratto di lavoro; 
  • cessazione dell’attività;
  • grave malattia o decesso di un familiare.

Ulteriori requisiti da soddisfare per poter ottenere il nuovo bonus affitto a Milano sono il possesso di un ISEE non superiore a 26.000 euro all’anno. 

Infine, occorre possedere un regolare contratto di affitto tra privati di durata non inferiore a 6 mesi, e non possedere alcun altro immobile all’interno del Comune milanese.

Nuovo bonus affitto a Milano: come (e quando) presentare domanda

Come si può presentare la domanda per accedere al bonus affitto di Milano? Per poter ottenere i contributi economici per il pagamento del canone mensile, le famiglie che soddisfano tutti i requisiti dovranno inoltrare la propria richiesta direttamente al Comune di residenza.

Al momento sono aperti i bandi dei Comuni appartenenti al Distretto Est di Milano: Pioltello, Segrate, Rodano e Vimodrone.

La documentazione richiesta deve essere inviata esclusivamente online direttamente al Comune di residenza entro il 15 ottobre 2022. Se venissero riscontrati problemi o fossero necessarie ulteriori informazioni, consigliamo di inviare un’e-mail all’indirizzo: abitaredistretto3@comune.pioltello.mi.it.

Nuovo bonus affitto a Milano: quali documenti presentare

Quali sono i documenti da presentare per ottenere il bonus affitto di uno dei Comuni del distretto Est di Milano?

Sicuramente occorre allegare alla domanda una copia o scansione dei documenti di identità del richiedente, con annessa tessera sanitaria ed eventuale permesso di soggiorno (per i cittadini extra comunitari). I documenti vanno inseriti nella domanda con fronte e retro ben visibili.

Andrà poi allegato anche il contratto di affitto regolarmente registrato presso l’Agenzia delle Entrate e attivo da almeno sei mesi.

Si dovrà poi inserire anche la documentazione ISEE e attestare la riduzione del reddito nel corso dell’ultimo anno, oltre a compilare l’apposita dichiarazione di privacy disponibile sui siti web del rispettivo Comuni di residenza.

Bonus affitto 2022: tutti i bandi attivi nelle Regioni

Attualmente non è disponibile soltanto il bonus affitto della Lombardia e di Milano, ma ci sono moltissimi altri contributi per risparmiare sul canone di locazione e ottenere un sostegno mensile sicuro per il pagamento di questa spesa.

In Emilia Romagna, per esempio, è stato attivato il nuovo bonus affitto da 1.500 euro a famiglia, disponibile per i nuclei con un ISEE inferiore a 17.154 euro all’anno. Le domande partiranno dal 15 settembre 2022.

Nel Lazio e in Puglia, invece, dovrebbero essere pubblicati a breve gli avvisi pubblici di apertura dei bandi per il bonus affitto regionale, destinato alle famiglie che soffrono di difficoltà economica e non sono in grado di sostenere le spese relative al canone di locazione.

Se vuoi scoprire quali sono i bonus affitto attivi nelle Regioni devi consultare i rispettivi siti web delle amministrazioni locali, nelle sezioni “Bandi attivi”.